Balene e minatori BTC venduti ad acquirenti istituzionali nel quarto trimestre del 2020, i dati sulla catena ne deducono

Uno sguardo ai dati on-chain dello scorso anno per esaminare il coinvolgimento istituzionale nel mercato BTC

Scritto da OKEx Insights | Alimentato da Catallact 

Nel maggio 2020, il famoso macro investitore Paul Tudor Jones ha rivelato che stava acquistando BTC come copertura contro l’inflazione fiat indotta dalla banca centrale. Ha anche detto che la principale criptovaluta gli ha ricordato l’oro negli anni ’70.

I commenti di Jones, all’epoca, scatenarono un’ondata di speculazioni da parte degli analisti del settore secondo cui gli investitori istituzionali avrebbero iniziato ad affluire nel mercato BTC. OKEx Insights ha scoperto che questo era il caso nel settembre 2020, dove abbiamo utilizzato i dati on-chain di Catallact per scoprire che le istituzioni seguivano davvero l’esempio di Jones. Da allora, il settore ha appreso che la società di business intelligence MicroStrategy ha acquistato ingenti somme di BTC insieme ad acquisti istituzionali dalla Massachusetts Mutual Life Insurance Company.

Avvio del 2021 con un apparente aumento dell’interesse istituzionale, OKEx Insights ha utilizzato ancora una volta i dati on-chain di Catallact per approfondire la narrativa secondo cui le istituzioni stanno acquistando BTC. Più specificamente, tuttavia, volevamo scoprire chi aveva venduto nell’ultima corsa al rialzo nel 2020.

Ecco cosa abbiamo scoperto.

Una nota su come interpretiamo i dati on-chain

Prima di iniziare, chiariamo innanzitutto come interpretiamo i dati on-chain.

Questo rapporto è basato sulla ricerca, ma i dati sulla catena non possono dirci tutto. Pertanto, gli analisti devono sempre prestare attenzione quando traggono conclusioni e deve esistere una certa quantità di speculazioni affinché tali conclusioni possano essere tratte.

Ad esempio, mentre il nostro obiettivo è esaminare gli investimenti istituzionali in BTC, non possiamo utilizzare grandi transazioni BTC su catena per distinguere nettamente tra acquisti e vendite. Inoltre, non possiamo rimuovere le transazioni aggregate dai principali scambi di criptovaluta, così come non possiamo sempre notare quali movimenti provengono da istituzioni o hedge fund. Nonostante ciò, siamo ancora in grado di fare attente osservazioni e presentare ipotetiche conclusioni.

Inoltre, i dati che stiamo esaminando terminano a dicembre 2020. In quanto tali, non tengono conto di alcuna attività nel 2021, anche se potremmo approfondire il nuovo anno con il passare del tempo.

Per leggere la precedente ricerca sulla catena di OKEx Insights con Catallact, che copre la prima metà del 2020, il crash di COVID e l’inizio dell’ultimo rally parabolico di BTC, segui questo link.

BTC è diventato parabolico con l’aumento delle transazioni di dimensioni istituzionali


Per iniziare, diamo prima un’occhiata alla percentuale del valore totale della transazione su 1.000 BTC on-chain, che possiamo classificare fermamente come al di fuori della gamma di investitori al dettaglio e trader. In tal modo, due punti diventano immediatamente evidenti:

  1. La percentuale di transazioni on-chain oltre 1.000 BTC è salita alle stelle da appena sopra il 5% alla fine di giugno 2020 a un massimo di oltre il 45% a settembre 2020.
  2. La percentuale di transazioni on-chain oltre 1.000 BTC non si è mai guardata indietro dalla fine di giugno 2020, rimanendo in un intervallo generale tra il 30% e il 40% da quando ha raggiunto il 45% a settembre 2020.

La conclusione che possiamo trarre da questi dati on-chain è che gli investitori istituzionali si sono davvero ammassati nello spazio BTC dopo che Paul Tudor Jones ha annunciato il suo ingresso – e non si sono fermati alla fine del 2020.

Inoltre, possiamo presumere che le istituzioni fossero alla fine dello spettro delle offerte e acquistassero grandi quantità di BTC – invece di vendere – poiché il prezzo della principale criptovaluta è aumentato in modo parabolico per tutto il quarto trimestre del 2020..

La percentuale di grandi transazioni BTC on-chain è aumentata notevolmente nella seconda metà del 2020 ed è rimasta elevata fino alla fine dell’anno. Fonte: Catallact

Una mappa termica della frequenza dell’importo della transazione BTC rafforza anche la conclusione che i grandi investitori istituzionali hanno fatto aumentare il prezzo di BTC aumentando la domanda per l’asset digitale più importante.

Una mappa termica della frequenza dell’importo della transazione BTC mostra anche che il numero di grandi movimenti è aumentato durante l’ultima parte del 2020. Fonte: Catallact

Gli acquisti istituzionali verificati coincidono con i dati on-chain

Sebbene si debba fare attenzione quando si traggono questo tipo di conclusioni dai dati on-chain, siamo fortunati ad avere acquisti istituzionali verificati pubblicamente accessibili per il controllo incrociato con i dati.

Per i principianti, sappiamo per certo che la società di business intelligence, software mobile e servizi basati su cloud MicroStrategy ha investito ingenti somme di denaro in BTC lo scorso anno. Nell’agosto 2020, l’azienda ha acquistato 21.000 monete per $ 250 milioni. Ciò coincide con l’aumento delle transazioni di grandi dimensioni sui grafici summenzionati.

Nel 2020 sono stati effettuati molti altri acquisti da MicroStrategy. Il 5 dicembre, la società ha acquistato 2.574 BTC per $ 50 milioni a un prezzo medio di $ 19.427 per moneta. Più tardi quel mese, il 22 dicembre, ha acquistato altre 29.646 monete per $ 650 milioni a un prezzo medio di circa $ 21.925 ciascuna.

Inoltre, la Massachusetts Mutual Life Insurance Company ha investito $ 100 milioni in BTC a dicembre, un segno che più investitori istituzionali continuavano ad entrare nel mercato in quel momento.

Con questo sfondo di notizie, possiamo tranquillamente dedurre che le conclusioni a cui siamo giunti sopra – vale a dire che i grandi attori sono entrati nel mercato BTC da maggio 2020 e che le grandi transazioni visibili sulla catena erano acquisti piuttosto che vendite – sono in gran parte corrette.

I volumi di BTC on-chain sono aumentati nella seconda metà del 2020

Guardando il volume giornaliero di BTC negoziato on-chain in vari fusi orari, vediamo anche un grande aumento in autunno. Due risultati, in particolare, si distinguono:

  1. I volumi in catena negli Stati Uniti, in Europa e in Asia sono tutti aumentati alla fine di agosto 2020 prima di salire ai massimi a settembre 2020 e ottobre 2020.
  2. I volumi on-chain sono rimasti costantemente alti dopo il picco iniziale nell’agosto 2020.

Poiché i volumi di BTC su catena sono aumentati e sono rimasti costantemente alti, possiamo concludere che l’interesse istituzionale ha effettivamente preso un certo slancio nell’autunno dello scorso anno, portando il prezzo della criptovaluta principale a nuovi massimi.

Il volume di BTC on-chain è aumentato nel terzo trimestre e nel quarto trimestre del 2020 a livello globale. Fonte: Catallact

I possessori di lungo termine venduti come BTC stabiliscono nuovi massimi storici

Quando esaminiamo l’età delle monete negoziate sulla blockchain di Bitcoin dall’inizio di settembre 2020 fino alla fine di dicembre 2020, vediamo che l’età media delle monete incluse nei blocchi è aumentata nell’ottobre 2020 ed è rimasta più alta per tutta la fine dell’anno.

La cosa più interessante è che il prezzo di BTC è salito più in alto a metà dicembre, ma l’età media delle monete negoziate sulla blockchain di Bitcoin è rimasta relativamente costante. Questo ci consente di trarre tre conclusioni principali:

  1. Possessori di BTC a lungo termine – che alcuni potrebbero chiamare "Balene OG" – venduto nella corsa di BTC a nuovi massimi storici.
  2. Possiamo dedurre che l’inventario dei detentori a lungo termine ha iniziato a esaurirsi, almeno in parte, con l’aumento del prezzo di BTC.
  3. Poiché riteniamo che gli investitori istituzionali fossero dalla parte dell’offerta del portafoglio ordini, possiamo dedurre che i possessori di BTC a lungo termine hanno venduto acquisti istituzionali.

Queste inferenze sono supportate anche da precedenti ricerche condotte da OKEx Insights in collaborazione con la società di dati blockchain Kaiko. Il nostro rapporto precedente ha rilevato che i grandi commercianti e le balene hanno iniziato a prendere profitti attorno al precedente massimo storico di BTC vicino a $ 20.000 questo autunno e che gli acquirenti istituzionali hanno inghiottito monete a fine novembre..

L’età media delle monete spostate sulla blockchain di Bitcoin è aumentata con l’aumento del prezzo di BTC. Fonte: Catallact

Ciò rafforza una delle attuali narrazioni nel settore delle criptovalute mentre risponde alla domanda di "chi vendeva" alla fine del 2020 – vale a dire che era il "Balene OG" e minatori BTC che hanno venduto ad acquirenti istituzionali.

Conclusione: i dati sulla catena dipingono il quadro del 2020 di BTC

Il 2020 è stato un anno selvaggio e senza precedenti per la principale criptovaluta.

Abbiamo visto BTC scendere fino a 3.792 USDT su OKEx a marzo, il che, come sappiamo dalla nostra precedente ricerca con Catallact, ha scosso gli investitori al dettaglio in un panico correlato a COVID. Quegli investitori hanno quindi adottato un approccio attendista a maggio mentre BTC combatteva contro $ 10.000 negli scambi globali.

Nel frattempo, i più grandi attori del mercato BTC stavano facendo altro che aspettare e vedere. Invece, i dati sulla catena hanno dedotto che si stavano accumulando pesantemente durante l’estate con l’aspettativa che BTC aumentasse di valore a lungo termine, il che, abbastanza sicuro, si è rivelato una scommessa vincente.

Poiché il prezzo di BTC ha iniziato la sua corsa parabolica in ottobre, insieme agli acquisti istituzionali da MicroStrategy e Scala di grigi, i dati sulla catena mostrano un notevole aumento nelle transazioni di dimensioni istituzionali, il che implica che più grandi attori hanno iniziato ad accumularsi.

Con il lato dell’offerta di BTC che non è riuscito a soddisfare la domanda istituzionale mentre la principale criptovaluta è entrata nella scoperta dei prezzi, le monete vendute apparentemente provenivano sia da possessori a lungo termine che da minatori di Bitcoin. In altre parole, i Bitcoiners della vecchia scuola vendevano alcune delle loro vecchie borse a nuovi acquirenti istituzionali con borse nuove estremamente grandi da riempire, nel bene e nel male.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map