Che cosa sta guidando la domanda di Tether nella corsa all’halving di Bitcoin?

Mentre Bitcoin (BTC) si avvicina al suo terzo blocco della ricompensa del dimezzamento, la stampante Tether (USDT) ha coniato miliardi di dollari della sua stablecoin sostenuta da USD.

Mentre la società e altri attribuiscono l’ondata di stampa a un’impennata della domanda durante un periodo di estrema volatilità economica, rimane l’incertezza sulla legalità della stablecoin e sulla debole posizione come criptovaluta veramente sicura. Molti si chiedono anche perché gli attacchi siano così desiderabili in primo luogo.

Tether ha spiegato

Tether è una stablecoin ancorata al prezzo del dollaro degli Stati Uniti. Più specificamente, è una valuta digitale che viene creata dalla conversione di valute fiat in contanti, come il dollaro USA, l’euro e lo yuan cinese offshore.

In quanto tale, la società emittente di Tether, iFinex, afferma che la moneta è Appoggiato al 100% dalle riserve della società in valuta tradizionale, “equivalenti di cassa” o “altre attività e crediti da prestiti concessi da Tether a terzi”.

USDT è, con un ampio margine, la stablecoin dominante nel mercato delle criptovalute. In effetti lo è la quarta più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato, al momento della scrittura, secondo il principale tracker del mercato delle criptovalute CoinMarketCap. 

dominanza bitcoinTether è la quarta criptovaluta più dominante per capitalizzazione di mercato. Fonte: CoinMarketCap

I continui e inesorabili coniazioni di USDT lo hanno ulteriormente consolidato come il re delle valute digitali sostenute da fiat. La capitalizzazione di mercato di Tether è attualmente di $ 8,28 miliardi, significativamente superiore a quella dei concorrenti USD Coin ($ 707,3 milioni), Paxos ($ 244,67 milioni) e TrueUSD ($ 137,24 milioni).

legare il dominioLa domanda di Tether ha superato di gran lunga la concorrenza delle stablecoin. Fonte: L’indice Stablecoin

Tuttavia, il predominio di USDT nel mercato delle criptovalute dà ad alcuni nel settore motivo di preoccupazione – poiché Tether, il suo exchange gemello Bitfinex e la società madre iFinex sono stati spesso coinvolti in controversie.

Tether è stato accusato di manipolare il mercato Bitcoin nel 2017 ed è attualmente coinvolto in battaglie legali di alto profilo che si svolgono tra iFinex e le autorità finanziarie statunitensi.

Con l’avvicinarsi del dimezzamento di Bitcoin e l’aumento della quantità di USDT in circolazione, la domanda su cosa stia guidando la domanda di Tether è ancora più pressante del solito. Uno dei principali fattori da considerare nell’indagare su questa domanda è l’evidente correlazione tra la controversa capitalizzazione di mercato della stablecoin e il prezzo di BTC.

Tether è stato accusato di manipolare il mercato Bitcoin

Da quando Bitcoin è entrato nella coscienza mainstream – attraverso un’epica corsa al rialzo pluriennale che è culminata nel raggiungimento del prezzo più alto di tutti i tempi – molti sono stati scettici su Tether e sul suo ruolo nel mercato delle criptovalute.


Nel giugno 2018, circa sei mesi dopo che il prezzo di BTC ha raggiunto il picco di circa $ 20.000 per moneta, il New York Times ha pubblicato un articolo intitolato “Il prezzo di Bitcoin è stato gonfiato artificialmente, alimentando il valore alle stelle, dicono i ricercatori” – in cui Tether è stato notato dai media mainstream per il suo ruolo potenzialmente falso nel sostenere il mercato Bitcoin. 

L’articolo del New York Times ha tratto un documento scritto da John M. Griffin dell’Università del Texas presso il Dipartimento di Finanza di Austin e Amin Shams del Fisher College of Business della Ohio State University intitolato “Is Bitcoin Really Un-Tethered?” L’abstract del documento è stato chiarito Il ruolo discutibile di Tether nella bolla delle criptovalute del 2017, affermando:

“Utilizzando algoritmi per analizzare i dati blockchain, scopriamo che gli acquisti con Tether sono programmati a seguito delle flessioni del mercato e comportano aumenti considerevoli dei prezzi dei Bitcoin. Il flusso è attribuibile a un’entità, raggruppa sotto i prezzi rotondi, induce autocorrelazioni asimmetriche in Bitcoin e suggerisce riserve Tether insufficienti prima della fine del mese. Piuttosto che la domanda da parte degli investitori in contanti, questi modelli sono più coerenti con l’ipotesi basata sull’offerta di denaro digitale non supportato che gonfia i prezzi delle criptovalute “.

Il New York Times non è stato l’unico periodico mainstream e di spicco a raccogliere i risultati controversi. Newsweek, CNBC, The Wall Street Journal, Bloomberg e altri hanno pubblicato tutti pezzi derivanti dallo studio. La copertura mainstream ha messo in dubbio la legittimità dell’intero mercato di Bitcoin e criptovaluta in un momento in cui molti già consideravano il calo del prezzo dell’80% di BTC dal suo picco come altamente sospetto.

Di fronte alla cattiva stampa, Tether e Bitfinex hanno regolarmente e ripetutamente negato qualsiasi illecito o manipolazione dei prezzi. A sostenere la difesa di Tether c’è una recente colonna del capo innovazione della UC Berkeley & Responsabile dell’imprenditorialità Richard K Lyons e Professore assistente di finanza della Warwick Business School Ganesh Viswanath-Natraj. Intitolato “Le monete stabili non gonfiano i mercati crittografici”, lo studio contraddice lo studio di Griffin / Shams che ha attirato l’attenzione del mainstream concludendo:

“Non troviamo alcuna prova sistematica che l’emissione stabile di monete influenzi i prezzi delle criptovalute. Piuttosto, le nostre prove supportano visioni alternative, vale a dire che l’emissione di monete stabili risponde in modo endogeno alle deviazioni del tasso di mercato secondario dal tasso fissato e le monete stabili svolgono costantemente un ruolo di rifugio sicuro nell’economia digitale “.

Indipendentemente da ciò, lo scetticismo sull’intera situazione di Tether non è migliorato una volta diventata una questione legale nello stato di New York.

iFinex deve ancora far fronte ad accuse di frode su titoli e materie prime

Tether è stato ulteriormente criticato nel 2019 quando il procuratore generale di New York Letitia James l’ha trascinato in una guerra legale, di sorta. Il NYAG ha affermato che iFinex Inc. stava operando in violazione della legge per aver coperto un presunto e improprio trasferimento di $ 625 milioni – fondi che avrebbero dovuto sostenere USDT – nel tentativo di nascondere problemi di liquidità. Se è vero, ciò costituirebbe probabilmente una frode in titoli e merci, le brevi argomentazioni del NYAG. 

Tuttavia, gli avvocati di Bitfinex e Tether ha respinto queste accuse, affermando che “le catene non sono titoli o merci” – affermazioni che James trovava “particolarmente perverse”. Anche Tether è stato registrato una risposta ufficiale al NYAG, scrivendo:

“In fin dei conti, il procuratore generale non ha identificato nessuna vittima in tutto questo procedimento, perché non ce n’è. I possessori di cavi hanno il diritto di riscattarli esattamente per quello che hanno pagato per loro – né più né meno – e Tether non ha avuto problemi a soddisfare le richieste di riscatto a nessuno, anche dopo il caso incendiario del procuratore generale di New York “.

Nonostante abbia protestato contro eventuali problemi di liquidità del passato, un alto funzionario di Bitfinex ha dichiarato che “BTC potrebbe scendere al di sotto di 1k se non agiamo rapidamente” in comunicazione con un partner di pagamento esterno. Secondo i documenti del tribunale, le comunicazioni sarebbero avvenute mentre Bitfinex stava riscontrando grossi problemi nel soddisfare i ritiri dei clienti nell’ottobre 2018.

Ultimamente, la stessa iFinex ha intrapreso un’offensiva legale nel tentativo di recuperare non meno di 800 milioni di dollari di fondi degli utenti sequestrati, detenuti in quattro diversi paesi, a seguito del congelamento dei conti bancari del processore di pagamento dell’azienda. La società madre di Tether ha chiesto la deposizione di citazioni in giudizio SunTrust Bank dipendenti in Georgia, il Bank of Colorado e ABT & Fidati in Arizona.

Perché la stampante di Tether fa gli straordinari?

Con Bitcoin a meno di 800 blocchi di distanza dal suo terzo blocco di ricompensa dimezzato, la velocità con cui sono stati coniati nuovi attacchi è stata a dir poco drammatica. Come notato dal direttore della ricerca di The Block, Larry Cermak, l’offerta totale di stablecoin è aumentata a 9,62 miliardi di dollari – rispetto ai 5,68 miliardi di dollari solo due mesi fa. 

Non sorprende che Tether rappresenti la parte del leone nel rafforzato mercato delle stablecoin, con l’84% dell’offerta in USDT. 

dominanza della stablecoin 2020Nuovi tethers hanno invaso il mercato delle stablecoin negli ultimi tre mesi. Fonte: L’indice Stablecoin

Ad aprile, da solo, Tether Ltd ha coniato oltre $ 1 miliardo di USDT. La baldoria di stampa non è passata inosservata sia nei principali media finanziari che in quelli di criptovaluta. 

La capitalizzazione di mercato di Tether è aumentata notevolmente negli ultimi tre mesi. Fonte: Coingecko

Come riportato in precedenza, la domanda quasi senza precedenti di USDT potrebbe anche derivare da investitori alla ricerca di rendimento in un momento di instabilità e volatilità del mercato senza precedenti. L’esposizione alle valute digitali supportate da fiat facilita una maggiore esposizione ai mercati volatili delle criptovalute, dove i guadagni possono – verosimilmente – essere realizzati più facilmente. 

Lo stesso Bitfinex spiega anche il recente aumento dell’USDT in questo modo. In una dichiarazione rilasciata oggi a OKEx Insights, 7 maggio, il consulente legale dell’azienda, Stuart Hoegner, ha osservato:

“Le possibili ragioni di questa domanda potrebbero includere utenti che desiderano acquistare altre risorse digitali e utilizzare stablecoin come una rampa a basso attrito”.

Detto questo, non tutti sono convinti che Tether abbia effettivamente coniato questa quantità di USDT. Il commentatore del settore crittografico noto come CasPiancey su Twitter, un critico schietto di Tether, ha spiegato a OKEx Insights che questi numeri sono il risultato di API non funzionanti di aziende come CoinMarketCap, Coingecko e altri servizi di dati crittografici simili. Secondo CasPiancey, il problema deriva dalle complicazioni derivanti dal fatto che USDT viene emesso su una moltitudine di blockchain, tra cui Omni, Ethereum, TRON ed EOS.

Tether influenza il prezzo di Bitcoin?

Nonostante le domande sul numero effettivo di tethers in circolazione, gli analisti affermano che l’esistenza di una relazione tra il prezzo di Bitcoin e la capitalizzazione di mercato di Tether è innegabile.

Popolare analista di mercato e Decentrader fondatore FilbFilb ha ha condotto il proprio studio illustrando la correlazione tra l’emissione di stablecoin e il prezzo di Bitcoin. Nel 2019, c’era una correlazione di circa 0,8 tra la capitalizzazione di mercato di Tether e il prezzo della principale criptovaluta. Se si tiene conto di un intervallo di 30 giorni, la correlazione aumenta a circa 0,9. 

correlazione tra prezzo tether e btcEsiste una forte correlazione tra la capitalizzazione di mercato di Tether e il prezzo del Bitcoin. Fonte: FilbFilb su Twitter

In una conversazione con OKEx Insights, FilbFilb ha sottolineato che Tether, tuttavia, non viene utilizzato solo per l’esposizione a Bitcoin. Secondo lui, l’USDT viene chiaramente utilizzato anche come fuga verso la sicurezza in mezzo all’estrema incertezza economica globale nel mezzo di misure di blocco per combattere la diffusione di COVID-19.

È anche logico che la domanda di cavi nel 2020 sia in gran parte guidata dal capitale cinese. Nel giugno 2019, la società di analisi blockchain Chainalysis ha fornito a Diar dati che ha illustrato l’enorme richiesta di cavi dalla Cina, con $ 10 miliardi già ricevuti dalle borse che servono il mercato cinese. L’anno precedente, l’azienda aveva dichiarato di aver ricevuto 16 miliardi di dollari statunitensi.

Questo ragionamento è rafforzato dai premi elevati che abbiamo riscontrato nei mercati cinesi over-the-counter. Nel marzo 2020, l’indice Chainext USDT OTC Trading Premium ha illustrato che il premio per i tethers è arrivato fino al 6% a marzo 2020. 

Infine, vale anche la pena notare che circa il 65% del tasso totale di hash mining di Bitcoin proviene dalla Cina, un fatto che non dovrebbe essere separato da una conversazione sulla domanda cinese di tethers.

Cina Bitcoin miningLa maggior parte del tasso di hash di Bitcoin proviene dalla Cina. Fonte: Università di Cambridge

È sicuro tenere le corde?

Tether rimane ancora oggi in una posizione tenue agli occhi di molti individui.

Il noto trader Peter Brandt ha paragonato lo stablecoin a un “Trinket nigeriano” in un tweet recente, scrittura:

“Legare. Questa è una storia interessante. Tenere la corda è sicuro quanto tenere il gingillo nigeriano. Penso che le persone siano sciocche a mantenere la ricchezza – anche dall’oggi al domani – in catene. È uno scherzo quando [le persone] condannano l’USD come fiat, ma tengono il filo. “

Brandt ha anche scritto che tenere le catene è simile a immagazzinare ricchezza in ciò che essenzialmente equivale a “un mosaico di scambi non soggetti alle autorità di regolamentazione e della cui solidità finanziaria si sa poco”. Ha anche ricordato al suo pubblico che USDT e altre criptovalute non sono al di fuori della competenza dell’Internal Revenue Service.

A rafforzare la convinzione di Brandt è il fatto che in passato Tether abbia avuto problemi a mantenere il suo legame uno a uno con l’USD. Il prezzo di un cavo è sceso a circa 92 centesimi nell’ottobre 2018, secondo CoinDesk. Questa volatilità ha spinto il Chief Compliance Officer Leonardo Real ad affermare che “tutti i USDT in circolazione sono sufficientemente garantiti da dollari USA (USD) e che le attività hanno sempre superato le passività”. 

Tuttavia, il mercato delle criptovalute ha storicamente dimostrato che gli attacchi possono essere scambiati al di sotto di un dollaro. Questo fatto è stato utilizzato come un’opportunità di arbitraggio, soprattutto quando è stato dimostrato che i tethers commerciano over-the-counter nei mercati cinesi a premi elevati. 

tether usdt prezzoIl valore di Tether sugli scambi non è sempre rimasto ancorato al dollaro USA. Fonte: CoinMarketCap

Brandt non è l’unico che rimane scettico su Tether. Kyle S. Gibson, un critico schietto della stablecoin, ha dichiarato a OKEx Insights che “chiunque legga il documento originale del NYAG di aprile sa che Bitfinex e Tether è una frode”. Ha anche affermato la sua convinzione che “sono ancora una frode, oggi”.

CasPiancey, nel frattempo, ha dichiarato a OKEx Insights che vorrebbe “richiedere gentilmente un’adeguata attestazione dei libri di Tether tra gennaio 2017 e presente da parte di una società di revisione professionale”. Il commento illustra i dubbi dell’analista – condivisi da molti nel settore delle criptovalute – sull’esistenza di Tether “prova di fondi“Dichiarazione. 

Il documento del 2018 attesta che uno studio legale con sede negli Stati Uniti ha esaminato e verificato le riserve a sostegno di Tether.

Nella loro dichiarazione a OKEx Insights, Bitfinex ha sottolineato che l’azienda ha “reso pubblici vari documenti che convalidano le nostre riserve nel corso degli anni e il nostro impegno a tali misure è in corso”.

Tuttavia, le ripetute affermazioni di Tether nel corso degli anni e la sua documentazione di “prova dei fondi” del 2018 lasciano molti scettici nel mondo delle criptovalute, soprattutto perché il testo contiene la seguente divulgazione:

“La suddetta conferma dei saldi bancari e obbligazionari non deve essere interpretata come il risultato di una verifica e non è stata condotta in conformità con gli standard di revisione generalmente accettati.”

Tether rimane dominante ma tenue

Mentre la stablecoin leader a livello mondiale si avvicina a una capitalizzazione di mercato nella fascia di 11 cifre, la società dietro di essa rimane coinvolta in una controversia legale di alto livello con il procuratore generale di New York e varie autorità bancarie.

Allo stesso tempo, appare evidente la correlazione tra il prezzo del Bitcoin e la capitalizzazione di mercato dell’USDT. Se questa correlazione costituisca o meno manipolazione è oggetto di dibattito tra accademici e professionisti del settore.

Un altro argomento di dibattito è il fattore motivante che apparentemente guida i fondi nella stablecoin legata all’USD. È logico che il capitale cinese stia guidando l’emissione di cavi, come in passato. A differenza del passato, tuttavia, l’attuale incertezza economica che circonda i blocchi relativi a COVID-19 potrebbe giocare un ruolo più importante, con molti in tutto il mondo potenzialmente desiderosi di ottenere un’esposizione a basso attrito a una valuta digitale ancorata all’USD..

Questo avviene in un momento in cui l’attenzione del settore è fermamente sul dimezzamento della ricompensa del terzo blocco di Bitcoin, un evento che influenzerà l’industria mineraria di Bitcoin, che è dominata dai minatori con sede in Cina.

Infine, abbiamo visto prove storiche che Tether può temporaneamente perdere il suo legame uno a uno sugli scambi di criptovaluta, dimostrando che potrebbe essere un luogo potenzialmente pericoloso in cui immagazzinare valore.

Nonostante tutte queste controversie, USDT rimane la stablecoin più popolare nel mercato delle criptovalute.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map