Esaminando un futuro senza contanti: valute digitali della banca centrale e Bitcoin

L’8 novembre 2019, Visa ha depositato un brevetto con lo United States Patent and Trademark Office (USPTO) – che è stato reso pubblico la scorsa settimana – per creare valuta fiat digitale. La soluzione propone l’utilizzo di un libro mastro centralizzato che implementa la tecnologia blockchain. Il sistema potrebbe essere applicato a qualsiasi valuta digitale della banca centrale (CBDC) – come dollari, sterline, yen ed euro – e digitalizzare efficacemente le valute fisiche spingendo il mondo ulteriormente verso un sistema senza contanti.

Nello specifico, il brevetto di Visa descrive come un computer centralizzato potrebbe verificare, tramite un sistema blockchain, la rimozione della valuta fisica dalla circolazione. L’abstract del brevetto recita:

“Vengono divulgate tecniche che includono la ricezione, da parte di un computer dell’entità centrale, una richiesta di valuta digitale. La richiesta include un numero di serie e una denominazione di una valuta fisica. Il computer dell’entità centrale genera la valuta digitale per la denominazione e collegata al numero di serie. La generazione include la registrazione della valuta digitale su una blockchain. Il computer dell’entità centrale trasmette una notifica della generazione della valuta digitale. Il computer dell’entità centrale causa la rimozione della valuta fisica dalla circolazione in un sistema di valuta fiat. “

La domanda di brevetto di Visa descrive anche un portafoglio digitale che include una coppia di chiavi pubblica e privata, concetti non estranei a Bitcoin (BTC) e agli appassionati di criptovaluta.

Sebbene la soluzione proposta da Visa segnali un cambiamento delle maree quando si tratta di come gli individui possono interagire con i loro soldi in un futuro non molto lontano, sia le banche centrali che le popolazioni che usano le loro valute potrebbero non essere pronte per una società senza contanti. L’attenzione al fare soldi digitali in generale, e l’uso della blockchain in particolare, richiede anche un confronto con Bitcoin e pone la questione di dove si adatterebbe la principale criptovaluta in un futuro tutto digitale.

Valute digitali delle banche centrali negli Stati Uniti, in Cina e in Europa

Le banche centrali di tutto il mondo si stanno muovendo da tempo verso una più ampia digitalizzazione del denaro e delle società senza contanti. Ultimamente, questa tendenza ha subito un’accelerazione. Quest’anno, la Banca dei regolamenti internazionali lo ha recentemente scoperto 80 percento delle 66 banche centrali esaminate stanno attualmente lavorando sulle valute digitali delle banche centrali.

Sebbene le società senza contanti siano da anni all’ordine del giorno dei governi di tutto il mondo, la spinta a limitare la valuta fisica ha subito un’accelerazione nel 2020, a seguito dei timori che le fatture cartacee circolanti abbiano un ruolo nella diffusione della pandemia globale COVID-19.

Negli Stati Uniti, il Congresso di recente discusso la creazione di un dollaro digitale in relazione alla distribuzione di pacchetti di soccorso per il coronavirus. Il disegno di legge in discussione consentirebbe alla Federal Reserve statunitense di creare dollari digitali e al Tesoro degli Stati Uniti di creare portafogli digitali.

L’interesse degli Stati Uniti per i dollari digitali ha subito un’accelerazione anche in seguito all’annuncio dello scorso anno della criptovaluta centralizzata di Facebook, Libra, un progetto a cui i funzionari del governo degli Stati Uniti hanno contattato sia con critiche che con scetticismo. Le autorità di regolamentazione hanno sollevato un problema particolare con il disinteresse della società sia per la richiesta di una carta bancaria che per il rispetto delle normative know-your-customer (KYC) contro il riciclaggio di denaro e le frodi finanziarie, nonché i suoi fallimenti passati nel proteggere adeguatamente la privacy degli utenti. Inoltre, come hanno fatto gli analisti sottolineato, qualsiasi tentativo di minare il predominio del dollaro USA con una valuta privata probabilmente non sarà mai accolto bene da coloro che sono al Congresso.

L’interesse della Cina nel dominare lo spazio blockchain regolamentato, nel frattempo, è stato Ben documentato – in particolare dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato ufficialmente la priorità delle iniziative blockchain.

In particolare, la Cina mira a stabilire una nuova infrastruttura di pagamento chiamata Digital Currency Electronic Payment (DCEP) – una valuta digitale della banca centrale guidata dalla Banca popolare cinese (PBoC) e dalle grandi imprese – nel tentativo di “proteggere la sovranità monetaria [della Cina] e lo status di valuta legale ”- che molti vedono come un tentativo di indebolire l’USD come valuta dominante nel commercio globale. Come spiegato dal vicedirettore del dipartimento pagamenti della PBoC, Mu Changchun, “Dobbiamo pianificare una giornata di pioggia”.

DCEP è essenzialmente un registro distribuito centralizzato – o, come ha detto HashKey Hub, “Una blockchain” degradata “con un solo nodo” e i portafogli mobili che la supportano sono nelle fasi avanzate di test a Shenzhen, Xiong’an, Chengu e Suzhou. Inoltre, Starbucks e McDonald’s lo sono secondo quanto riferito già a bordo del progetto.


In Europa, la Banca centrale europea (BCE) ha confermato che sta lavorando a una valuta digitale della banca centrale in un discorso pubblicato l’11 maggio 2020.

Secondo la BCE, lo sviluppo di un CBDC è stato stimolato da potenziali cambiamenti nei comportamenti di pagamento degli europei. “Vorremmo preservare il loro legame diretto con il proprietario finale della nostra valuta mantenendo il loro accesso alle passività della banca centrale in euro”, ha spiegato la banca centrale.

Tuttavia, la BCE osserva anche che non vede segnali che l’opinione pubblica europea, in generale, sia disposta ad abbandonare il contante, il che significa che la richiesta di una società senza contanti non proviene dalla popolazione.

C’è una richiesta di andare senza contanti?

La convinzione della Banca centrale europea che le popolazioni non siano attualmente interessate alle valute digitali della banca centrale è stata ripresa da un dirigente di Visa. Solo pochi giorni dopo la pubblicazione ufficiale della domanda di brevetto blockchain della multinazionale dei servizi finanziari, il capo della crittografia di Visa, Cuy Sheffield, ha twittato la sua convinzione che i consumatori sarebbero probabilmente confusi su come i CBDC avrebbero effettivamente funzionato in una società senza contanti.

In generale, l’approccio alle CBDC è diviso in due diversi modelli. In uno scenario, gli utenti potrebbero interagire in modo fattibile con le banche centrali direttamente tramite una sorta di applicazione simile alla tua applicazione di web banking standard per una banca commerciale o tra banche, come Venmo. Questo modello limiterebbe probabilmente i problemi inerenti al sistema bancario a riserva frazionaria, ma limiterebbe anche ulteriormente la privacy finanziaria.

Nel secondo scenario, le banche centrali interagirebbero solo con le banche commerciali, che è il modo in cui attualmente opera l’attuale sistema bancario. I consumatori, ne consegue, continuerebbero a interagire solo direttamente con la loro banca commerciale, solo senza contanti.

L’idea che la maggior parte delle persone non abbia una comprensione fondamentale di come le banche commerciali e le banche centrali interagiscono attualmente è ciò che rende più difficile l’implementazione delle CBDC, soprattutto se i cittadini devono interagire direttamente con esse. Sheffield di Visa ha spiegato in un tweet:

“Mi aspetto che la maggior parte dei consumatori sappia che i contanti provengono dalla ‘banca’ senza comprendere la differenza tra una banca centrale e una banca commerciale e che quando si recano a un bancomat per prelevare contanti stanno convertendo una promessa dalla loro banca in una dalla banca centrale […] Pertanto, se una banca centrale emette “contante digitale”, come spiegano ai consumatori tradizionali in che modo il CBDC è diverso dai depositi digitali che detengono oggi presso le banche commerciali? “

Questa generale mancanza di comprensione su come funzionano effettivamente le valute legali, ritiene Sheffield, è ciò che impedisce alle banche centrali di offrire CBDC rivolte al consumatore. Le banche centrali dovrebbero essenzialmente creare una “app killer” con cui i consumatori interagirebbero facilmente e comodamente, il che apparentemente non è qualcosa che sono troppo entusiasti di sviluppare in questa fase. Sheffield spiegato ulteriore:

“Se una banca centrale decide di offrire un portafoglio digitale direttamente ai consumatori, per impostazione predefinita CBDC e la banca centrale dovrebbero diventare un marchio familiare, ma è improbabile che questo approccio venga preso sul serio dalla maggior parte delle principali banche centrali a causa delle sfide operative [.] “

OKEx Insights ha contattato Sheffield per un commento ma non ha ricevuto risposta al momento della stampa.

Il thread Twitter di Sheffield è supportato da un rapporto recente dalla società blockchain aziendale R3 che afferma che nessuna banca centrale sta attualmente sviluppando un CBDC rivolto al consumatore. Piuttosto, le valute digitali su cui si lavora sono interamente all’ingrosso, nel senso che sono per le banche commerciali. Il rapporto afferma che “A differenza del CBDC all’ingrosso, il CBDC al dettaglio non esiste attualmente in produzione”.

Tutto ciò, tuttavia, non significa necessariamente che le società senza contanti non verranno introdotte gradualmente nei prossimi anni o decenni. Se e quando lo saranno, come sarà Bitcoin, la criptovaluta che ha spinto la finanza tradizionale ripensare i suoi modelli – inserirsi in un mondo senza contanti?

Bitcoin in un futuro senza contanti

Il valore intrinseco di Bitcoin nel mondo di oggi è ancora una questione di dibattito. Ancora più in discussione è il valore che la principale criptovaluta fornirebbe in un futuro senza contanti.

Il denaro contante, prima di tutto, è semplice e di successo, nonostante i suoi discutibili inconvenienti legati alla sua natura fisica. A questo punto della storia, le persone in tutto il mondo capiscono che le banconote e le monete fisiche hanno una qualche forma di valore garantito dal governo e che i pagamenti di persona possono avvenire rapidamente e con facilità.

In secondo luogo, il denaro contante è relativamente privato, cosa che molti individui che effettuano transazioni danno per scontato. Le banconote e le monete fisiche possono essere negoziate peer-to-peer semplicemente attraverso l’atto di passarle da una persona all’altra. Cash ha la capacità di essere senza autorizzazione – il che significa che due persone qualsiasi, in teoria, possono partecipare a una transazione in contanti – resistente alla censura (una transazione in contanti non può essere congelata o invertita nel modo in cui può fare una digitale) e privata (nel senso che le transazioni in contanti non sono facilmente tracciabili e non lasciano un record digitale e immutabile).

Bitcoin è anche senza autorizzazione e resistente alla censura. Tuttavia, è solo pseudo-privato, nella migliore delle ipotesi. I bitcoin vengono scambiati su un registro pubblico distribuito in un file moda semiprivata – significa che chiunque e tutti possono verificare in modo indipendente che una transazione è avvenuta.

Il registro pubblico distribuito di Bitcoin mostra immutabilmente gli indirizzi del portafoglio pubblico utilizzati e gli importi transati, ma l’identità dei partecipanti non è così facile da determinare, che è ciò che porta molti a credere erroneamente che le transazioni in Bitcoin siano completamente private e anonime..

Tuttavia, le effettive capacità di privacy di Bitcoin dipendono da molti fattori, tra cui il portafoglio Bitcoin che stai utilizzando (e le informazioni sull’identità che gli hai fornito) e il modo in cui sei connesso a Internet. Analizzando i dati all’interno e intorno alle transazioni, i governi, le società di analisi blockchain o persino le persone capaci possono, in teoria, identificare e tracciare un record delle tue transazioni BTC con accuratezza immutabile. Ciò ha portato alla creazione di varie monete incentrate sulla privacy, come Monero (XMR) e Zcash (ZEC), che offuscano i dettagli identificativi di una transazione.

I problemi con il vero anonimato quando si utilizza Bitcoin hanno in gran parte smascherato l’idea che BTC sia la valuta preferita dai criminali, nonostante questa opinione persiste ancora nell’immaginario pubblico e media mainstream.

Piuttosto, il denaro contante, con le sue intrinseche qualità di privacy, rimane l’opzione privilegiata per le transazioni illecite. A causa di questo e di altri motivi, vari governi in tutto il mondo hanno interesse a rimuovere denaro dalla società. In questo modo, oggettivamente, aumenterebbe la quantità di sorveglianza finanziaria e controllo possibile da parte dei governi.

Poiché Bitcoin non fornisce un livello maggiore di privacy, il suo valore in un futuro senza contanti potrebbe essere interamente derivato dalla sua natura senza autorizzazione e resistente alla censura. A condizione che sia ancora legale effettuare transazioni con BTC in questo ipotetico futuro, le persone possono ancora trasferire in modo verificabile valore attraverso i confini senza la necessità di un intermediario e nessuno potrebbe censurare quella transazione.

Inoltre, è ovvio che Bitcoin sarà ancora visto come una riserva di valore in crescita e una copertura contro le politiche monetarie inflazionistiche – un sentimento recentemente ripreso dal famoso macroinvestitore Paul Tudor Jones – e da molti come un investimento speculativo.

Bitcoin avvantaggia i non Bitcoiners

Tuttavia, altri vedono il ruolo del Bitcoin in una futura società senza contanti da una prospettiva diversa.

Secondo un ricercatore indipendente di criptovalute Hasu, la domanda non è su dove BTC si inserisce in tale scenario, ma piuttosto su come influisce su altri soldi e viceversa. In una conversazione con OKEx Insights, Hasu ha osservato che esiste “un ciclo di feedback tra bitcoin e altri sistemi monetari sul mercato”, osservando:

“Bitcoin esiste in un mercato e l’esistenza di concorrenti può guidare lo sviluppo in una direzione o nell’altra. Dipende da ciò che le persone apprezzano dei loro soldi. Esistono altri soldi in un mercato con Bitcoin, che influenza la loro direzione. ”

Secondo Hasu, potrebbero non essere i Bitcoiners a trarre il massimo vantaggio dall’esistenza della criptovaluta. Piuttosto, coloro che non interagiscono nemmeno con BTC potrebbero essere quelli a guadagnare dalla sua presenza. Hasu ha spiegato:

“Una tesi che ho è che il massimo beneficio da Bitcoin in questo mondo non andrà ai possessori di Bitcoin ma ai possessori di non Bitcoin – perché, solo esistendo, Bitcoin costringe altri sistemi a migliorare. Lo stesso vale per i CBDC. Un CBDC sviluppato in un mondo in cui le persone possono utilizzare Bitcoin come alternativa dovrà essere più competitivo. Ad esempio, dovrebbe offrire migliori garanzie di privacy per gli utenti “.

Hasu ha detto a OKEx Insights che Bitcoin ha reso le persone, in generale, più consapevoli dei framework in cui una valuta può operare. Prima delle criptovalute, le persone non pensavano tanto a cose come la privacy, la prevedibilità, i costi e la velocità delle transazioni in relazione alla valuta fiat che usavano. “Bitcoin agisce come un controllo sulla progettazione e la gestione dei CBDC”, ha spiegato Hasu, prima di concludere:

“Si potrebbe dire che Bitcoin ha reso le persone più aperte al denaro.”

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite e notizie curate dai professionisti della crittografia.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map