I gettoni non fungibili non sono nuovi, ma il loro futuro sembra più luminoso che mai

Un esame del passato, presente e futuro delle NFT

Nella sfera delle criptovalute, lo sviluppo della finanza decentralizzata è stato al centro della scena nel 2020. Mentre l’hype del mercato che circonda la DeFi e l’estrazione di liquidità si è raffreddato dalla fine di settembre, i token non fungibili – noti anche come NFT – hanno riguadagnato gran parte della popolarità che hanno visto a l’apice della popolarità di CryptoKitties nel 2017.

Con i token non fungibili in aumento, OKEx Insights rivisita i loro casi d’uso ed esamina la potenziale adozione delle NFT.

Cosa sono i gettoni non fungibili?

Le differenze tra gettoni fungibili e non fungibili non sono particolarmente complicate.

I gettoni fungibili sono intercambiabili e possono essere facilmente sostituiti da qualcosa di identico. BTC è un buon esempio di token fungibile o, in questo caso, moneta. Se presti una moneta a qualcuno sulla rete Bitcoin, non importerebbe se non restituisse esattamente la stessa. Questo perché il valore di un BTC è lo stesso di qualsiasi altra moneta sulla rete.

Prima di esaminare le NFT, vale la pena comprendere esempi di attività non fungibili nel mondo reale. Usiamo i biglietti aerei come esempio: mentre le dimensioni e la forma di ogni biglietto sembrano identiche, le informazioni stampate sui biglietti, come i dettagli e la destinazione di un passeggero, sono diverse. Non puoi sostituire un biglietto per gli Stati Uniti con uno per il Giappone. In modo simile, i token non fungibili sono rappresentazioni digitali di risorse che non sono intercambiabili nel mondo reale.

Perché gli NFT basati su blockchain sono importanti?

Le risorse digitali non fungibili esistono dall’avvento di Internet e vanno dai nomi di dominio agli e-ticket fino agli account handle sui social media. Questi beni possiedono caratteristiche proprie e non sono intercambiabili. Inoltre, un utente di solito non può trasferire facilmente un oggetto raro da un gioco online a un altro utente e vi è una mancanza di prove sulla proprietà di quel particolare oggetto.

È qui che entrano in gioco gli NFT basati su blockchain.

Quattro vantaggi degli NFT

L’uso della tecnologia blockchain con gli NFT porta le seguenti caratteristiche e vantaggi alle risorse digitali:

  • Uno standard di token ERC-721
  • Prova di proprietà
  • Maggiore trasferibilità e liquidità
  • La mitigazione del rischio di contraffazione

Standard di token ERC-721

Come introdotto per la prima volta da CryptoKitties alla fine del 2017, ERC-721 è lo standard di token più comune per i token non fungibili.


Esistono due differenze principali tra gli standard dei token ERC-721 ed ERC-20.

In primo luogo, i token ERC-20 sono divisibili, mentre i token ERC-721 non lo sono. Ad esempio, gli utenti possono acquistare 0,5 unità di Ether (ETH) o UNI. Tuttavia, secondo il design dello standard ERC-721, gli utenti possono possedere solo l’intera unità del token. Tale indivisibilità rende i token ERC-721 coerenti con la natura delle attività non fungibili. Ad esempio, gli utenti non possono possedere la metà di un gattino in CryptoKitties o rivendicare il 30% di proprietà di una carta da collezione digitale.

Prova di proprietà

I token ERC-721 sono diversi dai token ERC-20 nei loro record di proprietà. I token ERC-20 registrano solo il saldo del conto dell’indirizzo. Al contrario, i token ERC-721 non solo registrano i saldi dei conti, ma mantengono anche i record dell’ID token per ogni trasferimento. Questa caratteristica è fondamentale per aumentare la trasparenza dei trasferimenti di attività non fungibili.

Ogni token non fungibile rappresenta una risorsa unica e contiene informazioni essenziali, come proprietà di base e dettagli sulla proprietà. Il record di proprietà dell’asset è archiviato nell’NFT, che è tracciabile sulla blockchain.

Trasferibilità

Le NFT consentono di trasferire e scambiare facilmente le loro attività sottostanti tra più ecosistemi. Usando gli oggetti di gioco come esempio, le blockchain rimuovono qualsiasi intermediario e fungono da piattaforme unificate per consentire agli utenti di scambiare i propri articoli. Per gli sviluppatori di giochi, possono incorporare funzionalità di trading sofisticate, come aste e offerte in stile eBay, in contratti intelligenti. Ciò rende le blockchain piattaforme one-stop per gli utenti per scambiare, mettere all’asta e vendere i loro NFT.

Inoltre, la negoziabilità delle NFT porta a una maggiore liquidità, poiché possono essere scambiate in mercati aperti. I mercati per i token non fungibili offrono una maggiore esposizione alle risorse digitali per un pool più ampio di acquirenti.

Mitigazione della contraffazione

L’uso di NFT aiuta a mitigare il rischio di acquisto di merci contraffatte.

L’arte è un campo in cui ciò è particolarmente utile. A ogni oggetto da collezione d’arte viene assegnata la sua identificazione univoca nel token non fungibile, che consente alle persone di dimostrare la scarsità dell’opera d’arte. La blockchain funge da database tracciabile pubblicamente per mostrare l’intera vita dell’opera d’arte. Questo aiuta a dimostrare l’autenticità dell’opera d’arte, poiché solo l’opera d’arte originale viene tracciata sulla blockchain.

Storia delle NFT, spiegata

Mentre i token non fungibili hanno attirato per la prima volta l’attenzione del mainstream con l’ascesa di CryptoKitties nel 2017, Monete colorate è stato probabilmente il primo progetto relativo agli NFT, risalente al 2012. Coloured Coins è stato il primo a costruire NFT sulla rete Bitcoin e rappresentava la proprietà di diverse risorse, come proprietà e oggetti da collezione digitali.

CryptoPunks, nel frattempo, è stato il primo token basato su Ethereum all’inizio del 2017. Ha creato 10.000 personaggi unici e collezionabili con la prova della proprietà memorizzata sulla blockchain di Ethereum.

2017: l’ascesa di CryptoKitties

Lanciato alla fine del 2017 all’ETH Waterloo Hackathon, CryptoKitties è un gioco basato su Ethereum che consente agli utenti di raccogliere e allevare i propri gatti digitali. I token di CryptoKitties non sono fungibili, poiché ogni token rappresenta un gatto digitale unico sulla blockchain. L’attributo di ogni gatto è determinato da un algoritmo di allevamento su catena scritto in uno smart contract a codice chiuso. I gattini possono essere venduti tramite aste olandesi e mercati secondari – e più sono rare le caratteristiche del gatto, maggiore è il prezzo a cui potrebbe essere venduto.

CryptoKitties è diventato virale grazie ai suoi meccanismi di riproduzione e scambio. Gli utenti hanno prima acquistato un paio di gatti e li hanno allevati per creare gatti più rari, che potevano poi vendere per un profitto. Più utenti si sono quindi affrettati ad allevare i propri gattini per trarne profitto. La crescente domanda di CryptoKitties ha portato il numero di transazioni giornaliere sulla rete Ethereum a raggiungere il massimo storico (1.349 milioni) a gennaio 2018, un record che è stato appena superato di recente a settembre 2020 in mezzo alla mania del mining di liquidità stimolata da Uniswap (1,4 milioni).

Le transazioni giornaliere sulla rete Ethereum hanno raggiunto il loro picco precedente durante la mania di CrypoKitties. Fonte: Etherscan, OKEx Insights

Il rovescio della medaglia, la febbre dei CryptoKitties ha messo in luce la mancanza di scalabilità di Ethereum. Il numero crescente di utenti che allevavano e scambiavano i loro gatti ha portato a un enorme aumento delle transazioni che dovevano essere eseguite sulla rete Ethereum. Poiché Ethereum può gestire solo circa 15 transazioni al secondo, la maggior parte delle transazioni di CryptoKitties rientrava nel pool di transazioni in sospeso. La media giornaliera delle transazioni in sospeso è passata da 1.500 a 11.000 durante questo periodo. Per eseguire prontamente le loro transazioni, gli utenti erano disposti a pagare commissioni sul gas più elevate. Ciò ha portato ad alti livelli di congestione sulla rete Ethereum, con l’estensione commissione media di transazione raggiungendo oltre $ 2. 

La congestione sulla rete Ethereum ha fatto scoppiare la bolla CryptoKitties all’inizio del 2018. Nonostante ciò, CryptoKitties è stato il primo NFT ad attirare l’attenzione del mainstream. Ha anche aperto la strada a un contratto d’asta olandese, che poi è diventato uno dei principali meccanismi di determinazione dei prezzi per le NFT.

2018: cresce l’interesse per gli investimenti in NFT

Nonostante l’interesse per i token non fungibili si raffreddi dopo CryptoKitties, i fondamenti dell’ecosistema NFT sono cresciuti dal 2018 in due modi principali:

  • Giochi di livello 2 su CryptoKitties
  • Investimenti da fondi crittografici e venture capitalist

I giochi di livello 2 sono emersi nell’ecosistema NFT nel 2018 e si riferiscono a giochi che sono stati costruiti su CryptoKitties da sviluppatori di terze parti non affiliati al team del gioco originale. Ad esempio, Kitty Race consente a CryptoKitties di gareggiare l’uno contro l’altro per vincere ETH. KittyHats consente agli utenti di accessoriare i loro CryptoKitties, mentre Wrapped Kitties consente agli utenti di convertire i loro CryptoKitties in token ERC-20 fungibili da scambiare su scambi decentralizzati. Come descritto da Dapper Labs, il creatore di CryptoKitties, i giochi Layer 2 costruiti sugli smart contract di CryptoKitties hanno ampliato l’ecosistema del gioco, noto anche come KittyVerse.

Il 2018 ha anche assistito a un crescente interesse per gli investimenti NFT da parte di fondi crittografici e venture capitalist. Seguendo l’hype di CryptoKitties, Dapper Labs ha ricevuto due round di finanziamenti, che insieme hanno portato $ 27 milioni, da investitori importanti come Andreessen Horowitz e Samsung Next. Inoltre, Mythical Games sollevato 19 milioni di dollari in un round di finanziamento per il suo gioco di punta Blankos Block Party su EOS. Vengono anche lanciati fondi di investimento per supportare questo spazio nascente, come il contributo di 100 milioni di dollari di Ripple a un fondo gestito dalla società di giochi blockchain Forte.

2019: NFT e proprietà intellettuale

Per proteggere la proprietà intellettuale, le aziende tradizionali hanno iniziato a utilizzare token non fungibili nel 2019 per emettere i loro oggetti da collezione digitali. Il gigante delle corse automobilistiche Formula 1, ad esempio, ha collaborato con Animoca Brands a maggio 2019 per sviluppare un gioco di corse basato su blockchain chiamato F1 Delta Time. Il 24 maggio, il gioco ha rilasciato la sua prima auto sportiva di F1 virtuale unica nel suo genere, la "1-1-1." Dopo un’asta di quattro giorni, il collezionabile digitale è stato venduto per 415,9 Wrapped Ether (del valore di $ 113.000 all’epoca), diventando così la più alta vendita di token NFT del 2019.

Dopo il successo di F1 Delta Time, Animoca Brands e Dapper Labs si sono recentemente assicurati un accordo di licenza con MotoGP e Piano per pubblicare un altro gioco di corse basato su blockchain nel prossimo futuro.

Oltre ai giganti delle corse, il gigante delle carte collezionabili Panini America è entrato nel mercato NFT nel gennaio 2019 con il lanciare di figurine sportive basate su blockchain per le principali leghe e associazioni professionali. Star Trek era anche sulla scena NFT nel giugno 2019 quando lo sviluppatore di giochi blockchain Lucid Sight introdotto le iconiche astronavi e altri oggetti da collezione sulla blockchain.

2020: quando le NFT incontrano la DeFi

Il 2020 è stato un anno esplosivo per la finanza decentralizzata. Mentre l’estrazione di liquidità si è raffreddata dopo il rilascio del token di governance di Uniswap, UNI, gli agricoltori di rendimento hanno rivolto la loro attenzione alle NFT.

Il rendimento agricolo delle NFT è stato principalmente pioniere da Rarible, un mercato NFT. Raribile rilasciato il suo token di governance, RARI, a metà luglio, che ha determinato una crescita dei prezzi dell’814%. Il volume degli scambi dei mercati NFT superato $ 7 milioni a settembre, di cui Rarible rappresentavano l’81%.

Oltre a Rarible, gli NFT hanno guadagnato popolarità tra la comunità delle criptovalute con il lancio del token MEME. MEME è un protocollo sperimentale pensato per integrare DeFi con oggetti da collezione crittografici. Nonostante lo slogan del progetto sia "Non comprare MEME," ha raccolto l’entusiasmo del mercato e una volta ha raggiunto una capitalizzazione di mercato di $ 48 milioni. Il team MEME ha anche collaborato con artisti digitali per consentire agli utenti di mettere in gioco il loro MEME per partecipare alle aste NFT delle loro opere d’arte.

Nonostante la popolarità delle NFT per l’agricoltura di rendimento, Ilya Abugov, analista principale di DappRadar, ritiene che le NFT non abbiano raggiunto livelli di adozione di massa. Ha detto a OKEx Insights:

"L’industria sta ancora imparando come applicare il concetto di NFT. Penso che, data la portata attualmente limitata, sia troppo presto per misurare l’hype. È più eccitante durante la fase esplorativa. L’arte e i giochi sembrano essere i primi a beneficiare degli NFT. Tuttavia, abbiamo già visto casi d’uso, come l’assicurazione tokenizzata, che mostrano come gli NFT abbiano un’ampia gamma di applicazioni."

Nella prima metà del 2020, l’importo di USD trasferito nell’ecosistema NFT raggiunto $ 233 milioni, in aumento del 52% rispetto all’intero 2019.

La prima metà del 2020 ha già visto flussi record di USD negli NFT. Fonte: Non fungibile

NFT e giochi: inserimento di risorse di gioco sulla blockchain

Si ritiene che gli NFT abbiano l’enorme potenziale per rivoluzionare l’industria dei giochi.

Nei giochi online tradizionali, le risorse di gioco degli utenti sono di proprietà del server centralizzato. Gli sviluppatori di giochi consentono ai giocatori di possedere le proprie risorse di gioco. Tuttavia, gli utenti in realtà non li possiedono.

La tecnologia blockchain consente una vera proprietà digitale sulle risorse di gioco. Quelli rappresentati da token non fungibili memorizzano i record di proprietà e i dettagli delle risorse sulla blockchain. Il trasferimento di NFT rappresenta il trasferimento di proprietà sugli asset, che non può essere fermato dagli sviluppatori del gioco. Mentre un gioco blockchain completamente decentralizzato potrebbe essere lento e goffo per i giocatori, le società di gioco considerato utilizzando la tecnologia per elaborare le transazioni di gioco mantenendo le effettive meccaniche di gioco sul server centralizzato.

Yat Siu, il fondatore di Animoca Brands, ritiene che le società di gioco possano ora offrire veri vantaggi economici ai giochi tramite NFT. Ha detto a OKEx Insights:

"Gli NFT conferiscono una vera proprietà digitale e consentono di fornire diritti di proprietà reale ai giocatori. Ciò significa che le società di gioco tradizionali possono ora offrire vantaggi economici reali ai giocatori: il concetto di valore può ora essere realizzato nel gioco. Questo è simile all’offerta di servizi di trading e di banca virtuale per le tue risorse di gioco."

Siu ritiene inoltre che gli NFT nei giochi siano sempre più integrati nell’ecosistema DeFi. Lui ha spiegato:

"Poiché le NFT sono, in sostanza, beni reali, puoi iniziare ad applicare i principi della vita reale, come il prestito o l’affitto dei beni. In F1 Delta Time, consentiamo lo staking di auto da corsa, che possono essere noleggiate ad altri giocatori per l’uso nel gioco."

Entrando più in dettaglio, Siu ha aggiunto:

"Forniamo anche premi di gara per i migliori giocatori, calcolati sull’importo che scommetti, quindi stiamo combinando il rendimento agricolo con un po ‘di divertimento. Tutti coloro che puntano il nostro token REVV possono ottenere un rendimento, ma i migliori giocatori ottengono un rendimento migliore! Abbiamo visto giocatori unirsi e formare squadre, alcuni fornendo finanziamenti e permettendo a coloro che sanno come giocare meglio di gareggiare e condividere i profitti."

Arte digitale

Prima della tecnologia blockchain, la mancanza di un’autenticazione adeguata per le opere d’arte era un grattacapo per gli artisti. Secondo un 2014 rapporto dal Fine Arts Expert Institute, oltre il 50% dell’arte è falsificata o non attribuita all’artista corretto. Questo è in gran parte un file risultato di documentazione impropria durante operazioni d’arte. Artisti e collezionisti privati ​​a volte non documentano i trasferimenti d’arte con accordi legali formali. Inoltre, gli acquirenti raramente conducono una due diligence formale sulle opere d’arte che hanno acquistato.

L’avvento della tecnologia blockchain offre il potenziale per affrontare la mancanza di provenienza delle opere d’arte. Ogni transazione nella vita di un’opera d’arte crea un nuovo blocco e si aggiunge al blocco precedente. Le transazioni sono a prova di manomissione sulla blockchain e nessuna parte può alterare i dettagli dell’opera d’arte memorizzati sulla blockchain. Ciò aumenta la trasparenza della provenienza e la fiducia tra acquirenti, venditori e collezionisti.

CryptoZR, un artista blockchain, ha dichiarato a OKEx Insights che la provenienza online è la principale differenza tra opera d’arte digitale e opera d’arte tradizionale. Ha commentato:

"La provenienza dell’opera d’arte tradizionale è condotta offline, che spesso richiede l’assistenza di terze parti. Ad esempio, artisti esperti, espositori ed esperti di commenti possono aiutare a determinare l’autenticità dell’opera d’arte. Al contrario, la blockchain consente la creazione online di opere d’arte originali e il processo di provenienza è condotto online."

CryptoZR ha aggiunto che un nuovo ecosistema di opere d’arte è emerso dall’avvento della blockchain, spiegando:

"L’opera d’arte tradizionale ha avuto un ecosistema maturo per secoli, dalla creazione dell’opera d’arte e dai meccanismi d’asta alle mostre d’arte e alle gallerie. L’avvento della blockchain ha portato all’ascesa di un mercato dell’arte tokenizzato, scambi d’arte decentralizzati e mostra di opere d’arte virtuale, che porta un nuovo ecosistema all’industria dell’arte."

L’opera d’arte può essere rappresentata da un token non fungibile sulla blockchain e ogni token possiede caratteristiche uniche, come l’origine, la proprietà e i record di vendita.

Inoltre, mentre il settore delle vendite d’arte è percepito come un mercato per individui con un patrimonio netto elevato e investitori angelici, la tokenizzazione delle opere d’arte apre il mercato agli acquirenti al dettaglio. La tokenizzazione delle opere d’arte consente la proprietà frazionata per gli investitori al dettaglio che non hanno accesso a un capitale enorme.

Scambi artistici decentralizzati

La tokenizzazione delle opere d’arte ha anche portato alla nascita di scambi artistici decentralizzati.

Gli scambi d’arte basati su blockchain consentono di risparmiare sui costi generali di gestione delle gallerie d’arte fisiche. Inoltre, piattaforme come Blockchain Art Exchange e la piattaforma basata su Ethereum DADA consentono le criptovalute come forma di pagamento. Gli scambi di arte decentralizzati sono un fattore chiave per il crescita delle piattaforme di vendita d’arte online da circa 5,9 miliardi di dollari nel 2020 a 9,32 miliardi di dollari previsti entro il 2024.

Oltre agli scambi d’arte decentralizzati, le tradizionali case d’asta d’arte hanno iniziato a semplificare le loro operazioni con la tecnologia blockchain. Ad esempio, la prima casa d’aste Christie’s pilotato l’uso della tecnologia blockchain con Artory nel novembre 2018. Entrambe le parti hanno prodotto certificati digitali per una vendita d’arte da 300 milioni di dollari che includeva le opere di Georgia O’Keeffe ed Edward Hopper. L’8 ottobre, Christie’s lanciato la sua prima asta in NFT per l’opera d’arte ispirata a Bitcoin "Blocco 21," che è stato venduto per $ 131.250.

Gli NFT possono diventare mainstream?

Mentre gli NFT hanno riguadagnato l’attenzione della comunità ancora una volta da CryptoKitties all’inizio del 2018, ci sono ancora ostacoli da superare per gli NFT prima che diventino mainstream.

Uno di questi ostacoli riguarda la regolamentazione. Sebbene le NFT concedano ai detentori la proprietà dell’asset sottostante, non vi è consenso legale sulla natura delle NFT, indipendentemente dal fatto che siano token di utilità, token di sicurezza, token di valuta o appartengano a una nuova classe di asset. Henri Arslanian, il leader mondiale delle criptovalute di PwC, ha dichiarato a OKEx Insights che i regolatori non sono giunti a un consenso sull’opportunità di applicare le normative sui titoli alle NFT. Lui ha spiegato:

"La giuria non è ancora in grado di stabilire se le NFT debbano essere o addirittura possano essere regolamentate. Sebbene la maggior parte concordi sulla necessità di una supervisione sulle piattaforme in cui tali NFT vengono offerti e scambiati, non vi è ancora consenso su quale tipo di NFT debba essere regolamentato. Alcuni ritengono che dovrebbero rientrare nel mandato dei regolamenti sui titoli. Altri sostengono che sono semplicemente unici per le loro caratteristiche e funzioni e includerli nella sfera dei titoli non sarebbe appropriato."

L’esperienza dell’utente è un’altra area attualmente carente nello spazio NFT. Nonostante il recente clamore del mercato, l’ecosistema resti nascente. Le comunità crittografiche, in generale, spesso non comprendono i meccanismi di NFT e lotta per coniare le proprie NFT. Inoltre, mancano mercati NFT consolidati.

Ilya Abugov ha anche sottolineato che l’istruzione e l’esperienza dell’utente, a parte le normative, sono i maggiori ostacoli che devono affrontare le NFT e la loro spinta a diventare mainstream. Ha spiegato a OKEx Insights:

"L’istruzione e l’esperienza / interfaccia dell’utente saranno i maggiori ostacoli. Ciò è particolarmente vero per i segmenti di giocatori e oggetti da collezione. Per ottenere un’adozione significativa di un gioco che utilizza NFT, gli editori dovranno progettare e commercializzare adeguatamente un gioco interessante. Non sarà sufficiente aggiungere un tag NFT e sperare che l’economia si prenda cura di se stessa. Inoltre, il pubblico in generale dovrà essere istruito sugli usi e le funzionalità delle NFT."

Arslanian di PwC condivide una visione simile con Abugov. Ha aggiunto nei suoi commenti:

"Occorre ancora molta educazione e consapevolezza sul tema delle NFT prima che possiamo vederle diventare mainstream. Ci vuole tempo."

Infine, il wash trading è una preoccupazione nel mercato NFT, dove i trader possono potenzialmente impegnarsi nella creazione di una falsa domanda per un particolare token o indurre intenzionalmente in errore i partecipanti al mercato. In un tipico esempio di wash trading, le attività vengono scambiate tra due indirizzi di portafoglio frequentemente in un breve lasso di tempo. Quando gli investitori inseriscono l’ordine di vendita, effettuano un ordine di acquisto per soddisfare il proprio ordine di vendita.

Un tipico esempio di wash trading, in cui l’asset viene scambiato sei volte in 24 ore. Fonte: Non fungibile

I team di progetto e le piattaforme statistiche possono aiutare a mitigare il wash trading delle NFT. Per i team di progetto, possono imporre commissioni di mercato più elevate durante la progettazione di strutture di ricompensa. Quando la ricompensa è inferiore al costo dell’attacco, i trader avranno meno probabilità di eseguire operazioni di lavaggio. D’altra parte, gli aggregatori di statistiche e le piattaforme devono sviluppare metodi per rilevare il wash trading e facilitare la scoperta dei prezzi per le NFT.

Sebbene lo spazio NFT sia ancora in fase di sviluppo e si trovi ad affrontare diversi ostacoli sulla sua strada verso l’adozione mainstream, ha l’entusiasmante potenziale per rivoluzionare vari settori. Come affermato da Arslanian:

"Gli NFT consentiranno agli utenti una migliore proprietà, tracciabilità, interoperabilità e scambio di risorse “digitali”, dagli elementi introdotti nei videogiochi ai nuovi oggetti da collezione digitali. Sebbene non sia del tutto una nuova asset class, le possibilità che gli NFT sbloccano sono nuove e molto eccitanti."

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map