Il TON di Telegram è finito: la saga completa dietro il progetto Blockchain fallito

Martedì 12 maggio, il fondatore e CEO di Telegram Pavel Durov annunciato la fine di Telegram Open Network (TON), l’azienda molto atteso piattaforma blockchain. La società aveva raccolto quasi $ 2 miliardi nel 2018 per finanziare lo sviluppo di TON e della sua criptovaluta nativa.

In un articolo intitolato “What Was TON And Why It Is Over”, pubblicato martedì sul canale Telegram di Durov, ha spiegato che Telegram stava ufficialmente terminando il suo lavoro su TON a causa degli ostacoli normativi che ha dovuto affrontare negli Stati Uniti in vista del lancio della piattaforma.

Come afferma il post di Durov, la piattaforma – la cui data di lancio era stata ripetutamente ritardata negli ultimi sette mesi – mirava a essere un protocollo blockchain decentralizzato e open source con un focus su velocità e scalabilità.

Dall’ottobre 2019, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha coinvolto Telegram e TON in una battaglia legale sulla natura della criptovaluta nativa di TON, Gram. La SEC sostiene che Gram sia un titolo e che il suo lancio – in qualsiasi parte del mondo – viola le leggi statunitensi sui titoli.

La controversia in corso si è intensificata tra la fine di marzo e l’inizio di aprile, quando un tribunale distrettuale di New York si è pronunciato a favore dell’argomento della SEC secondo cui i Gram sono titoli.

Cos’è Telegram?

Indicato come il messenger preferito app nello spazio crittografico, Telegram è un’app di messaggistica crittografata basata su cloud con oltre 400 milioni di utenti in tutto il mondo, a partire dalla fine di aprile. L’app è stata creata nel 2013 da Durov e suo fratello, Nikolai, gli imprenditori russi che hanno anche creato il paese maggiore social network, VKontakte (VK).

Secondo quanto riferito, nell’aprile 2014 è stato Pavel licenziato come CEO di VK e costretto a vendere la sua quota nell’azienda. Secondo quanto riferito, ha lasciato la Russia poco dopo ottenendo cittadinanza a St. Kitts e Nevis. Dall’incidente, e insieme all’aumento della popolarità di Telegram, Pavel in particolare lo è stato salutato a livello globale come sostenitore della libertà, della privacy e del decentramento, soprattutto perché Telegram ha affrontato i tentativi del governo di chiudere il servizio di messaggistica in Russia, Iran e Cina, tra gli altri stati.

Raccolta fondi TON

La notizia del piano di Telegram di lanciare il suo propria blockchain piattaforma è emersa alla fine del 2017. La piattaforma Libro bianco TON, primo trapelato al pubblico nel gennaio 2018, evidenzia scalabilità e velocità, sostenendo che la rete potrebbe eventualmente competere con VISA o Mastercard.

Entro la prima metà del 2018, la società aveva raccolto oltre $ 1,7 miliardi di dollari in quello che molti chiamavano a offerta iniziale di monete private (ICO). Secondo quanto riferito, come investitori notato all’epoca, tuttavia, la vendita di token di Telegram aveva poco in comune con le ICO pubbliche la cui popolarità ha raggiunto il picco nel 2017. Durante la frenesia pubblica di ICO, una sfilza di progetti blockchain – o quelli che affermavano di esserlo – hanno venduto i loro token al grande pubblico di solito in cambio delle principali criptovalute come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH).

Invece, la vendita di Grammi da parte di Telegram o, per essere più precisi, pagherò per la consegna di Grammi, denominati “Contratti di acquisto” in atti giudiziari – aveva più in comune con il finanziamento del capitale di rischio. I grammi sono stati venduti per denaro fiat, in particolare euro e dollari statunitensi, a un gruppo selezionato di investitori di alto profilo.

Tra febbraio e marzo 2018, Telegram ha tenuto due consecutive round di raccolte fondi private, raccogliendo 850 milioni di dollari ogni volta.

Secondo il Deposito del tribunale dell’11 ottobre 2019 da parte della SEC, $ 424,5 milioni del capitale raccolto provengono da 39 investitori statunitensi, che hanno acquistato un totale di 1 miliardo di accordi di acquisto di Gram.

Gli accordi di acquisto che Telegram ha venduto agli investitori di TON hanno promesso che il lancio della rete e la consegna simultanea dei token Gram effettivi sarebbero avvenuti il ​​31 ottobre 2019.


Telegram ha presentato istanza di esenzione dalla legge sui titoli degli Stati Uniti

Quando Telegram ha intrapreso le sue due vendite private di raccolta fondi di Gram, l’azienda era evidentemente attenta a rispettare le normative applicabili, almeno per quanto riguarda gli investitori statunitensi. Negli Stati Uniti, noto per la sua mancanza di chiarezza normativa e orientamenti intorno alle criptovalute, in particolare per quanto riguarda la legge sui titoli: Telegram ha richiesto l’esenzione alla SEC per entrambe le vendite del contratto di acquisto.

Presentando il modulo D della SEC (Avviso di offerta esente di titoli), Telegram ha riconosciuto che i contratti di acquisto di Gram potrebbero essere considerati titoli ai sensi della legge statunitense. Il modulo D consente all’emittente di vendere titoli negli Stati Uniti senza registrarsi presso la SEC, se la vendita soddisfa determinati requisiti.

All’interno del modulo D, è stato selezionato Telegram Regola 506 (c) come sua esenzione federale applicabile in entrambi i documenti. Questa regola consente all’emittente di vendere titoli non registrati negli Stati Uniti a investitori accreditati solo.

Come osserva la SEC sul suo sito web, Gli investitori accreditati che acquistano titoli ai sensi di questa esenzione non sono autorizzati a vendere detti titoli per “almeno sei mesi o un anno senza registrarli”.

La SEC ammette nei documenti del tribunale che Telegram ha incluso un avvertimento negli accordi di acquisto di Gram, evidentemente giocando sul sicuro, che affermava che “l’offerta e la vendita di questo titolo [il contratto di acquisto di Gram stesso] non è stata registrata ai sensi dello US Securities Act of 1933 “e” non possono essere offerti, venduti o trasferiti in altro modo … se non ai sensi di una dichiarazione di registrazione effettiva. “

SEC fa un giro di vite su TON

L’11 ottobre 2019, venti giorni prima del lancio previsto di TON, il SEC archiviato un’azione di emergenza e un ordine restrittivo temporaneo per impedire a Telegram di lanciare TON. La mossa ha segnato l’inizio della fine per il progetto TON.

La SEC ha chiesto al tribunale di impedire a Telegram di “consegnare Grams a qualsiasi persona o di prendere qualsiasi altra misura per effettuare qualsiasi offerta o vendita non registrata di Grams [.]”

L’azione della SEC, presentata a un tribunale distrettuale di New York, ha accusato Telegram Group Inc. e la sua controllata, TON Issuer Inc., di violare la legge federale sui titoli, nonostante i tentativi dell’azienda di ottenere esenzioni per le sue vendite private.

Prima di tutto, la Commissione ha affermato categoricamente di considerare sia i contratti di acquisto (i Gram IOU) che i token Gram stessi. I Grams, ha affermato la SEC nella sua denuncia, dovevano quindi essere registrati come titoli prima di essere lanciati e distribuiti agli investitori.

La SEC ha diviso la sua argomentazione secondo cui Telegram stava violando le leggi sui titoli in quelli che sembrano essere due punti principali. La prima violazione, ha affermato la Commissione, era già avvenuta: la cessione dei contratti di acquisto Gram nel 2018 non ha infatti beneficiato dell’esenzione.

La seconda violazione, secondo la SEC, è più orientata al futuro. L’agenzia sostiene che i Gram stessi sono titoli e che Telegram “intende” vendere “o distribuire in altro modo” i Gram al pubblico una volta che TON sarà lanciato.

“Telegram ha offerto e venduto titoli e intende offrire e vendere Grams al pubblico in futuro”, ha concluso la SEC nel suo reclamo.

La SEC ha chiarito che ritiene che Telegram intendesse scambiare Grams negli scambi non appena il token è stato lanciato.

Mercati secondari che vendono “Grammi” prima del lancio

Nell’estate del 2019, sono emersi rapporti che le piattaforme di criptovaluta vendevano token Gram, anche se i token stessi dovevano, ovviamente, ancora essere lanciati. Nessuno degli scambi ha avuto accesso ai Grams effettivi, né queste vendite secondarie speculative sono state approvate pubblicamente o sostenute da Telegram o TON. Ma le mosse hanno indicato la domanda e l’hype che si stavano accumulando intorno a TON prima del suo lancio previsto.

I due casi più noti sono stati gli scambi crittografici Liquido e Bitforex, che hanno annunciato le vendite di Gram rispettivamente a giugno e luglio 2019. Liquido annunciato che era la “piattaforma esclusiva” per la vendita di Gram, affermando che aveva ricevuto una fornitura di Gram dal più grande investitore nel token in Asia. Bitforex ha affermato di avere 1 milione di Gram disponibili per la vendita, “[f] a seguito di un accordo diretto con un partecipante alla vendita di token privati ​​originale di Telegram”. Più specificamente, Bitforex ha affermato che ciò che vendeva agli utenti erano in realtà “contratti di consegna fisica di futures” in cambio di USDT.

Accordi di acquisto di Gram come titoli

I procedimenti legali della SEC dell’ottobre 2019 hanno messo Telegram e le sue ambizioni TON in una situazione molto difficile. L’azienda ha rafforzato le sue difese e ritardato il lancio dal 31 ottobre 2019 al 30 aprile 2020.

In Telegram’s difesa, depositato il 14 gennaio 2020, la società ha accusato la SEC di fondere la sua valutazione degli accordi di acquisto e dei token stessi, nonché di utilizzare argomenti deliberatamente poco chiari.

Dato che Telegram, secondo tutti i rapporti, ha effettivamente venduto contratti di acquisto di Gram a investitori accreditati negli Stati Uniti, perché le vendite non sarebbero esentate dalla legge sui titoli?

Il nocciolo dell’accusa della SEC dipende dall’idea che gli investitori accreditati in TON fossero in realtà “sottoscrittori”. Secondo il reclamo della SEC, i sottoscrittori “includono tutte le persone che potrebbero operare come conduttori di titoli messi nelle mani del pubblico degli investitori”.

La SEC sostiene che gli investitori TON sono sottoscrittori in quanto è probabile che “rivenderanno prontamente milioni di loro [Grammi] nei mercati pubblici”. Non solo gli investitori “rivenderanno prontamente” i loro Gram a scopo di lucro, ma Telegram stesso “faciliterà queste vendite”, ha affermato la SEC.

La SEC ha anche indicato le aspettative di profitto nella sua argomentazione, sostenendo che gli investitori iniziali erano motivati ​​da queste aspettative ad agire come “canali” per la vendita di Gram al pubblico. Evidentemente, l’argomento della SEC per il motivo per cui un’eccezione non si applica in questo caso si concentra sull’intento sia di Telegram che degli investitori iniziali:

“Le esenzioni per le offerte private non si applicano a Grams perché, tra le altre cose, gli Acquirenti iniziali intendevano rivendere i Gram acquistati con un forte sconto a nuovi investitori. In effetti, se non potessero impegnarsi in queste rivendite, nessuno degli investimenti degli acquirenti iniziali sarebbe redditizio “

Il “forte sconto” si riferisce al fatto che i contratti di acquisto di Gram sono stati venduti a un prezzo inferiore a quello che Telegram si aspettava che fosse il prezzo di Gram quando sono stati lanciati.

Più in generale, l’argomento della SEC afferma che Telegram aveva sempre pianificato la distribuzione su larga scala di Gram, affermando che la blockchain era “progettata sin dall’inizio per richiedere agli acquirenti iniziali di distribuire immediatamente le loro partecipazioni al pubblico”. Il reclamo della SEC continua:

“Telegram, con le sue offerte e vendite agli acquirenti iniziali, ha avviato una distribuzione di titoli, che coinvolge il flusso di titoli da un emittente attraverso conduit e al pubblico in generale”

Parlando della sua preoccupazione, la SEC usa un linguaggio esplicitamente ipotetico, affermando:

“Gli imputati intendono vendere miliardi di titoli che finiranno presto nelle mani degli investitori statunitensi senza fornire a tali investitori informazioni importanti sulle loro operazioni commerciali, condizioni finanziarie, fattori di rischio e gestione”.

Da parte sua, Telegram sostiene a sua difesa che gli accordi di acquisto del 2018 con investitori accreditati e la consegna dei Gram quando viene lanciata la blockchain TON costituiscono due transazioni distinte. Secondo la difesa, dovrebbero essere esaminati separatamente dal punto di vista del diritto dei titoli. La SEC dovrebbe, secondo questa logica, condurre il test Howey al lancio della blockchain TON e non prima.

Telegram ha anche notato di aver trascorso 18 mesi a sollecitare consigli e indicazioni dalla SEC e di aver incontrato e comunicato con l’agenzia molte volte. Tuttavia, l’azienda afferma di non aver ricevuto “indicazioni significative” e che il reclamo della SEC è stato inaspettato e “affrettato”. Anche Telegram ha criticato aprile 2019 guida sulla determinazione se le risorse digitali siano o meno titoli, rilasciati dallo Strategic Hub for Innovation and Financial Technology della SEC, in quanto troppo vaghi.

Telegram ha inoltre sostenuto che la questione se gli accordi di acquisto della Gram fossero o meno titoli era irrilevante, poiché la vendita era esente dai requisiti di registrazione. La difesa di Telegram critica l’attenzione della SEC sul fatto che gli accordi di acquisto siano titoli – e la sua inclusione di comunicazioni private tra l’azienda e gli investitori – sottolineando che l’azienda ha presentato istanza di esenzione proprio a causa di questa possibilità.

Gettoni Gram come titoli

Oltre agli accordi di acquisto di Gram come titoli, la SEC ha dichiarato di considerare gli stessi token Gram – che devono ancora essere lanciati – anche titoli.

Nell’ottobre 2019 denuncia contro Telegram, la SEC ha dichiarato che la sua sentenza sui token ancora da lanciare ha a che fare anche con il profitto atteso:

“I grammi sono titoli perché gli acquirenti iniziali e i successivi investitori si aspettano di trarre profitto dal lavoro di Telegram: lo sviluppo di un” ecosistema “TON, l’integrazione con Messenger e l’implementazione della nuova Blockchain TON.”

La SEC utilizza il cosiddetto “Howey test“Per determinare se un asset è o meno un titolo, e più specificamente un” contratto di investimento “, negli Stati Uniti. Se lo è, il bene deve essere registrato presso la SEC per essere venduto sui mercati statunitensi.

I contratti di investimento, come ha riassunto la SEC nella loro denuncia, sono “strumenti attraverso i quali un individuo investe denaro in un’impresa comune e si aspetta ragionevolmente profitti o rendimenti derivati ​​dagli sforzi imprenditoriali o gestionali di altri”.

Nel caso di Gram, la SEC ha stabilito che i token dovrebbero essere classificati come contratti di investimento. Utilizzando esplicitamente il linguaggio del test di Howey, la conclusione della SEC è stata che gli acquisti di Grams – sia tramite contratti di acquisto che effettivi token potenziali – si adattano alla fattura di un titolo:

“Gli acquisti di Grammi da parte degli Acquirenti iniziali, e qualsiasi acquisto successivo di Grammi, erano e saranno un investimento di denaro, in un’impresa comune, con un’aspettativa di profitti, derivati ​​principalmente dagli sforzi imprenditoriali e gestionali attuali e futuri dei Convenuti e i loro agenti per costruire la Blockchain TON e guidare la domanda di Grams. Di conseguenza, l’offerta e la vendita di Grammi da parte di Telegram agli acquirenti iniziali e qualsiasi imminente offerta, vendita o distribuzione di Grammi erano e saranno offerte e vendite di titoli. “

Telegram dice che Gram non è un titolo, ma una valuta o una merce

Telegram’s difesa ha confutato l’interpretazione della SEC del test di Howey sull’effettivo token Gram sulla base di due punti. Telegram ha affermato che Gram, al momento del lancio, non poteva essere considerata una “impresa comune”. L’azienda ha anche confutato l’idea che gli acquirenti di token Gram potessero avere aspettative di profitto sulla base degli sforzi di Telegram.

Entrambi gli argomenti di Telegram si basano sulle sue precedenti affermazioni secondo cui la blockchain TON sarà decentralizzata e open-source una volta lanciata e che Telegram non manterrà il controllo sul suo sviluppo. UN inviare da Telegram il 6 gennaio – che l’azienda ha citato nella sua risposta in tribunale – afferma: “Telegram non garantisce e non può garantire che qualcuno adotterà o implementerà tali funzionalità o fornirà tali servizi, in un determinato orario o del tutto”.

Telegram sostiene che Gram, una volta lanciato, funzionerà come una valuta o anche come una merce, come l’oro o l’argento. Nella sua difesa legale, l’azienda afferma che “i Gram sono destinati a funzionare come una riserva di valore e un mezzo di scambio sulla Blockchain TON, simile alla funzionalità di Bitcoin”.

A differenza dei titoli o delle azioni, Telegram sostiene che i token Gram non rappresentano “alcuna quota o altra partecipazione di proprietà in Telegram, alcun diritto ai dividendi o altri diritti di distribuzione da Telegram, o alcun diritto di governance in Telegram”.

L’affermazione di Telegram secondo cui Gram avrebbe funzionato come denaro è una nozione presentata nella documentazione di TON per gli investitori. L’azienda ha spiegato che Gram sarebbe la criptovaluta nativa della blockchain TON e come tale potrebbe essere utilizzata con l’ecosistema di applicazioni decentralizzate che dovrebbe formarsi attorno ad esso, simile a ETH all’interno dell’ecosistema Ethereum.

Nella sua denuncia originale, la SEC ha tentato di confutare la nozione di Gram come denaro affermando che nessuno dei potenziali usi di Gram che Telegram ha descritto “esisteva in qualsiasi momento e Grams non ha corso legale in nessuna giurisdizione […] Non ci sono ora e non ci sono mai stati prodotti o servizi che possono essere acquistati con Grams. ”

La dichiarazione sembra implicare che le criptovalute decentralizzate, come BTC o ETH, devono avere corso legale per funzionare come denaro. Per quanto riguarda l’utilizzo da parte di Gram di potenziali servizi e strumenti basati su TON, la risposta di Telegram alla SEC è stata che gli sviluppatori di terze parti avevano già iniziato a creare applicazioni per Gram, una tendenza che ci si aspettava che continuasse.

La connessione Telegram e TON

Nonostante le ripetute affermazioni di Telegram secondo cui non avrebbe controllato o supervisionato lo sviluppo di TON dopo il suo lancio, una delle principali affermazioni della SEC era incentrata sulla nozione opposta. La posta in gioco, ancora una volta, è uno dei pilastri del test di Howey: l’aspettativa di profitto basata sul lavoro di Telegram.

La SEC sostiene che Telegram abbia chiarito che i profitti di Gram erano in realtà direttamente correlati alle prestazioni dell’azienda, sostenendo:

“Telegram ha sottolineato agli investitori e alcuni acquirenti iniziali hanno dichiarato nelle comunicazioni di aver capito che Telegram, Messenger e Durov erano parte integrante del successo del progetto TON Blockchain e di Grams.”

La SEC ha evidenziato la relazione tra la blockchain di TON e il messenger di Telegram, sostenendo che gli investitori iniziali in TON avevano l’impressione che ci fosse una “connessione inestricabile tra Grams e Messenger”.

Secondo la denuncia della SEC, il documento di indicazione di interesse di Telegram per gli investitori affermava che l’azienda avrebbe “utilizzato i proventi generati dalla vendita di Grams per sviluppare e lanciare la rete TON e sviluppare funzionalità associate all’interno di Telegram Messenger”.

Altri documenti del 2018, ha riferito la SEC, contengono riferimenti ancora più espliciti alla base di utenti di Telegram che prevede l’adozione di massa di Grams.

La Commissione ha anche sottolineato le caratteristiche incentrate sulla privacy di Telegram affermando che “una volta che i Grams saranno distribuiti al pubblico, potrebbe essere difficile, se non impossibile, rintracciare chi ha acquistato Grams e / o sapere chi è un investitore attuale in Grams”.

Il reclamo SEC si conclude sull’argomento:

“I documenti di offerta e altre comunicazioni hanno chiarito in altri modi che gli investitori potevano ragionevolmente aspettarsi che gli sforzi dei Convenuti per l’impresa continuassero dopo il lancio di Grams e che Telegram e / oi suoi fondatori avrebbero mantenuto un interesse finanziario e il ruolo principale nel successo della TON proposta anche dopo il lancio di Grams. “

La difesa di Telegram sottolinea la tempistica delle dichiarazioni citate dalla SEC nel confutare le affermazioni. L’azienda sostiene che le dichiarazioni sulle qualifiche di Telegram e il coinvolgimento nella costruzione di TON sono state, naturalmente, fornite agli investitori sofisticati che hanno preso parte alla vendita degli accordi di acquisto di Gram nel 2018.

Tuttavia, sostiene Telegram, l’azienda è stata attenta a non commentare pubblicamente i piani di Telegram per TON. A partire dal post del 6 gennaio 2020, in particolare, l’azienda aveva chiarito esplicitamente che nel momento in cui il pubblico avrebbe potuto acquistare Grams, Telegram stesso non avrebbe più controllato il progetto.

La sentenza della corte: “schema” di Telegram

Il 24 marzo 2020, il giudice P. Kevin Castel del tribunale distrettuale degli Stati Uniti del sud di New York governato a favore della SEC nel caso in corso della Commissione contro Telegram e ha promesso di fermare il lancio di TON.

La sentenza del giudice Castel ha sostenuto l’argomento principale della SEC secondo cui l’intera vendita di Grams da parte del progetto TON era un’offerta non registrata di titoli:

“Esaminando la totalità delle prove e considerando le realtà economiche, la Corte rileva che la SEC ha mostrato una sostanziale probabilità di successo nel dimostrare che le vendite del 2018 facevano parte di uno schema più ampio, manifestato dalle azioni, dal comportamento, dalle dichiarazioni e dalle intese di Telegram , di offrire Grammi agli Acquirenti Iniziali con l’intento e lo scopo che questi Grammi siano distribuiti in un mercato pubblico secondario, che è l’offerta di titoli sotto Howey. “

In risposta alla sentenza del 24 marzo, Telegram archiviato un avviso di appello alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito lo stesso giorno. Tre giorni dopo, l’azienda ha depositato un lettera alla corte sollevando la questione delle implicazioni per gli investitori non statunitensi, che, secondo Telegram, costituivano il 70% degli investitori. La lettera ha anche aggiunto che Telegram potrebbe “implementare misure di salvaguardia” per impedire agli investitori statunitensi di acquistare Grams in futuro.

Nonostante l’appello di Telegram e l’offerta di escludere completamente i cittadini statunitensi, il giudice è rimasto impassibile. Il 1 aprile, alla fine, il tribunale accolto la sua sentenza del 24 marzo, che nega a Telegram la possibilità di distribuire liberamente Grams a qualsiasi persona / entità all’interno o al di fuori degli Stati Uniti.

Il giudice ha specificamente notato che Telegram non aveva espressamente notato la portata internazionale della denuncia originale della SEC nella sua risposta del gennaio 2020, il che ha fatto sembrare che un pensiero dopo aver evidentemente indebolito il suo argomento nella lettera del 27 marzo.

La sentenza finale ha anche in qualche modo chiarito le affermazioni originali della SEC facendo riferimento alla presunta violazione dei titoli di Telegram come un “intero schema”. Secondo il giudice, l’argomento non è se gli accordi di acquisto oi token Gram stessi fossero titoli, piuttosto la sicurezza è “l’intero schema” di Telegram di vendita prima agli investitori accreditati con l’intenzione che quegli investitori vendessero i Gram al pubblico.

È interessante notare che né la SEC né il giudice hanno sollevato esplicitamente la finestra temporale per la rivendita di titoli prevista in Regola 506, sopra menzionato.

La sentenza finale ha concluso che questa presunta vendita pubblico-privato “probabilmente coinvolgerà acquirenti statunitensi”, il che significa che, agli occhi della SEC, deve essere interrotta del tutto.

Di martedì inviare annunciando la chiusura di TON, il CEO di Telegram ha tentato di spiegare la logica della SEC – e di conseguenza della corte – utilizzando una miniera d’oro come analogia, dove TON è la miniera d’oro e Grams sono l’oro:

“Immagina che diverse persone mettano insieme i loro soldi per costruire una miniera d’oro e in seguito per dividere l’oro che ne esce. Poi arriva un giudice e dice ai costruttori di miniere: ‘Molte persone hanno investito nella miniera d’oro perché cercavano profitti. E non volevano quell’oro per se stessi, volevano venderlo ad altre persone. Per questo motivo, non ti è permesso dare loro l’oro. “[…] Un giudice ha usato questo ragionamento per stabilire che le persone non dovrebbero essere autorizzate a comprare o vendere Grams come se potessero comprare o vendere Bitcoin.”

Rimborso agli investitori

Sulla scia della sentenza del tribunale, Telegram inviato una lettera del 4 maggio agli investitori di US TON in particolare, dicendo loro di lasciare il progetto. L’azienda ha citato “l’atteggiamento normativo incerto negli Stati Uniti” come motivo dietro la mossa.

Telegram ha detto agli investitori statunitensi che avrebbe rimborsato il 72% dei loro fondi. La mossa era un aggiornamento di un altro Avviso a tutti gli investitori TON il 30 aprile, il che ha lasciato loro la possibilità di scegliere immediatamente il rimborso del 72% o di attendere fino all’aprile 2021 per un rimborso del 110% tramite prestito. L’aprile 2021 è diventata anche la nuova data di lancio target per il progetto blockchain.

L’avviso di Telegram del 30 aprile agli investitori indicava che l’azienda stava ancora parlando con le autorità di regolamentazione e lasciava aperta la possibilità che altri metodi di rimborso potessero diventare disponibili dal lancio di TON:

“Stiamo continuando a dialogare con le autorità competenti in relazione a TON e all’emissione di token agli acquirenti originali. Se otteniamo le autorizzazioni pertinenti prima del 30 aprile 2021, gli acquirenti che hanno optato per il prestito avranno l’ulteriore opzione di ricevere Grammi o potenzialmente un’altra criptovaluta alle stesse condizioni dei loro contratti di acquisto originali (nella misura consentita dalle normative applicabili restrizioni). “

Telegram ha ribadito il suo impegno nei confronti degli investitori aggiungendo che, nel caso in cui la SEC non consenta l’emissione di alcuna criptovaluta entro la scadenza del 30 aprile 2021, la società rimborserà il proprio debito tramite azioni (l’azienda è attualmente di proprietà al 100% AMMINISTRATORE DELEGATO).

Il comunicato stampa della società, diffuso via e-mail agli investitori di TON, si è concluso con una nota misurata ma comunque ottimistica:

“Siamo grati per la fiducia e il supporto dimostrati negli ultimi due anni. Siamo molto orgogliosi della tecnologia che abbiamo costruito per TON e ci rammarichiamo che il progetto non sia stato ancora autorizzato a lanciare “.

Gli sviluppatori lanciano la versione TON senza Telegram

Data la natura open source di TON, gli sviluppatori al di fuori di Telegram e TON potrebbero tecnicamente lavorarci sopra e lanciarlo separatamente.

La scorsa settimana – anche prima della notizia del ritiro di Telegram da TON – una startup ha annunciato che stava facendo proprio questo. L’azienda, Ton Labs, ha lanciato la propria versione della blockchain TON – effettivamente un hard fork – soprannominata Free TON. L’avvio non è ufficialmente associato a Telegram o al TON originale, ma in precedenza eseguiva la rete di test di TON.

Ton Labs disse il suo obiettivo è rendere la rete disponibile al pubblico senza attendere che Telegram superi gli ostacoli normativi, in particolare quelli con la SEC.

"La rete non deve essere censurata, deve andare al mondo," Mitya Goroshevsky, chief technology officer di TON Labs disse in una chiamata Zoom in live streaming il 7 maggio. Durante la chiamata, il team ha lanciato il blocco genesi della rete.

Nel post di ieri, Durov ha notato la probabilità che progetti separati da Telegram e TON utilizzino potenzialmente il codice e il marchio del progetto. Ha chiarito:

“Nessun membro presente o passato del nostro team è coinvolto in nessuno di questi progetti. Sebbene possano apparire reti basate sulla tecnologia che abbiamo creato per TON, non avremo alcuna affiliazione con loro ed è improbabile che le supporteremo mai in alcun modo. “

La dichiarazione è in linea con quanto Telegram ha pubblicamente pubblicato in precedenza dichiarato:

“Il codice per TON Blockchain sarà sempre open source e visualizzabile pubblicamente. Una volta avviato, Telegram occuperà l’estensione stessa posizione come qualsiasi altra parte rispetto alla Blockchain TON e non avrà alcun controllo oltre, qualsiasi diritto unico all’interno o qualsiasi responsabilità per la gestione di TON Blockchain. “

La decisione di Telegram di abbandonare TON

Nel suo post di martedì, Durov ha espresso frustrazione e tristezza di fronte alla battaglia della SEC per bloccare il lancio della blockchain TON.

Il fondatore di Telegram ha spiegato che l’azienda, alla fine, ha rinunciato a lanciare la sua piattaforma blockchain a livello globale a causa degli ostacoli che aveva dovuto affrontare specificamente con i regolatori statunitensi.

Nel post, Durov ha spiegato che la decisione di fermare TON si basa su quella che considera la presa egemonica degli Stati Uniti sulla finanza e sulla tecnologia globali. Spiegando il motivo per cui l’azienda sta abbandonando il suo attesissimo progetto di 2,5 anni, ha dichiarato:

“Questa decisione del tribunale implica che altri paesi non hanno la sovranità di decidere cosa è bene e cosa è male per i propri cittadini […] Purtroppo, il giudice degli Stati Uniti ha ragione su una cosa: noi, le persone al di fuori degli Stati Uniti , possono votare per i nostri presidenti ed eleggere i nostri parlamenti, ma dipendiamo ancora dagli Stati Uniti quando si tratta di finanza e tecnologia (fortunatamente non caffè) “.

La critica di Durov agli Stati Uniti

In un separato inviare pubblicato in russo il 7 maggio, Durov ha risposto a un recente video di uno dei blogger di YouTube più famosi della Russia. Il video mostrava imprenditori espatriati russi che si erano trasferiti nella Silicon Valley e lì avevano avuto successo. Durov ha criticato quella che vedeva come unilateralità del video, esponendo sette motivi per cui gli imprenditori non si trasferiscono nella Silicon Valley.

In effetti, il suo post critica non solo l’hub dell’industria tecnologica, ma la politica degli Stati Uniti e gli standard di vita in generale, comprese le tasse elevate, uno stato di polizia e un’assistenza sanitaria inaccessibile tra i sette motivi. Ha concluso l’articolo con la dichiarazione:

“L’America è ancora in grado di attirare alcuni degli imprenditori e sviluppatori già affermati di tutto il mondo con denaro da investitori a buon mercato, ma trasferirsi negli Stati Uniti oggi è come acquistare un asset al suo valore massimo.”

La community di Crypto reagisce

Su Twitter crittografico, i commentatori del settore hanno generalmente accolto la notizia della chiusura di TON con delusione e un tocco di disprezzo.

Michael Arrington, fondatore di TechCrunch, ha commentato il decisione del tribunale in un tweet il 12 maggio, definendolo “assurdo”:

Il fondatore di Block Mike Dudas espresso delusione per la svolta degli eventi, prendendo anche un colpo al finanziamento record di Telegram:

https://twitter.com/mdudas/status/1260258537072144386

Meltem Demirors, anche chief strategy officer di CoinShares interrogato l’enorme round di finanziamento in un tweet lo stesso giorno, affermando:

“[…] forse si può creare” decentralizzazione, equilibrio ed equità nel mondo “senza $ 1,7 miliardi per un token?”

La giornalista tecnologica del New York Times Nathaniel Popper, che spesso si occupa di crittografia e blockchain, ha fornito una prospettiva diversa e più cinica. Lui sostenuto che la decisione di Telegram di combattere il caso è stata sconsiderata:

Durov sta proteggendo Telegram?

Considerando tutti gli elementi della saga di Telegram (ancora tecnicamente in corso) con la SEC, rimangono alcune domande importanti: perché Telegram non dovrebbe semplicemente registrare Grams come titoli negli Stati Uniti dopo il reclamo della SEC? Cosa era veramente a rischio quando Durov ha preso la decisione di chiudere un progetto di così alto profilo e atteso??

Per ora, l’industria può solo speculare. Tuttavia, nel suo ultimo inviare, annunciando la fine di TON, Durov fornisce quello che potrebbe essere considerato un suggerimento alle motivazioni più profonde dietro la sua decisione.

Quando il CEO di Telegram rileva il dominio degli Stati Uniti nella tecnologia e nella finanza a livello globale, afferma specificamente che gli Stati Uniti “possono utilizzare il proprio controllo su Apple e Google per rimuovere app dall’App Store e da Google Play”. Lui continua:

“Quindi sì, è vero che altri paesi non hanno piena sovranità su cosa consentire sul loro territorio. Sfortunatamente, noi – il 96% della popolazione mondiale che vive altrove – dipendiamo dai decisori eletti dal 4% che vive negli Stati Uniti “.

La menzione della rimozione delle app non sembra essere casuale, dato che Durov ha dovuto affrontare diversi importanti divieti governativi dell’app Telegram. Forse per Durov, e per Telegram più in generale, la posta in gioco per conformarsi alle normative statunitensi potrebbe essere l’esistenza non solo di TON, ma della stessa app di Telegram, le cui principali vie di distribuzione sono controllate da due giganti statunitensi..

Segui OKEx Insights su:

Twitter:

Telegramma:

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map