Lezioni dal cripto-tsunami

Autore originale :david weisberger

Poiché il 2018 è terminato, c’è una pletora di commenti sia di previsione che di “anno in rassegna”. In questi articoli, c’è molto da scrivere sul relitto lasciato dallo tsunami criptato, dove la criptovaluta ha raggiunto altezze meteoriche nel 2017, seguita da un brutale mercato orso nel 2018. Nel 2017 abbiamo assistito a storie di incredibile ricchezza e previsioni di cambiamento del mondo tecnologie. Nel 2018 abbiamo visto storie sia positive che negative. Sul lato positivo, l’adozione continua ad aumentare e molti nomi familiari hanno annunciato piani per entrare nel mercato. Allo stesso tempo, ci sono state molte segnalazioni su azioni normative, casi di frode e, naturalmente, i risultati disastrosi di investimenti imprudenti effettuati dagli investitori.

Una delle lezioni più importanti che l’industria dovrebbe imparare è che ci sono ragioni dietro molte delle storie negative, tra cui l’eccessiva avidità, la frode e la manipolazione organizzata del mercato che si sono verificate. Il background non finanziario di molti partecipanti ha contribuito a creare una cultura in cui “caveat emptor” era considerato accettabile, mentre, allo stesso tempo, coloro che gestivano la maggior parte dei mercati crittografici avevano poca esperienza con i principi del mercato finanziario come la migliore esecuzione o mercati equi e ordinati. In questo contesto, il mercato delle criptovalute si è sviluppato rapidamente poiché il fascino di una nuova tecnologia ha suscitato l’immaginazione degli investitori, con un ciclo accelerato di avidità e paura di conseguenza.

Il 2017-2018 è stato, per molti versi, abbastanza simile alla bolla delle dotcom degli anni ’90. Oltre a una nuova tecnologia che prometteva l’interruzione di molti settori, presentava un rapido apprezzamento dei prezzi delle principali attività e movimenti di prezzo ancora più ampi tra gli asset più piccoli. In effetti, gran parte del comportamento nel mercato ICO somigliava molto alle storie del mercato azionario over the counter (OTC), come quelle raccontate nel film “The Wolf of Wall Street”. (Questa somiglianza è importante da comprendere per le autorità di regolamentazione; essere titoli non proteggeva gli investitori in migliaia di casi negli anni ’90, quindi sarebbe sciocco presumere che avrebbe impedito qualcosa nella mania dell’ICO. La frode è un crimine e deve essere punito, ma ci sono poche ragioni per strangolare un’industria nascente quando lo fai)

Per mettere tutto questo in prospettiva, vorrei evidenziare 4 importanti lezioni apprese lo scorso anno, insieme alla nostra prospettiva:

  • C’è un’enorme domanda di investimenti da parte del pubblico globale per le tecnologie in fase iniziale
  • Per gli investitori, il denaro facile è una canzone da sirena
  • I $$$ attirano opportunisti, il che, a sua volta, attirerà una risposta normativa
  • I principi di base dei mercati finanziari non dovrebbero essere ignorati

Esaminiamo ciascuno di questi a turno:

C’è una massiccia richiesta da parte del pubblico di investire nella tecnologia in fase iniziale: Come ha osservato il presidente della SEC Clayton, i mercati dei capitali hanno un grosso problema nell’attrarre nuove società pubbliche. Il numero di società quotate è diminuito della metà dal 1997, mentre la quantità di capitale immessa in società private da capitale di rischio e fondi di private equity è aumentata in modo significativo. Questa combinazione ha effettivamente impedito ai singoli investitori di partecipare agli investimenti nelle fasi iniziali dei mercati azionari. Pertanto, non sorprende che, di fronte a quella che sembrava essere la capacità di investire in progetti blockchain potenzialmente preziosi, molti investitori abbiano colto al volo l’occasione. Nonostante poco più che semplici descrizioni di idee, spesso senza veri piani aziendali o prodotti operativi, le aziende sono state in grado di raccogliere miliardi di dollari.

La natura globale di queste offerte, nel frattempo, rappresenta un’arma a doppio taglio per i mercati dei capitali negli Stati Uniti.Da un lato, la struttura del mercato delle risorse digitali promette significative efficienze per connettere meglio investitori e imprenditori in tutto il mondo. Il rovescio della medaglia è che gli Stati Uniti potrebbero essere lasciati indietro se i nostri regolatori fossero eccessivamente aggressivi. Piuttosto che, ancora una volta, rendere gli investimenti nelle fasi iniziali degli Stati Uniti alla provincia esclusiva dei venture capitalist, le autorità di regolamentazione e l’industria dovrebbero lavorare per una migliore divulgazione e regole che garantiscano i diritti degli investitori.

Gli investitori dovrebbero diffidare dei soldi facili: Come dice un vecchio proverbio, se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è … Il canto delle sirene del mercato ICO ha attirato sia gli investitori interessati a fare potenziali investimenti che cambiano la vita a lungo termine, sia coloro che cercano un guadagno veloce . C’erano due differenze principali, tuttavia, tra i VC, che avevano conquistato il mercato negli investimenti in fase iniziale, e il fenomeno ICO. Primo, e più importante, i singoli investitori presi di mira dalle ICO non potevano eseguire la due diligence o richiedere il tipo di protezione degli investitori concessa alle società di venture capital. (Questo, in parte, spiega perché gli ICO erano così popolari tra i fondatori per la raccolta di fondi). Quei fondatori sono riusciti a farla franca, però, a causa della seconda differenza: molti progetti sono stati in grado di promettere liquidità immediata in virtù della quotazione degli “exchange” crypto e del trading dei token. Ciò ha notevolmente aumentato il fascino di queste risorse e ha aiutato le tattiche di vendita ad alta pressione ad avere successo. Ho detto prima che questo ricordava la bolla di Internet, dal momento che le vendite di ICO erano abbastanza simili alle tattiche dei venditori di azioni OTC “boiler room”. Quelle attività avevano anche liquidità immediata e mostravano i prezzi sui fogli rosa che spesso mostravano aumenti dei prezzi fulminei. La capacità di dimostrare che i primi investitori hanno fatto fortuna è stata una componente importante del fascino di questi asset. Sfortunatamente, quando la musica si è interrotta, la maggior parte degli investitori ha perso denaro.

La lezione qui è che gli investimenti nella fase iniziale (cioè senza prodotti e ricavi effettivi) dovrebbero essere trattati allo stesso modo, siano essi “titoli” o meno. Piuttosto che regole obsolete che non riescono a risolvere il problema, le aziende che controllano tali beni e coloro che li vendono dovrebbero divulgare tutto ciò che è rilevante per la vendita, attenersi a rigide linee guida di idoneità del cliente e dovrebbero esserci una rigorosa applicazione delle regole contro le frodi.

Quando sono coinvolti molti soldi, la frode seguirà: Questo è abbastanza ovvio, considerando la natura umana, ma è importante tenerlo presente. L’unico motivo per cui l’ho identificato come una lezione a parte è per ricordarci che non dovremmo scartare un’intera tecnologia perché attirava i truffatori. Ogni volta che c’è una tecnologia che sembra possa essere trasformativa, che si tratti di Internet, biotecnologia genetica, scoperte energetiche o blockchain, attrae un mix di aziende legittime e artisti della truffa. È un peccato che ciò accada e offuschi l’intero settore per un po ‘, ma sembra anche essere inevitabile.

Quando la frode diventa dilagante, le autorità di regolamentazione reagiranno: Certo come il giorno segue la notte, quando le persone vengono truffate, le autorità di regolamentazione cercheranno di fare qualcosa per impedire che accada in futuro. A volte le regole hanno un senso, a volte no, quindi la chiave per le industrie legittime è lavorare con le autorità di regolamentazione piuttosto che obiettare & lamentarsi. Sebbene non sia una panacea, il passo migliore è solitamente una forma di cooperazione e autoregolamentazione del settore. La buona notizia è che sembra essere quello che sta succedendo con le criptovalute.

I mercati finanziari si sono evoluti per ragioni importanti e i mercati delle criptovalute dovrebbero abbracciarli: Tutte le storie negative si sono verificate poiché la maggior parte dei primi utenti e tecnologi che hanno guidato l’innovazione crittografica avevano poca conoscenza di come funzionano i mercati finanziari E hanno convinzioni fondamentali che sono in conflitto con i principi fondamentali stabiliti di protezione degli investitori, scoperta dei prezzi e migliore esecuzione.


Protezione degli investitori – I mercati finanziari moderni si sono evoluti con regole che tentano di garantire che i mercati siano equi e che gli investitori siano protetti da tentativi senza scrupoli di trarne vantaggio. Si va dalle regole di idoneità del cliente all’informativa finanziaria obbligatoria, alle regole di struttura del mercato che garantiscono un accesso equo. Nelle criptovalute, invece, ci sono molti emittenti e modelli di mercato che, di proposito, ignorano questi principi. Gli emittenti ei loro consulenti che perseguono il “capitale non diluitivo” esemplificano questo, ma il concetto di caveat emptor va oltre. Ci sono scambi che lo sono intenzionalmente ignari della manipolazione in atto sul loro mercato, e altri di cui i dipendenti sono stati accusati di essere complici di tali attivitàities. Altri hanno dichiarato pubblicamente che la manipolazione non è loro preoccupazione. Per inciso, la SEC ha chiarito che rettificare questa situazione e stabilire una cultura della conformità è una precondizione necessaria per l’approvazione di un ETF Bitcoin. Detto questo, le istituzioni in genere evitano i mercati che ritengono siano truccati contro di loro e l’unico modo per convincerli che i mercati sono equi è seguire un chiaro regolamento.

Scoperta del prezzo / Esecuzione migliore – I mercati finanziari moderni si basano sulla premessa che tutti i partecipanti conoscano il prezzo delle attività e che tali prezzi siano determinati in modo equo e trasparente. Di conseguenza, la determinazione del prezzo è un obiettivo primario dei mercati, mentre il concetto di migliore esecuzione (il che significa che i clienti dovrebbero avere un’aspettativa realistica di ricevere il miglior prezzo quando fanno trading) è essenziale affinché gli investitori abbiano fiducia nei mercati. Per massimizzare la scoperta dei prezzi, tuttavia, è necessario che gli ordini dei clienti interagiscano o, come minimo, abbiano informazioni sui prezzi su altri mercati. Tuttavia, i mercati delle criptovalute sono frammentati di proposito. Le borse dominanti ignorano i prezzi disponibili altrove mentre i mercati peer-to-peer vengono costruiti senza prezzi consolidati. Nel frattempo, i popolari siti web di criptovaluta sono spesso costantemente sbagliati nei prezzi che riportano a causa della media dei prezzi delle giurisdizioni che commerciano a un premio o dei prezzi basati su diverse valute di finanziamento. Ciò che serve, quindi, sono feed di prezzi consolidati, come quelli forniti da CoinRoutes, che diventino onnipresenti e autorevoli.

In conclusione, gli eccessi dei mercati delle criptovalute negli ultimi due anni dovrebbero essere un campanello d’allarme per l’industria e le autorità di regolamentazione che tentano di riformarla. Capire come funzionano i mercati finanziari e incorporare i tipi di tecnologie e regole che proteggono gli investitori migliorando l’integrità del mercato è esattamente ciò che richiedono i mercati crittografici. Considerando il potenziale delle risorse digitali per migliorare il sistema bancario e i mercati dei capitali consentendo agli imprenditori di tutto il mondo di connettersi con il capitale, questo dovrebbe essere un passo avanti fondamentale.

Ristampato da: https://medium.com/@daveweisberger_91857/lessons-from-the-crypto-tsunami-1dfe0ba8cedf

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map