Nakamoto o no? BTC estratto nel 2009, Craig Wright, il modello Patoshi e il misterioso creatore di Bitcoin

La riverenza per il suo anonimo creatore, Satoshi Nakamoto, è al centro di Bitcoin (BTC) seguito simile a un culto. Nonostante il maggiore coinvolgimento di finanza tradizionale e attori istituzionali nello spazio crittografico, i membri della comunità principale continuano a sostenere la visione di Nakamoto di un sistema di transazioni elettroniche decentralizzato e senza fiducia, che ha descritto in dettaglio nell’originale Libro bianco sui bitcoin.

Al prezzo attuale di poco inferiore $ 9.000 per Bitcoin, Le partecipazioni BTC stimate di Nakamoto sono valutate a nord di $ 9 miliardi. Il fatto che evidentemente non abbia speso nulla di tutto ciò negli oltre 11 anni dalla creazione di Bitcoin non fa che cementare la sua percezione nella comunità come un vero rivoluzionario, privo di ambizioni materialistiche.

Il mistero intorno a Nakamoto è ulteriormente aggravato dalla sua scomparsa dalla scena dopo la sua ultima corrispondenza confermata nell’aprile 2011. Ma cosa succederebbe se il leggendario creatore un giorno riemergesse e prendesse la proprietà delle sue partecipazioni in Bitcoin?

Una transazione BTC il 20 maggio 2020, originata da un portafoglio inattivo dal 2009, ha suscitato preoccupazioni su questo scenario quando era trasmesso dall’utente di Twitter Whale Alert.

Whale Alert, 20 maggioTweet dell’utente Whale Alert che trasmette la transazione del 20 maggio. Fonte: Twitter

Bitcoin il prezzo è sceso mentre l’annuncio alimentava le speculazioni sul ritorno di Nakamoto. Date le sue presunte massicce partecipazioni in BTC, i partecipanti al mercato temevano che Nakamoto potesse teoricamente serbatoio il mercato e distruggere l’intero valore di Bitcoin, che ammonta a un totale di $ 170 miliardi al momento della stampa.

Pochi giorni dopo, il 25 maggio, un altro episodio si è verificato che coinvolgeva Bitcoin estratto nel 2009. Una persona anonima ha pubblicato un messaggio – firmato crittograficamente utilizzando indirizzi contenenti BTC estratti nel 2009 – il cui chiaro obiettivo era quello di minare l’autenticità della persona probabilmente più nota che afferma attivamente di essere il vero Nakamoto, Craig Wright.

Mentre la transazione del 20 maggio ha chiaramente scosso il mercato, entrambi gli episodi hanno riportato in primo piano il mistero che circonda il creatore di Bitcoin. Gli esperti del settore per la maggior parte hanno affermato che nessuno dei due casi riguardava Bitcoin estratto dallo stesso Nakamoto.

OKEx Insights scompone il background necessario per capire cosa è realmente accaduto, i principali attori e le dinamiche coinvolte e le controversie che circondano alcuni dei primi Bitcoin mai creati.

I primi giorni di Bitcoin e le scorte di Satoshi

Al momento del suo inizio, Bitcoin non era così popolare come lo è oggi. Si ritiene che le prime persone consapevoli della sua esistenza siano membri di La mailing list di crittografia – una mailing list “dedicata alla tecnologia crittografica e al suo impatto politico”, i cui numeri di iscrizione sono sconosciuti.

Quelli sulla lista e-mail ricevute da Nakamoto per tutto il novembre 2008, prima di rilasciare Bitcoin v0.1 nel gennaio 2009.

La rete Bitcoin è nata ufficialmente il 3 gennaio 2009, quando Satoshi Nakamoto ha estratto il primo blocco, noto come blocco di genesi, con questo messaggio: “The Times 03 / Jan / 2009 Cancelliere sull’orlo del secondo piano di salvataggio per le banche”.

coprono i tempi del blocco genesiCopertina del numero di The Times a cui si fa riferimento nel blocco della genesi di Bitcoin. Fonte: thetimes03jan2009.com

Con la necessità di revisori dei conti o “minatori” incorporati il network, si ritiene che Nakamoto abbia continuato a minare blocchi Bitcoin nei primi giorni per supportare il sistema. Bitcoin bloccare sussidi o ricompense – l’incentivo per i minatori a mantenere la rete – iniziato a 50 BTC per blocco minato. Secondo il codice di Bitcoin, questo incentivo viene dimezzato ogni 210.000 blocchi (circa ogni quattro anni), il più recente “Dimezzamento” che si verifica questo mese.


Man mano che Nakamoto estraeva nuovi blocchi, continuava ad accumulare questa ricompensa di blocco con ogni transazione coinbase – la prima transazione registrata in ogni blocco e quella che invia al miner la ricompensa del blocco – ricevere ogni volta 50 BTC in un nuovo indirizzo di portafoglio.

Il motivo per cui i ricercatori sono stati allertati dal Transazione del 20 maggio era che proveniva da a portafoglio che aveva ricevuto una ricompensa per un blocco di 50 BTC dal mining il 9 febbraio 2009, appena un mese dopo il lancio della rete Bitcoin.

I 50 BTC sono stati inviati due transazioni il 20 maggio – 40 BTC e poco meno di 10 BTC. Mentre la destinazione esatta del BTC inviato il 20 maggio è sconosciuta, Chainalysis lo segnala “Sembra che una parte del denaro sia finita a Coinbase.”

20 maggio transazioneLa data di generazione dei 50 BTC è stata spostata il 20 maggio 2020. Fonte: Blockchain.com

Guardando il portafoglio mostrato sopra, la presenza della transazione coinbase significa che appartiene a un minatore e la data indica che erano attivi sulla rete Bitcoin entro un mese dal suo lancio. Entrambe queste condizioni indicano, anche se non in modo definitivo, che il proprietario di questo portafoglio potrebbe teoricamente essere lo stesso Nakamoto, presumibilmente uno dei pochi minatori sulla rete in quel momento..

Tuttavia, il numero esatto di blocchi che Nakamoto ha estratto e la quantità di BTC che ha ricevuto rimangono sconosciuti, il che rende uno studio interessante mentre i ricercatori scavano nelle prime transazioni e indirizzi noti sulla blockchain.

Identificazione di Satoshi con il motivo Patoshi

Il ricercatore blockchain Sergio Demian Lerner ha sostenuto in un post sul forum incentrato su Bitcoin Bitcointalk nell’aprile 2013 che era stato in grado di stimare la quantità di BTC detenuta da Nakamoto in quel momento. Ha affermato che era oltre 1 milione di BTC – circa $ 100 milioni allora.

Per spiegare come sia arrivato a questa conclusione, Lerner ha seguito le sue scoperte diversi giorni dopo con un post più dettagliato sul suo blog, rivelatore “Una nuova tecnica di analisi della catena di blocchi”, che lui di nuovo rivisitato più recentemente nel 2019.

Nella sua analisi dei primi blocchi Bitcoin estratti, Lerner ha identificato un modello, che in seguito ha soprannominato "Patoshi" – che affermava indicava quali blocchi specifici erano stati estratti da Nakamoto. Il BTC si è spostato il 20 maggio 2020, come molti analisti di criptovaluta sottolineato, non è caduto in questo schema.

Ma come funziona effettivamente il pattern Patoshi? Lerner ha affermato, secondo la sua analisi, che Nakamoto ha estratto esclusivamente blocchi Bitcoin sulla rete tra il 3 gennaio 2009 e il 25 gennaio 2010 e ha accumulato oltre 1 milione di Bitcoin nel processo.

Il ricercatore ha basato le sue ipotesi su uno studio sull’hashrate della rete al momento e la difficoltà del mining, che aumenta man mano che più miner si uniscono alla rete.

Secondo Lerner, il suo studio sul client Bitcoin originale v0.1 ha rivelato tre difetti relativi alla privacy, che hanno aiutato a identificare tutti i blocchi estratti da un singolo minatore.

Lerner si è concentrato su stringhe identificabili all’interno dei primi blocchi, in particolare il Campo ExtraNonce, e ha pubblicato un grafico che evidenzia i blocchi che ha scoperto avere un’origine comune, o un singolo minatore, che ha deciso di chiamare Patoshi.

Mentre la ricerca di Lerner è stata intensamente dibattuto dal 2013, la sua analisi è generalmente ritenuta valida, anche se non accurata al 100%. Mentre i membri della comunità crittografica gcredere eneramente che i blocchi Patoshi indicano chiaramente l’esistenza di un primo minatore attivo responsabile dell’estrazione di una grossa fetta di BTC, la conclusione per alcuni è che questo primo minatore, Patoshi, “potrebbe o non potrebbe essere stato Satoshi”.

Lerner, tuttavia, è più fermo nelle sue conclusioni. Nelle sue analisi dal 2013, dimostra che il singolo minatore responsabile dell’estrazione di tutti i blocchi nel pattern Patoshi è in realtà il creatore di Bitcoin, concludendo:

“Ci sono prove che collegano i modelli Patoshi a Satoshi, sulla base di fonti di informazioni pubbliche e la blockchain, ovviamente. Ma preferirei fermarmi qui. Lascia Patoshi da solo una volta per tutte. Ho troppe cose da costruire per Bitcoin, come RSK.”

Come hanno notato i critici delle scoperte di Lerner, all’epoca c’erano altri minatori attivi sulla rete, insieme a Nakamoto. Almeno uno di questi minatori originali si è identificato da allora, alla fine Harold (meglio conosciuto come Hal) Thomas Finney. Nel marzo 2013, un mese prima che Lerner pubblicasse le sue prime scoperte, Finney pubblicò la sua prima attività mineraria su Bitcointalk:

“Quando Satoshi ha annunciato la prima versione del software, l’ho presa subito. Penso di essere stata la prima persona oltre a Satoshi a eseguire bitcoin. Ho estratto il blocco 70-qualcosa ed ero il destinatario della prima transazione bitcoin, quando Satoshi mi ha inviato dieci monete come test. “

È interessante notare che il modello di Nakamoto che riceve 50 BTC come ricompensa di blocco e quindi invia 10 BTC a Finney – la prima transazione BTC nota – è stato ripreso nelle transazioni del 20 maggio 2020, dove una ricompensa originale di 50 BTC si è suddivisa nelle due transazioni di 40 BTC e 10 BTC.

Il 20 maggio BTC non proveniva da Patoshi

I BTC trasferiti il ​​20 maggio sono stati estratti blocco 3654. Dando uno sguardo a questo blocco all’interno dell’analisi di Lerner, vediamo che non è uno dei blocchi di Patoshi. Per la maggior parte degli analisti e commentatori di criptovalute, ciò dimostra efficacemente che i bitcoin non appartengono effettivamente a Nakamoto.

modello patoshiBlocco 3654 mostrato su un grafico che identifica il blocco Patoshi (blu). Fonte: Satoshiblocks

Nei commenti a OKEx Insights il 22 maggio, Nic Carter, socio accomandatario di Castle Island Ventures e co-fondatore di Coinmetrica, ha condiviso i suoi pensieri sul modello Patoshi e sulla probabilità che Nakamoto sia dietro le transazioni del 20 maggio.

“La maggior parte degli esperti di bitcoin conclude che il modello [Lerner] di Sergio ha qualche merito, sebbene il numero preciso di blocchi che è in grado di assegnare al singolo grande miner iniziale sia in discussione”, ha affermato Carter riguardo al modello Patoshi, aggiungendo:

“[L] a schema è molto convincente e non vedo motivo di dubitare del punto cruciale dell’analisi: c’era un unico grande minatore iniziale che eseguiva software personalizzato che ha iniziato l’estrazione all’inizio e l’estrazione fino al 2009.”

Carter ha continuato citando il fatto che nessuno degli output estratti nel modello Patoshi è stato speso (oltre una o due transazioni di prova). Ciò differenzia Patoshi da altri minatori operanti nello stesso periodo di tempo, che hanno speso occasionalmente le loro ricompense, come mostrato in dati condivisi dell’ingegnere Coinmetrics Antoine Le Calvez.

Mentre Carter si è basato sui risultati di Lerner per concludere che le transazioni del 20 maggio provenivano da un minatore non Satoshi, Blockstream CEO Adam Back twittato un argomento diverso per giungere alla stessa conclusione. Back ha scritto che la ricerca di Patoshi lo era “Praticamente indovinare”, ma sosteneva che se Satoshi stesso avesse venduto le sue monete, probabilmente avrebbe iniziato con le sue più recenti miniere – le più anonime del lotto.

Rispondendo al tweet originale di Whale Alert del 20 maggio, sia il sostenitore di cypherpunk che di Bitcoin, Jameson Lopp, e l’ex capo manutentore di Monero (XMR), Riccardo Spagni, hanno anche citato il modello Patoshi e hanno criticato il tweet per aver affermato che le monete sono state inviate da un “Possibile portafoglio di proprietà di Satoshi.”

Lopp ulteriormente sottolineato che il linguaggio del tweet di Whale Alert aveva portato a un panico inutile nei mercati come “[W] sappiamo tutti per cosa è il codice ‘possibile portafoglio di proprietà di Satoshi’ – quel milione di monete potrebbe entrare in circolazione.”

L’autoproclamato Satoshi Craig Wright e il suo elenco di indirizzi

Mentre molte figure importanti sono state considerate come candidate per essere il vero Nakamoto, ce ne sono state alcune auto-proclamate – la più importante è l’informatica australiana., Craig Steven Wright.

Le transazioni del 20 maggio 2020, tuttavia, sono state un duro colpo per la pretesa di Wright di essere Nakamoto, in precedenza discusso a lungo di Lopp in un editoriale dello scorso anno.

Dal febbraio 2018, Wright è stato coinvolto una lunga battaglia legale con la tenuta del suo presunto ex partner, Dave Kleiman, un esperto di informatica forense che è morto nel 2013.

Il fratello di Kleiman, Ira, che controlla la proprietà di Dave, afferma che Dave e Wright sono stati coinvolti in Bitcoin sin dall’inizio della sua esistenza e hanno estratto 1,1 milioni di bitcoin insieme, sostenendo che Dave non ha mai avuto accesso alla sua metà delle monete.

Durante il procedimento per Kleiman v. Wright, Wright è stato tenuto a presentare un elenco di indirizzi Bitcoin di sua proprietà che contenevano BTC che aveva estratto prima del 2013.

L’indirizzo da cui sono stati inviati i 50 BTC il 20 maggio 2020 era uno degli oltre 16.000 si rivolge a Wright presentato alla corte.

Tuttavia, Wright ha a lungo sostenuto di non avere accesso alle chiavi private per gli indirizzi che ha inviato, poiché, come afferma, erano affettato e distribuito tra varie persone per una maggiore sicurezza.

Il fatto che le monete del 20 maggio siano state spostate da uno di quegli stessi indirizzi significa o che Wright ha effettivamente accesso alle chiavi o – ciò che la maggior parte degli osservatori sostiene – in realtà non possiede tutti gli indirizzi che ha affermato in tribunale essere suoi. In ogni caso avrebbe significato che aveva mentito in tribunale.

La transazione del 20 maggio era semplicemente uno dei primi minatori di Bitcoin – non Nakamoto – che alla fine spendeva la sua ricompensa per il blocco, o era collegata al caso Kleiman v. Wright?

Commentando il collegamento della transazione al caso in corso, Carter ha detto a OKEx Insights durante il fine settimana che pensa che la transazione del 20 maggio potrebbe essere stata effettuata esplicitamente per minare le affermazioni di Wright:

“È possibile che questa transazione sia stata effettuata per invalidare alcune affermazioni fatte da CSW [Wright] in tribunale – vale a dire che controllava l’indirizzo in questione e che al momento non aveva accesso ad esso. Questa transazione lo invalida e complica il suo caso. “

Come spiega Carter, la persona che ha inviato 50 BTC il 20 maggio ha necessariamente il controllo delle chiavi private a quell’indirizzo. Questo fatto invalida espressamente la rivendicazione di Wright nei documenti del tribunale secondo cui l’indirizzo appartiene a lui, ma al momento non ha accesso alle chiavi private.

Un altro dei primi minatori chiama Wright

Proprio ieri, 25 maggio, è emersa più attività che coinvolge i bitcoin estratti nel 2009 che mina esplicitamente le affermazioni di Wright. Un’entità anonima ha rilasciato un file con 145 indirizzi Bitcoin, che, come l’indirizzo del 20 maggio, contengono Bitcoin estratti nel 2009 e lo sono elencati tra gli oltre 16.000 indirizzi che Wright ha sostenuto in tribunale sono suoi.

Dato come ciascuno dei 145 indirizzi detiene 50 BTC, ai prezzi correnti, questa entità ha dimostrato il controllo di oltre $ 60 milioni di valore solo in Bitcoin (non tenendo conto dei fork da allora).

È impossibile dire se il minatore che ha inviato 50 BTC il 20 maggio sia lo stesso che ha inviato i 145 indirizzi ieri. Tuttavia, a differenza della transazione del 20 maggio, questa volta il primo minatore è stato chiaramente spinto a screditare le affermazioni di Wright.

Utilizzando Bitcoin’s built-in funzionalità di firma e verifica, che consente ai proprietari dell’indirizzo di dimostrare la loro proprietà in modo anonimo, il minatore ha lasciato un messaggio chiaro, che può essere verificato rispetto a tutti i 145 indirizzi forniti:

"Craig Steven Wright è un bugiardo e un imbroglione. Non ha le chiavi usate per firmare questo messaggio.

La rete Lightning è un risultato significativo. Tuttavia, dobbiamo continuare a lavorare per migliorare la capacità on-chain.

Sfortunatamente, la soluzione non è semplicemente cambiare una costante nel codice o consentire ai potenti partecipanti di forzare gli altri.

Siamo tutti Satoshi"

Chiunque può verificare l’autenticità del messaggio confrontandolo con un indirizzo e una firma Bitcoin (condivisi nel file rilasciato dall’entità anonima), come mostrato nello screenshot qui sotto.

Verifica della firma BTCStrumento per la verifica di indirizzi, messaggi e firme Bitcoin. Fonte: Bitcoin.com

Parlando della verificabilità e delle origini del messaggio anonimo, Carter ha dichiarato ieri a OKEx Insights in commenti separati:

“L’indirizzo, il messaggio & i dati della firma sono tutto ciò che era necessario per sapere che il messaggio era autenticamente firmato dalla privkey [chiave privata] (ne ho verificati un paio su electrum). Credo che originariamente fosse un file di testo rilasciato sul forum 4chan / biz.

Ma non importa esattamente da dove ha avuto origine, poiché tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono le firme e il contenuto del testo “.

Ciò significa che, per lo meno, i 145 indirizzi in questa lista appena rilasciata chiaramente non appartengono a Wright.

Carter ha continuato in una dichiarazione a OKEx Insights:

“Pensavo che il vecchio indirizzo originale che si era trasferito potesse essere stato motivato dal caso giudiziario e mi aspettavo di vederli firmare un OP_RETURN indicando che non erano di proprietà di CSW [Wright], è interessante vedere un altro insieme di indirizzi fare questo (anche se in modo diverso). Il fatto che Craig si sia finalmente impegnato in una serie di indirizzi che afferma di possedere è probabilmente il motivo per cui questo individuo ha scelto di agire ora. “

Carter ha anche sottolineato che i 145 indirizzi, come l’indirizzo del 20 maggio, non fanno parte del modello Patoshi, “Quindi [è] solo un altro dei primi minatori non Satoshi.” Lopp e altri su Twitter si sono affrettati a sottolineare che gli indirizzi probabilmente non appartengono al creatore di Bitcoin, con Lopp distacco di lunedi:

“Più ‘attività’ dei minatori di bitcoin dell’era 2009 poiché qualcuno fornisce prove ancora più crittografiche che Craig Wright è una frode. Ancora una volta, questi blocchi non corrispondono al “modello Patoshi”. “

Solo un giorno prima, il 24 maggio, lo aveva fatto lo stesso Lerner pubblicato su Twitter che avrebbe opportunamente aggiunto funzionalità per verificare se un determinato blocco fosse stato estratto o meno da Patoshi.

Il linguaggio e l’essenza del messaggio del 25 maggio, e più specificamente la sua firma “Siamo tutti Satoshi”, fanno eco a quello di un’e-mail del 2015 dall’indirizzo satoshi [at] vistomail.com. Il messaggio del 2015 leggere semplicemente “Non sono Craig Wright. Siamo tutti Satoshi. ”

Sebbene l’indirizzo e-mail fosse successivamente rivelato essere forgiato per assomigliare a Nakamoto, il sentimento del testo, riecheggiato nel messaggio di ieri, esprime qualcosa di simile all’opinione di Nakamoto: che l’identità di quella che si pensa essere la singola persona dietro Bitcoin non è davvero ciò che è importante.

Satoshi rimane nell’ombra

Mentre gli episodi del 20 e del 25 maggio hanno suscitato discussioni interessanti, entrambi sono serviti in particolare per evidenziare il fascino e il mistero duraturi che circondano il creatore di Bitcoin.

Nakamoto è “un giovane di origini giapponesi che era molto intelligente e sincero”, come una volta descritto di Hal Finney? Qualcuno dal Regno Unito, a causa del riferimento di The Times nel blocco della genesi di Bitcoin? O è uno dei numerosi candidati considerato di routine dai media? Potremmo non saperlo mai.

Quello che sappiamo, tuttavia, da Nakamoto ultima corrispondenza confermata – con l’ex sviluppatore di Bitcoin Gavin Andresen – è che il creatore di Bitcoin voleva che le persone si concentrassero sul progetto stesso, invece che sulla sua identità:

“Vorrei che non continuassi a parlare di me come di una misteriosa figura oscura, la stampa lo trasforma semplicemente in un angolo di valuta pirata. Magari invece fallo sul progetto open source e dai più credito ai tuoi collaboratori dev; aiuta a motivarli. ”

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite e notizie curate dai professionisti della crittografia.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map