Reserve Bank of India per petizione sentenza della Corte Suprema sulle valute virtuali

Non così veloce

All’inizio di questa settimana la Corte Suprema dell’India ha fatto ondate nel mondo delle criptovalute, annullando un divieto generale, imposto dalla Reserve Bank of India, all’industria..

Mentre molti si sono affrettati a celebrare questa decisione – con vari scambi di criptovaluta che ripristinano immediatamente i servizi – dovrebbe essere importante tenere sotto controllo le aspettative.

I notiziari indiani riferiscono che la Reserve Bank of India è ovviamente insoddisfatta della decisione della Corte Suprema. In quanto tali, chiederanno una revisione della decisione, nella speranza di ripristinare il loro divieto.

RBI Ban Reversal

Il divieto iniziale è stato imposto per la prima volta a metà del 2018 dalla RBI. Al momento del divieto, la RBI ha notato che è arrivato dopo diversi avvertimenti al pubblico su ciò che percepiva come pericoli associati alle valute virtuali. Quello che segue è un breve estratto dal loro divieto, che illumina la portata della sua portata.

“… È stato deciso che, con effetto immediato, le entità regolamentate dalla Reserve Bank non devono trattare in VC o fornire servizi per facilitare qualsiasi persona o entità nel trattare o regolare VC. Tali servizi includono la tenuta di conti, la registrazione, la negoziazione, la liquidazione, la compensazione, la concessione di prestiti contro gettoni virtuali, l’accettazione come garanzia, l’apertura di conti di scambio che li trattano e il trasferimento / ricezione di denaro in conti relativi all’acquisto / vendita di VC. “

La decisione per un’inversione di tendenza, sebbene presa in base a una varietà di fattori, si è ridotta ad alcuni punti chiave:

  • Un divieto totale era “sproporzionato” rispetto ai rischi percepiti dalla RBI
  • RBI non è stata in grado di dimostrare che alcun danno è stato sopportato dalle banche regolamentate
  • La RBI deve regolamentare, non proibire

Quando si esamina la recente documentazione della Corte relativa alla loro decisione, è interessante notare che una forte enfasi nel procedimento è venuta da precedenti, simili, decisioni prese dal Parlamento dell’Unione europea. La seguente citazione del Parlamento dell’Unione Europea è stata utilizzata come argomento:

“Non siamo favorevoli ai divieti generali sulle criptovalute o al blocco dell’interazione tra il business delle criptovalute e il settore finanziario formale nel suo insieme, come nel caso della Cina, ad esempio. A nostro avviso, questo sarebbe eccessivo. Fintanto che sono in atto buone garanzie a protezione del settore finanziario formale e più nella società in generale nel suo insieme, come le norme contro il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo, l’evasione fiscale e forse un insieme più completo di norme volte a proteggere gli utenti legittimi (come consumatori e investitori ordinari), dovrebbe essere sufficiente. “

Quando tutto è stato detto e fatto, la Corte Suprema dell’India ha ritenuto che il divieto fosse “… da annullare per motivi di proporzionalità”.

1,3 miliardi

Con una popolazione che ammonta a oltre 1,3 miliardi di persone, l’India rappresenta oltre il 17% dell’intera razza umana – mettendola testa a testa con la Cina, come il paese più popoloso della Terra.

Definire “positiva” la decisione della Corte suprema indiana è un eufemismo. Anche se gli effetti potrebbero non essere visti dall’oggi al domani, il mondo delle criptovalute trarrà grandi benefici da un afflusso potenzialmente massiccio di partecipanti.


Non fuori dai boschi

Al di là della RBI che continua la sua crociata per mantenere il precedente divieto generale sulle criptovalute, rimane un ostacolo particolarmente grande. Nel 2019 è trapelato che un progetto di legge era sul tavolo per la revisione in India, intitolato “Divieto di criptovaluta & Regolamento della fattura in valuta digitale ufficiale‘.

Anche se questo non è ancora stato preso in considerazione, avrebbe il potenziale per decimare il mondo delle criptovalute appena liberato. Con varie nazioni in tutto il mondo che si affrettano a sviluppare e stabilire la propria valuta digitale della banca centrale (CBDC), forse non abbiamo ancora visto l’ultima cosa.

In altre notizie

Forse a pesare sulla decisione di revocare il divieto della RBI, è il recente progresso che circonda la regolamentazione delle criptovalute in tutto il mondo. Uno di questi esempi sarebbe la Corea del Sud. Fin dal primo giorno, le criptovalute hanno catturato l’intrigo dei sudcoreani. A differenza dell’approccio della RBI, la nazione ha deciso di regolamentare, piuttosto che vietare, le criptovalute ei loro fornitori di servizi di supporto.

Passaggi quadro sudcoreani

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map