UKJT considera le risorse digitali come proprietà ai sensi delle normative vigenti

Risorse digitali come proprietà

In un rapporto approfondito pubblicato di recente, è stato divulgato dalla TaskForce della giurisdizione del Regno Unito (UKJT) che le risorse digitali sono coperte in modo soddisfacente dalle leggi sui titoli esistenti. Più specificamente, le risorse digitali sono generalmente viste come proprietà.

Questa è una decisione importante, in quanto fornisce ai partecipanti del settore la necessaria chiarezza giuridica in merito alle risorse digitali, andando avanti. Con molti che ripongono grandi aspettative sul fiorente settore dei titoli digitali, una chiara prospettiva del governo è un vantaggio verso la strutturazione delle attività future.

Punti chiave

Sebbene il documento vada molto più nel dettaglio, la task force è stata in grado di riassumere le proprie decisioni in pochi brevi punti. Quello che segue è un estratto dal documento, che mostra le loro conclusioni.

“Il fatto che la legge inglese consideri un particolare criptoasset come proprietà dipende in ultima analisi dalla natura del bene, dalle regole del sistema in cui esiste e dallo scopo per il quale viene posta la domanda. Tuttavia:

(a) le criptovalute hanno tutte le indicazioni di proprietà;

(b) le caratteristiche nuove o distintive possedute da alcuni criptoasset – intangibilità, autenticazione crittografica, uso di un registro delle transazioni distribuite, decentralizzazione, regola per consenso – non li escludono dall’essere proprietà; 22 Dichiarazione legale su criptovalute e contratti intelligenti

(c) né le criptovalute sono escluse dall’essere proprietà come pura informazione, o perché potrebbero non essere classificabili né come cose in possesso né come cose in azione;

(d) le criptovalute devono quindi essere trattate in linea di principio come proprietà;

(e) ma una chiave privata non deve essere trattata di per sé come una proprietà perché è un’informazione. “

 

* Per chi fosse interessato a leggere integralmente il bando, clicca QUI.*

Un approccio diverso


Il processo, che è culminato nella decisione di trattare le risorse digitali come proprietà, è durato circa 6 mesi. Durante questo periodo, i rappresentanti del governo indicano (d?) Che la task force ha adottato un approccio diverso rispetto alla maggior parte.

Sir Geoffrey Vos, Cancelliere dell’Alta Corte d’Inghilterra, ha indicato che l’approccio adottato è stato quello di cercare un modo per regolare le risorse digitali entro i confini del sistema attuale. Questo è in contrasto con altre nazioni che hanno cercato di creare nuove regole per una nascente asset class, in quello che lui paragona a “lavorare a ritroso”.

Task Force sulla giurisdizione del Regno Unito (UKJT)

Il Regno Unito fa affidamento su molteplici “task force” che si sforzano di spianare la strada alla digitalizzazione del settore dei servizi legali. La UK Jurisdiction TaskForce (UKJT) è uno di questi gruppi.

Nel rapporto, è indicato che l’UKJT è composto da 8 persone provenienti da diversi livelli di governo nel Regno Unito. I membri sono i seguenti.

  • Sir Geoffrey Vos, Cancelliere dell’Alta Corte d’Inghilterra
  • Sir Nicholas Green, presidente della commissione giuridica di Inghilterra e Galles
  • Mary Kyle, City of London Corporation
  • Christopher Woolard, Autorità di condotta finanziaria
  • Lawrenece Akka QC, Twenty Essex
  • Richard Hay, Linklaters LLP
  • Peter Hunn, Progetto Accord
  • Sir Antony Zacaroli, Giudice dell’Alta Corte

Commento

Essendo situata nel Regno Unito, Smartlands è direttamente interessata dalla decisione sull’UKJT discussa qui oggi. Rivolgendosi a security.io, il CMO di Smartlands, Yaroslava Tkalich, ha dovuto seguire l’annuncio.

“Essendo la prima piattaforma con sede nel Regno Unito specializzata nella tokenizzazione degli asset dell’economia reale sulla blockchain Stellar, Smartlands gode di una base sostanziale sulla questione; con il chiarimento di una giuria e di specialisti legali, il nostro vantaggio di quasi due anni si trasforma in un importante vantaggio strategico per gli anni a venire “.

Parlando con Arnoldas

Mentre Ilia Obraztsov è ora il CEO di Smartlands, siamo stati fortunati ad aver intervistato Arnoldas Nauseda negli ultimi mesi, mentre ricopriva questa posizione. Da allora Arnoldas è passato al ruolo di Presidente, in quanto ciò consentirà una maggiore attenzione all’espansione strategica.

Serie di interviste – Arnoldas Nauseda

In altre notizie

Come affermato sopra, le nazioni di tutto il mondo stanno adottando vari approcci nei confronti delle risorse digitali. I seguenti articoli danno uno sguardo più approfondito a due, in particolare, riguardo alle loro posizioni: Malta e gli Stati Uniti.

Panoramica di prima mano della legislazione digitale a Malta

Più Stati hanno iniziato a fornire chiarezza normativa nel 2019

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map