Il recente calo di BTC è stato innescato da fattori macro, ma le balene hanno continuato ad accumularsi

Una revisione dell’ultimo ritracciamento di Bitcoin, i fattori che lo hanno portato e il modo in cui le balene hanno acquistato dai commercianti al dettaglio.

I prezzi dei bitcoin sono crollati del 27,88% in tre giorni, con la più grande candela rossa vista l’11 gennaio 2021 e media tradizionali ha iniziato a chiamarlo l’inizio di un mercato ribassista. In realtà, tuttavia, la caduta di Bitcoin dal massimo storico di venerdì scorso di $ 41.998 ai $ 30.287 di ieri – secondo il prezzo dell’Indice OKEx BTC – ha solo ripercorso i guadagni realizzati solo il 2 gennaio, quando veniva scambiato intorno ai livelli di $ 30.000.

Nel frattempo, abbiamo assistito a una rinnovata azione di acquisto da ieri pomeriggio, ora europea, e la valuta digitale leader è ora tornata intorno ai livelli di $ 33.000, il che pone i suoi guadagni da inizio anno a circa il 15%.

In questo commento di mercato, daremo più contesto ai recenti movimenti dei prezzi di Bitcoin e discuteremo di come sono influenzati da fattori macroeconomici e cosa significano per i trader in generale.

Bitcoin è ancora in crescita nonostante il calo di lunedì prossimo al 30%. Fonte: OKEx

È probabile che i ritiri di Bitcoin quest’anno saranno meno drammatici

Il forte ritracciamento di ieri è stato un disastro per il mercato dei derivati, con $ 2,5 miliardi di posizioni liquidate lunedì, secondo dati di bybt. Questa cifra supera il valore di $ 1,74 miliardi di liquidazioni il 3 gennaio e $ 1,87 miliardi il 25 novembre, e sebbene il prezzo abbia un impatto diretto su di esso, ciò riflette anche il recente aumento della volatilità.

Lunedì le liquidazioni hanno raggiunto un altro record. Fonte: bybt

Anche se la volatilità è entrata in una fase rialzista a partire da dicembre, è ancora lontana dal 2017, come mostrato nel grafico sottostante. In media, crash di circa il 35% si sono verificati ogni poche settimane durante la corsa al rialzo del 2017, mentre la volatilità di 60 giorni di Bitcoin non ha superato il 4% per un periodo di tempo prolungato da giugno 2020.

La volatilità a 60 giorni di Bitcoin è stata inferiore al 4% da giugno 2020. Fonte: Metriche delle monete

Man mano che più investitori istituzionali sono entrati nel mercato delle criptovalute nell’ultimo anno, stiamo assistendo a una diminuzione della volatilità ed è molto probabile che i ritracciamenti quest’anno saranno molto meno drammatici rispetto alla precedente corsa al rialzo.

I problemi tecnici sugli scambi hanno spinto ulteriormente il prezzo verso il basso

L’exchange di criptovalute regolamentato dagli Stati Uniti Coinbase ne ha subito un altro glitch tecnico durante la svendita di ieri. Molti utenti segnalato non essere in grado di eseguire ordini di acquisto. Nel frattempo, anche Kraken, il secondo più grande scambio di criptovalute americano problemi riscontrati. Poiché diversi mercati dei derivati ​​Bitcoin utilizzano i dati di entrambe le borse come componenti dell’indice, ciò ha portato a ulteriori liquidazioni in futures e swap.

I precedenti premi Coinbase a causa dell’elevata domanda negli Stati Uniti sono scomparsi durante il ritiro di lunedì. A causa del problema tecnico, il prezzo spot di Coinbase, a un certo punto, ha avuto un premio negativo di circa $ 1.000 rispetto a OKEx.


Coinbase ha registrato un premio negativo di oltre $ 1.000 a causa del problema tecnico. Fonte: TradingView

Il declino di Bitcoin è stato influenzato dai mercati tradizionali

Il trading di Bitcoin 24 ore su 24 lo rende un indicatore principale che risponde alla mutevole propensione al rischio del mercato durante il fine settimana. Il tuffo in Bitcoin è in tandem con il declino di altre attività rischiose e attività non fruttifere.

Il mercato azionario degli Stati Uniti è caduto per la prima volta in cinque giorni di negoziazione lunedì dopo aver toccato i massimi storici consecutivi, che avevano lo stesso trend del Bitcoin. Allo stesso modo, i prezzi del petrolio hanno interrotto la loro serie di vittorie di quattro giorni mentre il prezzo spot dell’oro è sceso al minimo di sei settimane.

La ragione di questi ritiri è l’aumento del rendimento del tesoro a 10 anni degli Stati Uniti dopo che i democratici hanno vinto due seggi al Senato della Georgia. Venerdì scorso il rendimento ha infranto l’importante barriera dell’1% e si è attestato sopra l’1,15% dopo aver registrato il più grande aumento settimanale da giugno. Anche il mercato obbligazionario è sotto pressione per i timori che un Congresso controllato dai democratici possa ulteriormente allentare la politica fiscale, aumentando le aspettative di inflazione.

Il mercato è attualmente più preoccupato per i maggiori rendimenti e una conseguente riduzione della liquidità. È probabile che anche i titoli in crescita siano più vincolati dal costo del prestito in dollari, e ciò influisce su Bitcoin, poiché recentemente si è spostato più in linea con i grandi titoli tecnologici, come Tesla, che lunedì è crollato del 7,8%..

L’aumento del rendimento del tesoro e l’indice del dollaro hanno depresso la tendenza al rialzo delle attività rischiose. Fonte: CNBC

Inoltre, anche l’indice del dollaro, correlato negativamente alle materie prime, è salito la scorsa settimana, mitigando i mercati precedentemente surriscaldati. Si può dire che la svendita di lunedì sia stata solo tardiva "sana correzione" poiché i prezzi delle attività, in aumento da marzo, erano diventati sempre più speculativi.

Diversi indicatori stavano riflettendo un sentimento surriscaldato

Il sentimento del mercato surriscaldato è diventato più pronunciato mentre Bitcoin ha continuato a fare nuovi massimi. I tassi di finanziamento sugli swap perpetui erano aumentati la scorsa settimana ed erano significativamente più alti rispetto ai picchi del passato. Questa tendenza indica che il mercato è sovra-indebitato e i trader sono troppo coerenti nelle loro direzioni di scommessa.

Due periodi di finanziamento estremamente elevati nel 2021 indicano un mercato surriscaldato e il rischio di un pullback. Fonte: bybt

SOPR rettificato (ovvero, il rapporto del profitto di output speso) fornisce un segnale più accurato delle transazioni di vendita / acquisto effettive. Questo indicatore ha raggiunto il picco nel 2017 dopo un rally di tre mesi dal punto di ripristino dello zero. La situazione attuale è simile e l’indicatore suggerisce che le prese di profitto potrebbero verificarsi in qualsiasi momento, sebbene le prospettive a lungo termine rimangano rialziste.

I dati sulla catena indicano che il mercato è sottoposto a pressioni di vendita a scopo di lucro. Fonte: Glassnode

Mani deboli hanno venduto Bitcoin alle balene

Il primo importante cambiamento in questo ciclo rialzista è stato completato e il costo medio di ingresso per i nuovi arrivati ​​nello spazio è più alto. Le mani deboli sono state vendute con urgenza durante il ribasso, mentre gli investitori rialzisti a lungo termine hanno continuato a comprare. Vediamo che il numero di indirizzi con saldi superiori a 1.000 BTC ha continuato a crescere, non influenzato dall’ultimo ritracciamento.

Le balene non sono state colpite dall’ultimo ritracciamento e continuano ad accumulare Bitcoin. Fonte: Glassnode

Non sei un trader OKEx? Impara come iniziare a fare trading!

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map