Genobank porterà la privacy nei test del DNA con Blockchain

Connettività

Viviamo in un’era di connettività. La tecnologia ci ha permesso di rimanere in costante contatto con il mondo, in tempo reale. Questa connettività ha trasceso la comunicazione, tuttavia, e ha cambiato il modo in cui vediamo la nostra connessione con gli altri.

Una società, di nome Genobank, fornisce ai propri clienti la possibilità di scoprire le proprie origini e il collegamento con gli altri. Questo viene fatto attraverso l’esame del DNA.

Ciò che distingue Genobank dalla concorrenza è il loro approccio alla proprietà / privacy dei dati.

DNA

L’acido desossiribonucleico (DNA) si riferisce alle molecole detenute da tutti gli esseri umani, che contengono il loro codice genetico unico. Esaminando questo codice, possiamo conoscere l’ascendenza di un individuo, le predisposizioni ai disturbi mentali e fisici e altro ancora.

Il DNA è diventato popolare per la prima volta, e un termine familiare, quando ha iniziato ad essere usato come mezzo di identificazione, in particolare nelle scene del crimine.

I dettagli

Nel tentativo di continuare a sviluppare i propri prodotti / servizi e ritagliarsi un posto nel settore, Genobank ospita attualmente un campagna di crowdfunding attraverso la piattaforma di investimento azionario, Republic.

Questo evento, che ha visto Genobank raggiungere circa il 175% del loro obiettivo minimo, nel momento in cui scrivo, dovrebbe rimanere attivo fino al 14 marzo 2020.

Gli investitori che partecipano all’evento saranno ricompensati con un “Crowd Simple Agreement for Future Equity (Crowd SAFE)”. Si tratta di una forma di accordo creata da Republic, meglio strutturata per l’utilizzo in campagne di crowdfunding rispetto a un tradizionale SAFE.

In sostanza, coloro che detengono un SAFE non acquisiscono immediatamente azioni della società. Il trasferimento di equità avviene solo quando vengono rispettati alcuni parametri preimpostati, per quanto riguarda i progressi / sviluppi futuri.

Privacy


La nostra comprensione delle intuizioni, che l’esame del nostro DNA può offrirci, ha portato a un boom in aziende come Ancestry Health, 23andMe e altre. I dati generati da servizi come questi rappresentano i dati più importanti e intimi di tutti: ti rappresentano.

Sfortunatamente, abbiamo visto più volte, negli ultimi anni, che i dati vengono utilizzati in modo improprio, rubati e generalmente utilizzati in modo improprio. Naturalmente, ciò ha portato a grandi movimenti che sostengono migliori pratiche sulla privacy che circondano la generazione e l’uso dei dati.

La responsabilizzazione sui propri dati è la forza trainante di Genobank. La società osserva che fanno uso specifico delle tecnologie blockchain per rendere anonimo l’utilizzo della loro piattaforma, consentendo ai clienti di scoprire di più su se stessi, pur mantenendo il potere sui loro dati più intimi.

L’azienda afferma,

“Usiamo la blockchain al massimo delle sue potenzialità registrando i tuoi dati sul DNA come una risorsa digitale unica nota anche come gettone non fungibile (NFT). Questo ti garantisce la proprietà esclusiva su di esso. “

Per il meglio o il peggio

Sebbene la mancanza di privacy possa giustamente spaventare molti, ci sono casi in cui l’accesso ai database del DNA si è dimostrato oltre il valore.

Un perfetto esempio di ciò si è verificato nel 2018, quando uno dei serial killer più famigerati degli Stati Uniti è stato identificato e catturato. Conosciuto come il “Golden State Killer”, Joseph DeAngelo è stato identificato quando un suo parente ha utilizzato un servizio DNA.  Questi dati sono stati quindi in grado di essere incrociati con il DNA trovato sulle scene del crimine, fornendo alle autorità informazioni sufficienti per dedurre chi fosse il loro assassino..

Sebbene questa particolare istanza abbia avuto un esito positivo, solleva interrogativi sull’accesso a tali dati. Se le persone che non hanno mai nemmeno utilizzato un tale servizio possono essere identificate e rintracciate, ognuno di noi è veramente al sicuro?

Anche se potresti non essere in grado di controllare le azioni degli altri, puoi controllare i tuoi dati. Genobank gioca a questo, affermando,

“Poiché esiste un solo portafoglio DNA privato per utente, terze parti non avranno mai accesso ai tuoi dati DNA senza il tuo esplicito consenso (firma digitale). Solo tu puoi concedere / revocare l’accesso e modificare / eliminare i dati anagrafici & record. TU hai il controllo! “

ATM

Mentre Genobank ha vari piani per l’utilizzo dei fondi raccolti attraverso la loro campagna di crowdfunding, uno dei loro piani più interessanti è il lancio di bancomat del kit DNA.

Questi chioschi fornirebbero esattamente ciò che implica il loro nome: un kit che consente l’analisi del proprio DNA. L’obiettivo è fornire questi servizi a tutti, poiché non sono richieste informazioni personali.

Genobank indica che questi bancomat rappresentano uno dei due flussi di entrate previsti. L’altra sarà una versione “white label” dei loro kit, che viene venduta a cliniche, ospedali, ecc.

Genobank

Fondata nel 2014, Genobank ha sede a Palo Alto, in California. L’azienda è specializzata nello sviluppo di soluzioni che consentono di analizzare il proprio DNA in maniera centrata sulla privacy.

Il CEO, Daniel Uribe, attualmente sovrintende alle operazioni della società.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map