I ricercatori della California Berkeley Haas Blockchain Initiative pubblicano un nuovo studio Stablecoin

Questa settimana un gruppo di ricercatori ha finanziato l’iniziativa Blockchain di Berkeley Haas dell’Università della California rilasciato uno studio sulle stablecoin che ha concluso che l’emissione di queste monete non ha alcun effetto sul prezzo del bitcoin o di altre criptovalute nel mercato. Il gruppo ha scoperto la conclusione che apre gli occhi dopo aver confrontato i dati del mercato e del flusso di scambi negli ultimi due mesi. La notizia rappresenta un cambiamento nell’uso e negli effetti di questi nuovi strumenti finanziari nella sfera delle criptovalute.

Stablecoin

Gli stablecoin sono token ancorati a criptovalute, denaro fiat o materie prime negoziate in borsa, come metalli preziosi o metalli industriali. In questo modo, questi token subiscono fluttuazioni di prezzo in base al loro ancoraggio di mercato e non alla sfera crittografica complessiva. La prima grande stablecoin è stata Tether (USDT). Al momento della sua emissione, Tether ha affermato che ogni USDT era supportato da valuta fiat su base 1: 1. Nel marzo 2019, Tether ha modificato il suo sostegno per includere prestiti e altre attività. Nonostante i cambiamenti, Tether continua ad essere la migliore stablecoin.

Dibattiti Stablecoin

È importante sottolineare che le stablecoin continuano a essere uno strumento molto dibattuto nel mercato. Questo rapporto fornisce sia ai regolatori che alla criptocomunità la necessaria trasparenza sugli effetti di questi token. Per anni le accuse di manipolazione del mercato hanno afflitto il mercato. Queste preoccupazioni hanno raggiunto un picco febbrile dopo che Facebook ha annunciato l’anno scorso il suo progetto di stablecoin Libra. I regolatori si sono affrettati a fermare il progetto.

Studio Stablecoin – Safe Haven

In particolare, lo studio non dimostra alcuna prova che l’emissione di stablecoin influisca attualmente sui prezzi delle criptovalute. Invece, i dati rivelano il contrario. L’utilizzo di Stablecoin si verifica principalmente come mercato reazione alle variazioni di prezzo e non come causa dell’azione stessa. I ricercatori hanno scoperto che le prove si concludono sull’uso primario delle stablecoin come rifugio sicuro.

Esci dalla volatilità

Questi dati hanno senso se si considera che le stablecoin forniscono agli investitori un modo più semplice per uscire dalla volatilità nello spazio. Il trasferimento della tua criptovaluta in valuta fiat comporta ulteriori ritardi e commissioni. In un mercato in rapida evoluzione, i ritardi nelle conversioni legali e le commissioni aggiuntive possono rivelarsi un vero problema. In alternativa, trasferire i tuoi fondi su uno stablecoin richiede pochi secondi, con la maggior parte degli scambi che ora offre le proprie monete fiat-pegged.

Studio Stablecoin

Studio Stablecoin

Fondamentalmente, l’analisi dei dati di trading ha anche rivelato che le stablecoin svolgono un ruolo ancora più importante come riserva di valore per gli scambi che non offrono conversioni da criptovaluta a fiat. Queste monete sono l’unica via di fuga dalla volatilità del mercato. Queste piattaforme vedono il movimento più stabile durante le tendenze al ribasso del mercato.

Stablecoin Study Research Group

Richard Lyons, U.C. Il capo dell’innovazione di Berkley e Ganesh Viswanath-Natraj, assistente professore di finanza presso la Warwick Business School hanno guidato la ricerca. In particolare, il progetto ha ricevuto finanziamenti dall’Iniziativa Blockchain di Berkeley Haas dell’Università della California.


Berkeley Haas Blockchain Initiative

La Berkeley Haas Blockchain Initiative è stata lanciata ufficialmente nel 2018 con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza della blockchain tra gli studenti e far avanzare la ricerca accademica nel campo. Il gruppo si concentra su una gamma completa di iniziative blockchain tra cui sviluppo tecnico e innovazione in blockchain, criptovalute e pagamenti digitali. È importante sottolineare che la Berkeley Haas Blockchain Initiative è stata resa possibile attraverso una partnership strategica con Ripple.

Nuove prove

In modo critico, questo ultimo studio sulle stablecoin contraddice le conclusioni trovate da un altro gruppo di ricercatori universitari nel luglio 2018. A quel tempo, John Griffins dell’Università del Texas ad Austin e Amin Shams della Ohio State University hanno trovato il loro ricerca ha dimostrato una correlazione diretta tra le emissioni di Tether e gli aumenti dei prezzi di Bitcoin. In particolare, i loro dati hanno dimostrato che il calo della capitalizzazione di mercato ha comportato un aumento dei prezzi dei bitcoin. Lo studio è arrivato al punto di indicare l’introduzione di Tether come forza trainante dietro la corsa al Bitcoin del 2017.

Il rapporto alla fine è arrivato al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Di conseguenza, le autorità di regolamentazione hanno aperto un’indagine per stabilire se Tether e Bitfinex stablecoin utilizzato emissioni per gonfiare il prezzo del bitcoin. Ora, i regolatori affermano che Tether USDT si è impegnato nella manipolazione illegale del mercato per sostenere il prezzo del bitcoin. Fondamentalmente, Tether difeso la sua azienda e l’importante ruolo delle stablecoin nel mercato.

Un momento diverso

Il fatto che Tether sia stata la prima stablecoin a svolgere il ruolo di rifugio sicuro nel mercato è importante. Nel 2017, ha tenuto sulle sue spalle il peso della criptocomunità. Oggi ce n’è uno enorme varietà di stablecoin a disposizione degli investitori. Questa diversificazione continua ad espandersi man mano che nuove aziende entrano nel mercato. Ecco le stablecoin più popolari in base alla capitalizzazione di mercato:

  • Tether (USDT)
  • TrueUSD (TUSD)
  • DAI Stablecoin
  • Moneta USD (USDC)
  • Token standard Paxos (PAX)
  • Stablecoin di Bitshares (BitUSD)
  • Gemelli (GUSD)
  • Binance GBP Stablecoin (BGBP)

Studio Stablecoin – Mercato pronto ad espandersi

Poiché il mercato delle stablecoin continua ad espandersi, le aziende più grandi ora vogliono creare il prossimo standard di stablecoin. Pertanto, più aziende tecnologiche come Facebook e Telegram hanno annunciato piani per l’emissione di risorse digitali in futuro. Queste piattaforme hanno già milioni di utenti, che diventerebbero immediatamente utenti crittografici, se i progetti avessero successo. Sfortunatamente, fino ad oggi entrambi questi progetti hanno incontrato dure risposte da parte della SEC. In entrambi i casi, le autorità di regolamentazione hanno richiesto più tempo per esaminare gli aspetti dei progetti e ulteriori informazioni alle società.

Nuovi dati – Un nuovo approccio

Ora che i regolatori hanno aggiornato i dati, è tempo di un nuovo approccio al mercato delle stablecoin. Alcuni paesi hanno chiesto un approccio internazionale alle stablecoin. Ad esempio, quest’anno il Financial Stability Board (FSB), l’organo di vigilanza del G20, pubblicato preoccupazioni relative al potenziale dirompente delle stablecoin nel mercato. Il rapporto ha seguito una serie di banche centrali che annunciavano piani per l’emissione di stablecoin in futuro.

Monete stabili emesse dalla banca centrale

Un altro importante rapporto evidenzia come quest’anno la Russia abbia preso l’iniziativa di emettere una stablecoin multinazionale sostenuta da materie prime con l’Unione economica eurasiatica, o EAEU, e i paesi BRICS. La notizia arriva dopo la notizia è emerso che la Cina prevede di emettere una stablecoin nel prossimo futuro.

Panoramica dello studio Stablecoin

Devi dare credito a questi ricercatori. I nuovi dati di questo rapporto dovrebbero aiutare a guidare sia i legislatori che gli sviluppatori di stablecoin ad andare avanti. Si spera che nel prossimo futuro entrambe le squadre saranno sulla stessa pagina. Per ora, i legislatori continuano a cercare di cogliere le vere capacità di questi rivoluzionari strumenti blockchain.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map