Matthew Unger, CEO di iComply Investor Services Inc – Serie di interviste

Matthew è l’amministratore delegato di iComply (iComply Investor Services Inc.) è una pluripremiata piattaforma Regtech che alimenta la digitalizzazione della finanza istituzionale con copertura per oltre 160 paesi.

Sei coinvolto nella criptovaluta da molti anni. Puoi condividere con noi come hai appreso per la prima volta sulle criptovalute?

Ho sentito parlare per la prima volta di criptovaluta (Bitcoin) nel 2011 in un meetup a Vancouver. Prima di allora, ho trascorso più di mezzo decennio come gestore patrimoniale. Ho visto come la tecnologia blockchain trasformerebbe i mercati dei capitali. Da allora abbiamo assistito a tantissime innovazioni. Per confrontarlo con i media digitali: se Bitcoin era il Napster della finanza, i contratti intelligenti di Ethereum erano BitTorrent.

Come ti sei imbattuto nel concetto di iComply Investor Services?

La necessità di iComply è nata da due eventi importanti, nel 2014, la fintech per cui ho lavorato è stata la creazione di una piattaforma per broker dealer e asset manager per gestire l’intera attività da un iPad. Per KYC, c’erano alcune API sul mercato ma ancora oggi la maggior parte di questi strumenti non fa altro che l’onboarding o la verifica dell’identità.

Negli ultimi 15 anni, ho seguito molti cicli di audit normativo e ho svolto la mia prima formazione in materia di antiriciclaggio nel 2005. Ho visto la necessità di un kit di strumenti che consentisse alle aziende di gestire facilmente le variazioni globali e le frequenti modifiche alle normative locali, sia per l’onboarding, sia per verifica dell’identità, AML o anche divulgazioni e accordi legali. Oggi, iComply offre strumenti di identificazione e gestione del rischio di livello istituzionale che supportano la conformità AML per l’intero ciclo di vita del cliente.

Hai guidato un progetto del 2016 per utilizzare i contratti intelligenti di Ethereum per automatizzare l’abbinamento e l’adempimento del trading di swap su tassi di interesse CME su LIBOR. Come ha funzionato e qual è stato il risultato?

In realtà, ho guidato solo la parte tecnica di questo proof of concept (POC) con un team al MIT. Il nostro obiettivo era creare un business case e un POC tecnico per identificare se i contratti intelligenti potevano essere utilizzati per compensare i derivati ​​in modo efficace. Ciò ha richiesto la mappatura dell’intero flusso di lavoro, dei requisiti aziendali e di conformità del secondo centro di smistamento più grande del mondo. Abbiamo collegato i punti tra le controparti delle transazioni, i loro studi legali e un’intera rete di software proprietario.

Guardando indietro, la nostra soluzione era un disastro: avevamo troppa logica e informazioni potenzialmente riservate on-chain, ed Ethereum è stato integrato in un’interfaccia Salesforce personalizzata. Erano i primi giorni. Poco dopo il disastro della DAO si è verificato e il conseguente hard fork ha ucciso tutti gli interessi delle principali istituzioni. Tuttavia, i risultati del POC sono stati entusiasmanti: potremmo prendere un processo istituzionale tradizionale che richiede 4-6 settimane e costa fino a $ 10.000 per transazione e ridurlo a meno di un dollaro di gas in meno di un minuto.

Abbiamo assistito al boom delle ICO nel 2017 con il successivo incidente nel 2019. Perché ritieni personalmente che le STO saranno diverse?


In primo luogo, le ICO stavano cercando di fare qualcosa di molto diverso dalla digitalizzazione di un titolo: per molti versi i token di utilità sono una nuova classe di asset, i token di sicurezza sono una nuova tecnologia applicata, per la maggior parte, a strumenti finanziari molto tradizionali. Continuo a credere che ci siano casi d’uso eccellenti per i token di utilità, ma molti token di utilità devono ancora essere conformi a tutti i tipi di leggi e regolamenti al di fuori dei titoli.

Al contrario, le STO si stanno concentrando sull’operare nell’ambito della regolamentazione dei titoli. Ciò significa che saranno tenuti a uno standard più elevato ei loro token devono osservare la regolamentazione dei titoli di qualsiasi giurisdizione in cui commerciano, anche per i trasferimenti peer-to-peer tra portafogli. Queste normative variano ampiamente da un paese all’altro, nel mondo degli accordi legali cartacei o PDF digitalizzati c’è poco rischio che un regolatore nell’UE cogli un emittente statunitense che raccoglie capitali per un collocamento privato in un affare, un fondo o un affare immobiliare.

Mettere queste transazioni su una blockchain cambia completamente questo perché i regolatori sono già in grado di monitorare il mercato in un modo che è semplicemente impossibile oggi. Gli emittenti di token oggi stanno ancora acquistando API di base per KYC e AML e molti pensano ancora alla regolamentazione globale come binaria: SEC vs no-SEC (ovvero Reg D e Reg S). Tuttavia, quando una risorsa tokenizzata è in grado di gestire facilmente le variazioni giurisdizionali di identità, privacy, dati, AML e normative sui titoli, comprese le divulgazioni e gli accordi legali, ecc., Il vecchio modo di fare le cose sembra folle. Sarebbe come se qualcuno usasse Telex oggi invece di Telegram, email o Slack.

Quali sono alcuni dei casi d’uso di tokenizzazione in cui iComply può aiutare le aziende?

Da quando abbiamo lanciato Prefacto nel febbraio 2018, abbiamo visto molti progetti di token davvero interessanti da Cryptokitties a fondi tokenizzati, immobili, obbligazioni, azioni private, contratti futures e persino proprietà frazionata in botti di Scotch di lusso, whisky e vino.

Il toolkit Prefacto rende semplice e molto conveniente per gli emittenti di token gestire i requisiti di conformità non solo per l’offerta iniziale, ma per ogni transazione nel corso della vita dell’asset in quasi tutti i paesi del mondo. Se il tuo avvocato è in grado di scrivere un term sheet, un contratto di acquisto o un contratto di licenza, probabilmente puoi tokenizzarlo.

Nel 2018, abbiamo iniziato a vedere molte nuove startup blockchain che lanciano piattaforme per l’emissione, il trading, gli agenti di trasferimento e la gestione della tabella cap come Polymath, Blockport, Securitize, ecc. Abbiamo iniziato a ricevere richieste da molte piattaforme STO su come per gestire la conformità AML transfrontaliera per gli investitori aziendali onboarding, quindi abbiamo rilasciato un secondo prodotto, iComplyKYC, come toolkit che si collega facilmente a questi tipi di piattaforme. Quello che non ci aspettavamo era la domanda dai mercati dei capitali tradizionali, dove i back office semplicemente non sono pronti per la blockchain. Questa è una tendenza molto eccitante perché ora stiamo collegando i punti per molti dei nostri clienti colmando i divari tra broker tradizionali, piattaforme di emissione e persino alcuni scambi.

Uno dei tuoi clienti di scambio è Motto Technologies, uno scambio di criptovaluta con sede nel Regno Unito che diventa pubblico sulla LSE. Puoi spiegarci cosa fa Motto e come iComply è stato in grado di assisterli?

Il motto era all’inizio del gioco “facciamo i regolamenti giusti”. La loro piattaforma consente agli utenti di acquistare, scambiare criptovaluta, ma offre anche ai loro utenti una carta Visa che ti consente di spendere facilmente la tua criptovaluta ovunque ti trovi. Al fine di ottenere gli audit precedenti dai loro partner bancari, Visa e la Financial Conduct Authority.

Abbiamo aiutato Motto a trovare esperti di regolamentazione locale, a preparare le loro politiche e procedure per audit, approvazioni e due diligence pubbliche. Prima di utilizzare iComply, la loro banca aveva richiesto loro di utilizzare uno strumento “e-KYC” basato su API che avrebbe potuto funzionare se avessero eseguito solo uno scambio crittografico tradizionale. Il nostro toolkit iComplyKYC ha consentito loro di creare e mantenere un solido programma di conformità in grado di resistere al controllo normativo. La maggior parte delle altre piattaforme sta ancora perdendo tempo con 10 diverse API e sistemi manuali per cercare di placare i regolatori. Abbiamo aiutato Motto ad anticipare questa curva e, poiché presto sarà una società quotata in borsa, le loro azioni saranno disponibili per investitori accreditati e non accreditati allo stesso modo – Non sono a conoscenza di un altro scambio sul mercato che possa dire che.

Uno dei tuoi prodotti software è Prefacto, una soluzione regtech per asset tokenizzati. Quali problemi risolve Prefacto?

Prefacto consente alle aziende di gestire la conformità end-to-end sulle proprie risorse tokenizzate. Ciò include la pianificazione e la strutturazione, il lancio di contratti intelligenti, lo sviluppo e l’implementazione di un programma di conformità, l’emissione e la distribuzione e, infine, la gestione continua dei token. Rispetto a ciò che fanno oggi molti emittenti, i nostri clienti possono risparmiare tempo, denaro e molto dolore se parlano presto con il nostro team.

iComply offre anche servizi KYC. Quali sono alcuni di questi servizi?

Alla fine del 2018, abbiamo iniziato a contattare altre piattaforme di emissione di token, agenti di trasferimento, ecc. Nel mercato dei token di sicurezza per offrire loro demo e l’opportunità di condividere conoscenze e collaborare piuttosto che competere. Diversi giocatori hanno accettato l’offerta e abbiamo imparato molto. Uno dei punti chiave di iComply era che, mentre pensavamo che Prefacto fosse interessante, la nostra tecnologia di conformità era un pezzo mancante chiave per queste altre piattaforme.

Al momento, nessuna delle altre piattaforme era in grado di gestire la conformità per gli investitori aziendali, reti di broker distribuite o variazioni multi-giurisdizionali nella regolamentazione. Questo ci ha portato a riorientare la nostra attività su ciò in cui siamo conosciuti per essere i migliori: l’automazione della conformità intelligente. Ci è voluto circa un anno per eseguire il refactoring della nostra piattaforma e lanciare la versione corrente di iComplyKYC, una suite di strumenti che semplifica la creazione e il mantenimento di un solido programma di conformità AML globale.

Abbiamo costruito la nostra tecnologia KYC perché sapevamo che le API sul mercato non avrebbero soddisfatto i requisiti normativi: c’è una ragione per cui non vedi questi strumenti utilizzati oggi da aziende come HSBC, Santander, Vistra, ecc. Dopo aver lanciato iComplyKYC, noi ha scoperto che gli attori istituzionali erano molto interessati a utilizzare questi strumenti perché erano costruiti secondo gli attuali standard e quadri di conformità tradizionale – lo facciamo semplicemente per un costo per transazione inferiore del 95-98% rispetto agli attuali sistemi di mid e back office.

Dove vedi il settore tra cinque anni?

Tra 5 anni, se hai familiarità con il concetto del ciclo di hype di Gartner, vedremo i token di sicurezza iniziare a decollare nell’adozione mainstream. In questo momento, se guardi ai media digitali come esempio, in questo momento i token di sicurezza sono per le persone che avrebbero usato Napster o Kazaa. Tra cinque anni avremo un iTunes, forse anche un Netflix.

Le aziende tradizionali supereranno i POC ei comunicati stampa del MOU. Come il perno di Netflix dai DVD per corrispondenza alla consegna digitale, alcuni dei grandi avranno reso le blockchain pubbliche un fulcro della loro strategia aziendale come EY ha già fatto con Ethereum. Altri seguiranno la via di Blockbuster.

Allo stesso tempo, le startup dei token di sicurezza saranno più collaborative e più interoperabili. Il costo del lancio di un token sarà almeno del 90% inferiore rispetto a oggi. Le piattaforme che hanno scelto blockchain pubbliche, piuttosto che catene private proprietarie o create appositamente, inizieranno a vedere i vantaggi di questo pensiero a lungo termine.

Infine, nei prossimi 1-3 anni credo che vedremo e sentiremo molto parlare di catene private con il razionale di scalabilità, sicurezza, ecc. Questo è un ultimo sforzo per proteggere il loro modello di business dall’essere cannibalizzato dal decentramento e dalla democratizzazione in finanza. I primi membri del Consorzio R3 hanno speso milioni per imparare questo, Salesforce e S&P ha demolito il loro progetto Hyperledger, JP Morgan ha recentemente rinunciato a Quorum: la verità è che abbiamo DLT in finanza da oltre 30 anni, i sistemi come CDS sono incredibilmente efficienti e sicuri.

Non c’è nulla di innovativo in una blockchain privata o in una rete mesh nella finanza. Guarda Java e C #, hanno vinto la gara per costruire Internet. Le soluzioni di cloud pubblico come Google, AWS e Azure hanno vinto la gara per l’architettura di server pubblici condivisi. Per la finanza digitale, le blockchain pubbliche consentono la piena trasparenza che crea fiducia e reputazione in un modo che una catena privata non può. Entro 5 anni vedrai che SIX, ASX, GBX e giocatori simili avranno demolito la loro attuale infrastruttura a favore di minori costi per transazione e minori costi di proprietà della tecnologia, per adottare un’infrastruttura blockchain pubblica.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere su iComply?

Il nostro obiettivo in iComply è garantire che le aziende possano creare e mantenere facilmente un programma di conformità di livello solido, globale e istituzionale. Il problema che vediamo nel mercato è che gli strumenti di livello istituzionale sono troppo manuali e costosi per consentire la trasformazione digitale. Nel frattempo, nei mercati fintech, startup e security token vediamo molti giocatori che hanno molta esperienza profonda in titoli o finanza – di solito solo in un mercato – ma nessuna esperienza nel mondo reale in ciò che accade nel mid office e nel back office , molto meno rispetto a livello internazionale. Semplicemente non capiscono che quando vendi un Reg S a qualcuno in Germania ci sono requisiti di conformità da BaFin, dalla Commissione Europea, ecc. Per il bene di questo intero settore, esorto gli emittenti di token a considerare la conformità in modo olistico, e il prima possibile.

I nostri clienti si rendono conto molto rapidamente che stiamo offrendo un approccio olistico. Supportiamo i nostri clienti attraverso audit da parte di autorità di regolamentazione, banche e partner finanziari: ne hanno bisogno per avere successo. L’API eKYC creata per Uber e AirBnb non lo fa perché sanno che la loro tecnologia non supererà un audit: una volta conclusa la vendita, il gioco è fatto. Questo è ciò che rende unico il nostro obiettivo in iComply, siamo qui per aiutare i nostri clienti a fare affari: abbiamo allineato il nostro modello di business con il successo dei nostri clienti.

Per saperne di più visita iComply oppure visita o la pagina della scheda di attività commerciale iComply.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map