Swiss Digital Bank affronta la tokenizzazione delle risorse per le istituzioni pienamente conformi

Tokenizzazione delle risorse del mondo reale eseguita in Svizzera

Asset tokenization, è lo spazio in cui gli asset tradizionali ei token digitali intercettano per consentire agli emittenti di costruire prodotti finanziari completamente nuovi e agli investitori di partecipare in modi nuovi.

Anche se c’è ancora molta strada da fare, sono stati compiuti molti progressi nello spazio delle risorse digitali per consentire la tokenizzazione delle risorse del mondo reale. Ne è testimonianza anche il recente annuncio di SEBA, un’entità bancaria regolamentata svizzera.

Fondata con la missione di avvicinare la finanza tradizionale e le risorse digitali, la banca digitale ha ora segnalato che sta entrando nello spazio della tokenizzazione delle risorse. A questo proposito SEBA mira a sviluppare soluzioni innovative dove i propri clienti possano emettere e gestire asset finanziari su più protocolli blockchain e renderli facilmente accessibili agli investitori.

La banca digitale non è estranea alle risorse digitali, in quanto offre già una suite di servizi intorno a queste, dalla custodia digitale al trading, al banking delle transazioni e ai prestiti con criptovaluta..

SEBA come entità regolamentata, segue un percorso completamente conforme al fine di rivolgersi a grandi istituzioni. L’istituto finanziario svizzero vuole lavorare con banche, investitori professionali, family office, asset manager e altre società blockchain.

In quanto tale, l’ingresso della banca nello spazio è accompagnato da una partnership con Digital Asset Shared Ledger (DASL), che si basa sulla blockchain aziendale Corda.

SEBA collabora con Liquidity Network DASL

La banca farà leva sul Digital Asset Shared Ledger (DASL) per espandere i suoi servizi che è una rete di liquidità per gli asset digitali. DASL facilita il trasferimento di risorse digitali attraverso la rete Corda pubblica, che è una rete peer-to-peer di nodi DLT, consentendo l’interoperabilità tra più sistemi, app e processi.

Di conseguenza, questa partnership consentirà a SEBA di fornire ai clienti istituzionali la possibilità di emettere e investire in titoli digitali che rappresentano strumenti finanziari sulla rete Corda.

L’offerta di titoli di DASL include diverse funzionalità tra cui emissione, gestione del portafoglio, assistenza patrimoniale, compensazione e regolamento, il tutto basato sulla tecnologia DLT (Distributed Ledger Technology). Inoltre, le capacità di rete di DASL sono pienamente conformi alle normative sui titoli.

La banca ha già diversi servizi per i propri clienti relativi alle risorse digitali e la tokenizzazione delle risorse sarà offerta come complemento al prodotto SEBA per la custodia, la gestione delle risorse e il trading.

Come parte dell’offerta di tokenizzazione degli asset, secondo la descrizione di SEBA, i clienti saranno in grado di tokenizzare fiat e metalli preziosi, asset alternativi come immobili e materie prime, nonché esplorare ecosistemi tokenizzati di aziende con prodotti (come utility token) e condurre token di sicurezza offerte.

SEBA creerà un portafoglio per i clienti di custodia a bordo, emetterà titoli digitali e li distribuirà alla gestione patrimoniale e ad altre reti di investitori. Collaborando con DASL, SEBA fa affidamento sull’esperienza del team nella creazione di infrastrutture critiche per le istituzioni finanziarie.


Una partnership per un ulteriore sviluppo

Sebbene sia ancora in una fase iniziale, la partnership potrebbe portare ulteriore generazione di prodotti e creazione di liquidità nel tempo, dove DASL sosterrà la strategia della SEBA Bank per essere un partner delle istituzioni.

Matthew Alexander, Head Tokenization presso SEBA Bank, spiega quanto sia importante costruire una piattaforma affidabile per l’adozione della cartolarizzazione di asset digitali:

“L’adozione diffusa di asset digitali e titoli da parte delle istituzioni richiede sedi affidabili per la distribuzione e per la negoziazione secondaria e la liquidità. DASL fornisce a SEBA una piattaforma immediata e sicura per la nostra gamma di prodotti di titoli digitali. Non vediamo l’ora di combinare i nostri punti di forza con quelli di DASL per migliorare ulteriormente le nostre soluzioni e servizi per i clienti “.

“Siamo lieti di collaborare con SEBA Bank e portarli sulla rete Corda pubblica con DASL. DASL fornisce un acceleratore ai mercati dei capitali digitali per i clienti istituzionali di SEBA”. ha dichiarato Richard Crook, fondatore di DASL.

Negli ultimi due anni, SEBA ha fatto passi da gigante nello spazio delle risorse digitali. La banca crittografica svizzera è riuscita ad espandere in modo significativo i suoi prodotti e servizi al mercato istituzionale. All’inizio di quest’anno, SEBA ha anche raccolto $ 100 milioni di finanziamenti sei mesi dopo aver ricevuto la licenza bancaria nell’agosto 2019.

Aprire la porta alla tokenizzazione degli asset alle istituzioni è uno degli aspetti chiave per l’adozione diffusa degli asset digitali su larga scala. Una volta che le istituzioni che seguono rigorose misure di conformità possono emettere, gestire e scambiare titoli di asset digitali, potrebbero aprire le porte all’interesse di un’ampia varietà di investitori su scala globale. Questo potrebbe essere un punto critico che avvia la transizione dalla cartolarizzazione degli asset tradizionale a quella completamente digitale.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map