Un’analisi del reclamo di SEC vs Ripple Labs Inc

Abbiamo esaminato la pagina 71 Reclamo della SEC contro Ripple Labs Inc. e due dei suoi dirigenti. Le accuse delineate nel caso 1: 20-cv-10832, descrivono le accuse dei querelanti che vendono $ 1,3 miliardi attraverso un’offerta di titoli di asset digitali in corso non registrata.

Descriviamo i punti principali delle accuse della SEC insieme ai commenti sul significato di questo reclamo.

Riepilogo: almeno dal 2013 a oggi, gli imputati hanno venduto oltre 14,6 miliardi di unità di un titolo di asset digitali chiamato “XRP”, in cambio di denaro o altro corrispettivo del valore di oltre $ 1,38 miliardi di dollari USA (“USD”), per finanziare le operazioni di Ripple e arricchiscono Larsen e Garlinghouse. Gli imputati hanno intrapreso questa distribuzione senza registrare le loro offerte e vendite di XRP con la SEC come richiesto dalle leggi federali sui titoli, e non è stata applicata alcuna esenzione da questo requisito “.

Questo delinea chiaramente l’intera premessa dietro le accuse. Ripple Labs Inc ha raccolto $ 1,38 miliardi di dollari di capitale vendendo XRP. Gli XRP erano considerati titoli dalla SEC, ma Ripple Labs Inc non ha notificato alla SEC che stavano distribuendo titoli. Inoltre, Ripple Labs non ha fornito alcun tipo di informazione finanziaria e gestionale normalmente fornita nelle dichiarazioni di registrazione.

8. Gli imputati continuano a detenere importi sostanziali di XRP e, senza alcuna dichiarazione di registrazione in vigore, possono continuare a monetizzare il loro XRP utilizzando l’asimmetria informativa che hanno creato nel mercato per il proprio guadagno, creando un rischio sostanziale per gli investitori.

Le accuse dietro questa dichiarazione sono piuttosto forti e sono un indicatore della posizione che la SEC sta prendendo. Non riuscendo a registrare o archiviare dichiarazioni, i dirigenti di Ripple Labs hanno avuto accesso a dati e informazioni privilegiate che non erano disponibili per gli investitori regolari che hanno acquistato XRP durante l’evento di distribuzione o che continuano a detenere XRP. Si tratta essenzialmente di affermare (senza affermare direttamente) che questa mancanza di distribuzione delle informazioni ha il potenziale per consentire l’insider trading, poiché non tutti gli investitori avevano uguale accesso alle finanze aziendali o alle informazioni necessarie per prendere adeguatamente decisioni di investimento.

I dirigenti sono stati quindi in grado di agire sulle informazioni materiali prima dei normali possessori di token XRP.

27. La sezione 5 del Securities Act abbraccia tutto; proibisce qualsiasi offerta di titoli non registrati. Attraverso disposizioni di esenzione come la Sezione 4 del Securities Act [15 U.S.C. §77d], tuttavia, il Congresso ha distinto tra (1) le vendite da parte degli emittenti dei loro titoli nei mercati pubblici, che richiedono la registrazione, e (2) le normali operazioni di negoziazione sul mercato da parte degli investitori, una volta che i titoli si sono fermati con loro, il che tipicamente sono esentati dalla registrazione.

Questo spiega la Sezione 5 del Securities Act e delinea ulteriormente il fallimento per conto di Ripple Labs Inc di registrare correttamente l’offerta di titoli degli eventi di distribuzione di token XRP. Ai sensi del Securities Act del 1933, l’offerta e la vendita di titoli devono essere registrate a meno che non sia disponibile un’esenzione dalla registrazione. Non è chiaro se sia stato fatto un tentativo di esenzione.

41. Circa il 40% dei nodi che convalidano le transazioni su XRP Ledger sono gestiti da organizzazioni o entità con sede negli Stati Uniti, inclusa la stessa Ripple.

Questa dichiarazione sta chiaramente delineando che Ripple Labs Inc, la sua attività e i suoi investitori hanno una presenza significativa negli Stati Uniti e sono quindi soggetti a seguire le normative statunitensi.

Questa responsabilità è la ragione per cui in passato così tante ICO hanno negato l’accesso alle opportunità di investimento agli investitori statunitensi. Un esempio di ciò include Block.one che richiede a tutti gli acquirenti di token ERC-20 nell’ICO EOS di accettare il Contratto di acquisto di token, che includeva disposizioni secondo cui alle persone statunitensi era vietato acquistare token ERC-20 e che qualsiasi acquisto da parte di una persona statunitense era illegale.

44. Nel settembre 2012, il co-fondatore, Larsen e Ripple Agent-1 hanno fondato Ripple.

45. Dopo il completamento dell’XRP Ledger nel dicembre 2012, e mentre il suo codice veniva distribuito ai server che lo avrebbero eseguito, Co-Founder, Ripple Agent-1 e Cryptographer-1 hanno creato, a basso costo, la versione finale di quella che oggi è una fornitura fissa di 100 miliardi di XRP.


46. ​​Co-Founder, Larsen e Ripple Agent-1 hanno quindi trasferito 80 miliardi di XRP a Ripple e i restanti 20 miliardi di XRP a se stessi — 9 miliardi di XRP ciascuno a Co-Founder e Larsen e 2 miliardi di XRP a Ripple Agent-1 — come compenso per i fondatori di Ripple. Dopo questo trasferimento, Ripple ei suoi fondatori controllavano il 100% di XRP.

In base alle dichiarazioni di cui sopra, la SEC sta rimuovendo preventivamente l’argomento di Ripple Labs secondo cui i token XRP sono decentralizzati. Con queste ampie dichiarazioni, la SEC ha una forte argomentazione che, a differenza di altre criptovalute che finora sono state considerate non essere titoli come Bitcoin ed Ethereum, i token XRP sono controllati da una piccola minoranza di azionisti che beneficiano notevolmente dal movimento dei prezzi.

Poiché gli investitori regolari non sono in grado di accedere alle informazioni aziendali rilevanti, è quindi possibile che, sebbene Ripple Labs Inc non abbia necessariamente manipolato i prezzi, abbiano avuto l’opportunità di farlo.

47. Come Cryptographer-1, un rispettato e noto portavoce di Ripple, ha dichiarato in un recente tweet (su Twitter): “Le persone che hanno creato XRP sono praticamente le stesse persone che hanno creato Ripple e hanno creato Ripple originariamente per, tra le altre cose, distribuisci XRP. “

Sebbene questa dichiarazione di Twitter possa essere stata presa fuori contesto, afferma che l’unico scopo dietro Ripple Labs Inc era quello di distribuire token XRP.

B. Gli avvocati di Ripple hanno avvertito Ripple e Larsen che XRP potrebbe essere una sicurezza

51. Ripple ha chiesto la consulenza di uno studio legale internazionale in merito a determinati rischi legali statali e federali associati alla distribuzione e alla monetizzazione di XRP. Caso 1: 20-cv-10832 Documento 4 Depositato il 22/12/20 Pagina 9 di 71

52. Lo studio legale ha fornito due promemoria – uno l’8 febbraio 2012 e un altro il 19 ottobre 2012 (le “note legali”) – che analizzavano questi rischi. Il primo promemoria era indirizzato al co-fondatore e un altro individuo, e il secondo a Larsen, il co-fondatore e Ripple.

53. Le note legali avvertivano che c’era un certo rischio che XRP sarebbe stato considerato un “contratto di investimento” (e quindi un titolo) ai sensi delle leggi federali sui titoli a seconda di vari fattori. Questi includevano, tra le altre cose, il modo in cui Ripple promuoveva e commercializzava XRP a potenziali acquirenti, la motivazione di tali acquirenti e le altre attività di Ripple rispetto a XRP. Se le persone acquistassero XRP “per impegnarsi in scambi di investimenti speculativi” o se i dipendenti di Ripple promuovessero XRP come un potenziale aumento di prezzo, le note legali avvertirono che Ripple avrebbe affrontato un rischio maggiore che le unità XRP sarebbero state considerate contratti di investimento (e quindi titoli).

La SEC sta chiaramente delineando il quadro in base al quale i dirigenti di Ripple Labs Inc stavano comprendendo le potenziali responsabilità dei token XRP classificati come titoli. I promemoria forniti da questi studi legali hanno delineato chiaramente l’alta probabilità che, se la SEC indagasse sulla questione, avrebbero considerato i titoli XRP in base a Securities Act del 1933 (“Securities Act”) o il Securities Exchange Act del 1934 (“Exchange Act”).

57. Il 26 maggio 2014, Larsen ha spiegato in un’e-mail a un individuo precedentemente associato a Ripple che lo studio legale internazionale che ha scritto le note legali ha avvertito “che investitori e dipendenti non potevano ricevere XRP” perché “potrebbe rischiare la designazione della SEC [come ] una garanzia. ” Larsen ha anche spiegato che l’XRP ricevuto al momento della fondazione di Ripple era “comp [ensation] per … assumersi personalmente il [e] rischio” di essere considerato gli emittenti di titoli, vale a dire, XRP.

Questa e-mail è un chiodo nella bara per i dirigenti di Ripple Labs Inc che potenzialmente sostengono una mancanza di comprensione del fatto che i token XRP sono classificati come titoli ai sensi del Securities Act del 1933. È anche dannoso che queste informazioni siano state nascoste agli investitori.

59. Nonostante questa conoscenza e la familiarità di Larsen con la Sezione 5 dell’azione di contrasto della SEC che la sua precedente società aveva risolto nel 2008 mentre Larsen era il suo CEO, Ripple e Larsen non hanno tenuto conto di alcuni dei consigli legali e degli avvertimenti contenuti nelle note legali. Nessuno dei due ha contattato la SEC per ottenere chiarezza sullo status legale di XRP prima di impegnarsi in una distribuzione su larga scala. Inoltre, come descritto più dettagliatamente di seguito, Ripple e Larsen (e in seguito Garlinghouse) hanno offerto, venduto e promosso XRP come investimento: proprio il tipo di condotta che i Note legali avevano avvertito avrebbe potuto portare a determinare che XRP fosse un titolo.

La SEC sta chiaramente definendo una tempistica per quando i dirigenti di Ripple Labs Inc hanno scoperto che l’XRP legalmente parlando sarebbe stato classificato come titoli, ma la proprietà non è riuscita ad agire su queste informazioni con l’intento di arricchirsi. Sarà molto difficile per gli avvocati della difesa argomentare contro questo.

60. Inoltre, Ripple e Larsen (e in seguito Garlinghouse) non hanno mai presentato una dichiarazione di registrazione alla SEC prima di offrire o vendere XRP. Né hanno limitato le loro vendite di XRP alle transazioni che rientrano nelle esenzioni legali ai requisiti di registrazione del Securities Act. In altre parole, Ripple e Larsen hanno intrapreso una distribuzione pubblica non registrata su larga scala di XRP e, con l’obiettivo di profitti immensi, hanno semplicemente assunto il rischio di violare le leggi federali sui titoli..

La mancanza di una dichiarazione di registrazione è chiaramente in violazione del Securities Act del 1933, la SEC si sta assicurando che questa mancanza di registrazione sia chiara. Non c’è spazio per confusione sull’intento alla base della distribuzione dei token o sulla mancanza di registrazione.

62. Allo stesso tempo (Nota dell’editore: 2013 & 2014), Ripple ha iniziato a fare dichiarazioni pubbliche riguardo a XRP (allora Ripple Credits) che ha iniziato a creare negli investitori un’aspettativa di profitto basata sugli sforzi di Ripple.

Se gli acquirenti di token XRP hanno acquistato XRP con la sola intenzione di guadagnare un profitto e diventare investitori, rimuove l’argomento secondo cui i token XRP sono semplicemente token di utilità. L’aspettativa di profitto è il problema.

Il caso Howey della Corte Suprema degli Stati Uniti e la giurisprudenza successiva hanno rilevato che esiste un “contratto di investimento” quando vi è un investimento di denaro in un’impresa comune con una ragionevole aspettativa di profitti derivanti dagli sforzi di altri. Il cosiddetto “test di Howey” si applica a qualsiasi contratto, schema o transazione, indipendentemente dal fatto che abbia una qualsiasi delle caratteristiche dei titoli tipici.

Con gli investitori che acquistano token XRP con l’aspettativa di guadagnare un profitto, la distribuzione di token XRP ha quindi fallito il test di Howey.

63. Ad esempio, in un documento promozionale che Ripple è stato distribuito a potenziali investitori intorno a maggio 2013, Ripple ha spiegato che il suo “modello di business si basa sul successo della sua valuta nativa”, che avrebbe “mantenuto tra il 25% e il 30%” di XRP e ha notato i “massimi record” dei prezzi raggiunti da altre risorse digitali come qualcosa che Ripple sperava di emulare per XRP.

Questo è un altro indicatore di come gli investitori stavano acquistando XRP con la sola intenzione di beneficiare finanziariamente dell’apprezzamento dell’asset sottostante (XRP).

69. In altre parole, il piano aziendale dichiarato di Ripple ha reso la condotta di Ripple qui presunta una conclusione scontata: Ripple ha fatto parte della sua “strategia” di vendere XRP al maggior numero possibile di investitori speculativi. Mentre Ripple pubblicizzava il potenziale uso futuro di XRP da parte di alcune istituzioni specializzate, un potenziale utilizzo che avrebbe distribuito i fondi degli investitori per cercare di creare, Ripple ha venduto XRP ampiamente sul mercato, in particolare a persone che non avevano “uso” di XRP come ha descritto Ripple tali potenziali “usi” e per la maggior parte quando non esistevano nemmeno tali usi.

In altre parole, quando gli investitori acquistavano XRP, non c’erano casi d’uso per i token XRP. La proprietà ha scelto di perseguire banche e altre istituzioni finanziarie per creare artificialmente una domanda per i token, ciò è stato eseguito con l’intenzione di aumentare il valore della classe di asset XRP.

III. Gli imputati hanno creato e controllato i mercati di scambio XRP mentre divulgano selettivamente informazioni sulle loro attività.

166. Le offerte e le vendite di XRP degli imputati nell’Offerta si sono verificate in un mercato che avevano ampiamente creato e che, coerentemente con il loro duplice scopo di raccogliere fondi dalle loro vendite XRP e gestire la liquidità del mercato XRP, hanno svolto un ruolo significativo supervisione.

167. Gli sforzi degli imputati in questo senso riguardavano principalmente il monitoraggio dei tempi e dell’ammontare delle loro vendite e acquisti XRP, a volte in coincidenza con annunci strategici su Ripple o XRP, e l’istituzione di un deposito a garanzia per le partecipazioni XRP di Ripple.

Quanto sopra sono alcune delle accuse più gravi per il potenziale di insider trading nella denuncia. La proprietà consisteva nel negare selettivamente agli investitori informazioni su modifiche sostanziali all’attività. La proprietà ha quindi venduto XRP agli investitori che stavano acquistando o vendendo token XRP sulla base di comunicati stampa o altra distribuzione di notizie. La tempistica della notizia ha coinciso con la vendita dei token.

Il SEC definisce l’insider trading come:

Insider trading“Si riferisce generalmente all’acquisto o alla vendita di un titolo, in violazione di un dovere fiduciario o di un altro rapporto di fiducia e riservatezza, mentre si è in possesso di informazioni materiali e non pubbliche sulla sicurezza.

A. Ripple ha gestito il prezzo e la liquidità nel mercato XRP

169. Nel corso dell’Offerta, Ripple, come Garlinghouse e Larsen hanno ordinato in varie occasioni, ha intrapreso sforzi significativi per monitorare, gestire e influire sui mercati di trading XRP, inclusi il prezzo di scambio e il volume di XRP.

170. Come descritto nella Sezione II, questi sforzi includevano: (1) l’utilizzo di algoritmi per calcolare la quantità e il prezzo delle vendite XRP dei Convenuti nel mercato; (2) pagare incentivi a determinati market maker – alcuni dei quali Ripple si è impegnato per effettuare le vendite di mercato – se le vendite hanno raggiunto determinati livelli di volume di scambio su XRP; e (3) pagare piattaforme di trading di asset digitali per consentire il trading XRP.

171 Questi sforzi includevano anche la tempistica dei prezzi e degli importi delle vendite XRP per ottenere ciò che Ripple considerava un volume di scambio desiderabile o livelli di prezzo e fluttuazioni rispetto a XRP. Ripple ha cercato di massimizzare l’importo che potrebbe guadagnare dalle vendite di mercato XRP riducendo al minimo la volatilità e qualsiasi pressione al ribasso sul prezzo di mercato di XRP causata dalle continue iniezioni di nuovo XRP da parte di Ripple nel mercato per raccogliere fondi operativi.

Le accuse qui sono piuttosto serie. Descrive i modi in cui i dirigenti di Ripple Labs Inc hanno manipolato il flusso di informazioni con l’intenzione di trarre profitto dalla vendita di token di titoli XRP non registrati. Manipolando i prezzi sia al rialzo che al ribasso, hanno utilizzato informazioni privilegiate per beneficiare direttamente dei movimenti dei prezzi.

173. A partire dalla fine del 2015, Ripple ha ordinato al Market Maker di acquistare o vendere XRP (a volte strategicamente programmato intorno agli annunci di Ripple), per tenere conto dell’impatto sul volume del trading XRP, come ha detto un dirigente di Ripple al Market Maker via e-mail il 20 settembre , 2016.

Con questa affermazione è impossibile negare la manipolazione strategica dei prezzi basata sui tempi di distribuzione delle notizie o dei comunicati stampa.

174. Per ottenere ciò, Ripple aveva un “XRP Markets Team” interno che monitorava quotidianamente il prezzo e il volume di XRP e comunicava regolarmente con i market maker XRP di Ripple sulla strategia di vendita XRP di Ripple, che si basava sulla vendita di XRP in quantità non superiori a una certa percentuale di Il volume giornaliero di XRP, generalmente compreso tra 10 e 25 punti base.

Questo tipo avanzato di monitoraggio dei prezzi dimostra che la SEC ritiene che ci fosse una presunta intenzione di manipolare i prezzi. Queste sono accuse molto gravi.

185. Il 15 ottobre 2016, il VP of Finance ha informato il Market Maker che, dopo un imminente annuncio, Ripple “vorrebbe andare alle vendite all’1%” del volume degli scambi e ha chiesto al Market Maker di “essere ponderato / opportunista in merito la tempistica per l’implementazione dell’1% “perché Ripple non voleva” deprimere il rally ma piuttosto capitalizzare il volume aggiuntivo “. Ha inoltre incaricato il Marker Maker di “prendere più soldi dal tavolo”, se ci fosse la possibilità di farlo.

Questa è una delle tante pistole fumanti nella denuncia secondo cui i dirigenti di Ripple Labs Inc hanno preso decisioni strategiche per manipolare i movimenti di prezzo dei token XRP, al fine di beneficiare finanziariamente di questi movimenti di prezzo.

IV. XRP è stato una garanzia per tutta l’offerta.

205. Come notato, la Corte Suprema ha chiarito nella sua decisione Howey del 1946 che la definizione di se uno strumento è un contratto di investimento e quindi un titolo è un “principio flessibile piuttosto che statico, in grado di adattarsi per soddisfare il innumerevoli e variabili schemi ideati da coloro che cercano l’uso del denaro di altri con la promessa di profitti “.

206. In ogni momento rilevante durante l’Offerta, XRP era un contratto di investimento e quindi un titolo soggetto ai requisiti di registrazione delle leggi federali sui titoli.

È qui che la SEC punta sul punto che XRP dovrebbe essere classificato come un titolo basato sul test di Howey.

210. Allo stesso modo, nella sua domanda ufficiale al NYDFS per XRP II nel 2016, Ripple ha riconosciuto che gli acquirenti stavano “acquistando XRP per scopi speculativi”.

Ciò essenzialmente conferma senza alcun dubbio che la proprietà di Ripple Labs Inc ha compreso che l’intero scopo dietro agli acquirenti che acquistano XRP è quello di speculare sul potenziale apprezzamento delle risorse. Questo da solo classifica XRP come titoli.

Dopo questo ci sono dozzine di pagine nella denuncia secondo cui i dirigenti di Ripple Labs Inc hanno utilizzato i social media, le e-mail e il sito Web di Ripple per controllare il tipo di informazioni accessibili agli investitori con l’intenzione di aumentare il prezzo dell’asset XRP sottostante.

C. Ripple ha portato gli investitori ad aspettarsi ragionevolmente un profitto dal loro investimento derivante dagli sforzi degli imputati

289. Ripple ha anche portato gli investitori ad aspettarsi ragionevolmente di poter trarre profitto dal loro investimento in XRP, derivato dagli sforzi di Ripple e dei suoi agenti nella loro impresa comune. Ripple lo ha fatto, tra le altre cose, affermando che gli sforzi di Ripple cercavano di aumentare la “domanda” di XRP; assicurare agli investitori che Ripple intraprenderà misure per proteggere il mercato di XRP, anche promuovendo un mercato di scambio XRP prontamente disponibile; evidenziando gli aumenti di prezzo XRP e, a volte, legandoli agli sforzi di Ripple; e vendere XRP ad alcuni investitori istituzionali a prezzi scontati.

Il problema con tutti questi sforzi è che Ripple Labs non ha mai tentato di aumentare l’adozione da parte del mercato di XRP per l’utilizzo effettivo nel mondo reale, invece l’intenzione era di aumentare il valore di XRP. Sarebbe simile a una società normale che ignora il proprio core business fondamentale, affidandosi invece a trucchi economici per manipolare i prezzi delle azioni, annunciando selettivamente partnership o manipolando quando le azioni vengono acquistate e / o vendute.

293. I dirigenti di Ripple hanno confermato nelle e-mail interne che uno degli obiettivi di Ripple nell’annuncio dell’XRP Escrow era incoraggiare il prezzo di XRP a salire. In un “XRP Markets Update” del 7 maggio 2017 rivolto ad alcuni dirigenti di Ripple, Ripple Agent-2 ha osservato che “l’attività XRP negli ultimi giorni è stata impressionante, per non dire altro”, e che questa attività “sembra essere guidata dalla speculazione intorno alla cella ”; e ha evidenziato il 50% “rall [y]” nel prezzo di XRP dopo che Ripple Agent-2 ha pubblicamente menzionato per la prima volta la possibilità dell’XRP Escrow.

Ciò conferma le accuse precedenti. Nelle loro stesse parole i dirigenti hanno ammesso che le azioni dell’azienda sono state pensate prima di tutto per manipolare / aumentare il valore dei token XRP.

V. Nell’offerta, Ripple non vendeva XRP per “uso” o come “valuta”

A. Non esiste alcun “uso” non significativo di investimento per XRP e Ripple non ha venduto XRP nell’offerta per l ‘”utilizzo”

332. Il primo potenziale utilizzo che gli imputati pubblicizzavano per XRP, per servire come “risorsa digitale universale” e / o per le banche per trasferire denaro, non si è mai materializzato

333. Solo verso la metà del 2018 Ripple ha iniziato a testare seriamente ODL, ad oggi il suo unico prodotto che consente l’uso di XRP per qualsiasi scopo. I potenziali “utenti” di ODL a cui si rivolge Ripple sono trasmettitori di denaro.

Sarà estremamente difficile sostenere che XRP sia stato progettato come un token di utilità quando i dirigenti di Ripple Labs Inc hanno aspettato fino al 2018 per rivolgersi a banche e altre istituzioni finanziarie per integrare XRP come gateway di pagamento.

339. Gran parte dell’onboarding su ODL non è stato organico o guidato dal mercato. Piuttosto, è stato sovvenzionato da Ripple. Sebbene Ripple pubblicizzi ODL come un’alternativa più economica ai tradizionali canali di pagamento, almeno un trasmettitore di denaro (il “Money Transmitter”) lo ha trovato molto più costoso e quindi non è un prodotto che desiderava utilizzare senza un significativo compenso da parte di Ripple. 

340. Tra l’inizio del 2019 e il luglio 2020, il “Money Transmitter” ha condotto la stragrande maggioranza del volume degli scambi XRP in connessione con ODL. Ripple ha dovuto pagare al 58 Money Transmitter una significativa compensazione finanziaria, spesso pagata in XRP, in cambio dell’accordo del Money Transmitter per aiutare Ripple ad aumentare il volume. In particolare, dal 2019 fino a giugno 2020, Ripple ha pagato al Money Transmitter 200 milioni di XRP, che il Money Transmitter ha immediatamente monetizzato vendendo XRP sul mercato pubblico, in genere proprio nei giorni in cui ha ricevuto XRP da Ripple. The Money Transmitter ha reso noto pubblicamente di aver guadagnato oltre $ 52 milioni in commissioni e incentivi da Ripple fino a settembre 2020.

Qui sta il problema più forte dietro la distribuzione dei token XRP. Da un lato Ripple Labs annuncia nei comunicati stampa partnership sull’adozione sul mercato da parte delle istituzioni finanziarie, per dare agli investitori l’impressione che si stiano facendo progressi. Gli investitori si fanno ingannare nel credere che queste banche e istituzioni stiano testando l’invio di fondi utilizzando XRP e in alcuni casi adotteranno presto questo metodo di pagamento.

D’altra parte, queste stesse istituzioni trovano l’opzione XRP troppo costosa e troppo problematica, e sono quindi “onboarded” solo per trarre profitto dalla vendita degli XRP che vengono loro rilasciati.

Ciò fa sì che il mercato pompi con gli investitori che acquistano XRP a un tasso gonfiato. Per scaricare l’XRP gli investitori devono quindi attendere fino al prossimo annuncio di notizie, dopodiché il ciclo si ripete.

In nessun momento sembra esserci intenzione di un’effettiva adozione da parte del mercato di questa soluzione di pagamento.

343. Ripple e Garlinghouse non hanno rivelato agli investitori XRP o al pubblico l’intera portata degli incentivi che Ripple ha fornito al Money Transmitter in cambio della sua assistenza per aumentare il volume degli scambi XRP.

Come affermato in precedenza, si presume che gli investitori e il pubblico in generale non fossero a conoscenza del fatto che dietro le quinte venivano effettuati pagamenti alle istituzioni finanziarie affinché collaborassero con Ripple Labs Inc. Sembra che l’intenzione dietro questi annunci fosse esclusivamente quella di rivendere XRP in il mercato.

Il resto del reclamo illustra come XRP non sia mai stato registrato correttamente come titolo, e che i querelanti ne fossero pienamente consapevoli e che molte delle azioni dei dirigenti e della società che controllavano erano progettate esclusivamente con la presunta manipolazione dei prezzi in mente.

Disclaimer: Non sono un broker registrato, un consulente finanziario o un professionista legale, queste informazioni vengono fornite solo a scopo didattico e non costituiscono un investimento o una consulenza legale.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map