Jay Hao: sul mercato crittografico: taglio dei tassi, facilitazione quantitativa, interruzione di circuiti e futuro

Questa settimana, la Federal Reserve ha abbassato l’intervallo target del tasso di interesse di riferimento federale allo 0-0,25% e ha lanciato un imponente programma di quantitative easing da 700 miliardi di dollari. Tuttavia, il mercato ha preso questa situazione negativa, costituendo un crollo dell’indice dei futures su azioni statunitensi. Lo stesso è accaduto anche nel mercato Bitcoin, dove il prezzo di BTC ha rinunciato a tutti i guadagni dopo un breve rialzo. Qual è il motivo per cui la Fed ha rilanciato il QE 10 anni dopo? Che impatto avrà questo sulle criptovalute, sul settore blockchain e sull’economia digitale nel suo complesso? È fattibile per il mercato delle criptovalute sviluppare un interruttore di circuito per proteggersi dalla vendita di panico?

La necessità del quantitative easing

Mentre molti sono rimasti sorpresi dal fatto che la Fed abbia deciso improvvisamente di lanciare il QE, ma non sono affatto sorpreso. È inevitabile che la Fed lo faccia. Perché? Poiché il governo degli Stati Uniti ha praticamente esaurito gli strumenti di politica monetaria convenzionali per affrontare la crisi di liquidità, ha già ridotto il tasso di interesse.

La Fed di solito abbasserebbe il tasso del Federal Reserve Fund per iniettare liquidità nel mercato di fronte a una crisi finanziaria o economica. La scorsa settimana, hanno tagliato direttamente il tasso di interesse target di 50 punti base e lo hanno mantenuto a un livello basso dell’1,25%, ma non sono riusciti a risolvere la crisi di liquidità e il crollo è continuato nel mercato statunitense.

Il tasso di interesse di riferimento federale poteva essere abbassato solo a zero e c’era a malapena spazio per ulteriori riduzioni per il suo attuale tasso di interesse basso dell’1,25%. Se i tassi di interesse estremamente bassi (tassi di interesse zero) non possono ancora aiutare a mitigare la liquidità del mercato, la Fed non avrebbe altra scelta che cercare una politica monetaria non convenzionale avviando il quantitative easing.

Qual è la differenza tra un taglio dei tassi e un allentamento quantitativo? Un taglio dei tassi significa ridurre il costo dei fondi e iniettare liquidità nel mercato regolando i costi di indebitamento del mercato; mentre l’allentamento quantitativo aumenta l’importo del fondo del mercato per iniettare liquidità nelle banche attraverso l’acquisto continuo di un gran numero di titoli di stato, costringendo le banche a prestare denaro nonostante i tassi di interesse zero, e quindi migliorando la liquidità del mercato. In quanto tale, l’allentamento quantitativo è considerato una soluzione non convenzionale per mantenere la liquidità del mercato quando i tassi di interesse scendono.

Perché il QE ha portato al crollo del mercato?

Dato che il tasso di interesse zero e la politica di quantitative easing mirano entrambe a iniettare liquidità nel mercato, allora perché il mercato dei futures su azioni statunitensi è precipitato? Quali sono i loro impatti sulle criptovalute in futuro?

Milton Friedman una volta disse che è difficile per le politiche discrezionali ottenere gli effetti desiderati, e talvolta potrebbero anche ritorcersi contro. La portata dell’allentamento monetario questa volta ha superato di gran lunga le aspettative del mercato, non solo hanno abbassato la gamma dei tassi di interesse quasi a zero, ma hanno anche lanciato direttamente un quantitative easing. Questa volta la Fed si è davvero prodigata in termini di politiche monetarie convenzionali. Se ci fosse un’altra crisi finanziaria in futuro, la Fed sarebbe rimasta con solo la carta del QE nella manica.

Ancora più importante, tale mossa ha anche dato un segnale negativo al mercato: se non è stata una grave crisi finanziaria, perché la Fed ha implementato una soluzione così ampia? Ciò che la Fed ha effettivamente fatto ha segnalato di essere pessimista sulle prospettive economiche, il che ha suscitato preoccupazioni del mercato e portato al crollo.

In che modo il QE influenzerà il mercato delle criptovalute?

Quindi, come influisce questo sul mercato delle criptovalute? In teoria, la politica monetaria accomodante della Fed farà salire il prezzo del Bitcoin nel medio-lungo termine. Attualmente, possiamo aspettarci che possa influenzare le criptovalute in due modi:

1. Politica monetaria allentata → aumento del credito bancario → aumento della liquidità → parte del fondo aumentato confluirebbe nel mercato delle criptovalute e farebbe salire i prezzi delle criptovalute

2. Politica monetaria allentata → i tassi di interesse di mercato diminuiscono → i rendimenti delle attività denominate in dollari diminuiscono → i fondi escono dal mercato del dollaro e il dollaro si deprezza → alcuni fondi fluiscono nel mercato delle criptovalute e fanno salire i prezzi delle criptovalute


Si noti che le due aspettative precedenti sono per lo più teoriche. Non è chiaro se il tasso di interesse e il prezzo del Bitcoin siano correlati. Poiché le criptovalute, come Bitcoin, non sono state incluse nel pool di asset allocation della maggior parte delle istituzioni di investimento globali, potrebbe essere necessario più tempo prima che il taglio dei tassi abbia effetto. Pertanto, il mercato delle criptovalute, in particolare il prezzo di Bitcoin, è difficilmente influenzato dalla politica monetaria accomodante della Fed a breve termine, ma potremmo aspettarci che accada a medio e lungo termine.

L’interruttore per il mercato delle criptovalute non è fattibile

D’altra parte, il mercato azionario degli Stati Uniti ha fatto scattare gli interruttori di circuito quattro volte durante il recente shock del mercato. Ha suscitato dibattiti tra la comunità crittografica sulla possibilità di creare un sistema di interruttori automatici (trading curb) per gli scambi crittografici.

L’interruttore è un meccanismo di protezione che può salvaguardare gli interessi dei piccoli e medi investitori e impedire loro di subire perdite drammatiche. Tuttavia, quando si tratta del mercato delle criptovalute, sarebbe difficile metterlo in atto. Ecco uno sguardo al perché.

Innanzitutto, la volatilità nel mercato delle criptovalute è elevata. Sarebbe difficile impostare soglie per gli interruttori automatici. Guardando ai mercati tradizionali, il sistema degli interruttori automatici ha subito nel corso degli anni molteplici revamp nella speranza che non venga attivato. Perché quando lo fa, non solo interromperà il trading, ma interromperà inevitabilmente il mercato. Nel mercato azionario statunitense, un interruttore di circuito entrerà in vigore se la S&L’indice P 500 è diminuito rispettivamente del 7%, 13% o 20%. Negli ultimi due decenni, l’interruttore è stato attivato due volte dopo due cadute del 7%. Diamo uno sguardo al mercato delle criptovalute. Secondo i dati del 2019, la mediana della variazione giornaliera del prezzo del bitcoin è del 12%, il che significa che se impostiamo un interruttore automatico al 7%, il mercato del trading di bitcoin potrebbe aver subito più frenate, il che sta danneggiando l’intero mercato delle criptovalute..

Inoltre, il mercato delle criptovalute funziona 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e le criptovalute vengono scambiate su molte borse. Immagina se una piattaforma di trading implementasse e facesse scattare un interruttore, ci sarà una differenza di prezzo di una criptovaluta tra gli scambi, spingendo gli investitori a ricorrere all’arbitraggio. Alla fine, l’interruttore di circuito fallirà per il suo scopo.

Ad esempio, Exchange A ha implementato un interruttore automatico per Bitcoin. Un giorno, il prezzo del Bitcoin precipita enormemente. Lo scambio A innesca un interruttore di circuito e il suo prezzo in Bitcoin rimane a $ 9.000. Allo stesso tempo, il prezzo di mercato di Bitcoin è sceso a $ 8.000 su altre borse. Lì, il divario crea opportunità di arbitraggio per i trader. Quando Exchange A riprenderà a fare trading dopo l’interruzione, il prezzo del Bitcoin sulla sua piattaforma scenderà inevitabilmente a $ 8.000 per effetto dell’arbitraggio. Da questo caso, possiamo vedere che l’interruttore di circuito non è affatto efficace per il mercato delle criptovalute aperto.

E se tutte le borse o le principali borse del settore raggiungessero un consenso per implementare un sistema di interruttori automatici uniforme? Funzionerà?

La risposta è no. Perché una tale alleanza è in realtà un cartello (l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, alias OPEC, è un esempio di cartello), che è instabile per natura perché i suoi membri tendono ad avere un motivo ingannevole. Tale situazione è il dilemma del prigioniero. Ciò implica che, quando viene attivato un interruttore di circuito, se alcuni scambi nell’alleanza si scambiano segretamente, porterà loro vantaggi sostanziali in termini di quota di mercato e entrate, il che incoraggerà altri membri a seguire l’esempio. Quindi, si formerà un equilibrio di Nash: gli scambi verranno scambiati sottobanco o abbandoneranno completamente il sistema di interruttori automatici. Alla fine, il sistema sarà paralizzato. Il recente crollo del petrolio è anche un esempio del dilemma di un prigioniero: l’Arabia Saudita ha chiesto alla Russia di ridurre la sua produzione di petrolio, ma quest’ultima ha rifiutato la sua quota di mercato e il suo reddito. L’interruzione dei negoziati ha portato a un aumento dell’offerta di petrolio dell’Arabia Saudita, che ha ulteriormente schiacciato i prezzi del petrolio greggio fino a ottenere acqua in bottiglia ancora più economica. Se entrambe le parti rispettassero l’accordo di riduzione della produzione in primo luogo, la situazione ora sarebbe diversa.

Le politiche monetarie stanno fallendo

In effetti, non dovremmo concentrarci solo sulla volatilità delle criptovalute, ma anche pensare al futuro dell’economia criptata dopo il taglio della Fed. È interessante notare che l’aggressiva politica di QE della Fed non solo non è riuscita a rilanciare il mercato finanziario tradizionale, ma ha provocato un brusco crollo.

Non è un segreto che la cosiddetta politica di allentamento quantitativo è uguale alla stampa di denaro. Aumentando l’offerta di moneta per implementare il QE, la Fed raccoglie infatti il ​​signoraggio dal mondo per allentare la pressione sul rimborso del debito degli Stati Uniti a causa del costante deprezzamento del dollaro. Pertanto, alcuni paesi ritengono che sia un atto dannoso per i loro interessi. Inoltre, l’efficacia di questo approccio discrezionale è in dubbio. Milton Friedman, l’economista americano vincitore del premio Nobel, ha osservato che poiché la politica discrezionale ha un ritardo nel mercato valutario, uno stimolo eccessivo o un’eccessiva contrazione potrebbero provocare impatti negativi sulle attività economiche.

Per questo motivo, Friedman ha proposto le “regole uniche”, il che suggerisce che la Fed dovrebbe attuare una politica monetaria basata sulla crescita economica attesa degli Stati Uniti per garantire che il tasso di crescita dell’offerta di dollari rimanga al passo con la crescita economica del paese. Inoltre, il governo non dovrebbe attuare alcuna forma di intervento valutario e mantenere un atteggiamento aperto nei confronti della mano invisibile del mercato per mantenere l’equilibrio economico. Successivamente, alcuni economisti, come Robert Mundell, svilupparono ulteriormente la teoria per suggerire di spostare l’unica direzione della politica monetaria della Fed da "fornitura di denaro" per "inflazione".

Già negli anni ’70, quando l’economia statunitense affrontò la stagflazione e le politiche keynesiane fallirono, l’allora presidente della Fed Paul Volcker implementò una serie di politiche monetarie basate sul principio delle regole uniche, che salvarono con successo gli Stati Uniti dalla stagflazione e cementarono lo status del dollaro come il mondo valuta principale. Era anche conosciuto come il più grande presidente della Fed.

Tuttavia, dopo che Alan Greenspan è diventato presidente della Fed, il sistema di regole uniche esisteva solo di nome. Da allora, la Fed ha mantenuto bassi i tassi e ha rilasciato molto denaro per guidare la crescita dei mercati immobiliari e dei capitali, che ha portato indirettamente alla crisi dei mutui subprime nel 2008. Inoltre, la politica monetaria della Fed è spesso soggetta a interferenze politiche rivolte ai politici . Ad esempio, dopo che Trump è entrato in carica nel 2017, ha sempre considerato il boom del mercato azionario come uno dei suoi risultati e ha esortato la Fed a tagliare i tassi. Getta un’ombra sull’indipendenza delle politiche monetarie della Fed.

Bitcoin è un buon riferimento all’economia del mondo reale

Come garantire che le politiche monetarie di un paese mantengano la continuità tra le amministrazioni e siano libere da interferenze da parte dei partiti politici? Penso che Bitcoin ci dia un buon esempio. Sebbene non sia d’accordo sul fatto che il limite di fornitura di token su Bitcoin debba essere applicato al sistema monetario moderno poiché causerà deflazione e depressione economica, il concetto di "il codice è legge" è un prezioso riferimento per noi. Le banche centrali possono creare le proprie valute digitali per prevenire l’intervento dei politici e l’abuso delle politiche monetarie. Se il principio delle regole uniche viene adottato nel sistema di emissione di valuta digitale, ciò può evitare la svalutazione di una valuta di credito e mantenere una normale crescita economica.

La tecnologia blockchain e le criptovalute giocheranno un ruolo vitale nell’ipotesi di cui sopra. Ovviamente questo è solo il mio sogno finora. C’è ancora molta strada da fare per raggiungere il successo della tecnologia blockchain e delle criptovalute. Tutte le parti nella blockchain e nella comunità crittografica dovrebbero collaborare per realizzare il sogno.

Segui OKEx su:

https://twitter.com/OKEx

https://www.facebook.com/okexofficial/

https://www.linkedin.com/company/okex/

https://t.me/OKExOfficial_English

https://www.reddit.com/r/OKEx/

https://www.instagram.com/okex_exchange

Steemit: https://steemit.com/@okex-official

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map