DCEP non sostituirà la fiat, Hong Kong concede la licenza di trading di asset virtuali

Una panoramica settimanale delle notizie su blockchain e criptovaluta dalla Cina e da Hong Kong

Immagine China Market Watch

Il sistema di pagamento elettronico in valuta digitale cinese, noto come DCEP, continua a raccogliere i titoli dei giornali questa settimana. L’ex governatore della Banca popolare cinese Zhou Xiaochaun ha condiviso la sua convinzione che il DCEP non sia destinato a sostituire le valute legali esistenti, come il dollaro degli Stati Uniti.

DCEP ha anche fatto il suo debutto online su JD.com durante il Double 12 Shopping Festival la scorsa settimana, dove sono state effettuate quasi 20.000 transazioni. Nel frattempo, la Securities and Futures Commission di Hong Kong ha concesso la prima licenza di trading di asset virtuali a OSL Digital Securities.

Ecco tutto ciò che potresti esserti perso riguardo a queste storie e altro ancora nell’edizione di questa settimana del China Market Watch di OKEx Insights.

L’ex capo della PBoC afferma che DCEP non intende sostituire le valute legali

Zhou Xiaochuan, ex governatore della PBoC e presidente della Chinese Finance Association, ha sostenuto che la Cina non sta cercando di sostituire le valute legali con DCEP. Parlando allo Shanghai Financial Forum, Zhou ha affermato che la Cina sta convincendo i consumatori e i commercianti esteri ad accettare gradualmente i pagamenti in DCEP.

Punti chiave

  • La Cina è a conoscenza della lezione appresa dalla saga di Diem, precedentemente nota come Bilancia. I responsabili politici hanno adottato un approccio cauto nei confronti di Diem e del suo potenziale di perturbare i sistemi finanziari sfidando la sovranità monetaria.
  • Mentre la Cina sta procedendo attivamente verso lo sviluppo del DCEP, Kenjo Okamura, vice ministro delle finanze del Giappone per gli affari internazionali, è ha riguardato sulla sua nazione che ha perso il vantaggio di chi ha fatto la prima mossa nello sviluppo delle valute digitali della banca centrale. È probabile che altre nazioni condividano preoccupazioni simili sul rimanere indietro nella corsa globale CBDC.

DCEP ha speso quasi 20.000 transazioni su JD.com

JD Digits, il braccio fintech del gigante dell’e-commerce JD.com, segnalato che DCEP è stato utilizzato in quasi 20.000 transazioni dall’inizio del Double 12 Shopping Festival a Shenzhen la scorsa settimana. La società ha dichiarato che la prima transazione DCEP è stata effettuata da un cliente a Suzhou e il pagamento è stato completato in 0,5 secondi.

Key Takeaway

  • DCEP è, finora, utilizzato principalmente dai membri delle giovani generazioni. JD Digits ha affermato che quasi l’80% delle transazioni DCEP sono state effettuate da persone nate negli anni ’80 o ’90. Il pagamento online più elevato ha superato i 10.000 CNY, equivalenti a oltre 1.500 dollari.

Hong Kong concede la licenza ufficiale di trading di asset virtuali

OSL Digital Securities, il braccio digitale di BC Group sostenuto da Fidelity, ricevuto una licenza ufficiale della Hong Kong Securities and Futures Commission per condurre attività regolamentate di tipo 1 e di tipo 7 – rispettivamente negoziazione di titoli e fornitura di servizi di negoziazione automatizzata – il 15 dicembre.

OSL ha ricevuto l’approvazione preliminare dal regolatore in agosto. Quando sarà disponibile, OSL offrirà ai clienti un accesso di trading conforme a BTC, ETH e selezionare le offerte di token di sicurezza.

Punti chiave

  • Le licenze di trading di asset virtuali concesse dall’HKSFC significano che OSL ha superato con successo i rigorosi requisiti di controllo del regolatore. Le offerte di asset virtuali di OSL riceveranno lo stesso livello elevato di controllo regolamentare applicato ai titoli tradizionali.
  • L’approvazione a Hong Kong rafforzerà il tentativo di OSL di espandere la propria attività a Singapore. La società ha richiesto una licenza per asset digitali ai sensi del Payment Services Act ed è attualmente in fase di revisione da parte dell’Autorità monetaria di Singapore.

La ripresa economica in Cina accelera prima del 2021

È stata una settimana stagnante per i mercati azionari di Hong Kong e Cina. Al momento della stampa, lo Shanghai SE Composite e il CSI 300 sono attualmente scambiati a 3.368 e 4.952, con una perdita settimanale dello 0,12% e un guadagno dello 0,19%, rispettivamente. A Hong Kong, l’indice Hang Seng è sceso dello 0,2% questa settimana e attualmente si attesta a 26.456.

L’indice SZSE blockchain 50 è sceso dell’1,44% questa settimana. Fonte: Trading Economics, Investing.com


La Cina ha rafforzato le sue aspettative di a sana ripresa economica prima del 2021. La produzione industriale e le vendite al dettaglio a novembre sono cresciute rispettivamente del 7% e del 5% rispetto a un anno fa. Inoltre, gli investimenti in immobilizzazioni in Cina sono cresciuti del 2,6%.

La produzione industriale e le vendite al dettaglio sono aumentate di anno in anno in Cina. Fonte: National Bureau of Statistics

Punti chiave

  • La produzione industriale si sta riprendendo più rapidamente delle vendite al dettaglio in Cina. Mentre sia la produzione industriale che le vendite al dettaglio hanno registrato una crescita negativa dall’inizio della pandemia COVID-19, la produzione industriale ha riguadagnato una traiettoria positiva ad aprile. Le vendite al dettaglio lo hanno fatto solo in agosto.
  • Le istituzioni accademiche hanno aggiornato le loro stime dei dati economici, sulla base degli ultimi dati di novembre. Ad esempio, Oxford Economics proiettato La crescita economica della Cina nel 2021 sarà dell’8,1%, in aumento rispetto alla precedente stima del 7,8%.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map