In che modo i volumi di scambio centralizzato illustrano il ciclo di espansione e contrazione di DeFi

Con i dati forniti da Kaiko, OKEx Insights esamina il ciclo di espansione e contrazione di DeFi nel 2020.

Mentre il 2020 si avvicina alla sua conclusione, il settore della finanza decentralizzata si sta dimostrando uno dei segmenti più caldi dell’anno del settore blockchain e criptovaluta.

L’agricoltura dei rendimenti DeFi – un processo per bloccare le risorse crittografiche in cambio di premi simbolici – è esplosa durante l’estate mentre milioni di dollari fluivano in tutti i tipi di protocolli, ma il mercato si è rapidamente raffreddato quando i rendimenti altissimi sono scomparsi a settembre. Dopo lo scoppio della bolla, molti dei migliori prezzi dei token DeFi hanno registrato pesanti perdite il mese successivo.

Tuttavia, in parte a causa dell’impennata del prezzo di BTC e dell’anticipazione per il lancio della Fase 0 di Ethereum 2.0 il 1 dicembre, l’ottimismo intorno alla DeFi è in ripresa, così come i prezzi dei token DeFi..

Nel frattempo, anche gli scambi centralizzati come OKEx hanno svolto un ruolo importante nel migliorare la popolarità dei progetti DeFi, poiché molti scambi si sono affrettati a elencare nuovi token DeFi. Secondo il rapporto sulla microstruttura di agosto di OKEx, i token DeFi rappresentavano solo il 19% del volume totale di scambi spot di OKEx. Questo numero è balzato al 25% a settembre.

Con dati forniti da società di analisi blockchain Kaiko, OKEx Insights ha analizzato più token DeFi scambiati su borse centralizzate nel tentativo di fornire ai partecipanti al mercato una prospettiva diversa sui mutevoli appetiti per tali token nel tempo. I 10 gettoni esaminati erano:

  • Bilanciatore (BAL)
  • Composto (COMP)
  • Curva (CRV)
  • Kyber Network (KNC)
  • Catena (LINK)
  • SOLE
  • SushiSwap (SUSHI)
  • Uniswap (UNI)
  • yearn.finance (YFI)
  • DFI.money (YFII)

Il ciclo DeFi, in sintesi

Alcuni degli eventi più importanti accaduti nel settore DeFi quest’anno includono:

  • Il lancio del token di governance di yearn.finance, YFI, a metà luglio
  • Il lancio di Curve e del suo token di governance, CRV, il 13 agosto
  • L’attacco dei vampiri di SushiSwap al protocollo di scambio decentralizzato Uniswap aggiungendo il suo token SUSHI come incentivo per i fornitori di liquidità il 28 agosto
  • Airdrop di Uniswap del suo token di governance, UNI, alla sua comunità il 17 settembre

Il valore totale bloccato in decentralizzato – che indica semplicemente la quantità aggregata di capitale immagazzinato in contratti intelligenti DeFi – è salito da $ 1 miliardo all’inizio di luglio a $ 9,75 miliardi all’inizio di settembre, che è stato il picco dell’esplosione del nascente mercato. Il 2 settembre, le commissioni di transazione di Ethereum sono state portate a un massimo storico di, in media, 0,032 ETH per transazione (per un valore di circa $ 15, all’epoca). La TVL in DeFi ha poi visto il suo più grande ritracciamento, scendendo dal massimo di $ 9,75 miliardi a $ 7,79 miliardi nell’arco di soli quattro giorni all’inizio di settembre.

Il TVL nei prodotti DeFi è costantemente salito più in alto, nonostante i vari colpi di scena. Fonte: DeFi Pulse

La migrazione dai protocolli DeFi a settembre è avvenuta in un momento in cui sia i mercati tradizionali che quelli delle criptovalute sono stati duramente colpiti. Ciò si è tradotto in una svendita dei token DeFi, che ha spinto ulteriormente i loro prezzi verso il basso. Tuttavia, il valore totale bloccato ha ripreso a salire da allora, con vari colpi di scena. Allo stesso modo, la somma della capitalizzazione di mercato di tutti i progetti DeFi è stata generalmente in aumento a novembre, anche se questa cifra non si è ancora ripresa dal suo massimo storico del 2 settembre di $ 19,55 miliardi..

Con il prezzo di BTC che è crollato di quasi il 10%, da $ 11.500 a $ 10.000, il 3 settembre, non è stato sorprendente che la bolla DeFi sarebbe finalmente scoppiata. I rendimenti elevatissimi si sono estinti in seguito al crollo dei prezzi simbolici e i rendimenti dell’agricoltura di rendimento sono gradualmente tornati a un intervallo più in linea con i loro livelli di rischio elevato. BTC ha riguadagnato $ 11,500 dopo 40 giorni, ma i token DeFi hanno generalmente registrato un lungo declino e non sono rimbalzati fino all’inizio di novembre.

La capitalizzazione di mercato della DeFi non si è ancora ripresa dal picco del 2 settembre. Fonte: CoinGecko

I volumi di scambio rivelano le mutevoli preferenze degli utenti dello scambio


Il boom della DeFi durante l’estate e l’inizio dell’autunno ha reso gli utenti delle borse centralizzate desiderosi di costruire o coprire le loro esposizioni DeFi. Entro la fine di settembre, OKEx aveva elencato 50 token DeFi sulla piattaforma, offrendo swap con margini di moneta per otto di questi token DeFi e swap con margine USDT per 27 di essi, sebbene alcuni swap non siano stati lanciati in tempo per cogliere il picco in fine agosto e inizio settembre.

OKEx Insights ha esaminato 10 scambi di token DeFi ad alto volume utilizzando i dati di Kaiko. Il volume degli swap mostra che l’appetito degli utenti dello scambio per il trading di token DeFi di nuova creazione e token per l’agricoltura di rendimento è stato a dir poco entusiasta.

Prima di settembre, il leader di lunga data di DeFi per capitalizzazione di mercato, LINK, dominava fino all’80% del volume degli scambi dei 10 token selezionati. L’arrivo di uno scambio perpetuo SUSHI su OKEx ha iniziato a erodere una parte del dominio di LINK. Entro il 6 settembre, il volume di scambi perpetui di SUSHI era salito a $ 10 milioni, togliendo una quota del 10% dal dominio di LINK. L’ulteriore crescita del volume degli scambi DeFi è continuata nella settimana successiva, con i volumi degli scambi di swap di YFII e YFI che hanno raggiunto rispettivamente $ 51 milioni e $ 28 milioni entro il 12 settembre. Di conseguenza, il volume degli scambi di LINK è sceso rapidamente, con il suo dominio che è sceso al di sotto 25%.

La quotazione di uno scambio perpetuo UNI su OKEx è stato il momento clou successivo di settembre, che ha determinato un aumento significativo del volume degli scambi sulla borsa. UNI ha registrato un enorme volume di swap perpetuo di $ 183 milioni nel secondo giorno di negoziazione, pari al 70% del volume intraday dei 10 token selezionati: un’enorme differenza rispetto all’entusiasmo del mercato per SUSHI. La popolarità di UNI è stata mantenuta fino a metà ottobre, quando il volume degli scambi è stato nuovamente ribaltato da LINK e, successivamente, l’entusiasmo dei trader per UNI è rapidamente diminuito.

Inoltre, abbiamo osservato che i volumi complessivi di swap DeFi sono diminuiti precipitosamente nella seconda metà di ottobre a causa del persistente calo dei prezzi dei token DeFi, YFI e YFII hanno guadagnato una quota maggiore del volume complessivo, a causa della loro enorme volatilità. YFI, ad esempio, è sceso da un massimo di $ 40.000 a $ 8.000 in circa 50 giorni. Durante questa recessione, i partecipanti al mercato si sono allontanati dal trading di token DeFi.

Il picco dei prezzi per questi nuovi token DeFi è iniziato il 5 novembre, quando il prezzo di BTC è passato da $ 14.000 a quasi $ 16.000. Il prezzo di UNI ha recuperato il 14% in quella data, dopo essere sceso fino a $ 1,80. Da allora, i prezzi dei token DeFi hanno seguito il drammatico aumento di BTC e molti di loro hanno sovraperformato BTC a novembre.

Il volume degli scambi di token DeFi è aumentato bruscamente a metà settembre con il lancio di UNI, per poi rimbalzare di nuovo all’inizio di novembre. Fonte: Kaiko, OKEx

In termini di volume degli scambi di swap, la percentuale di LINK del volume totale DeFi è nuovamente diminuita: YFI, ad esempio, è rimbalzata da $ 15 milioni il 1 ° novembre a $ 97 milioni il 18 novembre. Altri token DeFi, nel frattempo, hanno mostrato un aumento significativo nel volume degli scambi di swap.

La variazione della quota di volume degli scambi di LINK riflette in gran parte l’interesse del mercato per i nuovi token DeFi. Fonte: Kaiko, OKEx

Quando si esaminano i volumi illustrati sopra, un valore anomalo che vediamo è che il 7 novembre, che è stata una giornata di negoziazione estremamente pesante, con i volumi YFI, YFII e LINK ai massimi livelli in due mesi e mezzo. Ciò ha coinciso con il giorno in cui Joe Biden è diventato presidente eletto, secondo un ampio consenso, negli Stati Uniti. Questo evento ha innescato un boom degli scambi sugli scambi centralizzati che non si vedeva negli scambi decentralizzati come Uniswap. YFI ha fatto una mossa particolarmente volatile quel giorno, passando da $ 11.800 a un massimo di $ 17.500 prima di chiudere intorno a $ 14.000. Allo stesso tempo, tuttavia, BTC è sceso di quasi il 5% intraday, con un’oscillazione del prezzo del 9%.

Un’altra osservazione interessante è che una settimana prima che Uniswap terminasse la sua prima fase di estrazione di liquidità il 17 novembre, il volume di SUSHI è cresciuto rapidamente. Il volume medio giornaliero per SUSHI dopo il 12 novembre è balzato da meno di $ 10 milioni a più di $ 20 milioni, dimostrando che i partecipanti al mercato hanno visto la fine dei premi UNI come un evento positivo per SUSHI. Quando si tratta di scambi decentralizzati, questo sentimento si riflette più chiaramente nei cambiamenti di TVL in DeFi, ovvero i fornitori di liquidità hanno trasferito i loro fondi da Uniswap a SushiSwap o altri progetti di agricoltura di rendimento.

Gli scambi centralizzati hanno beneficiato dell’airdrop di Uniswap

L’airdrop di Uniswap di 400 UNI (del valore di $ 1.200 all’epoca) ha creato un’ondata di sentimento FOMO il 17 settembre, dal momento che tutti volevano ottenere i loro premi UNI. Subito dopo, un certo numero di centrali centralizzate ha immediatamente elencato UNI. OKEx ha persino offerto un set completo di strumenti per il trading UNI, inclusi il trading spot, il trading con margine, lo swap trading e gli swap perpetui con margini di moneta. Il volume degli scambi di UNI ha raggiunto un livello sorprendentemente alto negli scambi centralizzati.

La frenesia del commercio al dettaglio il secondo giorno del lancio ha triplicato il prezzo di UNI e ha portato il suo volume di scambi spot a 284 milioni di UNI, o circa 2 miliardi di dollari, su sette borse selezionate, secondo i dati di Kaiko. Quel giorno, il volume spot di UNI su OKEx era 1,2 volte quello del volume di scambi spot di BTC. Su Binance, questo numero era 2.11x. Questo è un volume davvero impressionante per un altcoin e parla della domanda per il token di governance dell’exchange decentralizzato sul mercato.

Sebbene la quotazione di UNI abbia contribuito a volumi di scambio estremamente elevati per gli scambi centralizzati, il volume frenetico è durato solo una settimana. Dal 26 settembre, il volume degli scambi spot di UNI è diminuito drasticamente. Un rimbalzo del volume degli scambi si è verificato dopo il 5 novembre, ma è ancora molto lontano dalla sua prima settimana di negoziazione.

Sebbene UNI sia stata elencata per il periodo di tempo più breve sugli scambi centralizzati tra le 10 monete esaminate, le sue tendenze di prezzo e volume mostrano il ciclo tipico di un token DeFi, ovvero un rapido aumento fino a un graduale raffreddamento, seguito da un ragionevole recupero . In soli due mesi, UNI ha attraversato questo ciclo.

CEX ha beneficiato dell’enorme volume di UNI a metà settembre. Fonte: Kaiko, OKEx

Gli scambi centralizzati forniscono a DeFi strumenti di copertura e sedi di prelievo

Confrontando la variazione del volume degli scambi tra il trading spot e perpetuo di UNI su OKEx, abbiamo osservato che il suo volume è stato fortemente influenzato dall’airdrop del 17 settembre e dal successivo processo di estrazione della liquidità..

Il volume degli scambi spot UNI ha superato quello degli swap perpetui nei primi tre giorni di negoziazione: un’impresa non da poco, dato che gli swap possono raggiungere volumi più elevati tramite una leva elevata. Ciò implica che molti premi UNI sono stati spostati da Uniswap agli scambi centralizzati a scopo di lucro.

L’elevato volume di swap perpetui è durato più a lungo e ha raggiunto il picco molto più tardi. Il volume degli swap ha raggiunto il massimo storico di 56 milioni di UNI il 7 ottobre (valutato a circa $ 150 milioni, all’epoca) e ha mantenuto un volume giornaliero superiore a 20 milioni di UNI fino al 10 ottobre. , è sceso sotto i 20 milioni di UNI a settimana dopo la sua quotazione e da allora non ha più riguadagnato quel livello. L’aumento del volume degli swap intorno al 7 ottobre potrebbe essere un riflesso dei minatori di liquidità che si coprivano dal ribasso dei loro rendimenti minerari quando il prezzo spot stava rimbalzando.

Il volume spot di UNI è rapidamente diminuito dopo una prima settimana eccezionale, mentre gli elevati volumi di swap perpetui sono durati molto più a lungo. Fonte: Kaiko, OKEx

Sebbene il volume degli scambi complessivi per UNI sia notevolmente diminuito da quando è stata quotata, la percentuale di scambi spot è gradualmente aumentata nella seconda metà di ottobre. Ciò è in parte un’indicazione del fatto che gli operatori di mercato hanno riconosciuto il valore di Uniswap e hanno cercato di mantenere la loro esposizione alla DeFi detenendo token UNI in previsione di rendimenti elevati in futuro. Inoltre, molte posizioni di copertura sono state chiuse mentre si avvicinava la fine dell’estrazione di liquidità di UNI.

Con l’avvicinarsi della fine dell’estrazione di liquidità di UNI, la domanda di swap perpetuo è diminuita, mentre il volume spot è gradualmente aumentato. Fonte: Kaiko, OKEx

A partire dal 29 novembre, il forte aumento di UNI l’ha resa l’unico tra i 10 token DeFi selezionati a pubblicare un numero positivo dal 1 settembre, in base al suo prezzo di quotazione post-OKEx di circa $ 3,00. Nello stesso lasso di tempo, molti token DeFi hanno perso più della metà del loro valore, mentre BTC ha guadagnato il 56%.

Dal 1 settembre al 29 novembre, tutti i token DeFi selezionati tranne UNI non sono riusciti a raccogliere rendimenti positivi, mentre Bitcoin è cresciuto del 56% nello stesso periodo. Fonte: TradingView

La DeFi potrebbe essere qui per restare

Dopo un esame dei dati di trading DeFi negli ultimi tre mesi, abbiamo visto che i token DeFi e yield-farming di nuova creazione hanno sperimentato il ciclo di boom e recessione comune tra le nuove classi di asset. La percezione di questi token da parte degli operatori di mercato è passata gradualmente da irrazionale a razionale mentre cercavano di identificare token con valore a lungo termine. Di conseguenza, i migliori token DeFi hanno toccato il fondo a novembre. Il 24 novembre, tuttavia, la capitalizzazione di mercato totale di DeFi è aumentata fino a raggiungere un massimo recente di $ 19,2 miliardi, ancora al di sotto ma molto vicino al livello di inizio settembre. Anche il valore totale bloccato in DeFi ha raggiunto il massimo storico di $ 14,3 miliardi in quel periodo.

Dal boom dell’estrazione di liquidità in estate al rapido declino all’inizio dell’autunno e poi alla ripresa più tranquilla nell’ultimo mese, possiamo vedere che la storia della finanza decentralizzata è tutt’altro che finita. Con un ciclo completo di scoppio di bolle alle spalle, DeFi potrebbe vedere una rinnovata crescita e attività nei prossimi mesi.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map