Ordine “Go After Bitcoin” di Trump, perdite di Ebang e dimissioni di Wirecard: Crypto News of the Week

Immagine della notizia della settimana

OKEx Insights presenta le cinque principali notizie sulle criptovalute della scorsa settimana.

I commenti appena rivelati rafforzano l’atteggiamento anti-Bitcoin di Trump

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha specificamente incaricato il segretario al Tesoro Steven Mnuchin di “inseguire” Bitcoin, secondo un libro di prossima uscita dell’ex membro dello staff di Trump John Bolton intitolato The Room Where It Happened.

Come originariamente riportato da Washington Examiner – che ha ricevuto una copia avanzata del memoriale di prossima pubblicazione – Trump ha fatto il commento a Mnuchin nel maggio 2018 in una conversazione su tariffe e sanzioni alla Cina, affermando: "Non essere un negoziatore commerciale. Insegui Bitcoin [per frode]."

Aspetti chiave

  • I commenti riportati da Trump sono arrivati ​​in un momento in cui il prezzo del Bitcoin lo aveva fatto ha registrato un impressionante 33% – sebbene il rally sia stato di breve durata. La principale criptovaluta vedrebbe il suo prezzo scendere in modo sostanziale nel quarto trimestre del 2018.
  • I commenti sono arrivati ​​anche in un momento in cui la speculazione su come gli Stati Uniti avrebbero regolamentato le criptovalute stava raggiungendo il culmine.
  • Inoltre, i commenti appena rivelati di Trump rafforzano il suo atteggiamento già consolidato nei confronti di Bitcoin.

https://twitter.com/realdonaldtrump/status/1149472282584072192?lang=en

L’ex presidente della CFTC afferma che XRP non è una sicurezza

XRP non è un titolo, almeno secondo l’ex presidente Christopher Giancarlo della CFTC, uno dei principali regolatori finanziari statunitensi.

L’opinione del passato capo del regolatore del mercato dei derivati ​​negli Stati Uniti arriva tramite un editoriale scritto in collaborazione con Conrad Bahlke, suo attuale collega dello studio legale Willkie Farr & Gallagher. L’articolo afferma che la criptovaluta di Ripple non è né un contratto di investimento né rientra nel test Howey utilizzato dalla SEC, l’autorità di regolamentazione dei titoli degli Stati Uniti.

“[XPR] non può essere un contratto di investimento in quanto non esiste alcun contratto o accordo di cui parlare tra Ripple e la stragrande maggioranza dei titolari di XRP. Al contrario, i contratti che Ripple ha stipulato escludono esplicitamente i titolari di XRP generali come beneficiari di terze parti."

Tuttavia, va notato che Willkie è avvocato di Ripple e ha ricevuto “alcune informazioni fattuali” per sostenere le affermazioni degli autori.

Aspetti chiave

  • La discussione sullo status di XRP come titolo è tutt’altro che nuova e una decisione delle autorità è stata a lungo in sospeso.
  • L’opinione di Giancarlo può fornire informazioni su come gli attuali regolatori vedono l’asset crittografico di Ripple.

La maggior parte dei bitcoin esistenti è detenuta come investimento a lungo termine

La maggior parte dei 18,6 milioni di bitcoin attualmente esistenti sono detenuti a lungo termine, secondo un nuovo rapporto dalla società di analisi blockchain Chainalysis.


Più specificamente, meno del 20% dell’offerta totale in circolazione di bitcoin viene utilizzato per il trading.

Inoltre, un ulteriore 20% dei bitcoin coniati si presume “perso”, poiché non sono stati trasferiti in cinque o più anni – attraverso, come abbiamo recentemente appreso, ciò potrebbe effettivamente essere a lungo termine "hodlers."

Aspetti chiave

  • Poiché la quantità di bitcoin disponibile diventa sempre più scarsa, la grande offerta di bitcoin detenuta a lungo termine potrebbe diventare un’importante fonte di liquidità.
  • La maggior parte dei bitcoin che esistono oggi sono detenuti da individui o parti che non hanno mai venduto più di ¼ delle loro partecipazioni, il che significa che la maggior parte dei bitcoin sono, in effetti, detenuti da hodlers.

Il produttore di minatori di bitcoin Ebang subisce una perdita di $ 2,5 milioni

Ebang, un importante produttore cinese di hardware per il mining di Bitcoin, ha subito una perdita netta di $ 2,5 milioni nel primo trimestre del 2020.

La notizia arriva tramite un’informativa finanziaria ufficiale pubblicato questa settimana in un aggiornamento del prospetto IPO con la SEC.

Aspetti chiave

  • Il documento che illustra la perdita netta di Ebang indica che l’azienda è più vicina a diventare il secondo produttore di minatori di bitcoin quotato in borsa sulla borsa del Nasdaq, dopo Canaan.
  • La perdita netta di Ebang segue il calo del prezzo delle azioni di Canaan dal suo prezzo iniziale di $ 9 per azione a un minimo recente di $ 2.

Il CEO di Wirecard si dimette a seguito di una perdita di liquidità di 1,9 miliardi di euro

Un giorno dopo che la notizia lo ha diffuso Wirecard ha perso 1,9 miliardi di euro in contanti, l’amministratore delegato del processore di pagamento tedesco, Markus Braun, si è dimesso.

James Freis, il chief compliance officer dell’azienda che è stato assunto giovedì, assumerà la carica di CEO ad interim.

I fondi smarriti di Wirecard hanno spinto gli investitori a rimescolare con il prezzo delle azioni della società di servizi finanziari quotata in borsa tedesca che crolla dell’80% in due giorni.

Aspetti chiave

  • Wirecard Card Solutions, una sussidiaria di Wirecard, ha collaborato in particolare con i fornitori di carte di pagamento crittografate Crypto.com, TenX e uno sviluppatore non ufficiale della sfortunata blockchain di Telegram, TON Labs.
  • La crisi di Wirecard è stata paragonato a Enron sui social media.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite e notizie curate dai professionisti della crittografia.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map