Retrospettiva 2020: un confronto dei migliori investimenti dell’anno, dal destino al boom

Uno sguardo più da vicino ad alcune delle criptovalute e degli asset tradizionali più performanti quest’anno

Concetti idealistici di libertà finanziaria a parte, la crittografia è uno spazio innegabilmente eccitante, con le sue oscillazioni di prezzo selvagge e guadagni senza precedenti, che si traducono in speculazioni dilaganti e, a volte, ricchezze durante la notte.

Dopo essere salito a livelli vertiginosi nel 2017, il prezzo di Bitcoin (BTC) ha subito un prolungato periodo ribassista, scambiato al di sotto di $ 4.000 tra dicembre 2018 e marzo 2019. Tuttavia, i prezzi delle criptovalute sono rimbalzati nella seconda metà del 2019 e BTC è stato scambiato sopra $ 10.000 a l’inizio del 2020, cioè fino a quando non è sceso di nuovo sotto i $ 4.000 nel marzo di quest’anno.

Nello specifico, è stato doppiato il 12 marzo "Giovedì nero" (sebbene il crollo si sia verificato dal 12 al 13 marzo in Europa e Asia) che sia i mercati tradizionali che quelli delle criptovalute sono improvvisamente crollati a causa di una svendita indotta dal panico innescata dal numero crescente di casi COVID-19. Con l’entità della pandemia che si è improvvisamente messa a fuoco negli Stati Uniti, i mercati azionari statunitensi hanno subito il più grande calo in un solo giorno in circa 30 anni.

Mentre i mercati tradizionali si sono in qualche modo ripresi il giorno successivo, Bitcoin e lo spazio crittografico hanno continuato a scendere, con il prezzo della principale valuta digitale che perdeva circa il 50% entro il 13 marzo. Tuttavia, coloro che avrebbero potuto essere abbastanza fortunati da aver investito nel mercato a la parte inferiore del crollo di marzo ha avuto il potenziale per realizzare guadagni significativi a novembre quando il prezzo di Bitcoin ha toccato quasi $ 19.400.

Detto questo, la realtà dell’imprevedibilità di Bitcoin è evidente nell’azione dei prezzi dal 25 novembre, quando il concetto di questo articolo è stato sviluppato per la prima volta. Bitcoin era vicino al suo massimo storico in quel momento, ma da allora ha subito una correzione importante e viene scambiato a oltre $ 17.000 al momento della scrittura. Quest’ultimo calo sembra essere alimentato dalle apprensioni riguardo a un potenziale giro di vite regolamentare sulle criptovalute negli Stati Uniti Sebbene non sia chiaro quanto presto il principale asset digitale si riprenderà, sembra che un massimo a breve e medio termine sia stato visto il 24 novembre. 25.

Questa correzione attuale ci offre anche un ciclo completo da analizzare, quindi abbiamo deciso di fare un confronto dei potenziali rendimenti che i $ 1.000 investiti in vari asset tradizionali e crittografici il 13 marzo avrebbero portato, se venduti il ​​24 novembre..

Per questo rapporto, abbiamo esaminato le prime 10 risorse crittografiche classificate in termini di capitalizzazione di mercato su OKEx, nonché il nostro token della piattaforma, OKB. Nel frattempo, dal lato tradizionale, abbiamo incluso oro, azioni di Tesla (TSLA) e indici azionari globali come il Nasdaq 100 (quotato negli Stati Uniti), il Nikkei 225 (quotato in Giappone) e il FTSE 100 (quotato nel Regno Unito) . Discutiamo prima la performance di BTC, poi le altcoin e concludiamo con gli asset tradizionali.

Anche se acquistare in basso e vendere in alto è il modo per realizzare i massimi guadagni, per questo confronto, supporremo che i partecipanti al mercato abbiano acquistato $ 1.000 delle attività quotate ai loro prezzi più bassi il 13 marzo e li abbiano venduti al loro più basso prezzi il 24 novembre (in contrasto con i loro prezzi più alti, di apertura o di chiusura). Questo metodo retrospettivo si traduce nel calcolo di guadagni che sarebbero stati relativamente più realistici da ottenere, rispetto a quelli che avrebbero richiesto l’improbabilità di sincronizzare perfettamente il mercato.

Bitcoin (BTC / USDT) ha registrato un ritorno sull’investimento di circa il 374%

Grafico giornaliero del mercato OKEx BTC / USDT dal 13 marzo al 24 novembre 2020. Fonte: TradingView

Bitcoin è tornato quest’anno sulla scia dell’interesse istituzionale, dell’adozione al dettaglio e degli acquisti su larga scala da parte di aziende come Square, MicroStrategy e, recentemente, PayPal. Mentre la principale valuta digitale sta subendo una correzione al momento della scrittura, ha pubblicato la sua recente candela verde più alta il 24 novembre, con un massimo di circa $ 19.380 e un minimo di $ 17.990, secondo il mercato OKEx BTC / USDT.

Un investimento di $ 1.000 in Bitcoin quando è stato scambiato a circa $ 3.792 il 13 marzo, ti avrebbe portato a circa 0,2637 BTC, che valeva circa $ 4.744 al suo punto più basso il 24 novembre, aggiungendo un guadagno del 374,43%.

Sebbene queste cifre siano ancora relativamente inaudite nei mercati tradizionali, Bitcoin è ben lungi dall’essere il più performante tra i mercati crittografici e tradizionali, come vedremo di seguito.

Le migliori altcoin hanno registrato un ritorno sull’investimento fino al 967%

OKEx BTC / USDT e vari grafici giornalieri di altcoin dal 13 marzo al 24 novembre 2020. Fonte: TradingView


Anche se Bitcoin è il leader di mercato e lo è stato propagandato essendo l’investimento più performante del decennio precedente, è stato facilmente superato dai migliori altcoin nel periodo 13 marzo-novembre. 24 serie. Ciò è dovuto a diversi motivi, tra cui l’accessibilità delle altcoin in termini di prezzo per moneta e l’idoneità risultante per la speculazione. Tuttavia, al fine di escludere monete estremamente volatili e facilmente manipolabili, stiamo considerando solo le migliori criptovalute in termini di capitalizzazione di mercato.

Chainlink (LINK), Ada (ADA), Ether (ETH) guidano il gruppo

LINK era il leader dell’altcoin, con un enorme guadagno del 967%, ma è stato seguito da vicino da Cardano’s Ada (ADA) e Ethereum’s Ether (ETH), con aumenti rispettivamente del 734% e del 566%. La performance stellare di LINK è stata in parte dovuta al boom della finanza decentralizzata e al clamore che circonda gli oracoli blockchain – e in parte alla sua forte comunità e alla crescente base di utenti.

$ 1.000 investiti in LINK nel punto più basso del crollo del giovedì nero si sono attestati a un enorme $ 10.670 al prezzo più basso visto il 24 novembre – quasi $ 6.000 in più rispetto ai guadagni di un uguale investimento in BTC.

Lo stesso importo di USD immesso in ADA o ETH a marzo valeva rispettivamente $ 8.340 e $ 6.660 il 24 novembre..

ADA, nonostante sia un progetto lento, è supportato da un team che esige rispetto nello spazio. Poiché gli investitori generalmente cercano di detenere monete intere – al contrario di una frazione di una moneta – relativamente "a buon mercato" le monete sono più attraenti e vengono acquistate in volumi più elevati, spesso traducendosi in guadagni significativi durante i rally crypto generali. In quanto tale, ADA ha tratto grandi vantaggi dall’essere la più economica delle monete migliori. 

Anche ETH ha beneficiato dell’hype DeFi ma si è apprezzato più di recente a causa dell’avvicinarsi dell’aggiornamento a Ethereum 2.0. Il principale aggiornamento della rete introdurrà un meccanismo di consenso proof-of-stake che richiede un minimo di 32 ETH per partecipare e guadagnare premi. Ciò incoraggia naturalmente gli investitori che desiderano partecipare al nuovo ecosistema per accumulare ETH.

OKB e le rimanenti top alt vedono guadagni fino al 397%

Le restanti prime 10 criptovalute hanno visto i seguenti guadagni in termini di valore in USD tra il 13 marzo e il 24 novembre: XRP (397%), XLM (327%), LTC (254%), OKB (192%), BSV (128% ) e BCH (125%).

XRP è stato anche uno dei maggiori guadagni nel 2017, principalmente a causa del clamore che circonda le sue partnership bancarie e degli investimenti generali guidati dalla speculazione del tempo. XLM, che è in generale un clone di XRP – poiché entrambi i progetti condividono un membro fondatore, Jed McCaleb – generalmente segue l’azione dei prezzi del suo antecedente, mentre Litecoin (LTC) fa spesso lo stesso con il suo archetipo, Bitcoin.

OKB, il token della piattaforma di OKEx, beneficia del programma Buy-Back and Burn dell’exchange. Un investimento di $ 1.000 in OKB quando ha toccato il minimo giornaliero il 13 marzo avrebbe potuto essere venduto per un minimo di $ 2.920 il 24 novembre – un aumento del 192%.

Infine, i due fork di Bitcoin in questo elenco, Bitcoin Cash (BCH) e Bitcoin SV (BSV), hanno avuto un andamento relativamente scarso, raddoppiando appena un ipotetico investimento iniziale in questo periodo di tempo.

Le azioni sono state guidate da Tesla (TSLA), in rialzo del ~ 424%

OKEx BTC / USDT, vari indici azionari e grafico giornaliero del mercato TSLA dal 13 marzo al 24 novembre 2020. Fonte: TradingView

I mercati azionari di tutto il mondo hanno fatto ragionevolmente bene quest’anno grazie a molteplici pacchetti di stimolo economico e altre misure governative per assistere le imprese – inclusi prestiti sui salari e tassi di interesse abbassati – in risposta alla pandemia globale COVID-19.

Di conseguenza, gli indici del mercato azionario globale, come Nasdaq 100, Nikkei 225 e FTSE 100, hanno registrato guadagni a due cifre durante il nostro ciclo predeterminato. Il FTSE 100 ha registrato una crescita del 20,93% da marzo a novembre, ottenendo risultati solo marginalmente migliori dell’oro (vedi sotto). Tuttavia, la sua crescita è stata notevolmente inferiore alla performance del Nikkei 225 e del Nasdaq 100, che sono aumentati rispettivamente del 55,19% e del 62,67%..

La star performer, tuttavia, è stata Tesla, che ha apprezzato più del 420% nello stesso lasso di tempo, superando la salita del 374% di Bitcoin. Sebbene tali cifre non siano comuni per le azioni, la performance dei prezzi di TSLA è stata piuttosto anomala. La sua crescita esplosiva ha aiutato Elon Musk sorpassare Bill Gates diventerà la seconda persona più ricca del mondo, a partire dal 24 novembre.

Laddove un investimento di $ 1.000 negli indici del mercato azionario Nikkei 225 e Nasdaq 100 si sarebbe attestato a circa $ 1.550 e $ 1.620 entro la conclusione del nostro ciclo, lo stesso investimento in Tesla sarebbe valso $ 5.241.

L’oro (XAU / USD) ha portato a casa un sicuro 19,65%

Grafico giornaliero XAU / USD e OKEx BTC / USDT dal 13 marzo al 24 novembre 2020. Fonte: TradingView

L’oro, considerato un bene rifugio, ha fatto bene quest’anno in mezzo al panico COVID-19, soprattutto perché le proiezioni per l’economia globale sono diventate più cupe in luglio-agosto.

XAU, che rappresenta un’oncia troy d’oro, era scambiato per $ 1.504 al suo punto più basso il 13 marzo, ma si attestava a $ 1.800 il 24 novembre – un guadagno del 19,65%. Un investimento di $ 1.000 in oro durante questo ciclo avrebbe comportato un rendimento di circa $ 1.196.

Tuttavia, il punto più alto per l’oro è stato il 6 agosto, quando è stato scambiato per $ 2.063 (il massimo del giorno), e un investimento di $ 1.000 dal 13 marzo avrebbe portato indietro $ 1.350.

Nonostante la posizione ben radicata dell’oro come risorsa popolare che gli investitori affollano in tempi di crisi, la sua performance contro Bitcoin in questo lasso di tempo è stata piuttosto debole.

Acquisto di pizza con BTC il 13 marzo rispetto al 24 novembre rispetto a 10 anni fa

In realtà ho iniziato a scrivere questo articolo a causa della pizza. Come sanno bene coloro che operano nel settore delle criptovalute, il costo di una pizza in BTC è diventato un po ‘un meme sin dai tempi del mitico "Bitcoin Pizza Day" nel 2010. Il 22 maggio 2010, un certo Laszlo Hanyecz ha pagato 10.000 BTC per due torte da Papa John’s, ovvero 5.000 BTC per torta, o circa $ 86,5 milioni ai tassi attuali.

La scorsa settimana il nostro team di OKEx stava organizzando un pizza party, che saremmo stati rimborsati in BTC. Mi ha fatto pensare a quanto avremmo guadagnato se avessimo organizzato il pizza party intorno all’incidente del 12-13 marzo.

Supponendo che avessi speso circa $ 25 in pizza, ho calcolato che $ 25 in BTC durante il "Giovedì nero" l’incidente varrebbe al massimo circa $ 127, o almeno $ 118, a partire dal 24 novembre 2020 (secondo i massimi e minimi di BTC quel giorno). Non male.

Alla fine, tuttavia, anche se Bitcoin è il leader in questo spazio, i suoi guadagni negli ultimi otto mesi impallidiscono rispetto ai guadagni di alcune delle altcoin e persino delle azioni tradizionali, come abbiamo visto sopra. Detto questo, quasi tutte quelle altcoin sono ancora a miglia di distanza dai loro prezzi più alti di tutti i tempi dalla corsa al rialzo del 2017: il prezzo di ETH è ancora inferiore del 60% rispetto al suo ATH, e sia ADA che XRP sono inferiori di oltre l’85%. Il 24 novembre, BTC, d’altra parte, è stato scambiato solo del 3% in meno rispetto al suo ATH di $ 20.000.

Ciò evidenzia lo scenario ad alto rischio-rendimento che si è dimostrato tipico delle risorse digitali, ma tende a essere dimenticato durante periodi di mercato rialzista. Nonostante l’importante corsa al rialzo da marzo, gli investitori che hanno acquistato queste altcoin ao vicino ai loro prezzi più alti di tutti i tempi stavano ancora subendo perdite non realizzate ai massimi registrati il ​​24 novembre.

Mentre riflettevo su quanto avrei guadagnato con un ipotetico pizza party a marzo, mi sono reso conto di quanto fosse piccolo rispetto al valore BTC della stessa pizza nel 2010. Certo, una pizza fresca ha un sapore migliore di una torta di 10 anni, ma non migliore del 773,999,900%.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map