Ridefinire il paradiso sicuro: uno sguardo indietro nel tempo

Panoramica

Sembra esserci una crescente ansia nei mercati delle criptovalute dopo che i prezzi del bitcoin non sono riusciti a mantenersi al di sopra dei livelli psicologici di 10.000 a febbraio. La delusione è arrivata poco meno di tre mesi prima del tanto atteso dimezzamento del bitcoin. Sebbene il bitcoin abbia ancora mantenuto i suoi guadagni del 21% QTD dopo la corsa sulle montagne russe di febbraio, i recenti eventi macro si sono profilati sia nei mercati tradizionali che in quelli delle criptovalute e hanno aggiunto un ulteriore livello di incertezza. Tuttavia, se guardiamo indietro nel tempo, gli investitori potrebbero scoprire che le attuali condizioni di mercato assomigliano in qualche modo al 2012. Il 2012 e il 2020 sono entrambi anni di dimezzamento dei bitcoin, con alcune crisi globali che si sono verificate ei mercati azionari erano turbolenti. La storia può rivelare maggiori dettagli sul pre e post dimezzamento da una prospettiva macro?

Svendita guidata da virus

Febbraio è stato un mese difficile per i mercati delle criptovalute. Con le crescenti paure dell’epidemia di coronavirus, BTC i prezzi sono precipitati dai livelli di 10400 USD a metà del mese e hanno chiuso nell’area di 8500 USD a fine mese. Il sentimento di allontanamento dal rischio è stato elevato anche nei mercati azionari globali. Il Dow ha registrato un calo di 1190 punti il ​​27 febbraio prima che si verificasse il rimbalzo iniziale, il peggior calo di un giorno nella storia. Anche le materie prime hanno subito un duro colpo, con WTI è sceso al di sotto di 50 dollari al barile.

D’altra parte, la richiesta di un paradiso sicuro è aumentata, poiché il US10Y ha toccato il minimo storico dell’1,03% a un certo punto prima di stabilizzarsi intorno all’1,08%.

Figura 1: controllo delle prestazioni YTD su più asset (Fonte: TradingView)

Mentre sembra che la reazione del mercato più ampia, sia stato dipinto un quadro desolante, e i mercati delle criptovalute non ne sono stati immuni. Alcuni hanno persino messo in dubbio la caratteristica del paradiso sicuro del bitcoin in quanto sembra non essere riuscito a proteggersi dalle incertezze.

Ritrova te stesso indietro nel tempo

L’imminente dimezzamento dei bitcoin rimane l’obiettivo principale per la maggior parte degli osservatori di criptovalute nonostante le recenti turbolenze del mercato globale. Mentre il recente BTC le azioni sui prezzi e l’elevata volatilità di altre attività potrebbero mettere in dubbio alcuni investitori criptati a lungo termine, chiedendosi se il dimezzamento sia un autocompiacimento o un vero fattore rialzista a lungo termine

Forse possiamo guardare all’anno 2012, dove il bitcoin ha avuto il suo primo dimezzamento e, allo stesso tempo, i mercati erano nel mezzo di un’altra turbolenza, in quel caso, la crisi del debito europeo.

È iniziato nel 2009. Alcuni paesi membri dell’UE non sono stati in grado di rifinanziare i propri debiti pubblici e alcuni stati non sono stati in grado di salvare le proprie istituzioni finanziarie fortemente indebitate senza l’aiuto della BCE o dell’FMI.

Tabella 1: I mercati nel 2012 e nel 2020 condividono background simili (Fonte: OKEx)


Naturalmente, i mercati azionari complessivi e lo spazio delle criptovalute nel 2012 erano molto diversi da quelli che abbiamo oggi. Tuttavia, la propensione al rischio, le prospettive pessimistiche e i timori di una recessione sono comparabili.

Figura 2: Performance di Bitcoin / STOXX50 / SPX nel 2012-13 (Fonte: Tradingview)

È interessante notare che i prezzi del bitcoin sono aumentati di circa il 160% nel 2012 sulla scia della crisi del debito dell’Eurozona, e la maggior parte di questi guadagni è avvenuta prima del primo dimezzamento, e i profitti sono stati ancora più evidenti nell’anno successivo al dimezzamento. In confronto, SPX guadagnato il 14,5% e SX5E è balzato di circa l’11,2% nel 2012.

Dopotutto è una questione di valuta

Abbiamo continuato a sottolineare la natura della riserva di valore del bitcoin e crediamo che il bitcoin sia una copertura ideale contro l’inflazione a causa della sua offerta limitata. In altre parole, il bitcoin potrebbe essere una buona copertura contro i deprezzamenti delle valute legali.

La crisi del debito europeo era incentrata sui problemi strutturali del sistema finanziario e sulle condizioni di credito agevolate all’inizio degli anni 2000. Di conseguenza, ha portato a un massiccio programma di salvataggio e all’abbassamento dei tassi di interesse, queste misure hanno causato un significativo deprezzamento di euro. Alla fine del 2011, EURUSD è stato scambiato al di sopra di 1,4. Entro la metà del 2012, EURUSD già sceso a 1,20 area prima di rimbalzare a 1,3.

Dopotutto, la crisi del debito ha provocato un significativo deprezzamento della valuta e bitcoin ha reagito a tale deprezzamento nel 2012, anche prima che si verificasse il primo evento di dimezzamento.

Ora, considerando le incertezze in corso relative al coronavirus, è fondamentalmente diverso dalla crisi del debito. Tuttavia, ciò che il mercato sta vivendo assomiglia in qualche modo a quello che abbiamo passato nel 2012. Riteniamo che i mercati dovrebbero concentrarsi maggiormente sul modo in cui i responsabili politici reagiscono allo scoppio e alle conseguenze economiche che ne derivano.

La Fed degli Stati Uniti consegnato un taglio di mezzo punto come misura di emergenza dell’epidemia di virus. DXY è sceso dalle 99 maniglie superiori alle 97 aree inferiori. Mercati aspettarsi la Fed taglierà ulteriormente i tassi nella riunione politica di marzo. Allo stesso tempo, lo ha fatto la narrativa allentamento delle altre principali banche centrali è emerso molto velocemente. Quei cambiamenti potrebbero causare pressione G10FX, e questo potrebbe essere un ulteriore fattore di vantaggio per i prezzi dei bitcoin nel medio / lungo termine.

Quando si tratta di dimezzare … sii paziente, ricorda?

Nella nostra precedente pubblicazione “Bitcoin Halving: The Time to Get in Bitcoin?“, OKEx Quant ha sottolineato che l’aumento del prezzo del bitcoin dopo il dimezzamento tende a prolungarsi ogni volta e questo ciclo di mercato non dovrebbe completarsi fino al 2022. Sebbene le recenti azioni sui prezzi potrebbero non sembrare così rialziste, OKEx Quant ritiene che il il mercato rimane attualmente in un periodo ideale di HODL, gli investitori a lungo termine probabilmente devono essere più pazienti per vedere i risultati.

Conclusione

Il mercato dei bitcoin era ancora piccolo al momento in cui è scoppiata la crisi del debito europeo, ed è ancora relativamente piccolo oggi rispetto ad altre principali classi di attività. Bitcoin e criptovaluta potrebbero non essere lo strumento migliore per proteggersi da una recessione su scala globale, poiché gli HODLer di bitcoin potrebbero liquidare le partecipazioni per compensare le loro perdite in altre attività o rimborsare i loro debiti. Tuttavia, quando arriva una crisi e i politici tendono a ricorrere all’allentamento, il bitcoin potrebbe essere una copertura ideale contro le svalutazioni valutarie. Gli sviluppi del mercato globale in questo periodo di pre-dimezzamento potrebbero essere essenziali per tutti gli investitori di criptovalute e il modo in cui si evolverà potrebbe essere un fattore dominante in termini di allocazioni future di criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map