Una storia biforcuta di Bitcoin Cash: sfondo, cause e implicazioni dell’ultima divisione della catena

Un tuffo profondo nella controversa storia dello sviluppo del più grande concorrente di Bitcoin

Il 15 novembre 2020, un controverso aggiornamento alla rete Bitcoin Cash ha causato una divisione della catena nella principale criptovaluta. La contesa che ha portato alla divisione era incentrata su una proposta per introdurre un fondo per sviluppatori come parte della ricompensa del blocco del protocollo. Senza coloro che supportano il cambiamento né quelli contrari disposti a fare marcia indietro, due versioni di Bitcoin Cash sono emerse dalla divisione: Bitcoin Cash ABC (BCHA) e Bitcoin Cash Node (BCHN).

Nel seguente articolo, OKEx Insights esamina le circostanze che circondano la divisione considerando il suo background, le opinioni contrastanti delle fazioni coinvolte, la storia degli hard fork di Bitcoin Cash, nonché le potenziali implicazioni per i progetti futuri. 

La catena di Bitcoin Cash si divide (di nuovo)

Come quelli precedenti, la divisione della catena di Bitcoin Cash il 15 novembre si è verificata a causa di un disaccordo inconciliabile tra coloro che supportano la rete. Da un lato della disputa c’era Bitcoin ABC, il gruppo di lunga data che guida lo sviluppo di Bitcoin Cash. Ha sostenuto per tutto il 2020 che un fondo per sviluppatori, noto anche come proposta di fondo per le infrastrutture, o IFP, facesse parte della ricompensa mineraria del protocollo. 

A rappresentare la diffusa opposizione all’IFP c’era il gruppo di sviluppatori Bitcoin Cash Node, formato più di recente. Prima dell’aggiornamento della rete programmato a novembre, Bitcoin Cash Node ha rilasciato la propria implementazione del nodo. Il software Bitcoin Cash Node è stato lanciato in Marzo 2020 e incluso altri aggiornamenti di rete. Tuttavia, il controverso codice IFP è stato tralasciato. 

In vista dell’aggiornamento programmato di Bitcoin Cash a novembre, è diventato chiaro che mancava ancora il consenso della comunità sull’IFP. Nonostante sia stato sostenuto dagli sviluppatori che sono stati determinanti nella creazione della rete Bitcoin Cash, una percentuale schiacciante di minatori BCH è passata all’implementazione di Bitcoin Cash Node prima della data di aggiornamento. Ciò ha spinto diverse aziende degne di nota a dichiarare che BCHN avrebbe preso il nome di Bitcoin Cash in seguito a qualsiasi successiva divisione della catena. 

Il 15 novembre, la blockchain di Bitcoin Cash si è effettivamente divisa, creando una versione della criptovaluta con un fondo per sviluppatori dell’8% come parte della ricompensa del blocco e una senza di essa. Nei giorni successivi alla scissione, BCHN sembra essere emersa come la catena dominante, sia in termini di tasso di hash che di prezzo. Al momento della scrittura, BCHN comanda circa 1,34 EH / s rispetto a 0,0075 EH / s di BCHA. Nel frattempo, BCHN viene scambiato vicino a $ 290 e BCHA viene scambiato intorno a $ 20.

I tassi di hash BCHN e BCHA evidenziano quali fork miners supportano. Fonte: Coin Dance

Origini del controverso hard fork

A coloro che non prestano molta attenzione all’ecosistema Bitcoin Cash, l’ultima divisione della catena potrebbe sembrare improvvisa. Tuttavia, il problema di un fondo per sviluppatori che fa parte della ricompensa del blocco è stato a lungo un argomento di contesa nella comunità.

Già nel marzo 2018, i minatori di Bitcoin Cash e gli sviluppatori influenti lo sono stati discutere l’assegnazione di una parte dei premi di blocco per finanziare lo sviluppo del progetto. Incontrandosi dopo una conferenza di Hong Kong ospitata da CoinGeek di Calvin Ayre, il gruppo ha inizialmente accarezzato l’idea di allocare l’1% –10% del premio del blocco agli sviluppatori, con fonti diverse sulla percentuale esatta. Con il trading di BCH vicino a $ 1.200 all’epoca, un’allocazione dell’1%, se implementata, avrebbe generato un piatto mensile di circa $ 650.000. 

Il concetto di deviare una percentuale della ricompensa del blocco di una rete verso il finanziamento dello sviluppo dell’infrastruttura, tuttavia, non è stato inventato dai sostenitori di Bitcoin Cash. Entrambi Dash (DASH) e Zcash (ZEC) presentano incentivi per sviluppatori incorporati simili. In effetti, con a recente aggiornamento della rete, quest’ultima criptovaluta si è allontanata da quella che veniva definita la sua "Fondo del fondatore" – inteso come misura temporanea – verso a "Dev Fund." Indipendentemente dal nome del file molto discusso caratteristica, una percentuale dei premi minerari della rete va ancora a coloro che realizzano il progetto.    

Sebbene discusso nel 2018, i minatori BCH non hanno tentato di implementare un fondo per sviluppatori in quel momento. Come evidenziato da numerosi dibattiti su r / BTC – un subreddit compatibile con Bitcoin Cash, nonostante il nome suggerisse il contrario – il problema ha continuato a dividere la comunità nei mesi successivi. Intanto fondi, come quelli annunciato di Roger Ver nel novembre 2019 e le donazioni della comunità hanno continuato a finanziare vari aspetti dello sviluppo del progetto. 


Nel gennaio 2020, un crescente dibattito trasformato in qualcosa di più concreto. Jiang Zhuoer, CEO del principale pool di mining di Bitcoin Cash BTC.TOP, ha pubblicato un file Post medio, in cui ha affermato che diversi influenti minatori BCH erano a favore di una quota del 12,5% della ricompensa del blocco destinata allo sviluppo delle infrastrutture per un periodo di sei mesi. Insieme a Zhuoer, il post ha affermato che Jihan Wu di Antpool, Haipo Yang di ViaBTC e Roger Ver di Bitcoin.com erano inizialmente favorevoli alla proposta..

Ancora una volta, un dibattito appassionato è divampato all’interno della comunità BCH, con la maggior parte degli obiettori che ha sollevato problemi particolari con la seguente dichiarazione dal post di Zhuoer:

"Per garantire la partecipazione e includere i sussidi dell’intero pool di mining SHA-256, i minatori renderanno orfani i blocchi BCH che non seguono il piano. Ciò è necessario per evitare una tragedia dei beni comuni."

A seguito del contraccolpo della comunità, che includeva Bitcoin.com ritiro del sostegno, Zhuoer ha pubblicato un secondo post il 31 gennaio 2020, in cui lui ristrutturato l’IFP. Tuttavia, prima del follow-up di Zhuoer, lo sviluppatore principale di Bitcoin ABC e si autodefiniva "dittatore benevolo," Amaury Séchet, ha aggiunto il suo sostegno al fondo per sviluppatori proposto. 

Séchet e Bitcoin ABC avrebbero continuato aggiungi il codice per un fondo per sviluppatori modificato alla sua ultima implementazione del nodo prima della data limite del 15 febbraio per il prossimo aggiornamento di rete, previsto per il 15 maggio. L’IFP aggiornato assegnerebbe il 5% dei premi di blocco agli sviluppatori, che entrerebbe in vigore solo se attivato minatori. Nonostante sforzi per influenzare la comunità, il codice IFP alla fine non è stato incluso. 

Tuttavia, il timore che il controverso aggiornamento sarebbe stato implementato ha spinto il team Bitcoin Cash Node formato più di recente ad agire. Poiché Bitcoin ABC non ha rimosso il codice per l’IFP prima della data di aggiornamento di maggio, il gruppo lanciato il proprio software senza il controverso schema di finanziamento. 

Sebbene non sia supportato dai minatori a maggio, Bitcoin ABC non ha abbandonato l’IFP. Il 18 agosto, in vista del prossimo aggiornamento di rete pianificato a novembre, il gruppo di sviluppatori ha lanciato Bitcoin ABC 0.22.0. Il nuovo software presentava ancora una volta un IFP modificato, questa volta, con una ricompensa coinbase dell’8% e un netto cambiamento di tono. Ciò che era originariamente volontario apparentemente era diventato obbligatorio. 

Prima del rilascio del software Bitcoin ABC, Séchet ha scritto:

"Mentre alcuni potrebbero preferire che Bitcoin ABC non abbia implementato questo miglioramento, questo annuncio non è un invito al dibattito. La decisione è stata presa e verrà attivata con l’aggiornamento di novembre."

Con Bitcoin ABC impegnata nell’IFP e Bitcoin Cash Node – insieme alla maggioranza degli utenti BCH – che continuano a opporsi mantenendo il proprio software, un controverso hard fork e la successiva divisione della catena sono diventati ancora più probabili. In definitiva, spetterebbe alla rete decidere quale implementazione di Bitcoin Cash seguire.

Manca ancora il consenso quando è arrivato il giorno dell’aggiornamento programmato, la rete si è effettivamente divisa, creando BCHN (successivamente indicato da gran parte del settore semplicemente come Bitcoin Cash) e BCHA.

Finanziamento degli sviluppatori: perché nessun consenso?

Nonostante l’immensa opposizione alla proposta altamente controversa emanata alla fine da Bitcoin ABC, la questione del finanziamento degli sviluppatori è chiaramente toccante. Il fatto che gli sviluppatori non possano impegnarsi completamente a mantenere un progetto senza una compensazione finanziaria è difficile da aggirare. Lo stesso Séchet ha fatto riferimento alla lotta di Bitcoin ABC per i finanziamenti tramite Twitter nel 2018, affermando quello "L’ingegneria non cresce sugli alberi."

Tuttavia, l’IFP e ogni altra soluzione proposta fino ad oggi hanno degli svantaggi.

Forse la più grande obiezione al finanziamento tramite i premi coinbase è il suo potenziale per promuovere una maggiore centralizzazione della rete. I minatori operano come imprese. Deviare una percentuale della ricompensa del blocco verso lo sviluppo dell’infrastruttura rappresenta un attacco ai loro profitti.

Con diverse criptovalute diverse che condividono lo stesso algoritmo di mining SHA-256, quei minatori non completamente impegnati a supportare una particolare criptovaluta potrebbero semplicemente deviare il loro potere hash al mio dove è più redditizio. Il risultato sarebbe un tasso di hash complessivo inferiore concentrato tra un minor numero di minatori. In uno scenario del genere, l’impegno finanziario richiesto per attaccare la rete e, per estensione, la sicurezza complessiva del protocollo diminuisce. 

Tuttavia, alcuni, incluso Séchet, hanno ritenuto che un tale calo del tasso di hash sarebbe stato banale. Lo sviluppatore di Bitcoin ABC ha affermato che uno sviluppo adeguatamente finanziato rafforzerebbe la rete in altri modi. Secondo Séchet, l’impatto effettivo dell’IFP sarebbe trascurabile, dal punto di vista della sicurezza.

Un altro problema con l’IFP riguarda il modo in cui Bitcoin ABC lo ha spinto. Come Jonald Fyookball, lo sviluppatore principale del portafoglio Electron Cash, ragionato in un post, gli sforzi precedenti per finanziare lo sviluppo tramite premi in blocco erano volontari o avrebbero consentito ai minatori stessi di scegliere quali squadre supportare. Tuttavia, senza richiedere l’attivazione del minatore e con l’8% della ricompensa del blocco che va a un singolo indirizzo controllato da Séchet e "i suoi lealisti," Fyookball ha affermato, "Essenzialmente non è altro che la decisione di un uomo di sottrarre milioni di dollari di Bitcoin Cash (non guadagnati) direttamente al proprio portafoglio." 

Nei mesi precedenti al controverso fork, sono state sollevate una miriade di altre preoccupazioni.

Questi includono un tale file "imposta" essere ideologicamente in contrasto con l’etica alla base di Bitcoin, ovvero mettere troppo potere nelle mani di un singolo gruppo di sviluppatori, la sua mancanza di responsabilità in termini di lavoro di sviluppo effettivo che incentiva e la maggiore probabilità di una divisione della rete che danneggerebbe sicuramente la credibilità di Bitcoin Cash nel settore.

Detto questo, ci sono anche valide preoccupazioni per i meccanismi di finanziamento alternativi. Entrambe le reti Bitcoin e Bitcoin Cash hanno precedentemente attinto sia a finanziamenti aziendali che a donazioni della comunità. Tuttavia, come ha sottolineato Séchet sul canale YouTube Rice Crypto, tali sforzi non necessariamente incoraggiare sviluppo in linea con gli interessi della comunità più ampia. Sostiene che l’influenza di Blockstream sul finanziamento di Bitcoin abbia allontanato il protocollo di criptovaluta dominante dal suo utilizzo principalmente come rete di pagamenti peer-to-peer e verso una riserva di valore. Questo, secondo Séchet, è in contrasto con la maggior parte dei desideri della prima comunità di Bitcoin – che, prima della divisione della catena Bitcoin / Bitcoin Cash dell’agosto 2017, si era impegnata a promuovere una maggiore adozione da parte dei commercianti. Avviso del rischio di cattura da parte di "sabotatori ben finanziati," Zhuoer espresso un sentimento simile per quanto riguarda i finanziamenti aziendali nel suo post di gennaio 2020 che descrive in dettaglio il precedente IFP.

Nel criticare il concetto di donazioni della comunità che finanziano lo sviluppo, Séchet ha affermato che un tale modello di finanziamento incoraggia gli sviluppatori a lavorare solo su progetti che attirano molta attenzione. Questo effettivamente trascura il lavoro apparentemente meno attraente, ma non per questo meno cruciale, su un protocollo. Sempre parlando a Rice Crypto, Séchet ha confrontato l’infrastruttura di criptovaluta con quella dei fornitori di elettricità. Lo sviluppatore di Bitcoin ABC ha affermato che alla maggior parte degli utenti non interessa davvero come funziona qualcosa; l’importante, per loro, è solo che funzioni. Affidarsi alla visibilità di tali finanziamenti per lo sviluppo, secondo Séchet, lo è "pessimo per le infrastrutture." 

Aggiornamenti regolari, divisioni regolari della catena?

A differenza di Bitcoin, Bitcoin Cash è stato impegnato in aggiornamenti di rete semestrali per la maggior parte della sua esistenza. Ogni anno, a maggio e novembre, gli sviluppatori hanno l’opportunità di effettuare aggiornamenti alla rete. Con frequenti opportunità di modificare il codice e implementare nuove funzionalità, non sorprende che la rete abbia visto più di una controversa divisione della catena. 

Sebbene molti degli aggiornamenti fino ad oggi siano stati completati senza problemi, ogni modifica proposta suggerisce la possibilità di disaccordo. Quando le parti in disaccordo esercitano un’influenza sufficiente, la rete rischia di dividersi.

La stessa rete Bitcoin Cash è stata creata come risultato di un hard fork così controverso. Anni di controversie all’interno della comunità Bitcoin su come scalare al meglio la rete è culminata in una divisione della catena nell’agosto 2017. Alcuni hanno sostenuto l’aumento del limite sulla dimensione dei blocchi per consentire alla rete di elaborare più transazioni al secondo. Nel frattempo, altri hanno affermato che un tale aumento avrebbe un effetto centralizzante sulla rete, poiché sarebbe necessario hardware più costoso per supportarlo. Ciò limiterebbe il numero di operatori che potrebbero permettersi di partecipare e danneggerebbe la sicurezza della rete. 

Invece, hanno proposto l’uso di metodi di ridimensionamento di secondo livello e hanno sostenuto un aggiornamento noto come Segregated Witness, comunemente noto come SegWit. La modifica, implementata da un soft fork, ha reso più efficiente l’uso dello spazio di blocco memorizzando solo i dati delle transazioni cruciali nella blockchain. Con ogni transazione che richiede meno spazio di blocco, ogni blocco sarebbe in grado di ospitare più transazioni.

Il disaccordo tra le due fazioni è giunto al culmine nell’agosto 2017. Confutando che il ridimensionamento di secondo livello era il percorso ottimale da seguire, quelli che supportavano blocchi più grandi hanno introdotto un forcella dura per aumentare la capacità del blocco. In mancanza di un consenso diffuso da parte della comunità, la catena si è divisa in due distinte criptovalute: Bitcoin con SegWit e Bitcoin Cash con blocchi più grandi. 

Sebbene supportato da vari operatori del settore, incluso l’ex "Bitcoin Jesus" Roger Ver, il co-fondatore di Bitmain Jihan Wu e il ricorrente di Satoshi Nakamoto Craig Wright, lo stesso Séchet è spesso accreditato come l’architetto principale dell’hard fork originale di Bitcoin Cash.

Pochi mesi dopo la sua creazione, i problemi con l’algoritmo di regolazione della difficoltà di Bitcoin Cash hanno costretto la rete a un nuovo hard fork, introducendo un altro aggiornamento. Ancora una volta, Séchet è stato fondamentale per il cambiamento, poiché è stata la proposta DAA di Bitcoin ABC che la comunità ha accettato. L’aggiornamento ha cercato di affrontare le fluttuazioni selvagge del tasso di hash che avevano afflitto la rete dopo la sua creazione. 

Nel maggio 2018, Bitcoin Cash ha subito un altro hard fork non contenzioso. Questa volta, l’aggiornamento ha ulteriormente aumentato la dimensione del blocco a 32 MB e ha aggiunto molte altre funzionalità. Questi includevano la riabilitazione del codice precedentemente disabilitato in Bitcoin prima della divisione della rete di agosto 2017. L’aggiornamento non solo ha cercato di aumentare la capacità transazionale complessiva di Bitcoin Cash, ma ha anche aggiunto funzionalità aggiuntive, inclusa l’archiviazione di dati arbitrari non direttamente correlati alla criptovaluta stessa.. 

Nei sei mesi successivi, è emersa una divisione all’interno della comunità di Bitcoin Cash. I membri si stavano interessando allo scienziato informatico australiano Craig Wright e al suo ego in continua crescita. Wright, sostenuto da CoinGeek e dal suo fondatore, Calvin Ayre, era diventato sempre più ostile nei confronti degli sviluppatori del progetto. CoinGeek era rapidamente cresciuto fino a diventare il network il più grande minatore e aveva cominciato a tentare di esercitare un maggiore controllo sulla sua direzione. Sebbene i tweet stessi siano stati cancellati, i post di Reddit dal momento in cui Wright aveva affermato tramite Twitter che gli sviluppatori sono sottomessi ai minatori e quelli in disaccordo sarebbero stati sostituiti..

A novembre 2018, la divisione è arrivata al capolinea con Wright ei suoi seguaci che implementavano un hard fork che avrebbe aumentato la dimensione del blocco a 128 MB, creando così Bitcoin SV (BSV). Nel frattempo, i sostenitori di Bitcoin Cash che si sono opposti a Wright, inclusi gli sviluppatori di Bitcoin ABC, hanno cercato diverse modifiche al protocollo. La loro proposta aggiornamento della rete manterrebbe la dimensione del blocco Bitcoin Cash ma ne modificherebbe il linguaggio di scripting. 

Dopo la rottura della catena, Wright, insieme ad Ayre e CoinGeek, subito lanciato un cosiddetto "guerra di hash" contro Bitcoin Cash, tentando di paralizzare la rete usando il loro potere di hash apparentemente superiore. Tuttavia, lo sforzo è fallito e BCH ha costantemente mantenuto il predominio del mercato su BSV negli anni successivi.

Dalla divisione della catena BCH / BSV, la rete Bitcoin Cash è stata aggiornata ogni sei mesi, prevalentemente sotto la guida di Bitcoin ABC. Sebbene le dimensioni del blocco siano rimaste coerenti, la rete ha subito altre lievi modifiche. Maggio 2019 ha visto le firme di Schnorr tentare di portare ulteriore privacy alla rete e una regola di clean-stack ha consentito il recupero delle monete inviate accidentalmente a indirizzi BTC. Nel novembre 2019, il supporto per le firme di Schnorr era ulteriormente migliorato, e una seconda modifica alla rete ha riguardato i vettori di malleabilità di terze parti.

Oltre al feroce dibattito sull’IFP, sono state apportate modifiche a Bitcoin Cash anche nelle date di aggiornamento di maggio e novembre 2020. Il primo ha introdotto due modifiche alle regole di consenso – SigChecks e OP_Reversebytes – insieme ad altre modifiche che non hanno avuto impatto sulle regole di consenso. L’aggiornamento di novembre non solo ha aggiunto l’IFP non volontario e che divide la rete nell’implementazione di Bitcoin ABC, ma un altro passare alla DAA destinato ad affrontare le continue incongruenze con i tempi di blocco. È interessante notare che entrambe le versioni di Bitcoin Cash introdotto quest’ultimo aggiornamento, nonostante Bitcoin ABC in precedenza rifiutando l’algoritmo proposto.     

In che modo le ripetute divisioni della catena influiscono su Bitcoin Cash?

In generale, le divisioni di catena sono percepite come dannose per una criptovaluta.

Quando una rete si divide, alcuni nella comunità seguono un bivio e alcuni seguono l’altro. Ciò include minatori, sviluppatori e gli utenti stessi. Consapevoli dell’impatto potenzialmente dannoso di un controverso hard fork, gli sviluppatori di Bitcoin Cash Node dichiarato numerose volte prima della rottura della catena del novembre 2020 che si opponevano alla divisione della comunità sulla questione dell’IFP. I minatori che abbandonano una rete riducono la sua sicurezza complessiva quando il tasso di hash diminuisce e il costo per attaccarlo diminuisce. 

Nel frattempo, gli sviluppatori di solito scelgono di concentrare le proprie energie su uno dei fork. Ciò significa che ci sono meno talenti che lavorano per migliorare l’infrastruttura che circonda una criptovaluta. È interessante notare che, nonostante abbia creato la divisione che ha causato la divisione del novembre 2020, Bitcoin ABC sembra esserlo continuando il suo sostegno dell’implementazione di Bitcoin Cash Node. Prima dell’hard fork, ha rilasciato il proprio software per coloro che non supportavano l’IFP ma desideravano continuare a utilizzare Bitcoin ABC. 

Infine, viene divisa anche la base di utenti che il progetto ha prima di una divisione. Un numero inferiore di utenti di una rete ne limita l’utilità e la rilevanza complessive nel più ampio settore delle criptovalute. D’altra parte, le divisioni di catena creano una maggiore scelta per gli utenti, consentendo al mercato stesso di determinare ciò che apprezza veramente. Nell’esempio della divisione BTC / BCH di agosto 2017, gli utenti di Bitcoin potrebbero scegliere di supportare un’implementazione di Bitcoin che si sforza di servire principalmente come riserva di valore o una più focalizzata sul diventare una rete di pagamenti decentralizzata.

Inoltre, le rotture di catena possono rimuovere elementi apparentemente tossici da una comunità. Nell’hard fork BCH / BSV del novembre 2018, Wright e CoinGeek si sono dati da fare per creare Bitcoin SV è stato visto come un grande trionfo nella comunità di Bitcoin Cash, dal momento che a molti non piaceva la direzione in cui stavano tentando di prendere la criptovaluta. In una recente intervista su Le storie mai raccontate di Charlie Shrem, Séchet ha confermato che la partenza di Wright è stata vantaggiosa per la comunità di Bitcoin Cash. Allo stesso modo, nel 2017, coloro che desideravano blocchi più grandi – ritenuti tossici da molti nella comunità BTC – erano liberi di sborsare e sperimentare regole di rete diverse. In definitiva, il mercato è quindi lasciato a scegliere quale lato di una forcella ha più valore. 

Tuttavia, c’è un’altra potenziale conseguenza di una divisione della catena che riguarda il settore in generale. L’adozione della criptovaluta si basa sul supporto di varie società, come scambi e fornitori di portafogli. Ogni volta che una criptovaluta si divide, chi fornisce i servizi deve decidere come rispondere. Le modifiche al codice richiedono alle aziende di aggiornare il software che guida i propri sistemi. Questo li costringe a impiegare capitali in modi che potrebbero non essersi aspettati. L’interruzione dei servizi che le ripetute divisioni della catena causano senza dubbio frustra molte aziende.

Roger Ver ha evidenziato questo punto prima del recente hard fork di Bitcoin Cash. Affermando che i mercati non erano affezionati al tipo di incertezza che le scissioni di catena creano, ha detto CoinDesk che gli piacerebbe vedere tali controverse hard fork diventare un ricordo del passato. Chiamandoli a "grande problema," ha ragionato che la scissione del 15 novembre potrebbe scoraggiare le aziende a supportare la rete, in particolare quelle nuove nel settore. Nelle sue stesse parole, ha persino ragionato questo "se PayPal sapesse che è probabile che questo tipo di controverso hard fork si verifichi, forse non avrebbe aggiunto bitcoin cash alla loro roadmap."

Dato che gran parte del settore vede il supporto di PayPal per funzionalità limitate di criptovaluta come un enorme vantaggio per l’adozione, le preoccupazioni di Ver potrebbero essere giustificate. Senza il supporto del settore in generale, le criptovalute potrebbero avere difficoltà. Ciò può essere evidenziato dall’andamento dei prezzi di Bitcoin SV dopo il suo delisting da molte delle principali piattaforme di scambio nel 2019. 

Ancora in difficoltà per i finanziamenti?

Sebbene Séchet e Bitcoin ABC ora abbiano una fonte di finanziamento, resta da vedere se consentirà loro di migliorare entrambi i rami di Bitcoin Cash in modo significativo. Il 21 novembre, ad esempio, solo 70 blocchi BCHA sono stati estratti. Pertanto, i premi di blocco per l’intera giornata sono stati 437,5 BCHA. Ai prezzi attuali, si tratta di un valore fiat di circa $ 8.750. Il fondo per sviluppatori, all’8%, avrebbe assegnato circa $ 700. Supponendo che il progetto sopravviva dopo che la difficoltà di mining di BCHA alla fine si aggiusta per produrre un blocco ogni 10 minuti circa – cosa che non ha ancora raggiunto – ogni giorno, la ricompensa mineraria ammonterà a 900 BCHA. Ancora una volta, ai prezzi attuali, si tratta di circa $ 18.000 al giorno e l’8% di questi è di $ 1.440. 

Con una proiezione così bassa, alcuni potrebbero chiedersi se valga davvero la pena mettere a repentaglio la reputazione di Bitcoin Cash per una tale somma. Il tempo dirà se Bitcoin ABC raccoglierà un supporto sufficiente per portare il suo prezzo a un livello tale da finanziare adeguatamente un team di ingegneri software professionisti. Tuttavia, dato quanto lontano il file reputazione del gruppo è precipitata negli ultimi mesi durante l’intera debacle dell’IPF, questo è tutt’altro che un dato di fatto. 

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map