Che cosa significano i tassi di interesse prossimi allo zero per le stablecoin e perché non ne ostacolerà la crescita

Panoramica

Misure straordinarie per tempi straordinari, e potrebbe anche significare portare a conseguenze straordinarie. Sebbene abbiamo visto i mercati degli asset inizialmente riprendersi dalla svendita del coronavirus, tuttavia, la pandemia è tutt’altro che finita e la paura di una recessione globale è cresciuta.

L’acqua che porta la barca è la stessa che la inghiotte. Le misure di ultra-allentamento adottate dalle banche centrali globali e dai responsabili politici possono in qualche modo contenere il danno economico, ma potrebbero anche creare altre sfide.

Sia il mercato tradizionale che quello delle criptovalute stanno apparentemente aumentando la preoccupazione di avere tassi negativi negli Stati Uniti e, recentemente, ci sono state molte più conversazioni su questo argomento tra i responsabili politici. Se vediamo tassi di interesse negativi negli Stati Uniti, in che modo questa misura estrema influenzerà il mercato delle stablecoin e il suo modello di business e il mercato delle criptovalute in generale??

La pandemia invia la velocità quasi a zero

La Federal Reserve statunitense e altre banche centrali hanno adottato misure coraggiose per attutire l’impatto del coronavirus sull’economia globale e sui mercati finanziari. Dopo i due tagli a sorpresa dei tassi 3 marzo e 15 marzo, il tasso sui fed funds è ora ridotto allo 0-0,25%, livelli che i mercati non vedevano dalla crisi finanziaria globale. Inoltre, su 23 marzo, la Fed ha annunciato la ripresa del quantitative easing senza limiti, aprendo la porta all’acquisto di asset che “avevano bisogno di supportare il buon funzionamento del mercato."

Figura 1: Fondi federali statunitensi che si concentrano su intervalli superiori e inferiori (Fonte: Broad of Governors of Federal Reserve System; St Louis Fed.)

Le reazioni dei mercati del tesoro hanno catturato l’attenzione degli analisti. I rendimenti degli Stati Uniti a 1 mese e 3 mesi sono scesi nell’area negativa. Il calo è arrivato non molto tempo dopo che la Fed ha fatto il suo "QE infinito" annuncio. Anche se entrambi sono leggermente rimbalzati dai minimi, tuttavia, i mercati non hanno del tutto escluso che i rendimenti possano tornare in negativo.

Figura 2: I rendimenti US 1M e 3M sono andati in negativo (Fonte: Tradingview)

Tassi di interesse negativi negli Stati Uniti, per davvero?

Sulla scia di ciò, le discussioni sul fatto che il tasso dei fed funds diventasse negativo sono aumentate, i mercati e i responsabili politici hanno espresso opinioni molto diverse.

In una conferenza stampa il 15 marzo, il presidente della Fed Jerome Powell avvertito che la crescita economica degli Stati Uniti sarebbe probabilmente "debole" nel 2Q. Tuttavia, la banca centrale “non utilizzerà tassi di interesse negativi per combattere la pandemia di coronavirus”. Powell ha aggiunto che “Non riteniamo che i tassi ufficiali negativi rappresentino una risposta politica appropriata qui negli Stati Uniti”,

Alcuni altri funzionari della Fed sembrano aver mostrato una posizione più morbida su questo tema. Neel Kashkari, Presidente della Riserva Federale di Minneapolis, disse tassi di interesse negativi sono improbabili ma non impossibili.


Nel frattempo, il presidente Donald Trump sembra più un sostenitore della politica dei tassi negativi. Di nuovo al Forum economico mondiale, Trump disse, “Siamo costretti a competere con nazioni che stanno ottenendo tassi negativi, qualcosa di molto nuovo, nel senso che vengono pagati per prendere in prestito denaro, qualcosa a cui potrei abituarmi molto rapidamente. Amore che."

Proprio di recente, la Federal Reserve Bank di St. Louis Economic Research ha pubblicato un file studia sulle banche centrali che hanno tassi negativi e la possibilità che la Fed statunitense diventi negativa.

Quindi, gli Stati Uniti diventeranno negativi? Sembra che non ci sia una risposta breve per questo, almeno per il breve termine, ma nella situazione attuale nulla è davvero fuori discussione. Tuttavia, come reagirà il mercato delle stablecoin incentrato sull’USD quando si materializzerà un contesto di tassi negativi negli Stati Uniti?

Tassi di interesse, dollaro e stablecoin

Il dollaro è stato a lungo considerato una valuta rifugio durante i periodi di stress e le recenti turbolenze del mercato guidate da COVID ne sono un classico esempio. Sulla scia della preoccupazione per il virus, l’indice del dollaro è salito dalle 94 maniglie superiori all’area 102 durante il picco del selloff.

Stablecoin porta un concetto simile, stablecoin USD come USDT e USDC sono stati considerati un asset crittografico più sicuro rispetto ad altre criptovalute quando il mercato è crollato.

La capitalizzazione di mercato delle principali stablecoin è aumentata notevolmente a marzo. Gli apprezzamenti hanno evidenziato il sentimento di riduzione del rischio al momento in cui i prezzi di BTC sono scesi da USD 9200 a USD 3850 nel giro di una settimana. Anche altri indicatori, come il volume e il conteggio delle transazioni on-chain, hanno dipinto il quadro della domanda rifugio.

Figura 3: capitalizzazione di mercato delle principali stablecoin fino al 31 marzo (Fonte: DeFiPrime; Messari)

Le stablecoin ancorate all’USD sono sensibili alla domanda di dollari a causa della sua natura ed è impossibile ignorare l’opinione del mercato generale sul biglietto verde, l’orientamento sui tassi di interesse della Fed e altri fattori correlati quando si parla di stablecoin ancorate all’USD.

Poiché la stablecoin in dollari e USD ha un valore di 1: 1, gli emittenti di stablecoin depositare i soldi dei loro clienti nei conti bancari tradizionali quando emettono un importo equivalente di stablecoin in USD. Gli emittenti traggono profitto dalla raccolta degli interessi generati da questo denaro, e questa è stata la principale fonte di entrate per gli emittenti di stablecoin.

Ora, la Fed ha tagliato i suoi tassi di riferimento quasi a zero, il che significa che le banche abbasseranno anche il rendimento percentuale annuo sui conti di risparmio che corrispondono alla mossa della Fed. Gli emittenti di Stablecoin ora probabilmente stanno ottenendo meno entrate dal pagamento degli interessi. Immagina se il tasso sui fed funds diventasse negativo, i risparmiatori potrebbero persino dover pagare le banche per mantenere i loro soldi, come l’Europa e il Giappone, e gli emittenti di stablecoin non ne sarebbero immuni.

Le stablecoin sono qui per restare e diventare sempre più grandi

L’attuale contesto di tassi di interesse bassi può spingere gli emittenti di stablecoin a perseguire altre fonti di reddito, come mettere il denaro dei clienti in veicoli di investimento a rischio diverso da zero, mentre alcuni altri emittenti potrebbero iniziare a riscuotere commissioni dagli utenti, ma ciò non significa emittenti di stablecoin cesseranno l’attività in qualsiasi momento presto. Potrebbe essere il contrario.

Interesse istituzionale in stablecoin ha avuto un boom, soprattutto nel movimento del denaro, i pagamenti nelle aree delle transazioni di titoli. JPM Coin di JP Morgan è un eccellente esempio di una delle principali banche di investimento che desiderava sfruttare la tecnologia blockchain per consentire il trasferimento istantaneo dei pagamenti. Tuttavia, è solo tra i loro clienti istituzionali.

Il fatto che non solo i giganti bancari vogliono sfruttare la tecnologia blockchain, banche centrali hanno mostrato anche un interesse crescente. La PBOC ha lavorato su una forma digitale dello yuan e, secondo quanto riferito, si sta avvicinando lanciare. I rapporti indicano anche che la banca centrale vede la valuta digitale come uno “strumento conveniente per il suo tasso di interesse zero e negativo”. Nel frattempo, anche la Fed, la BCE, la BOE e la BOJ hanno intensificato i loro sforzi in quest’area.

Sebbene CBDC e le stablecoin potrebbero non funzionare allo stesso modo, la consapevolezza delle banche centrali della blockchain indica come questa tecnologia rivoluzionaria potrebbe cambiare il modo di fare il regolamento in un approccio più pratico, ed è qui che entra in gioco la stablecoin.

DeFi potrebbe essere un altro punto luminoso per la stablecoin. Alla luce del recente debito di 4 milioni di dollari bolla a causa del calo dei prezzi su ETH, che ha quasi reso MakerDAO un arresto di emergenza, la voce di avere una garanzia centralizzata in USD nel sistema DeFi è cresciuta.

Paolo Ardoino, CTO di Tether, detto Coindesk quello, "Non puoi avere stablecoin algoritmici che si affidano solo alle cripto-risorse stesse," Ardoino ha aggiunto che la garanzia centralizzata dell’USD potrebbe fornire a "set di spalle sicuro" all’ecosistema DeFi.

Poiché si prevede che DeFi continui la sua crescita, riteniamo che presto aumenteranno le conversazioni su questo argomento, e questo è qualcosa che gli osservatori di stablecoin non vorranno perdere.

Conclusione

L’attuale contesto di tassi di interesse prossimi allo zero potrebbe mettere gli emittenti di stablecoin in una posizione leggermente proattiva in termini di gestione delle proprie riserve. Tuttavia, questa non è necessariamente una cosa negativa. In un quadro più ampio, lo stablecoin è stato una parte essenziale del più ampio spazio crittografico; la sua importanza si è espansa e continuerà in questo modo. Come singolo investitore, la stablecoin potrebbe fornire riparo in condizioni di mercato difficili. Nel momento in cui il mercato delle stablecoin sta diventando più competitivo, i trader e gli investitori possono esplorare le opzioni che hanno nello spazio delle stablecoin. OKEx recentemente le prime 10 criptovalute a coppie USDC, tra cui BTC, LTC, ETH e XRP, il lancio è avvenuto dopo la capitalizzazione di mercato dell’USD superato USD680 mln a fine marzo, rispetto a soli USD439 mln di febbraio.

Segui OKEx su:

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map