Inserimento di un progetto in borsa: qual è il costo reale?

Il mondo delle criptovalute offre diverse opportunità per promuovere il tuo progetto; tuttavia, la quotazione si rivela uno dei principali punti chiave da cercare dal punto di vista dell’investitore.

Tuttavia, la realtà del gioco di mercato è lontana da quelle brillanti dichiarazioni che le grandi borse offrono gratuitamente i propri servizi.

Parlando di un token, i partecipanti al mercato perdono l’opportunità di acquisire la criptovaluta del progetto dopo che l’ICO si è ufficialmente concluso. Qui gli scambi vengono in soccorso. A causa di dati diversi, la quotazione di un token su uno scambio può aumentare il suo valore fino al 20%. Questo è esattamente il motivo per cui la quotazione è uno dei compiti più critici per un’azienda dopo aver eseguito un ICO. Un altro motivo per elencare il token sullo scambio – le richieste della comunità del progetto (alcune persone vogliono sbarazzarsi dei token, acquistati su ICO, alcuni di loro sono troppo tardi e vogliono acquistarne alcuni in questo momento per diventare l’utente del progetto).

Marketing e media fanno la differenza nel nostro mondo. Ecco perché la quotazione in borsa con una reputazione decente a volte può fare davvero la differenza. Per i progetti ICO che immagazzinano una parte significativa dei loro token, la crescita del valore può significare la possibilità di un ulteriore funzionamento del progetto in generale.

Nonostante le numerose dichiarazioni, molte persone ancora non sanno che la quotazione dei token sullo scambio di criptovaluta non è una procedura abbastanza libera e, molto probabilmente, abbastanza onerosa.

The Reality Check – Inserimento nell’elenco “gratuito”

Ogni volta che si chiede il costo effettivo, le piattaforme tendono a dichiarare il loro amore eterno e supporto per le startup e l’assenza di spese da parte del cliente in questo caso. È proprio vero??

Secondo l’ultimo studio condotto dalla ricerca di Business Insider, che ha intervistato diversi rappresentanti di questo settore, il prezzo “non ufficiale” dell’inclusione di un token nell’elenco delle piattaforme di trading può essere a volte scioccante. Le fonti si sono rifiutate di nominare nomi specifici e gli scambi stessi, che sono stati contattati dalla pubblicazione, inclusi GDAX, Bitfinex e Kraken, non hanno dato una risposta o hanno riferito di non prendere soldi dalle startup di criptovaluta. Niente di nuovo.

Per le aziende, l’ICO è ancora il modo più veloce ed economico per ottenere finanziamenti, rispetto al capitale di rischio o all’IPO. Per gli investitori, i token forniscono l’accesso a uno scambio rapido e semplice di condivisioni di progetti, precedentemente non disponibili. Tuttavia, per garantire la liquidità, le società devono collocare i token emessi su almeno uno scambio di criptovalute.

In precedenza, l’exchange Binance aveva riferito di rifiutare il 97% delle richieste di quotazione di token perché non conformi alle sue regole interne. Ma ogni singolo giorno molti progetti post-ICO bramano ancora di essere elencati in qualsiasi scambio. E sono molto contenti quando finalmente vedono che non ci sono “costi di inserzione”.

Tuttavia, nonostante il fatto che la quotazione sia gratuita, gli exchange di criptovalute affermano che per la promozione dei token hanno bisogno di una determinata quantità di denaro. Questa somma parte da $ 50.000 e arriva fino a $ 1 milione … a seconda delle dimensioni dello scambio. Molti altri intervistati hanno confermato queste cifre. Una bella ricompensa per tale sforzo di promozione, non è vero?

È interessante menzionare qui che il prezzo di $ 1 milione supera il costo del lancio di un token di sicurezza sulla maggior parte degli scambi crittografici.

Uno dei fattori di successo dei progetti di criptovaluta dopo la fase ICO è la loro capacità di attrarre nuovi investitori, che è difficile da ottenere senza entrare in uno scambio esteso.

Molti grandi progetti stanno cercando di raggiungere più scambi, che alla fine aumentano i costi di quotazione.

Non tutti gli scambi crittografici sono uguali. Abbastanza divertente, in questa situazione di mercato ci sono anche scambi di criptovalute che non prendono soldi per elencare le monete. Alcune borse offrono progetti da collocare sulla base di un concorso di progetto o chiedono agli utenti di votare per l’aggiunta di una moneta. Alla fine di novembre 2018, tuttavia, il prezzo di Ripple è balzato del 5% a causa di voci di posizionamento su Coinbase, mostrando l’impatto della quotazione sulla percezione del progetto e del token.


Da un lato, dato che i progetti hanno raccolto quasi 29 miliardi di dollari attraverso l’ICO a questo punto. Inoltre, la rapida crescita dei fondi è avvenuta principalmente a causa di progetti di grandi dimensioni come EOS ($ 4,2 miliardi, 06.2017 – 06.2018), Telegram ($ 1,7 miliardi, 02.2018 – 03.2018) e Tatatu ($ 575 milioni, 06.2018). Se escludiamo questi tre progetti dal quadro generale, la situazione risulterà abbastanza stabile, nonostante la profonda recessione del mercato:

Ad ogni modo, d’altra parte, anche gli scambi di criptovaluta guadagnano molto. Secondo Bloomberg, i primi 10 scambi di criptovalute guadagnano $ 3 milioni al giorno sulle commissioni.

Gli scambi tendono a mettersi in mostra con una liquidità irreale

La liquidità è un fattore critico nel prevedere la resilienza del cambio agli shock e la favoreggiamento dei tassi che il cambio può offrire. Più volume significa più liquidità e stabilità dei prezzi più relativa, che tende a pareggiare i tassi di cambio. Al contrario, un importo inferiore significa meno liquidità, minore stabilità dei prezzi e tassi di cambio più volatili.

Semplicemente, se conduci le tue operazioni su una borsa con un volume maggiore, sei meno esposto a queste fluttuazioni.

“Conosco molti progetti loschi che forniscono liquidità agli scambi”, – dice Kamilya Arslanova, Piattaforma di arbitraggio crittografico del CEO Arbidex. “Ovviamente sono in zona grigia. Cosa fanno – stanno effettuando molti falsi ordini in borsa per aumentare il volume delle operazioni e delle transazioni. Gli scambi di solito pagano molto a tali progetti.

Ci sono altri servizi come il nostro. Aumentiamo la liquidità degli scambi, portando a quelli i nostri trader. Tutti gli scambi sono integrati con Arbidex tramite API. Tuttavia, gli scambi non ci pagano, al contrario, abbassano la commissione per i nostri utenti. È una strada a doppio senso: aumentiamo i loro volumi, attirano nuovi clienti “.

Poiché molti trader hanno acquisito una certa esperienza interagendo con numerosi scambi, la comprensione e le opinioni sui lavori sono cambiate. Indubbiamente, anche le borse più grandi tendono a trarre più o meno i loro volumi reali.

Molte coppie con un volume di scambi di quasi $ 7 milioni riceveranno uno “slippage” superiore al 10% quando vengono vendute per $ 70k. Dov’è il suggerimento? Se la vendita di una moneta con un volume di scambio di $ 7 milioni per un importo di $ 70.000 fa “slittare” il prezzo di oltre il 10%, allora puoi già iniziare a pensare alla possibilità che questi $ 7 milioni di volumi non siano del tutto reali? Inoltre, le coppie di valute sotto studio apparentemente non erano tra le monete di merda a bassa liquidità. Basterebbero solo questi dati per affermare che molti exchange fingono i propri volumi.

Le controargomentazioni possono essere le seguenti in quanto il mercato non è regolamentato, non c’è nulla di illegale, ecc. Proprio perché il mercato non è regolamentato, l’intera responsabilità dei risultati e della sicurezza ricade sugli utenti. Pertanto, distribuire tali informazioni e boicottare gli scambi che lo fanno è il minimo che possiamo fare. Possiamo dire che “questa pratica non danneggia nessuno”. La falsificazione dei volumi di scambio potrebbe non essere un crimine, ma è molto più di una semplice fase di marketing. Questi indicatori influenzano le decisioni dei trader, influenzano il mercato e portano a eventi specifici in alcuni punti. Poiché le decisioni dei trader alla fine basate su volumi falsi possono portare all’acquisto di asset deliberatamente sopravvalutati.

Periti indipendenti in tutto il mondo spesso affermano che più di 3 miliardi di dollari di volume di scambi giornalieri, dichiarati sul crypto – market-fake. Inoltre, questa pratica, sebbene non supportata, ma quasi del tutto ignorata da risorse popolari come CoinMarketCap e tutti i loro utenti. Nonostante gli aumenti a breve termine, gli asset di criptovaluta sono globalmente in balia degli orsi nel 2018. Non c’è dubbio che una ripresa del mercato non si verificherà finché non avremo stabilito un ambiente sano per il trading e lo sviluppo degli asset. L’ecosistema deve essere completamente trasparente e onesto. Non possiamo permetterci di consentire tali manipolazioni, perché se i volumi falsi forniscono crescita invece di valore reale, potremmo cadere più dolorosi che mai.

Vale la pena pagare per la quotazione?

Senza dubbio, l’evento più gioioso per gli investitori subito dopo l’ottenimento dell’hard cap ICO di successo è la quotazione delle loro nuove monete o gettoni lucenti su uno scambio rispettabile (o non molto). Gli scambi di criptovaluta rappresentano spesso pool frammentati di liquidità e ciascuno desidera espandere il portafoglio di asset scambiati attraverso nuove acquisizioni. Tuttavia, l’improvvisa inclusione del bene nella quotazione in borsa provoca di fatto un forte aumento del suo prezzo.

Nessun segreto che sviluppatori e professionisti del marketing paghino (ciò significa: dare tangenti) agli scambi crittografici per l’inclusione nell’elenco dei loro progetti. Molti dei progetti includono una commissione per la quotazione nel loro piano di spesa del budget.

Ad ogni modo, come si può essere sicuri che pagare un sacco di soldi a un particolare scambio di criptovalute per la quotazione sia una cosa per cui morire?

È necessario scegliere un popolare scambio di criptovalute che non abbia problemi di liquidità. Dopotutto, gli stessi emittenti sono solitamente i maggiori detentori delle proprie monete e sono anche interessati alla crescita dopo essere stati aggiunti alla quotazione. Accade spesso che la quotazione su un importante scambio di criptovalute come Binance diventi un’eccellente opportunità per un team di insider per reimpostare le proprie monete e uscire con successo dal progetto. Pertanto, sviluppatori e divulgatori di altcoin sono estremamente interessati a pagare per la quotazione (di solito si tratta di pagamenti in bitcoin per un importo di centinaia di migliaia di dollari). Inoltre, gli exchange, soprattutto per i giocatori di secondo livello, sono interessati a creare un’immagine che non abbia problemi di liquidità per poter addebitare una commissione.

In poche parole, la maggior parte degli scambi con coppie di criptovaluta non ha nulla a che fare con borse valori reali come il NASDAQ. Gli investitori intelligenti ed esperti capiscono con chi hanno a che fare, ma la maggior parte dei principianti tende a fidarsi troppo di loro, il che si traduce in una detenzione a lungo termine di monete nei loro portafogli. Inoltre, gli scambi crittografici, a loro volta, si pubblicizzano e non esitano a sopravvalutare i loro volumi di scambio utilizzando transazioni fittizie.

Modi alternativi per elencare i tuoi gettoni?

Immagina che il tuo team non abbia messo le mani su quei milioni durante l’ICO e sia ben lungi dall’essere in grado di pagare così tanto per scopi di marketing discutibili. C’è un modo per raggiungere i tuoi obiettivi e non farti rubare le tasche dagli scambi preferiti sopravvalutati?

C’è ancora un modo in cui alcuni scambi incoraggiano i propri utenti a fornire il voto – quale token verrà elencato gratuitamente. Tuttavia, questa non è una pratica comune per questo, poiché Bitfinex è noto per questo.

Ad esempio, uno dei principali scambi – OKEx, a causa del suo nuovo regime di quotazione, ha tre diversi approcci: puoi mettere un token sul voto (il comitato di revisione della quotazione esaminerà e rivedrà prima i progetti attraverso un processo sistematico e rigoroso), utilizzare L’opzione “Collaboration” (un elenco diretto dei progetti investiti da OK Blockchain Capital e 5 OKEx Prime Investors), utilizza l’opzione “Community Building” – per incoraggiare la vivacità della comunità, OKEx collaborerà con i team di progetto che sono in grado di per attirare utenti più attivi e fornirà loro una revisione prioritaria della scheda. I progetti devono però soddisfare i requisiti specifici.

D’altra parte, Bitfinex ha il token elencato sull’exchange affiliato di Ethfinex. Si può anche partecipare al voto lì, tuttavia, per poter votare i loro token EVT devono essere acquistati.

Il CEO di Arbidex, Kamilya Arslanova, ha dichiarato che a volte è estremamente difficile essere quotati in borsa, quindi l’approccio di Arbidex non è quello di elencare i token, ma gestire la cooperazione con gli scambi, convincendoli che si tratta di una cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Molti progetti sul mercato provano a fare lo stesso, ma a volte finisce per non avere alcuna inserzione.

Prendendo in considerazione quanto sopra, stiamo per vedere più opzioni in futuro in opposizione alla classica inserzione “gratuita”, poiché sempre più utenti non sono disposti a pagare somme di denaro losche che sono sufficienti per lanciare un ICO a tutti.

Autore guest post: Maria Lobanova

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map