Analisi dei grafici Bitcoin: come scambiare Bitcoin utilizzando i grafici

Contents

Guida al trading di Bitcoin per commercianti intermedi di criptovaluta

Questa guida all’analisi dei grafici bitcoin è progettata per essere il tuo tutorial one-stop-shop per il trading di criptovalute intermedio.

Il trading di criptovalute sembra complicato a prima vista. Fortunatamente, non è così perplesso come pensi. Una volta che impari a leggere i grafici e ad eseguire l’analisi tecnica di base, tutto inizia a riunirsi.

Sebbene questa recensione dell’analisi del trading di bitcoin non sia adatta ai principianti e più orientata agli intermedi. E sì, ci sono differenze tra l’investimento in criptovaluta e il trading in criptovaluta o l’utilizzo di un bot di trading bitcoin automatizzato se vuoi iniziare ad analizzare i grafici dei prezzi di BTC e comprendere i grafici del mercato delle criptovalute. Per questa guida all’analisi dei grafici bitcoin, presumiamo che tu abbia una conoscenza di base di come funziona la crittografia, cos’è bitcoin, come funzionano gli scambi di criptovaluta, i tipi di categorie crittografiche e come funziona la blockchain.

Tutti i trader di bitcoin di successo si rendono conto che la comprensione di questi schemi grafici comuni può tradursi in apprendimento di abilità senza tempo che accelereranno i risultati e produrranno entrate e uscite redditizie, indipendentemente dal prezzo del bitcoin in BTC / USD. Per riferimento, il valore del tasso di cambio del prezzo bitcoin in tempo reale in tempo reale è:

Nozioni di base: come funziona il trading di Bitcoin?

Nei primi giorni di Bitcoin (dal 2009 al 2014), c’era essenzialmente una sola moneta (BTC) e il trading di criptovalute era eccessivamente complicato. Oggi, nel 2019, il trading di criptovalute è ancora intrinsecamente rischioso, speculativo e altamente volatile, ma è più facile che mai con ancora più dati di mercato da controllare e misurare. Ecco uno sguardo alla lunga lista di schemi di trading di analisi dei grafici bitcoin e grafici trattati di seguito:

Puoi trovare molti ottimi scambi di criptovalute, inclusi scambi che accettano la tua valuta locale e bonifici bancari. Puoi anche trovare molte fantastiche app per portafoglio, app per gestori di portafoglio e altri strumenti per massimizzare la tua esperienza di trading di criptovalute.

Ecco il processo di base alla base del trading di criptovalute (sebbene molte insidie ​​comuni):

  • Passo 1) Registrati per uno scambio di criptovaluta
  • Passo 2) Deposita fondi nella piattaforma
  • Passaggio 3) Acquista criptovaluta

Questo è tutto! Non è così complicato. Se desideri utilizzare una valuta fiat univoca (come CAD, AUD o RUB), potresti dover utilizzare uno scambio locale. Se hai già una delle principali valute legali (come USD o EUR), hai a disposizione una gamma più ampia di opzioni.

Una volta acquistata la tua prima criptovaluta, puoi tenerla nel tuo portafoglio di scambio, lasciandola in borsa per futuri scambi o investimenti. Oppure puoi prelevare fondi sul tuo portafoglio, come un’app mobile sul tuo telefono.

Glossario del trading di criptovaluta: termini più popolari

L’industria del trading di criptovalute è piena del proprio gergo. Ecco un elenco dei 26 termini più popolari con definizioni che dovresti conoscere prima di entrare nell’analisi dei grafici bitcoin:


Valuta Fiat: Le valute Fiat sono valute emesse dal governo come il dollaro USA o l’euro. Queste valute esistono in contrasto con le criptovalute (sebbene alcuni paesi stiano discutendo sul lancio delle proprie criptovalute, il che sfocerebbe il confine tra fiat e criptovaluta). “Fiat” in latino significa “per decreto”. Queste valute hanno il valore “per decreto” o “per dichiarazione” del governo.

Asset crittografico: Una risorsa crittografica è qualsiasi token, moneta o valuta digitale con valore. A volte, le persone collegano una risorsa crittografica a una tecnologia specifica. Ad esempio, potrebbero descrivere Ether (ETH) come la risorsa crittografica per la blockchain di Ethereum.

Altcoin: Le altcoin sono “monete alternative”. Generalmente, questo termine viene utilizzato per riferirsi a monete che non sono bitcoin. È un termine popolare tra i massimalisti di bitcoin che credono che il bitcoin sia superiore a tutte le altre monete.

Stablecoin: Uno stablecoin è un token digitale progettato deliberatamente per mantenere un prezzo costante. In genere, le stablecoin tracciano una valuta fiat specifica e la maggior parte traccia il dollaro USA. Le stablecoin funzionano in modi diversi, sebbene la maggior parte delle stablecoin sia semplicemente supportata 1: 1 con riserve in dollari USA e gli utenti possono scambiare la loro stablecoin da 1 USD con 1 USD in contanti in qualsiasi momento, dando al token un valore stabile.

Crypto Exchange: Uno scambio è un sito Web o una piattaforma in cui è possibile acquistare e vendere criptovalute. Alcuni scambi elencano solo criptovalute, mentre altri elencano valute legali e criptovalute. I principali scambi oggi includono Kraken, Gemini e Binance, tra gli altri.

Prezzo di offerta: Il prezzo di offerta per una determinata risorsa è il prezzo massimo che qualcuno è disposto a pagare per quella risorsa. È il lato “domanda” dell’offerta e della domanda che governa i mercati delle criptovalute.

Chiedere il prezzo: Il prezzo richiesto per un determinato bene è il prezzo minimo al quale qualcuno è disposto a vendere un bene. Questo è il lato “dell’offerta” della domanda e dell’offerta.

Differenza tra domanda e offerta: Lo spread denaro-lettera è la differenza tra il prezzo denaro e il prezzo domanda per un asset specifico. In mercati altamente liquidi e ad alto volume, lo spread denaro-lettera sarà piuttosto ridotto. In mercati più piccoli e con una liquidità più bassa, lo spread denaro-lettera sarà molto maggiore.

Volatilità: La volatilità viene utilizzata allo stesso modo nei mercati crittografici come viene utilizzata nei mercati finanziari tradizionali. È una misura di quanto siano imprevedibili i mercati o di quanto i prezzi stiano attualmente fluttuando.

FOMO: Paura di perdere. Se LTC salta improvvisamente del 10% in un periodo di 2 ore, potrebbe aumentare di un ulteriore 15% perché gli investitori hanno paura di perdere qualcosa quando una moneta salta di valore.

FUD: Paura, incertezza e dubbio. Bitcoin è stato bombardato da FUD dal giorno in cui è stato lanciato. Alcune comunità di criptovaluta diffondono FUD su altre monete. È la preoccupazione irrazionale che una moneta specifica crolli o perda il suo valore.

Acquistare il tuffo: Quando una specifica risorsa crittografica scende in modo significativo, ma la vedi come un’opportunità di acquisto. Diciamo che oggi il bitcoin scende del 5%. “Compri il calo” acquistando bitcoin nella speranza che aumenti.

Mercati Bull and Bear: I termini toro e orso hanno lo stesso significato in criptovaluta che hanno nei mercati tradizionali. Una tendenza al rialzo è una tendenza al rialzo a lungo termine nei mercati complessivi delle criptovalute, mentre una tendenza al ribasso è un declino a lungo termine nel mercato generale delle criptovalute. Se qualcuno è “rialzista”, si aspetta che i prezzi aumentino. Se qualcuno è “ribassista”, si aspetta che i prezzi diminuiscano.

Market Maker e Takers: Un market maker è qualcuno che “fa” o pubblica uno scambio nello scambio. Un market taker è qualcuno che “prende” o accetta tale scambio.

Liquidità: La liquidità, nel mondo delle criptovalute, si riferisce al volume di uno specifico scambio, o quanto sia facile fare uno scambio su un particolare scambio. Si dice che uno scambio buono e ad alto volume sia più liquido e abbia una maggiore liquidità.

Balena: Le balene sono individui o organizzazioni che detengono un’enorme quantità di criptovalute. Alcuni sono hedge fund istituzionali che immergono le dita dei piedi nella crittografia. Altri sono persone che hanno accumulato bitcoin presto e non hanno mai venduto.

Ritorno sull’investimento (ROI): Quanti soldi guadagni da un importo acquisito? Se hai acquistato $ 100 di bitcoin, il prezzo del bitcoin è aumentato del 50%, hai guadagnato $ 150 e il tuo ROI è del 50%.

Portafogli: I portafogli ti consentono di gestire le tue criptovalute. È il luogo in cui conservi le tue criptovalute, proprio come un normale portafoglio è un luogo in cui conservi contanti e carte di credito.

Portafogli caldi: I portafogli caldi sono portafogli online collegati a Internet. In genere sono visti come meno sicuri dei portafogli per celle frigorifere, sebbene siano più sicuri dei portafogli di scambio.

Portafogli freddi: I portafogli freddi, o portafogli di conservazione frigorifera, sono portafogli che non sono collegati a Internet. Sono la forma di archiviazione più sicura perché le tue chiavi private sono tenute lontane da luoghi in cui gli hacker possono accedervi.

Portafogli di scambio: La maggior parte degli scambi ha portafogli dei clienti in cui gli utenti possono archiviare i propri fondi. Questi portafogli di scambio sono visti come l’opzione meno sicura perché lo scambio ha il controllo completo dei tuoi fondi.

Autenticazione a 2 fattori (2FA): L’autenticazione a 2 fattori si riferisce all’uso di più metodi di verifica per accedere al tuo account crittografico. La maggior parte degli scambi ti consente di impostare 2FA. Alcuni scambi ti invieranno un messaggio di testo o un’e-mail per confermare un accesso. Altri scambi ti consentono di impostare 2FA per ogni volta che effettui uno scambio.

Hodl: Hodl o hodling si riferisce alla strategia di investimento crittografico di detenere asset crittografici in tutte le condizioni di mercato. Il bitcoin è aumentato e diminuito numerose volte, ma gli hodlers sono stati in grado di sopravvivere al FUD e continuare a detenere bitcoin fino ad oggi.

Diversificazione: La diversificazione si riferisce all’idea di possedere più criptovalute. Invece di avere il 100% del tuo portafoglio in bitcoin, ad esempio, potresti investire il 50% in altcoin.

Arbitraggio: L’arbitraggio è la strategia di acquistare monete a un prezzo, quindi venderle a un prezzo più alto in un luogo diverso. Ad esempio, potresti acquistare bitcoin da Binance, quindi venderlo tramite LocalBitcoins a un prezzo più alto nella tua valuta fiat locale.

Pompa e scarico: Pump and dump è uno schema di trading che prevede il gonfiaggio artificiale del prezzo di un asset mirato (“pumping”), quindi la vendita di tale asset dopo che i prezzi sono aumentati (“dumping”).

Ora che conosci questi termini di base del crypto trading, è il momento di esaminare aspetti specifici del crypto trading.

Tipi di scambi di Bitcoin nel mercato crittografico

Per la maggior parte, i principianti vorranno solo effettuare ordini di mercato. Con un ordine di mercato, acquisti o vendi criptovaluta al miglior prezzo disponibile. I trader più avanzati, tuttavia, possono trarre vantaggio da ordini limite, ordini stop loss, trading con leva finanziaria e altro ancora. I tipi di scambi di criptovaluta includono:

Ordine di mercato: Con un ordine di mercato, stai acquistando o vendendo criptovaluta al miglior prezzo disponibile. Lo scambio esaminerà l’ultimo prezzo che qualcuno ha pagato per bitcoin (se stai vendendo) o l’ultimo prezzo che qualcuno ha venduto per bitcoin (se stai acquistando).

Ordine limite: Con un ordine limite, stai acquistando o vendendo criptovaluta a un prezzo specifico. Ad esempio, potresti inserire un ordine di acquisto per acquistare bitcoin se scende al di sotto di $ 5.000. Se il punto di prezzo non viene mai raggiunto, il tuo ordine potrebbe non essere mai eseguito. Alcuni scambi ti consentono di stabilire un limite di tempo per gli ordini limite.

Ordine Stop Loss: Gli ordini stop loss ti consentono di impostare un prezzo specifico al quale uno scambio eseguirà uno scambio per limitare le tue perdite. Se il prezzo del bitcoin scende del 10%, ad esempio, o raggiunge un prezzo di $ 7.500, puoi emettere un ordine di stop loss per limitare le tue perdite.

Ordine Take-Profit: Gli ordini Take-profit ti consentono di impostare un prezzo specifico al quale uno scambio eseguirà uno scambio per massimizzare i tuoi profitti. Se il bitcoin aumenta del 10%, ad esempio, il tuo ordine take profit verrà eseguito automaticamente, offrendoti guadagni garantiti del 10%.

Ci sono molti tipi di ordini più avanzati, inclusi scambi over the counter (OTC), scambi di gorilla, scambi di orso polare, scambi immediati o annullati (IOC), compravendite fill-or-kill (FOK) e all-or- ordini non (AON). La maggior parte dei trader principianti e intermedi, tuttavia, andrà bene con i quattro tipi di scambio sopra.

Quanto costa il trading di criptovalute? Prezzo medio

Il trading di criptovalute non è gratuito. Pagherai commissioni di cambio, commissioni di prelievo e altre spese sulla maggior parte delle borse. I costi del trading di criptovalute includono:

Commissioni di trading: La maggior parte delle borse addebita commissioni all’autore e all’acquirente comprese tra lo 0,1% e lo 0,5%. In genere, la tariffa dell’acquirente è più alta. Lo pagherai per ogni scambio. Se stai negoziando un volume significativo (ad esempio, oltre $ 500.000 al mese), lo scambio potrebbe offrire sconti sul volume, che possono ridurre significativamente le commissioni di negoziazione.

Commissioni di deposito: Alcuni exchange addebitano una commissione per depositare denaro nella piattaforma, anche se questo sta diventando meno comune.

Commissioni di prelievo: Le commissioni di prelievo sono molto più comuni nella maggior parte delle borse. In genere, le commissioni di prelievo sono commissioni fisse. Ad esempio, potresti pagare $ 5 USD per prelevare denaro dalla piattaforma. Alcuni scambi hanno anche importi minimi di prelievo.

Le tariffe possono variare ampiamente tra gli scambi. In genere, gli scambi meglio regolamentati (come Coinbase e Kraken) addebitano commissioni più elevate, mentre gli scambi meno regolamentati (come Binance e KuCoin) addebitano commissioni inferiori.

Analisi Bitcoin da intermedio ad avanzato: come studiare i grafici di mercato

Master The Crypto è uno dei portali di guida al trading di investimenti in criptovaluta più popolari su Internet e questa sezione della nostra guida all’analisi dei grafici di trading di bitcoin è orientata ad aiutare tutti coloro che non sono un principiante assoluto a migliorare nel trading di bitcoin per risultati ottimali.

Come analizzare i mercati crittografici: analisi fondamentale e tecnica

L’analisi crittografica si divide in due categorie principali: analisi fondamentale (FA) e analisi tecnica (TA).

Analisi fondamentale (FA): L’analisi fondamentale è un metodo di analisi non statistica che valuta il valore di un asset in base a fattori di crescita economici e finanziari. Gli analisti fondamentali cercano di determinare la redditività di un asset in base al suo potenziale. Analizzano il valore attuale dell’asset, quindi proiettano la crescita futura di quell’asset. Potresti leggere il white paper del progetto e controllare il team, ad esempio, per determinare se il progetto ha un potenziale di crescita.

Analisi tecnica (TA): L’analisi tecnica è un metodo puramente statistico che implica l’esame dei grafici dei prezzi, del volume degli scambi e di altri numeri correlati. Gli analisti tecnici ritengono che il prezzo di un asset rifletta il sentiment del mercato e tutte le informazioni necessarie in un dato momento, motivo per cui si concentrano esclusivamente sull’analisi statistica dell’azione del prezzo dell’asset.

Questi due metodi di analisi potrebbero sembrare contraddittori, ma funzionano meglio se usati insieme. Gli investitori intelligenti prendono in considerazione tutti i metodi di analisi disponibili.

Tendenze del mercato crittografico

I mercati delle criptovalute sono altamente volatili e imprevedibili. Tuttavia, vediamo ancora molte tendenze del mercato crittografico. Una tendenza di mercato si riferisce alla direzione in cui si percepisce che il prezzo sia diretto.

In un mercato in rialzo, i prezzi sono in rialzo (ricorda: i tori attaccano “su” con le corna), mentre in a mercato orso, i prezzi sono in calo (gli orsi scorrono “verso il basso” con le zampe).

Alcune persone usano anche termini come a tendenza secolare. Una tendenza secolare è una tendenza di mercato a lungo termine che dura diversi decenni, diciamo 30 anni. Una tendenza secolare può essere ribassista o rialzista e possono esserci più tendenze primarie di medio termine all’interno della più ampia tendenza secolare.

UN tendenza primaria, nel frattempo, è una tendenza più piccola, a breve termine, all’interno di una tendenza secolare più ampia. Può essere l’opposto della tendenza secolare.

Ci possono essere anche tendenze secondarie all’interno delle tendenze primarie. Se una tendenza secondaria è rialzista in un mercato ribassista, allora potrebbe essere chiamata “rally delle ventose”. Dopo mesi di calo dei prezzi (tendenza primaria), i mercati potrebbero sembrare improvvisamente risalire dopo una settimana di movimento positivo (tendenza secondaria), solo per continuare a scendere per le prossime quattro settimane.

I nuovi mercati non regolamentati come le criptovalute sono più inclini alla volatilità a breve termine rispetto ai mercati tradizionali e consolidati. Con gli investimenti in criptovaluta, puoi aspettarti di vedere più tendenze secondarie a breve termine e frequenti pompe e discariche di quanto potresti vedere, ad esempio, su S&Indice P 500.

Livelli di supporto e resistenza

Gli analisti di mercato delle criptovalute faranno spesso riferimento a termini come livelli di supporto e resistenza. Questi livelli svolgono un ruolo cruciale nel modo in cui funzionano i mercati delle criptovalute.

Immagina i livelli di supporto e resistenza come le “linee di battaglia” tra orsi e tori.

  • Livello di supporto: Questo è il livello più basso di un trend al quale si prevede che il prezzo rimbalzi.
  • Livello di resistenza: Questo è il livello superiore di un trend al quale si prevede che il prezzo scenda.

Bitcoin potrebbe avere una resistenza al livello di $ 10.000, ad esempio, il che fa sì che il prezzo del bitcoin aumenti costantemente verso quel livello ma non lo superi mai. Bitcoin potrebbe avere supporto a $ 6.000, nel frattempo, il che fa sì che il prezzo del bitcoin scenda verso quel livello ma non oltre.

Quando il prezzo di un criptoasset raggiunge uno specifico livello di supporto o resistenza, si dice che lo sia testare quel livello. A volte, il livello di supporto o resistenza è valido. In altri casi, il livello di supporto o resistenza si rompe.

Guardando la cronologia dei prezzi di bitcoin, possiamo anche vedere incidenti in cui il livello dei prezzi di bitcoin ha rotto un livello di resistenza, e quindi quel nuovo livello di resistenza è diventato un livello di supporto. Supponiamo che il bitcoin superi il livello di $ 10.000 e salga fino a $ 11.500. Improvvisamente, $ 10.000 potrebbero diventare il nuovo livello di resistenza mentre $ 12.000 diventeranno il nuovo livello di supporto.

Allo stesso modo, quando il prezzo scende al di sotto di un livello di supporto, il livello di supporto potrebbe diventare il nuovo livello di resistenza. Se il prezzo del bitcoin scende al di sotto di $ 6.000, ad esempio, il limite di $ 6.000 potrebbe diventare il nuovo livello di resistenza, mentre un limite inferiore come $ 4.500 diventa il nuovo livello di supporto.

In un settore fluttuante come quello delle criptovalute, i livelli di supporto e resistenza raramente si mantengono a lungo.

Acquista muri e vendi muri

I livelli di supporto e resistenza sono spesso stabiliti a causa di muri di acquisto e muri di vendita. Puoi vedere questi muri quando guardi i registri degli ordini di uno scambio.

UN acquistare muro è un numero elevato di ordini di acquisto effettuati a un limite di prezzo specifico, mentre a vendere muro è un numero elevato di ordini di vendita effettuati a un limite di prezzo specifico.

A volte, questi sono ordini limite, dove i trader hanno fissato un prezzo specifico a cui vogliono acquistare o vendere. In altri casi, lo sono ordini a scopo di lucro o ordini stop loss dove i trader stanno tentando di realizzare guadagni o limitare le perdite.

In molti casi, questi comprano muri e vendono muri si organizzano intorno a fasce di prezzo riconoscibili. Potrebbe esserci un muro di ordini di vendita a $ 15.000, ad esempio, poiché i trader cercano di bloccare i loro profitti. Nel frattempo, potrebbe esserci un muro di ordini di acquisto a $ 5.000, mentre i trader cercano di acquistare il calo. Improvvisi aumenti o cali di prezzo possono essere facilmente fermati da un muro di ordini di vendita o acquisto.

Come leggere i grafici dei prezzi di Bitcoin e i grafici del mercato crittografico

I grafici crittografici potrebbero sembrare complicati a prima vista. Una volta capito cosa significa tutto, però, sembrerà molto meno complicato.

Ecco come appare un grafico del prezzo medio delle criptovalute:

Questo grafico mostra il contratto perpetuo BTC / USD su BitMEX per un periodo di due mesi dal 1 febbraio al 1 aprile. Ogni candela (ogni barra verde o rossa) rappresenta un intervallo di 6 ore.

Puoi regolare il file scala temporale di un grafico come preferisci. Alcuni grafici ti consentono di utilizzare intervalli ad esempio, fino a 30 secondi, mentre altri ti consentono di utilizzare intervalli fino a un anno.

Come con la maggior parte dei grafici finanziari, l’asse Y (l’asse verticale) rappresenta il prezzo, mentre l’asse X (l’asse orizzontale) rappresenta il tempo.

Puoi vedere il scala dei prezzi sul lato destro del grafico. Questo è l’intervallo tra due fasce di prezzo. In questo grafico, la scala dei prezzi è 50, il che significa che la differenza tra i due punti di prezzo è 50. La scala dei prezzi può essere lineare o logaritmica:

Scala di prezzo lineare: Con una scala di prezzo lineare, la distanza tra due punti qualsiasi della stessa differenza numerica, indipendentemente dal valore, è uguale. La distanza tra 1 e 2 è la stessa della distanza tra 9 e 10, ad esempio.

Scala logaritmica dei prezzi: Con una scala dei prezzi logaritmica, la distanza tra i punti di prezzo è legata al rapporto tra i due valori. La distanza tra 1 e 2, ad esempio, è uguale alla distanza tra 4 e 8 o 12 e 24.

La differenza tra le scale dei prezzi lineari e logaritmiche è significativa. Di seguito, vedrai due grafici della cronologia dei prezzi di tutti i tempi di bitcoin. Il primo grafico utilizza una scala di prezzo lineare, mentre il secondo grafico utilizza una scala di prezzo logaritmica:

I due grafici mostrano la stessa identica cosa: il prezzo di bitcoin dal 2011 ad oggi. Tuttavia, il grafico logaritmico racconta una storia molto diversa rispetto al grafico lineare.

Con il grafico lineare, sembra che il prezzo del bitcoin non abbia fatto assolutamente nulla per i primi quattro anni della sua esistenza. Poi, c’è stata una piccola impennata dei prezzi, un lungo periodo di movimento dei prezzi limitato, e poi il bitcoin è salito a un massimo assoluto di $ 20.000 nel dicembre 2017 prima di precipitare di nuovo verso il basso..

Sul grafico logaritmico, il movimento dei prezzi di bitcoin è molto meno drammatico. I primi giorni del bitcoin sembrano particolarmente impressionanti rispetto al primo grafico. Vediamo il prezzo del bitcoin raddoppiare il numero di volte. La differenza tra $ 2 per BTC e $ 200 per BTC è significativa, anche se sembra una linea piatta sul grafico lineare. Il salto da $ 5.000 a $ 20.000 per BTC avvenuto nel 2017, nel frattempo, sembra molto meno significativo.

Tipi di grafici Bitcoin per analisti crittografici

Esistono quattro tipi generali di grafici crittografici, inclusi grafici a linee, grafici a barre, grafici a candela e grafici a punti e cifre. Di seguito parleremo di ogni grafico e dei suoi vantaggi unici.

Grafico a linee

Un grafico a linee è un tipo di grafico semplice e comune in cui la “linea” collega i prezzi di chiusura di ogni intervallo di tempo.

Alcuni grafici a linee utilizzano prezzi aperti, alti o bassi per ogni periodo. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il prezzo riflette il punto di chiusura di ogni intervallo. Se bitcoin chiudesse a $ 5.000 alle 15:00 e $ 5.100 alle 16, ad esempio, la linea verrebbe tracciata tra $ 5.000 e $ 5.100.

Grafico a barre

Un grafico a barre presenta una rappresentazione più dettagliata dell’azione dei prezzi rispetto a un grafico a linee. Mostra il prezzo a cui è stato aperto bitcoin, ad esempio, nonché il prezzo a cui è stato chiuso. Invece di vedere solo un numero (il prezzo di chiusura), puoi vedere cosa ha fatto il prezzo di bitcoin durante un determinato giorno. I prezzi massimo, minimo e di chiusura sono rappresentati utilizzando una serie di linee verticali con un trattino orizzontale su ciascun lato.

Alcune persone chiamano anche un grafico a barre un “grafico aperto alto basso chiuso” o grafico OHLC. La linea verticale è chiamata linea di intervallo e rappresenta l’intervallo di prezzo per ogni intervallo di tempo, inclusi il massimo e il minimo. I trattini orizzontali, nel frattempo, rappresentano l’apertura e la chiusura per ogni intervallo.

Ecco come appare un grafico a barre quando rappresenta un periodo di tempo:

Il grafico a barre sopra usa anche il colore per indicare gli intervalli di salita e discesa. Un intervallo nero viene utilizzato per indicare un intervallo crescente (dove il prezzo di chiusura era superiore al prezzo di apertura), mentre un intervallo rosso viene utilizzato per indicare un intervallo discendente (dove il prezzo di chiusura era inferiore al prezzo di apertura).

Grafico a candele

Alcune persone chiamano i grafici a candele “grafici a candele giapponesi” perché sono stati inventati nel XVIII secolo da un commerciante di riso giapponese, sebbene non siano apparsi nei mercati occidentali fino all’inizio degli anni ’90.

Oggi, i grafici a candele funzionano in modo simile ai grafici a barre. Ti permettono di vedere l’alto, il basso, l’apertura e la chiusura per un giorno particolare. Tuttavia, questi numeri sono espressi in modo leggermente diverso.

Con i grafici a candele, c’è un corpo vuoto o pieno con ombre superiori e inferiori per rappresentare i prezzi di apertura, chiusura, alto e basso. La lunghezza del corpo di una candela e la sua forma vengono utilizzate anche per rappresentare l’intensità dell’attività di trading per un intervallo di tempo specifico.

Ecco cosa rappresenta ciascuna delle candele di cui sopra:

Il candeliere è composto principalmente dal corpo (l’area ombreggiata), che rappresenta i prezzi di apertura e chiusura. Le linee superiore e inferiore (gli “stoppini” della candela) rappresentano i prezzi alti e bassi.

In sostanza, stai ottenendo le stesse informazioni di un grafico a barre, ma queste informazioni sono rappresentate in un modo leggermente diverso.

Anche l’area ombreggiata gioca un ruolo. Se il prezzo chiude più in alto di quanto si è aperto, la candela sarà ombreggiata in verde (il prezzo del bitcoin è aumentato durante quell’intervallo). Se il prezzo chiude al di sotto di quanto si è aperto, la candela sarà ombreggiata in rosso (il prezzo del bitcoin è diminuito durante quell’intervallo). Alcuni grafici a candele utilizzano anche un motivo di riempimento o vuoto, con il candelabro pieno o ombreggiato quando i prezzi aumentano e vuoto e vuoto quando i prezzi scendono.

Punto e figura grafico

Dei quattro grafici elencati qui, un grafico a punti e cifre sono i meno comuni. Tuttavia, un gruppo di nicchia di trader tecnici continua a utilizzare il punto e la cifra (P&F) grafici fino ad oggi.

Un grafico a punti e cifre mostra solo i movimenti dei prezzi. La colonna X rappresenta i prezzi in aumento e la colonna O rappresenta i prezzi in calo. L’ora e il volume non sono indicati. Se non si verificano movimenti di prezzo significativi per un certo periodo di tempo, il grafico non mostra nuovi dati.

Con P&Grafici F, il valore rappresentato da ciascuna X e O è determinato come un intervallo di prezzo impostato. Qualsiasi variazione di prezzo al di sotto di questo valore viene ignorata. Il grafico passa a una nuova colonna (chiamata inversione) quando il prezzo cambia nella direzione opposta rappresentata da un certo numero di X o O.

Nel grafico sopra, ogni X o O rappresenta un aumento o una diminuzione di due dollari. Si verifica un’inversione se c’è una variazione nella direzione opposta di un valore di almeno quattro dollari. Il tempo può essere rappresentato nell’asse X, sebbene non venga mai utilizzato come fattore in P&Grafici F..

Qual è il punto di questo strumento di creazione di grafici unico? Il punto è rimuovere la distrazione o l’effetto di inclinazione che si verifica in altri tipi di grafici quando si tiene conto di intervalli di tempo con movimenti di prezzo insignificanti. Il grafico indica solo movimenti di prezzo significativi.

Tuttavia, i grafici a punti e cifre sono molto rari nel mondo delle criptovalute oggi.

Inoltre, come risorsa aggiuntiva per il pattern grafico bitcoin, ecco uno sguardo che confronta i grafici di trading rialzista con i grafici di trading ribassista: modelli-rialzisti-analisi-grafico-bitcoin

modelli-ribassisti-analisi-grafico-bitcoin

analisi del grafico di trading bitcoin modelli toro vs orso dal Crypto Trading Book

Modelli di grafici Bitcoin

I trader di criptovalute analizzeranno i grafici per svelare modelli diversi. Esistono tutti i diversi tipi di pattern. In genere, tuttavia, i modelli sono separati in tre categorie specifiche:

Modelli di continuazione: Questi modelli indicano un breve periodo di consolidamento, dopo il quale la tendenza prevalente continuerà nella stessa direzione.

Modelli di inversione: Questi modelli indicano uno spostamento nell’equilibrio tra domanda e offerta, che in genere porta a un’inversione di tendenza. Questi modelli sono suddivisi in formazioni superiori e inferiori.

Pattern bilaterali: I modelli bilaterali sono formulazioni triangolari che indicano che una tendenza potrebbe oscillare in entrambi i modi.

L’analisi del pattern non è in bianco e nero. Alcune persone potrebbero analizzare un grafico e vedere uno schema di continuazione, ad esempio, mentre altri vedranno uno schema bilaterale. In base all’intervallo e alle tendenze precedenti, l’analisi può variare.

Di seguito, parleremo di alcuni dei tipi specifici di modelli che possono rappresentare modelli di continuazione, inversione e bilaterali come indicato sopra.

Tazza con motivo a manico

Una tazza con motivo a manico può essere un motivo di continuazione o inversione a seconda della tendenza precedente. Assomiglia a questo:

Una tazza con motivo a manico in un trend rialzista (come indicato sopra) è un modello di continuazione rialzista. A parte un piccolo blip (la tazza), prevarrà la tendenza al rialzo. Alcune tazze sono a forma di U, mentre altre sono a forma di V. In condizioni ideali, la tazza ha alti uguali su entrambi i lati prima di consolidarsi in un punto di prezzo specifico (il manico). L’obiettivo di prezzo stimato per il successivo breakout dopo il consolidamento è simmetrico all’altezza della tazza.

Naturalmente, i modelli di tazza con manico possono indicare cose diverse in una tendenza al ribasso prevalente:

In questo grafico, la stessa coppa con il motivo della maniglia indica la fine di una tendenza al ribasso e un breakout in una tendenza al rialzo. Una volta che la formazione della tazza passa alla formazione della maniglia, il prezzo non deve diminuire oltre la metà dell’altezza della tazza. Se il prezzo diminuisce di oltre la metà dell’altezza della tazza, lo slancio di vendita è troppo significativo e non è più considerata una tazza con motivo a manico (il “manico” si è rotto).

Più tempo è necessario per la formazione della tazza con il modello di impugnatura e più profonda è la formazione della tazza, maggiore è lo slancio dietro il breakout e più alto è l’obiettivo di prezzo. Quando si aggiunge l’altezza della coppa al punto di rottura, si fornisce una buona indicazione dell’obiettivo di prezzo a breve termine.

Bandiere e gagliardetti

Bandiere e modelli di gagliardetti sono modelli di continuazione. Si formano quando i prezzi si consolidano per un breve periodo prima che il mercato riprenda a muoversi nella stessa direzione.

Ecco come appare su un grafico tradizionale:

In questo grafico, vediamo la fase di consolidamento nel mezzo. La tendenza a lungo termine prende un breve freno, creando una forma rettangolare sul grafico. Quindi, il trend rialzista a lungo termine continua, il rettangolo si rompe ei prezzi continuano a salire.

Puoi anche avere bandiere ribassiste e rialziste. Con queste bandiere, il gagliardetto è formato da un leggero movimento in pendenza nella direzione opposta al trend prevalente.

C’è anche una differenza tra una bandiera e un motivo a gagliardetto. Una bandiera è una forma rettangolare, mentre un pennant è una forma triangolare:

I modelli di bandiere e gagliardetti sono in genere preceduti da un forte rialzo o calo. Questa manifestazione o declino costituisce il “palo” della bandiera. La distanza dal livello di supporto o resistenza alla “bandiera” o “gagliardetto” è chiamata asta della bandiera.

È possibile analizzare un obiettivo di prezzo da un grafico a bandiera o gagliardetto. In genere, lo fai aggiungendo la lunghezza dell’asta della bandiera alla parte superiore della formazione in una tendenza al rialzo e sottraendo la lunghezza dell’asta della bandiera dal fondo della formazione in una tendenza al ribasso.

Testa e spalle

Testa e spalle (HS o H.&I modelli S) sono alcuni dei modelli di inversione più affidabili.

Vengono presi in considerazione alcuni modelli HS modelli di testa e spalle superiori o “HS al massimo”. È un modello di inversione ribassista che include tre parti, inclusi due picchi più piccoli accanto a un picco più alto:

Collegando la parte bassa della spalla sinistra con la parte bassa della testa, possiamo creare il ‘scollatura‘Del grafico. Una volta che i prezzi scendono al di sotto della scollatura, la tendenza al rialzo si interrompe ei mercati entrano in una tendenza ribassista, come si vede nel grafico sotto con il pullback e la linea target.

Grafici fondo testa e spalle, nel frattempo, sono anche conosciuti come HS inferiori o grafici HS inversi. È un modello di inversione rialzista (invece di un modello di inversione ribassista) in cui la tendenza prevalente è al ribasso.

Proprio come il grafico HS in alto, il grafico in basso HS è composto da tre parti, comprese due valli meno profonde o bassi più alti su entrambi i lati di una valle più profonda o di un minimo più basso.

Puoi calcolare gli obiettivi di prezzo dai grafici testa e spalle. Per i grafici superiori HS, puoi stimare il prezzo in base al rapporto tra il massimo più alto e il punto di rottura lungo la scollatura. Se il massimo più alto è 40, ad esempio, e il punto di rottura è 20 (un calo del 50%), allora l’obiettivo stimato per la ripartizione sotto la scollatura sarebbe 10, che è un ulteriore 50% dalla scollatura.

Per i grafici inferiori HS, nel frattempo, puoi calcolare un obiettivo di prezzo aggiungendo l’altezza della testa al punto di rottura utilizzando un metodo simile. Se il minimo inferiore è 20 e il breakout si verifica a 30 (un rapporto 2: 3), ad esempio, il prezzo obiettivo è 45.

Doppio Top Charts

I grafici double top sono modelli di inversione ribassista in un trend rialzista prevalente. Con un grafico a doppio massimo, vedrai un breve pullback seguito da un rally abortito, quindi un secondo pullback al massimo precedente, che quindi si traduce in una rottura del prezzo al di sotto del minimo precedente:

È facile essere attirati in un motivo a doppia sommità. Idealmente, dovrai aspettare che il prezzo scenda al di sotto del primo minimo di pullback dopo aver ritestato il massimo perché questo è il momento in cui la formazione è completa ed è il punto più basso del grafico.

Per calcolare l’obiettivo di prezzo di un pattern double top, puoi sottrarre l’altezza della formazione dal punto in cui il supporto si rompe. Oppure puoi analizzare il rapporto tra il massimo e il minimo della formazione. Se il massimo della formazione è 20 e il minimo pullback è 10 (2: 1), allora l’obiettivo di prezzo per la ripartizione è fissato a 5.

Doppio fondo

Una formazione del grafico a doppio fondo è ciò che accade se capovolgi una formazione a doppio fondo. La formazione del double bottom è un modello di inversione rialzista in una tendenza al ribasso prevalente. Dopo aver toccato il fondo una volta, risalito una volta e aver toccato di nuovo il fondo, il doppio minimo si verifica quando i prezzi sfondano la scollatura per completare la formazione a “W”.

I prezzi possono raggiungere un massimo recente a seguito di una tendenza al ribasso, quindi scendere di nuovo al livello del minimo precedente, prima di radunarsi un’ultima volta per superare il massimo recente precedente per completare la formazione e invertire in un trend rialzista..

Per calcolare gli obiettivi di prezzo per i doppi massimi, è possibile aggiungere l’altezza della formazione al punto di rottura. Oppure puoi analizzare il rapporto tra il minimo della formazione e il massimo del primo scambio. Se il minimo della formazione è 5, ad esempio, e il primo rally raggiunge 10, allora l’obiettivo di prezzo sarebbe 20.

Triple Top & Triplo fondo

A rendere le formazioni di cui sopra ancora più complicate è che a volte possiamo avere formazioni triple superiori e triple inferiori che sembrano simili a formazioni doppie superiori e doppie inferiori. Come le formazioni doppie sopra / sotto, anche le formazioni triple sopra / sotto sono schemi di inversione. Vanno contro un trend rialzista o ribassista prevalente.

Come puoi vedere qui, la tripla formazione superiore è composta da tre picchi uguali divisi da due valli.

La formazione del triplo fondo, nel frattempo, è capovolta, composta da tre valli identiche e due picchi abortiti.

Per calcolare l’obiettivo di prezzo per una formazione tripla superiore o inferiore, si aggiunge o sottrae l’altezza della formazione al o dal punto di rottura, in modo simile a come si calcolano gli obiettivi di prezzo nelle formazioni doppie superiore / inferiore.

Arrotondamento in basso

La formazione del fondo arrotondato o del fondo a disco è un’inversione rialzista o un modello di continuazione. Con questo schema, vedrai una coppa o una coppa più ripida rispetto a una coppa e un manico. È simile al modello testa e spalle, ma senza spalle distinguibili. Puoi collegare prezzi bassi all’interno del fondo per formare una forma arrotondata che rappresenta il fondo del piattino:

La formazione inizia prima a formarsi con la pressione di vendita, facendo scendere i prezzi. Questa pressione alla fine perde forza e passa a un trend rialzista. La pressione all’acquisto si attenua, facendo scendere i prezzi a un nuovo minimo, e questa tendenza si ripete più volte fino a quando non viene raggiunto il minimo più basso. Quindi, la pressione all’acquisto prende il sopravvento, portando alla fine a un breakout e al completamento della formazione del fondo arrotondato.

Per calcolare gli obiettivi di prezzo a breve termine per l’arrotondamento delle formazioni di fondo, aggiungi l’altezza della coppa alla linea di resistenza.

Cunei

Esistono due tipi di modelli a cuneo, inclusi i modelli a cuneo ascendente e quelli a cuneo discendente. Questi modelli possono essere modelli di continuazione o inversione a seconda di ciò che i mercati stavano facendo prima che si formasse il modello.

 

In un trend rialzista, un pattern a cuneo ascendente indica un’inversione ribassista. I mercati stanno girando e i prezzi stanno iniziando a scendere. In una tendenza al ribasso, un modello a cuneo ascendente è visto come una continuazione mentre i prezzi continuano a scendere.

Il cuneo discendente, nel frattempo, è considerato un pattern rialzista. Il cuneo discendente indica un’inversione rialzista quando si forma in una tendenza al ribasso prevalente, per esempio. Quando si forma in un trend rialzista prevalente, il cuneo discendente indica una continuazione mentre i prezzi continuano a salire.

Rettangoli

I modelli rettangolari si formano quando i prezzi rimbalzano tra massimi e minimi approssimativamente uguali per un certo periodo di tempo. Quando si disegnano linee attorno agli alti e bassi di questo periodo, è possibile vedere i rettangoli iniziare a formarsi.

Il rettangolo, noto anche come intervallo di negoziazione o zona di consolidamento, è un modello di continuazione in cui il prezzo varia tra il supporto parallelo e le linee di resistenza. È un vicolo cieco in cui i mercati non riescono davvero a capire cosa fare. Durante questo impasse, il prezzo testerà più volte i livelli di supporto e resistenza prima di rompere. Quando il prezzo scoppia, invertirà la tendenza precedente o la continuerà (spostandosi verso l’alto o verso il basso).

Per calcolare gli obiettivi di prezzo durante la formazione di un rettangolo, aggiungi l’altezza al punto di rottura o rottura.

Modelli bilaterali (triangoli)

I modelli bilaterali sono costituiti da tre diverse formazioni triangolari, incluso triangoli simmetrici, triangoli ascendenti, e triangoli discendenti.

Triangolo ascendente

Triangoli ascendenti sono modelli di continuazione tipicamente rialzisti in un trend rialzista prevalente. Tuttavia, i triangoli ascendenti possono anche formarsi come un modello di inversione in una tendenza al ribasso. Un triangolo ascendente consiste di due o più altezze approssimativamente uguali e minimi crescenti. La linea di resistenza è orizzontale, sebbene la linea di supporto estesa sia inclinata verso l’alto e dialoghi con la linea di resistenza, che è il modo in cui si forma il triangolo.

Perché si formi un triangolo ascendente, ogni oscillazione o minimo deve essere superiore al minimo precedente. La formazione è generalmente considerata completa quando il prezzo supera la linea di resistenza superiore.

Per calcolare l’obiettivo di prezzo in un triangolo ascendente, puoi aggiungere l’altezza della base del triangolo al punto di rottura. Lo stop loss dovrebbe essere posizionato sul più recente swing low.

Triangolo discendente

Il triangolo discendente è l’opposto del triangolo ascendente. In genere, è un modello di continuazione ribassista formato mentre i prezzi continuano a scendere gradualmente nel tempo come parte di una tendenza al ribasso più ampia. Tuttavia, può anche formare un pattern di inversione durante un trend rialzista. Come con un triangolo ascendente, il prezzo può occasionalmente scoppiare verso l’alto, motivo per cui è importante riprodurre il modello mentre si sviluppa e utilizzare stop ravvicinati.

Il triangolo discendente è formato quando i minimi uguali creano una linea di supporto orizzontale mentre gli alti decrescenti creano una linea di resistenza inclinata verso il basso, creando lo stesso tipo di triangolo ad angolo retto visto nel triangolo ascendente sopra.

Per calcolare l’obiettivo di prezzo in una formazione di triangolo discendente, sottrai l’altezza della base del triangolo al punto in cui il supporto si rompe.

Triangolo simmetrico

UN triangolo simmetrico, come avrai intuito, si forma da qualche parte tra uno schema triangolare ascendente e discendente. È un tipico pattern bilaterale in cui è difficile determinare il risultato del pattern fino a quando non viene confermato un chiaro breakout.

Con un triangolo simmetrico, vedremo una serie di massimi di reazione più bassi e minimi di reazione più alti, con il prezzo che alla fine si consolida in un punto. Questo punto forma la punta del triangolo. Le linee di supporto e resistenza, nel frattempo, formano i due lati del triangolo, alla fine si incontrano nel punto.

Poiché la direzione di breakout è difficile da determinare, alcuni trader giocheranno entrambi i lati in uno schema a triangolo simmetrico, inserendo un ordine lungo e uno corto, quindi chiudendo uno quando l’altro colpisce.

Per calcolare l’obiettivo di prezzo in un triangolo simmetrico, aggiungi o sottrai la base del triangolo al punto di rottura. Puoi calcolare una condizione di prezzo a lungo termine tracciando una linea di tendenza estesa parallela alla linea di supporto (supponendo che il modello si interrompa verso l’alto) o parallela alla linea di resistenza (se il modello si interrompe verso il basso) che passa attraverso l’altro vertice della base del triangolo.

I cinque modelli più redditizi per i commercianti di Bitcoin

Alcuni modelli presentano un’opportunità di guadagno più potente di altri. Storicamente, i seguenti cinque modelli hanno offerto ai trader le migliori opportunità:

  • Triangoli (triangoli ascendenti, discendenti e simmetrici)
  • Modelli di testa e spalle
  • Modelli doppi e tripli superiori e inferiori
  • Tazza con motivi di manico
  • Modelli di bandiera e gagliardetto

Indicatori tecnici: come leggere i grafici come un maestro

Finora ci siamo concentrati principalmente su schemi grafici più ampi. Successivamente, tuttavia, parleremo di indicatori tecnici, inclusi i segnali che i trader utilizzano per costruire le loro strategie.

Immagina i modelli grafici più ampi di cui abbiamo discusso sopra come il clima che cambia dalla primavera all’estate all’autunno e all’inverno. Vediamo i cambiamenti più ampi della temperatura, della luce del giorno e del tempo durante tutto l’anno.

I segnali tecnici, nel frattempo, sono le informazioni a breve termine che leggi per prevedere quale stagione arriverà dopo. Ad esempio, potresti notare un calo di temperatura da 40 a 30 in una settimana. Questo segnala che l’inverno sta arrivando.

Quando si analizzano gli indicatori tecnici, è importante ricordare che ogni singolo indicatore tecnico da solo non è particolarmente significativo. Hai bisogno del contesto per capire cosa significa quell’indicatore tecnico. Puoi derivare il contesto osservando informazioni come una tendenza prevalente, uno schema grafico e altro ancora. È come un pezzo di un puzzle: ha senso solo quando è tutto messo insieme per creare un’immagine coerente del mercato.

Gli indicatori possono essere classificati in overlay o oscillatori:

Sovrapposizioni: Le sovrapposizioni sono indicatori che utilizzano la stessa scala del prezzo e vengono tracciati sopra il grafico dei prezzi.

Oscillatori: Gli oscillatori vengono visualizzati indipendentemente su una scala diversa sotto il grafico del prezzo e oscillano tra un valore minimo e massimo.

Vengono presi in considerazione alcuni indicatori tecnici Indicatori principali. Un indicatore anticipatore ha forti qualità predittive e può indicare la direzione del mercato prima che il prezzo segua. Gli indicatori anticipatori possono essere efficaci nel segnalare un cambiamento imminente nel trend o nello slancio prima che il mercato inizi a mostrare quel cambiamento. Gli indicatori principali più noti includono l’indice di forza relativa (RSI), l’oscillatore stocastico e il volume di bilanciamento (OBV).

Altri indicatori tecnici, nel frattempo, sono considerati indicatori di ritardo. Gli indicatori di ritardo seguono le tendenze del mercato. Indicano un cambiamento nelle tendenze del mercato, ma tendono a rimanere indietro rispetto a tale cambiamento. In genere, un indicatore di ritardo viene utilizzato per confermare una tendenza dopo che una tendenza ha già iniziato a emergere. Tuttavia, gli indicatori in ritardo hanno meno valore in un mercato volatile senza una chiara tendenza. I due più noti indicatori di ritardo sono Bande di Bollinger e medie mobili.

Medie mobili

Le medie mobili sono sovrapposizioni di trend che possono indicare tendenze a breve, medio e lungo termine. Per calcolare la media mobile, prendiamo il prezzo medio su un determinato periodo di tempo. Una media mobile rimuove gran parte del “rumore” sul grafico, inclusa la volatilità a breve termine e i movimenti dei prezzi. Può rendere le tendenze più facili da individuare.

Esistono due modi comuni per calcolare le medie mobili, comprese le medie mobili semplici e le medie mobili esponenziali. Entrambi sono considerati indicatori tecnici in ritardo.

UN media mobile semplice (SMA) è solo la somma di tutti i prezzi di chiusura in un determinato periodo di tempo divisa per il numero di periodi. Una SMA a 5 giorni, ad esempio, può essere calcolata sommando i prezzi di chiusura di ogni giorno e dividendo la somma per cinque. In un periodo di tempo più lungo, c’è un ritardo maggiore. Scale più lunghe attenuano i nostri movimenti di prezzo e tendono a essere meno reattive rispetto a scale temporali più brevi.

Controlla la tabella qui sotto per vedere come funziona in pratica. La media mobile a 50 giorni è in ritardo rispetto ai movimenti dei prezzi, mentre la media mobile a 10 giorni abbraccia strettamente i movimenti dei prezzi:

Media mobile esponenziale (EMA), nel frattempo, attribuisce maggior peso ai punti dati più recenti. Questo può “restringere” la media mobile ai movimenti dei prezzi, rendendo la media mobile più reattiva ai movimenti dei prezzi recenti.

Le medie mobili esponenziali utilizzano un moltiplicatore di ponderazione per dare maggiore peso ai punti dati più recenti. Questo moltiplicatore di ponderazione può essere calcolato utilizzando la formula [2 / (Time Period + 1)]. In un’EMA a 10 giorni, la ponderazione data al prezzo più recente sarebbe [2 / (10 + 1)] = 0,1818 o 18,18%.

Esistono anche medie mobili esponenziali correnti (EMA), dove prendi il prezzo di oggi x il moltiplicatore di ponderazione + l’EMA di ieri x (1 – moltiplicatore di ponderazione).

Non devi memorizzare queste formule. Gli strumenti grafici applicano automaticamente queste formule. Tuttavia, è utile sapere da dove provengono queste formule.

Medie mobili semplici e medie mobili esponenziali

Le medie mobili semplici e le medie mobili esponenziali sono due modi per delineare la stessa tendenza. Uno non è necessariamente migliore dell’altro. Ognuno di loro ha i propri vantaggi.

Un media mobile esponenziale, ad esempio, risponde più rapidamente ai recenti movimenti dei prezzi e abbraccia più da vicino la curva dei prezzi.

UN media mobile semplice, nel frattempo, è ideale per identificare i livelli di supporto e resistenza a lungo termine. La pendenza della media mobile semplice viene utilizzata anche per misurare lo slancio verso una tendenza specifica.

In genere, il grafico della media mobile semplice a 200 giorni (SMA) e il grafico della SMA a 50 giorni sono le due scale più popolari per identificare le tendenze di medio e lungo termine. Questi due grafici sono utili anche per identificare i livelli di supporto e resistenza, crossover rialzista e ribassista e divergenze.

Quando le medie mobili semplici ed esponenziali si uniscono, si crea un crossover. Questo è considerato un evento fondamentale che potrebbe segnalare un cambiamento di tendenza.

Ci sono crossover rialzisti, ad esempio, noti anche come croci d’oro. Un crossover rialzista si verifica quando la media mobile su scala più corta incrocia sopra la media mobile su scala più lunga.

Ci sono anche incroci ribassisti, noti anche come incroci della morte. Un crossover ribassista si verifica quando la media mobile su scala più corta incrocia al di sotto della media mobile su scala più lunga.

Nel frattempo, se il prezzo attuale supera la media mobile a lungo termine, è indicativo di un breakout rialzista. Se il prezzo corrente incrocia al di sotto della media mobile a lungo termine, indica un breakout ribassista.

Moving Average Convergence Divergence (MACD)

La convergenza-divergenza media mobile, o MACD, è un oscillatore che segue la tendenza popolare per misurare la quantità di moto. Il MACD prende due medie mobili esponenziali (come l’EMA a 12 giorni e quella a 26 giorni), quindi le traccia rispetto alle linee zero per misurare lo slancio di una tendenza.

Vediamo anche l’istogramma MACD, che misura lo slancio in base alla relazione tra MACD e la sua linea di segnale (l’EMA a 9 giorni del MACD).

Un moderno indicatore dell’oscillatore MACD è composto da quattro elementi, tra cui la linea MACD, la linea zero, la linea del segnale e l’istogramma MACD:

  • Linea MACD: La linea MACD è l’EMA a 26 giorni sottratta dall’EMA a 12 giorni.
  • Linea Zero: La linea dello zero è il punto in cui i due EMA sono uguali.
  • Linea di segnale: La linea di segnale è l’EMA a 9 giorni del MACD.
  • Istogramma MACD: L’istogramma MACD viene tracciato come barre lungo la linea dello zero. È la differenza tra la linea MACD e la linea del segnale.

UN MACD positivo si verifica quando l’EMA a 12 giorni è superiore all’EMA a 26 giorni. Indica che il mercato è rialzista. Più alto è il valore, più forte è lo slancio verso l’alto.

UN MACD negativo, nel frattempo, indica che il mercato è ribassista, con valori più bassi che indicano un forte slancio al ribasso.

Gli eventi cardine includono convergenza, crossover e divergenza dalla linea dello zero e dalla linea del segnale.

  • Convergenza: Indica lo slancio cedevole.
  • Crossover: Indica uno spostamento delle forze di mercato.
  • Divergenza: Indica lo slancio in aumento.

Indice di forza relativa (RSI)

L’indice di forza relativa, o RSI, è un modo per indicare lo slancio. Momentum può identificare la forza delle tendenze di mercato, dandoti una buona idea di quando acquistare o vendere in base al fatto che i mercati siano ipercomprati o ipervenduti.

L’RSI oscilla tra 0 e 100, con un periodo di tempo tipico di 14 giorni. Quando l’RSI è inferiore a 30, indica che il mercato è ipervenduto. Quando l’RSI è superiore a 70, indica che il mercato è ipercomprato. Tuttavia, alcuni trader usano invece 20 e 80 come confini, il che può essere più indicativo per mercati altamente volatili (comprese le criptovalute).

Poiché l’RSI è un indicatore anticipatore, la pendenza dell’RSI può indicare un cambiamento di tendenza prima che tale tendenza venga osservata nel mercato generale. Per questo motivo, l’RSI è uno dei modi più comuni per analizzare le condizioni di mercato.

RSI = 100 – (100/1 + RS)

In questa formula, la forza relativa (RS) è uguale al guadagno medio rispetto alla perdita media (RS = Guadagno medio / Perdita media).

UN guadagno è un periodo in cui il prezzo chiude al di sopra della chiusura del giorno precedente, mentre a perdita è un periodo in cui il prezzo chiude al di sotto della chiusura del giorno precedente. Questi valori sono assoluti, il che significa che le perdite vengono calcolate come valori positivi.

Sebbene le divergenze RSI possano essere utili, sono utili solo nel contesto appropriato. Come con altri indicatori qui, è un importante promemoria per evitare di utilizzare un singolo indicatore come segnale senza un contesto appropriato.

Puoi vedere una divergenza rialzista quando il prezzo raggiunge un minimo più basso e l’RSI colpisce un minimo più alto. Una divergenza ribassista, nel frattempo, si verifica quando il prezzo raggiunge un massimo più alto e l’RSI raggiunge un massimo più basso.

Possiamo anche utilizzare l’RSI per osservare le oscillazioni del fallimento dell’RSI, che sono viste come indicazioni di potenziali inversioni di tendenza in direzione ribassista o rialzista.

Un’oscillazione di fallimento rialzista si verifica quando l’RSI scende al di sotto di 30, rimbalza oltre i 30, scende, ma non scende al di sotto di 30 e fa un nuovo massimo.

Un’oscillazione di fallimento ribassista, nel frattempo, si verifica quando l’RSI supera 70, scende, rimbalza senza rompere 70 e ricade a un nuovo minimo.

Parabolic SAR (Stop and Reverse)

Parabolic stop and reverse (SAR) è un indicatore di ritardo sovrapposto basato sull’idea che il prezzo in genere si muove in curve paraboliche quando è in trend. Ecco perché l’indicatore SAR parabolico è più efficace nei mercati di tendenza. Il SAR si manterrà vicino ai movimenti dei prezzi nel tempo, scendendo al di sotto della curva dei prezzi durante i trend rialzisti e al di sopra della curva dei prezzi durante i trend ribassisti. A causa di questa natura, i trader utilizzano l’indicatore SAR parabolico per impostare i trailing stop e proteggersi dalle perdite.

Esistono formule separate per il calcolo del SAR in aumento e in diminuzione. La formula prende i dati da un periodo indietro.

  • Formula SAR in aumento: SAR attuale = SAR dell’ultimo periodo + AF (EP – SAR dell’ultimo periodo)
  • Formula SAR in calo: SAR attuale = SAR dell’ultimo periodo – AF (EP – SAR dell’ultimo periodo)

In queste formule, EP è il punto estremo (il massimo più alto o il minimo più basso della tendenza attuale) e AF è il fattore di accelerazione. Il fattore di accelerazione è inizialmente impostato su un valore di 0,02, con AF che aumenta di 0,02 per ogni nuovo massimo o minimo fatto dal punto estremo.

Quando aumenti il fattore di accelerazione (AF), aumenta la sensibilità SAR, spingendo il SAR più vicino alla curva dei prezzi. L’abbassamento di AF, nel frattempo, allontana il SAR dalla curva dei prezzi. Quando si imposta un AF troppo alto, si possono creare troppe seghe a spirale, creando falsi segnali di inversione.

Il valore SAR è utilizzato al meglio insieme all’indice direzionale medio. Successivamente parleremo dell’indice direzionale medio e di come viene utilizzato per determinare la forza di una tendenza.

Indice direzionale medio (ADX)

Indice direzionale medio (ADX) è cresciuto in popolarità negli ultimi anni fino a diventare un indicatore preferito per stimare la forza di una tendenza. Essendo un oscillatore in ritardo, ADX offre poche informazioni sulla direzione del trend futuro, sebbene indichi l’entità delle forze di mercato dietro una tendenza.

ADX oscilla tra 0 e 100, con ADX in genere inferiore a 20 in un mercato variabile e superiore a 25 in un mercato di tendenza. Un ADX superiore a 40 indica una forte tendenza.

Quando si calcola l’ADX, è necessario determinare gli indicatori di direzione positivi (+ DI) e gli indicatori di direzione negativi (-DI), che insieme creano l’indicatore di movimento direzionale (DMI). Calcoliamo il DMI confrontando i massimi e i minimi di periodi consecutivi.

  • +DI = (livellato + DM / ATR) x 100
  • -DI = (Smoothed -DM / ATR) x 100

In questa formula, +DM è il massimo del periodo corrente meno il massimo del periodo precedente. -DM è il minimo del periodo precedente meno il minimo del periodo corrente. La parte “levigante” dell’equazione, nel frattempo, consiste nel prendere la media degli ultimi 13 periodi, aggiungere il valore più recente e quindi dividere la somma per 14.

Anche ADX prende in considerazione intervallo reale medio, o ATR, che indica la volatilità. Vero raggio d’azione (TR) è il valore assoluto della maggiore tra tre differenze di prezzo (il massimo del periodo corrente meno il minimo del periodo corrente, il massimo del periodo corrente meno la chiusura del periodo precedente e il minimo del periodo corrente meno la chiusura del periodo precedente.

  • ATR = [TR degli ultimi 13 periodi + TR attuale] / 14
  • Indice direzionale (DX) = [(+ DI – -DI) / (+ DI + -DI)] x 100
  • ADX = [DX degli ultimi 13 periodi + DX corrente] / 14

Queste formule possono sembrare complesse. Tuttavia, come accennato in precedenza, non è necessario memorizzare queste formule. Ci sono molti strumenti che implementano queste formule per te. Se vuoi essere un trader tecnico informato, tuttavia, allora aiuta a capire da dove provengono queste formule.

ATR non offre indicazioni sulla direzione del trend. Tuttavia, + DI e -DI indicano la direzione del trend. I trader possono utilizzare ADX per determinare la forza del trend, quindi utilizzare crossover di + DI e -DI per creare segnali che indicano potenziali inversioni.

Supponiamo, ad esempio, che la linea + DI stia attraversando sopra o divergendo verso l’alto dalla linea -DI con ADX superiore a 40. Questo è un forte segnale rialzista. Tuttavia, i crossover e le divergenze quando l’ADX è inferiore a 20 non sono segnali di grande importanza perché non c’è tanto slancio dietro questi movimenti.

Questo grafico spiega come leggere l’ADX nel contesto del SAR parabolico:

Ritracciamento di Fibonacci

Ritracciamento di Fibonacci, come ci si potrebbe aspettare, è collegato alla famosa sequenza di Fibonacci o numero di Fibonacci. La sequenza inizia con i numeri 0 e 1, con ogni numero successivo nella sequenza dietro la somma dei due numeri precedenti.

Il ritracciamento di Fibonacci nell’analisi finanziaria / crittografica, nel frattempo, è un concetto di trading tecnico che identifica l’entità di un ritracciamento correttivo dopo un rapido aumento o diminuzione dei prezzi. Cerca di quantificare la quantità di pullback che possiamo aspettarci dopo un aumento o un calo dei prezzi.

Nella sequenza di Fibonacci, il rapporto tra qualsiasi numero e il suo successore è 0,618, o 61,8%. Questo è il rapporto aureo, un numero che gioca un ruolo significativo in biologia e matematica.

Il ritracciamento di Fibonacci utilizza questo stesso rapporto per identificare i livelli di supporto e resistenza. Questi livelli sono chiamati zone di allerta, e si trovano al 23,6%, 38,2%, 61,8% e 78,6%. Il ritracciamento di Fibonacci ha anche una zona di allerta del 50%, che non ha nulla a che fare con la sequenza di Fibonacci ma proviene dalla teoria di Dow, che teorizza che le correzioni in genere si traducono in un ritracciamento del 50% dalla mossa precedente. I livelli di ritracciamento vengono tracciati su un grafico dei prezzi dopo aver contrassegnato il punto più alto e più basso di una tendenza.

Perché questi numeri sono importanti? Ebbene, un ritracciamento del 23,6% si osserva tipicamente in tempi più brevi. Un rimbalzo da questo livello è meno comune se la correzione ha slancio. I ritracciamenti del 38,2% e del 61,8%, nel frattempo, hanno maggiori probabilità di rimbalzare (o invertire la tendenza). La zona del 61,8% in particolare è conosciuta come il ritracciamento dorato.

Alcuni analisti usano anche un derivato del ritracciamento di Fibonacci chiamato Estensione di Fibonacci per identificare fino a che punto potrebbe spingersi un rally. Sotto l’estensione di Fibonacci, le zone possono essere trovate al 78,6%, 100%, 161,8%, 261,8% e 423,6%.

Principio dell’onda di Elliott

Il principio Elliott Wave è stato creato dal contabile americano Ralph Elliott nel 1938. Elliott ha studiato i mercati americani per un decennio durante il suo pensionamento, quindi ha teorizzato che i prezzi inevitabilmente – e costantemente – si muovono in un modello d’onda frattale. Questo modello d’onda frattale è collegato alle leggi naturali e puoi delineare l’onda frattale usando la sequenza di Fibonacci.

Elliott ha teorizzato che i prezzi di mercato si muovessero in due tipi di ondate, tra cui onde impulsive e onde correttive.

Onde di impulso: Le onde impulsive, note anche come onde motrici, si muovono nella direzione della tendenza prevalente e sono costituite da cinque onde più piccole, comprese tre onde secondarie di avanzamento della tendenza o attive divise da due onde secondarie correttive.

Onde correttive: Le onde correttive che possono far parte di un’onda impulsiva più grande si muovono contro la direzione della tendenza prevalente e sono costituite da tre onde più piccole, comprese due sotto-onde correttive divise da una sottoonda attiva.

Questa teoria è nota come Motivo a 5 onde Elliott o il Principio dell’onda di Elliott:

Quando combinate insieme, un’onda impulsiva e un’onda correttiva creano 8 sotto-onde per creare la struttura “5-3”. Questa struttura 5-3 costituisce ogni ciclo d’onda di Elliott.

Abbiamo visto questo modello nei mercati dei bitcoin reali durante il 2018. Questo grafico mostra anche che i prezzi si mantengono al livello di supporto di Fibonacci del 78,6%..

I livelli di ritracciamento di Fibonacci e gli schemi d’onda di Elliott sono solo due tipi di indicatori tecnici che formano un quadro parziale dei mercati crittografici. Quando i prezzi tornano alle zone di allerta di Fibonacci, è meglio guardare altri indicatori per vedere se i tuoi segnali confermano l’inversione in queste zone di allerta. Se tutti i segnali puntano verso un risultato simile, hai una visione più informata del mercato.

Bande di Bollinger

Le bande di Bollinger fanno risalire la loro origine all’analista finanziario americano John Bollinger, che ha sviluppato la teoria negli anni ’80. L’analisi della banda di Bollinger utilizza una sovrapposizione basata sulla media mobile per misurare la volatilità dei prezzi. La teoria coinvolge tre bande, inclusa una banda centrale per rappresentare la media mobile semplice e un banda superiore e inferiore per rappresentare le deviazioni standard.

Per la fascia media, gli analisti in genere utilizzano la media mobile semplice a 20 giorni (SMA). La banda superiore, nel frattempo, è la stessa SMA con due standard di deviazione aggiunti, mentre la banda inferiore sottrae due standard di deviazione. Gli analisti possono regolare il numero di periodi in base alle loro preferenze di trading. Tuttavia, gli analisti utilizzeranno lo stesso numero di periodi per calcolare la SMA che utilizzano per calcolare la deviazione standard.

L’ampiezza delle bande di Bollinger indica la volatilità.

  • Quando le bande sono ampie, indica che i mercati sono volatili e in trend.
  • Quando le bande sono strette, significa che la volatilità sta diminuendo e il mercato è variabile.

Circa il 90% dei movimenti di prezzo si verifica all’interno delle bande di Bollinger. Quando il prezzo si sposta improvvisamente al di fuori della banda superiore o inferiore, indica che potrebbe essere imminente un breakout.

Durante un forte trend rialzista nei mercati, i prezzi tendono ad abbracciare o uscire dalla banda superiore, ad esempio, mentre durante un forte trend ribassista, l’attività dei prezzi si concentra intorno alla banda inferiore. Durante le oscillazioni del mercato, le bande centrali fungono da resistenza per i movimenti di tendenza al ribasso e un livello di supporto per i movimenti di tendenza al rialzo.

I trader cercano due pattern cruciali all’interno delle bande di Bollinger, inclusi i pattern double top (“M top”) e double bottom (“w bottom”). Esistono molteplici varianti di questi modelli.

M Magliette: I pattern M top o double top si verificano in un trend rialzista e sono indicativi di un’inversione ribassista. In questa formazione, il prezzo raggiunge un punto alto sopra la banda superiore, quindi si ritira sotto la banda centrale. La fascia si alza di nuovo ma si ferma prima della fascia superiore. Quando il secondo aumento non riesce a raggiungere la banda superiore, segnala un trend di indebolimento e una probabile inversione.

W Bottoms: La formazione W bottom o double bottom è ciò che accade quando la formazione M top viene capovolta. Segnala un’inversione rialzista. Inizia con il prezzo che precipita al di sotto della banda inferiore, per poi aumentare oltre la fascia centrale prima di scendere di nuovo. Durante il secondo calo, il prezzo non tocca la fascia inferiore, quindi si raduna oltre lo swing alto precedente per sfociare in un’inversione rialzista, formando infine una W.

On Balance Volume (OBV)

On balance volume (OBV) è un oscillatore basato sul volume e un indicatore principale. Il segnale quantifica il volume, utilizzando il volume di scambio cumulativo per misurare la forza delle tendenze verso l’alto o verso il basso.

L’idea alla base del volume di bilancio è che cambiamenti significativi di volume spesso precedono i movimenti dei prezzi e che il volume tende ad essere più alto nei giorni in cui il prezzo si muove nella direzione del trend prevalente. OBV aggiunge volume durante i periodi in cui la chiusura è superiore alla chiusura precedente, quindi sottrae il volume durante i periodi in cui la chiusura è inferiore.

L’analisi tecnica OBV si concentra meno sul valore effettivo del volume. Invece, guarda al tasso di cambiamento o all’aumento e alla diminuzione. Questo aumento e diminuzione, secondo la teoria OBV, è ciò che indica la forza della pressione di acquisto e vendita. Quando l’OBV aumenta, spinge più in alto la pressione di acquisto, portando a prezzi più alti. Quando OBV è in calo, indica che è imminente un calo del prezzo.

Possiamo vedere l’effetto di OBV in azione qui, inclusa la divergenza ribassista:

Gli analisti utilizzano l’oscillatore OBV per identificare i livelli di supporto e resistenza, quindi cercano i breakout che precedono i breakout dei prezzi. Ad esempio, esamineranno l’OBV divergente dalla tendenza prevalente, il che potrebbe indicare un’imminente inversione ribassista o rialzista.

Vediamo questo effetto in azione nel grafico successivo. Vediamo che il prezzo fa uno swing high più alto mentre OBV fa uno swing high più basso, indicando un trend rialzista indebolito. In modo simile, quando il prezzo raggiunge un minimo più basso e OBV fa un minimo più alto, il trend al ribasso sta perdendo forza e potrebbe essere imminente un breakout rialzista.

È qui che l’analisi degli altri segnali di trading può tornare utile. Ad esempio, potresti notare che l’OBV diverge dalla tendenza prevalente, quindi utilizza gli altri segnali per informare meglio la tua prossima decisione.

Oscillatore stocastico

L’oscillatore stocastico è un oscillatore leader che misura la quantità di moto, quindi utilizza quella quantità di moto per prevedere dove si muoveranno i mercati. Il metodo è stato sviluppato negli anni ’50 sulla base di due concetti chiave:

Regola 1) Il momento si sposta sempre prima del prezzo

Regola 2) Le variazioni di momentum possono prevedere un cambiamento nella direzione del mercato

Con questo in mente, l’analisi dell’oscillatore stocastico misura la relazione tra i prezzi di chiusura in un dato periodo e l’intervallo di negoziazione (prezzo alto e prezzo basso) di quel periodo. Sulla base di questa relazione, l’oscillatore stocastico misura la potenziale inversione di tendenza, comprese le condizioni di ipercomprato e ipervenduto.

Gli oscillatori dell’indicatore sono compresi tra 0 e 100. Questi numeri indicano il minimo e il massimo dell’intervallo di negoziazione su una scala temporale specifica. Tale scala temporale è tipicamente impostata su 14 periodi.

L’oscillatore è costituito da due linee, incluso l’oscillatore lento (% K) e l’oscillatore veloce (% D). Ecco come si scompone la formula:

  • % K = [(Chiusura del periodo corrente – Prezzo più basso di tutti i periodi) / (Prezzo più alto di tutti i periodi – Prezzo più basso di tutti i periodi)] x 100
  • % D = Media mobile semplice su 3 periodi di% K

Valori superiori a 80 indicano un mercato ipercomprato, mentre valori inferiori a 20 indicano un mercato ipervenduto. Tuttavia, questi numeri non indicano sempre un’inversione. Durante le forti tendenze, il prezzo può rimanere sospeso su questi estremi dell’intervallo per un lungo periodo di tempo.

L’analisi dell’oscillatore stocastico può, tuttavia, indicare un’inversione o un’impennata della quantità di moto in alcuni casi. Quando si verificano crossover e divergenze sopra e sotto la linea del segnale (% D), indica un’inversione e un’impennata della quantità di moto.

La teoria dell’oscillatore stocastico si basa anche sull’idea che i prezzi di chiusura tendono a oscillare nella metà superiore dell’intervallo di negoziazione durante un trend rialzista mentre si avvicinano alla metà inferiore durante un trend ribassista. Gli analisti cercheranno i crossover nel punto medio per indicare una tendenza mutevole.

Divergenze rialziste si verificano quando il prezzo raggiunge un minimo inferiore mentre l’oscillatore raggiunge un minimo più alto. Le divergenze ribassiste, nel frattempo, si verificano quando il prezzo raggiunge un massimo più alto mentre l’oscillatore oscilla verso un massimo più basso. Queste inversioni possono anche essere confermate quando il prezzo rompe oltre il più recente swing high (in una divergenza rialzista) o il più recente swing low (in una divergenza ribassista). Entrambe queste cose possono confermare l’inversione.

Quando si verifica l’inverso di queste divergenze rialziste e ribassiste, si crea quella che viene chiamata una configurazione toro o orso.

Durante un configurazione del toro, l’oscillatore raggiunge un massimo più alto quando il prezzo raggiunge un massimo più basso. Quando il prezzo oscilla a un massimo inferiore, lo slancio del mercato continua a salire e il prezzo probabilmente aumenterà ulteriormente.

Durante un configurazione dell’orso, l’oscillatore raggiunge un minimo inferiore quando il prezzo raggiunge un minimo più alto. In questa situazione, lo slancio progressivo al ribasso indica che è improbabile una continua impennata al rialzo anche se il prezzo sta divergendo al rialzo.

Esistono due varianti dell’oscillatore stocastico, comprese le versioni lenta e completa.

  • Versione lenta: La versione lenta dell’oscillatore include una formula levigante. Per semplificare la linea% K viene utilizzata una SMA livellata a 3 periodi di% K.
  • Versione completa: Nella versione completa dell’oscillatore, la formula è completamente personalizzabile e i trader possono impostare periodi di lookback e smoothing personalizzati a loro piacimento.

Quando controlli l’analisi dell’oscillatore stocastico, potresti anche trovare qualcosa chiamato StochRSI. Questo è un derivato della teoria dell’oscillatore stocastico che applica l’oscillatore all’indice di forza relativa (RSI) anziché al prezzo. In questo senso, StochRSI è un oscillatore di quantità di moto di un oscillatore di quantità di moto. StochRSI indica la posizione relativa dell’RSI rispetto al suo intervallo alto-basso per uno specifico insieme di periodi. Calcoli StochRSI utilizzando la stessa formula che faresti per l’analisi dell’oscillatore stocastico, tranne per il fatto che sostituisci i valori di prezzo con i valori RSI.

Individuazione e conferma di segnali con motivi a candela

L’analisi tecnica funziona particolarmente bene per lo sviluppo di intuizioni a medio e lungo termine. Tuttavia, può essere più difficile quando si ha a che fare con un minor numero di periodi di trading e scale temporali più brevi.

Ecco perché negli ultimi anni l’analisi del pattern a candele è diventata particolarmente popolare per i trader a breve termine. I pattern delle candele vengono utilizzati insieme ai pattern grafici e agli indicatori tecnici per fornire un’ulteriore conferma dei breakout previsti.

Abbiamo spiegato le basi dei grafici a candele sopra. Ti abbiamo detto come funziona un modello di candelabro, compreso il significato del corpo e dello stoppino del candelabro.

L’analisi del pattern a candele è particolarmente utile perché i grafici a candele contengono più informazioni per un singolo periodo di trading rispetto a qualsiasi altro tipo di grafico. A colpo d’occhio, puoi vedere come si sono comportati i mercati quel giorno in base al corpo del candelabro, alle dimensioni dello stoppino e alla relazione tra lo stoppino superiore e inferiore e il corpo. Ogni candelabro ti dice se gli acquirenti oi venditori avevano il controllo durante quel particolare periodo di scambio e come le altre forze di mercato hanno gareggiato l’una contro l’altra.

Imparare a leggere i grafici a candele può essere una delle tue migliori abilità da sviluppare come trader. Ecco alcune delle caratteristiche comuni nei grafici a candele.

Pattern a periodo singolo

Giornata corta

Queste candele indicano periodi di scambio senza incidenti. La candela ci dice che il prezzo si è spostato molto poco dall’apertura alla chiusura durante questo periodo. Ci mostra anche che il trading range – lo spread tra i prezzi più alti e più bassi durante il giorno – era piccolo. Indipendentemente dal colore del corpo del candelabro, questo candeliere mostra che tori e orsi si mantengono stabili per questo periodo.

Lunga giornata

Un’intensa sessione di trading in cui il prezzo si è spostato in modo significativo dall’apertura alla chiusura potrebbe assomigliare alle candele sopra. La candela verde mostra che gli acquirenti hanno dominato la sessione, dicendoci che era un mercato rialzista. La candela rossa mostra che i venditori hanno dominato, dando al mercato uno slancio ribassista.

Trottole

Potresti sentire gli analisti parlare di candele rotanti. Su queste candele, gli stoppini sono relativamente lunghi. Questo è un modello neutro indipendentemente dal colore del corpo. Con questo modello, il corpo della candela è simile a una giornata corta, sebbene le ombre indichino un intervallo di scambio più significativo. Sia gli acquirenti che i venditori hanno spinto il mercato in vari punti, sebbene la sessione alla fine si sia chiusa vicino al punto in cui si era aperta.

Ombre lunghe

Il colore del corpo di questo candeliere non è molto importante per questo modello. Ciò che è più importante è se il corpo si trova in alto o in basso. Quando il corpo è vicino al fondo con una lunga ombra superiore, indica che gli acquirenti hanno fatto uno sforzo per spingere il mercato verso l’alto, ma un forte slancio di vendita ha costretto il prezzo a stabilizzarsi al ribasso, segnalando un mercato ribassista. Al contrario, quando il corpo è nella parte superiore della gamma con un’ombra lunga inferiore (stoppino), è considerato un segno di un mercato rialzista. I venditori hanno cercato di prendere il controllo, anche se il forte impulso di acquisto alla fine l’ha spinto vicino al massimo.

Marubozu

Marubozu significa “testa rasata” in giapponese. Un candelabro marubozu ha solo un corpo e non ci sono ombre (stoppini) evidenti su entrambi i lati. Questa candela si verifica quando l’apertura e la chiusura di una sessione sono vicine al massimo e al minimo. Una candela verde marubozu ci dice che l’apertura della sessione è stata pari al suo minimo e la chiusura è stata uguale al suo massimo, il che significa che i compratori complicati hanno dominato la sessione, segnalando un mercato rialzista. Una candela rossa marubozu ci dice che la sessione si è aperta nel punto più alto e si è chiusa nel punto più basso, indicando una forte pressione di vendita per tutto il periodo. Più lungo è il corpo, maggiore è lo slancio in entrambe le direzioni.

Martello

Un modello di candela a martello si forma dopo una sessione di prezzi in calo. La seduta si è chiusa vicino alla parte superiore senza ombra superiore e un’ombra inferiore lunga il doppio del corpo. Il motivo a martello indica che gli acquirenti stanno iniziando a respingere. È un modello rialzista indipendentemente dal colore del corpo. L’unico requisito qui è che la candela deve chiudersi più in alto in verde per convalidare il modello.

Uomo appeso

Il motivo del candeliere da appendere è identico a quello del martello a prima vista. Tuttavia, il modello del martello diventa il modello dell’impiccato quando viene osservato dopo una serie di prezzi in aumento. Proprio come il martello, l’impiccato può essere verde o letto. Durante un trend rialzista, l’impiccato è visto come un avvertimento: c’è stata un’attività al ribasso ma gli acquirenti hanno spinto il prezzo verso l’alto verso la fine della sessione. Se la prossima candela chiude più in basso, la candela sospesa può segnalare un’inversione ribassista.

Martello invertito

Un martello capovolto o invertito dopo un trend al ribasso è considerato un pattern di inversione rialzista, ma solo se la candela successiva chiude al rialzo. Questa candela ci dice che la sessione alla fine si è chiusa vicino al suo prezzo di apertura, sebbene l’ombra superiore sia una prima indicazione che gli acquirenti stanno sfidando i venditori per il mercato.

Stella cadente

Una stella cadente è identica in apparenza a un martello invertito, ma si forma in un trend rialzista invece che in ribasso, rendendolo un segnale ribassista. Sebbene la candela della stella cadente indichi un’ulteriore continuazione del trend rialzista (come mostrato dalla lunga ombra superiore o stoppino), la sessione alla fine si è chiusa vicino al fondo del suo intervallo, il che indica un indebolimento dello slancio verso l’alto.

Doji

È qui che iniziamo a entrare nei segnali strani e unici delle candele. Una doji è un modello cruciforme neutro che indica uno stato di quasi equilibrio nel mercato. La sessione ha scambiato alto e basso, ma alla fine si è chiusa esattamente dove si era aperta. Con il candelabro doji, le ombre superiore e inferiore possono essere uguali o meno. A volte, la doji indica uno slancio cedevole o una potenziale inversione, ad esempio quando si forma accanto a certi altri schemi.

Dragonfly Doji

Il motivo a candelabro doji a forma di libellula ha un’ombra lunga inferiore e nessuna ombra superiore, e l’apertura e la chiusura sono uguali all’alta per la sessione. Quando il pattern delle candele doji della libellula si forma in una tendenza al ribasso, è considerato un segno di inversione rialzista.

Lapide Doji

Una doji di pietra tombale ha un’ombra lunga superiore e nessuna ombra inferiore, e l’apertura e la chiusura sono uguali a quelle basse per la sessione. La pietra tombale della candela doji in un trend rialzista segnala un’inversione ribassista. Sia sulle candele doji libellula che su quelle tombali, la lunghezza dell’ombra è un buon segnale dello slancio dietro un’inversione.

Pattern di più periodi

Sopra, abbiamo analizzato le candele basate su una singola candela per una singola sessione. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, l’analisi delle candele implica la lettura di più candele per discernere uno schema. Discuteremo alcuni dei modelli più comuni (e più utili) di più periodi di seguito, inclusi i modelli a due, tre e cinque periodi.

Nota: è importante notare che molti di questi modelli a due periodi non devono essere direttamente adiacenti l’uno all’altro. Possono verificarsi in due sessioni di trading successive. Oppure possono verificarsi in stretta vicinanza l’uno all’altro.

Ribassista Engulfing

Un modello engulfing ribassista è un modello a due periodi che segnala un’inversione ribassista se visto durante un trend rialzista. Lo schema inizia con un corpo corto verde seguito da un candelabro più lungo con un corpo rosso. Si chiama pattern “engulfing” perché il corpo del secondo candelabro avvolge completamente il primo candeliere (sebbene le ombre non debbano necessariamente inghiottire).

Bullish Engulfing

Un engulfing rialzista segnala un pattern di inversione rialzista in un trend rialzista. È una candela a due periodi con un corpo rosso corto prima e una seconda candela verde che avvolge il primo.

Nel complesso, i modelli engulfing sono alcuni degli indicatori più forti di cui stiamo per vedere un’inversione. Non solo indicano un cambiamento nel movimento dei mercati, ma indicano anche un cambiamento significativo nello slancio.

Harami rialzista

Harami, abbastanza interessante, è la parola giapponese per “incinta”. Ha senso quando guardi il candelabro a due periodi. Un harami rialzista si forma in una tendenza al ribasso quando una lunga candela rossa è seguita da una piccola candela verde. L’intervallo di scambio completo di quest’ultima candela deve essere all’interno del corpo della vecchia candela (da cui il nome “incinta”).

Bearish Harami

Un harami ribassista è costituito da una grande candela verde che copre completamente la totalità della candela rossa.

I modelli Harami in genere suggeriscono di cedere lo slancio dopo una forte tendenza. Un harami è considerato invertito solo se la candela successiva si chiude favorevolmente, il che significa che è dello stesso colore della seconda candela.

Harami Cross

Una croce harami è un motivo a due periodi simile a un harami, tranne per il fatto che il secondo candelabro è un doji (l’immagine della croce di cui abbiamo discusso sopra), con la doji completamente inghiottita dal corpo del primo candelabro. La croce harami indica un indebolimento dello slancio o un’indecisione nel mercato invece di un’inversione completa. Affinché questo modello indichi un’inversione, la terza candela che segue la doji deve essere in simultanea.

Se una croce harami si forma in un trend rialzista, la candela dopo la doji deve chiudersi al di sotto del range di scambio della doji in rosso. Se si chiude sopra in verde, potrebbe significare che il cross harami è stato semplicemente un breve consolidamento prima che il trend rialzista continui.

Se una croce di harami si forma in una tendenza al ribasso, la candela che segue la doji deve chiudersi sopra il range di scambio della doji in verde per indicare un’inversione rialzista.

Pinzetta in alto

Un pattern candeliere con pinzette a due periodi si forma quando almeno due candelabri hanno il massimo, indipendentemente dal fondo. Quando si forma durante un trend rialzista, la parte superiore delle pinzette è considerata un potenziale pattern di inversione. La candela ci dice che il prezzo limite superiore è stato ripetutamente rifiutato allo stesso livello, il che suggerisce una forte resistenza a quel livello. Poiché più candelabri si formano anche in cima a queste sessioni, fornisce maggiori prove di resistenza a quel livello. L’inversione è confermata da una chiusura ribassista in rosso sotto il punto medio della prima candela nel pattern.

Pinzetta inferiore

La parte inferiore della pinzetta è l’inverso della parte superiore della pinzetta: la parte inferiore dei candelabri è pari, ma la parte superiore non lo è. Una pinzetta inferiore è un potenziale pattern di inversione in un trend al ribasso. Quando più candele hanno un minimo, suggerisce che il mercato ha ripetutamente rifiutato lo stesso minimo, il che indica un forte supporto a quel livello. L’inversione rialzista è completa quando il pattern è seguito da una chiusura più alta.

Con entrambi i modelli di inversione della parte superiore e inferiore della pinzetta, vengono utilizzate solo le parti superiori e inferiori dei corpi delle candele per convalidare il modello. Le ombre non vengono considerate.

Copertura nuvolosa scura

La copertura nuvolosa scura è un modello di inversione ribassista a due periodi in un trend rialzista. Affinché questo modello si formi, una candela rialzista dal corpo lungo è seguita da una candela ribassista che si chiude sotto il punto medio del corpo della prima candela. Anche la prima candela deve chiudersi vicino al minimo della sessione senza un’ombra molto più bassa.

Linea Piercing

La linea piercing è un modello di inversione rialzista a due periodi in una tendenza al ribasso. È l’opposto del motivo della copertura nuvolosa scura. Affinché si formi una linea penetrante, la candela ribassista dal corpo lungo deve essere seguita da una candela rialzista che si chiuda sopra il punto medio del corpo della prima candela. La copertura nuvolosa scura e le linee perforanti sono simili ai modelli engulfing ribassista e rialzista, sebbene lo slancio dietro l’inversione sia meno significativo.

Stella del mattino

La stella del mattino è il primo modello di tre periodi sulla nostra lista. è un modello di inversione rialzista simile alla linea penetrante, ma con una candela centrale con un corpo corto. Un motivo a stella del mattino si forma quando abbiamo un lungo corpo rosso seguito da un corpo rosso o verde tranquillo e poi un terzo candelabro che si chiude sopra il punto medio del primo candelabro.

Stella della sera

La stella della sera è l’inverso del modello della stella del mattino. È un modello di inversione ribassista a tre periodi che, come la stella del mattino, si distingue per la presenza di una candela centrale che ha un corpo corto. La stella della sera si forma con un lungo corpo verde seguito da un corpo corto verde o rosso e un terzo candelabro in rosso che si chiude sotto il punto medio del primo candelabro. Una candela a stella della sera indica un’inversione ribassista.

Morning Doji Star

Un motivo a stella doji mattutino è simile ai due motivi a “stella” sopra, ma dove la candela centrale è una doji. Il doji segnala che c’era indecisione tra i trader prima che il mercato alla fine decidesse un’inversione rialzista. Affinché la stella doji del mattino si formi, la terza candela deve chiudersi sopra il punto medio della prima.

Serata Doji Star

Il pattern delle candele della stella doji serale indica un’inversione ribassista. L’inversione ribassista è completa quando la terza candela si chiude sotto il punto medio della prima, insieme alla doji nel mezzo.

Tre soldati bianchi

Tre soldati bianchi è un modello di inversione rialzista di tre periodi indicato da tre lunghe candele verdi dopo un periodo di calo dei prezzi. Affinché il modello dei tre soldati bianchi si formi, ogni candelabro nel modello deve chiudersi vicino all’altezza della sessione, con solo un’ombra superiore corta o rasata. Ogni candelabro nel modello deve anche essere più grande o almeno della stessa dimensione del primo candelabro.

Tre corvi neri

Il pattern a candela dei tre corvi neri è un pattern di inversione di tre periodi in un trend rialzista. Lo schema include tre lunghe candele rosse, con ciascuna candela che si chiude vicino al minimo della sessione, con una piccola ombra inferiore. Il secondo e il terzo candelabro devono essere della stessa dimensione o più grandi del primo candelabro.

Tre metodi in aumento

L’aumento di tre metodi è un modello a cinque periodi che indica una continuazione rialzista. Il motivo è formato da un lungo candelabro verde seguito da tre piccoli candelabri rossi contenuti all’interno del corpo del primo. Lo schema è completo quando questi quattro periodi sono seguiti da una lunga candela verde finale. Il modello mostra che i venditori hanno cercato di respingere e invertire la tendenza, sebbene lo slancio prevalente non sia stato sufficiente per completare un’inversione. Affinché il pattern sia confermato, la quinta candela deve chiudere più in alto della prima, il che conferma che il tentativo di inversione non ha avuto successo.

Tre metodi di caduta

Il pattern dei tre metodi decrescenti è l’inverso del pattern dei tre metodi ascendente sopra. È un modello di continuazione ribassista di cinque periodi che indica che c’era una certa pressione di acquisto, sebbene non fosse sufficiente per ribaltare la pressione al ribasso prevalente. Lo schema si forma quando un lungo candeliere rosso è seguito da tre piccoli candelabri verdi contenuti nel corpo del primo e da un altro lungo candeliere rosso. La quinta candela deve chiudersi sotto il corpo della prima per confermare la continuazione del trend al ribasso.

Come leggere rapidamente qualsiasi grafico a candela: 3 domande da porre

Certo, potresti memorizzare tutti i modelli di candele sopra – e non c’è niente di sbagliato in questo. Ma è molto da memorizzare.

Abbiamo un’idea migliore. Puoi analizzare molti grafici a candele semplicemente rispondendo a tre semplici domande:

Qual era la tendenza precedente? Questo ti dice se c’è una tendenza che può essere invertita o se i mercati stanno vacillando senza una chiara direzione (il che rende difficile eseguire un’analisi accurata).

Dove si è chiusa l’ultima sessione rispetto al suo intervallo di negoziazione? Una chiusura vicino al massimo è rialzista, mentre una chiusura vicino al minimo è ribassista. Ombre più lunghe indicano significativi rifiuti di prezzo.

Quanto era grande il corpo del candelabro rispetto ai candelabri adiacenti? Le candele con corpi più grandi rispetto alle candele circostanti ci dicono che c’è stato uno slancio relativamente maggiore per quel periodo, suggerendo un cambiamento importante dall’apertura alla chiusura. Una candela con un corpo piccolo dopo una forte tendenza, nel frattempo, suggerisce che c’era slancio, tregua o indecisione nel mercato.

Le risposte a queste tre domande possono darci segnali forti di ciò che i mercati faranno dopo. In una tendenza al ribasso, una chiusura corposa vicino al massimo dell’intervallo della sessione indica una forte probabilità di un’inversione rialzista. In una tendenza al rialzo, una chiusura corposa vicino al minimo della sessione indica un cambiamento ribassista nel mercato.

Svantaggi dell’analisi dei candelieri

I candelabri racchiudono molte informazioni in un semplice simbolo. Tuttavia, non sono perfetti.

Ad esempio, le candele non descrivono la sequenza cronologica dell’azione dei prezzi durante la sessione. Sappiamo dove si è aperta e chiusa la sessione e quali erano il prezzo alto e il prezzo basso per quella sessione. Tuttavia, non sappiamo se la sessione è precipitata all’aperto, è salita alle stelle o è esplosa nel corso della giornata. Un grafico a linee ci consente di vedere come si è svolta una particolare sessione dall’apertura alla chiusura.

Naturalmente, puoi regolare l’intervallo di tempo del tuo grafico per avere un’idea più precisa di come i mercati si sono comportati durante un periodo di tempo specifico.

Applicazione dell’analisi del pattern a candele ai mercati reali

I modelli di candele a volte ci raccontano la storia di un mercato, ma non sempre. Diamo un’occhiata a un mercato reale per vedere se possiamo utilizzare le candele per identificare alcune tendenze.

Questo è un grafico di BTC / USD:

Il grafico mostra che l’indice di forza relativa (RSI) smette di rompersi appena sopra i 40 durante la seconda settimana di novembre. Entra nello stato di ipercomprato entro una settimana, quindi aumenta costantemente per un mese.

L’RSI rimane ipercomprato per settimane, suggerendo che un’inversione ribassista è imminente. tuttavia, non vi è alcuna indicazione di un’inversione nonostante il fatto che la pressione di vendita sia praticamente inesistente.

Nella seconda settimana di dicembre, il prezzo raggiunge un nuovo massimo, sebbene l’RSI diverga a un massimo inferiore. Successivamente, vediamo la conferma della pressione di vendita quando si forma un pattern di candele a forma di stella della sera.

Se guardi da vicino, tuttavia, c’è una stella doji tra la stella e l’ultima candela nello schema. Per alcuni modelli, le candele non devono necessariamente essere adiacenti l’una all’altra. La doji è neutra e indica che i mercati erano indecisi. Durante questi scenari, possiamo unire due candelabri, la stella e la doji, e il risultato è ancora una stella.

L’ultima candela nel grafico si chiude significativamente al di sotto del punto medio del corpo della prima candela. Quando consideriamo questo segnale insieme alla divergenza ribassista dell’RSI, indica un forte slancio ribassista che si prepara a colpire il mercato.

Pertanto, il trader che esegue l’analisi candlestick potrebbe prendere una posizione corta qui e fermarsi al massimo più recente. Non sappiamo se la testa e le spalle (H.&S) lo schema qui sta per essere completato. Tuttavia, nonostante diversi brevi rally, l’RSI continua a divergere in modo ribassista. Tutti i segnali indicano una svolta ribassista, quindi mantieni la tua posizione corta.

Quando arriva la seconda settimana di gennaio, l’H&Si è formato il motivo superiore. L’impennata del volume rompe la scollatura del pattern, confermando ulteriormente la posizione del trader. Lo stop può essere spostato sull’altalena più recente all’interno del pattern per coprire i profitti del trader.

I 6 migliori modi per scambiare Bitcoin: utili tipi di strategie di trading crittografico

Ti abbiamo parlato dei diversi modelli e strategie a tua disposizione, ma ci sono molti modi diversi per eseguire queste strategie di trading:

Micro trading o scalping

Questa strategia di trading prevede l’utilizzo di piccoli movimenti di prezzo per accumulare profitti durante il giorno. Uno scalper in genere utilizza un grafico a 5 o 15 minuti, quindi identifica un intervallo locale e le negoziazioni in base a modelli di candele. Con un’analisi informata delle candele e un po ‘di fortuna, uno scalper di talento potrebbe essere in grado di guadagnare un profitto. Tuttavia, il micro trading o lo scalping sono molto rischiosi e un solo cattivo scambio può annullare il profitto di una giornata.

Giorno di negoziazione

Commercianti giornalieri identificare la gamma potenziale del giorno di negoziazione utilizzando vari indicatori, quindi sfruttare le fluttuazioni dei prezzi. Un day trader utilizza in genere un grafico orario per impostare le posizioni di entrata e di uscita. I trader giornalieri possono utilizzare modelli di candele, indicatori di momentum e indicatori di volatilità per informare le loro operazioni.

Swing Trading

Swing trading è una strategia di trading a breve e medio termine in cui le negoziazioni durano da pochi giorni a poche settimane. Gli swing trader identificano i livelli di supporto e resistenza locali all’interno di un intervallo di negoziazione a breve termine, in genere durante un periodo di consolidamento. Quindi, effettuano operazioni in base agli alti e bassi all’interno di questo intervallo e alla loro analisi.

Trading di posizione

Trading di posizione è il tipo di attività di trading in cui detieni (o mantieni) una posizione per un determinato periodo di tempo. Non stai affatto negoziando, ma stai invece investendo in un asset basato sulla tua analisi. L’analisi di un trader di posizione può includere l’analisi fondamentale e la visualizzazione di grafici settimanali o mensili con l’obiettivo di guadagnare profitti a lungo termine.

Trading con margine

Il trading con margine è popolare tra i day trader e gli swing trader. I trader di margine utilizzano la leva finanziaria presa in prestito da una borsa o da un broker per aumentare il valore delle loro operazioni da 2x a 100x. In sostanza, stai scommettendo sul prezzo che sale (lungo) o scende (breve) entro un certo periodo di tempo. Questo è l’unico tipo di trading in questo elenco in cui è possibile perdere più denaro di quanto hai investito, rendendo il trading con margine molto rischioso. Naturalmente, i profitti vengono anche moltiplicati per il rapporto di leva. È un tipo di trading ad alto rischio e ad alto rendimento.

Trading algoritmico

Il trading algoritmico o il trading automatizzato comporta l’utilizzo di programmi software, come i bot di trading, per eseguire operazioni in base a criteri prestabiliti. Potresti acquistare algoritmi di trading da un mercato. Oppure, potresti creare il tuo algoritmo basato su segnali di trading, utilizzando cose come volume, intervallo, medie mobili e quantità di moto per equipaggiare il tuo bot per fare le migliori operazioni possibili.

I dieci migliori consigli tecnici per il trading

Il trading di criptovaluta è facile. In realtà, realizzare un profitto dal trading di criptovaluta, tuttavia, può essere difficile. Ecco i nostri dieci consigli preferiti sia per i trader nuovi che per quelli avanzati:

Dedica più tempo allo studio dei grafici: La maggior parte dei trader, soprattutto i principianti, non trascorrono abbastanza tempo a studiare i grafici. Se vuoi perfezionare la tua capacità di analizzare i mercati, devi diventare un lettore di grafici competente.

Approfitta del commercio di carta: I più grandi scambi di oggi offrono il trading di carta, permettendoti di giocare con denaro falso prima di iniziare a fare trading con cose reali. Implementa alcune delle tue strategie e analisi per vedere come ti esibisci.

Fidati della tendenza: Dopo aver letto i suggerimenti dell’analisi tecnica sopra, potresti presumere che la maggior parte dei segnali indichi un’inversione di tendenza. Tuttavia, le tendenze sono tendenze per una ragione e non dovresti mai scommettere contro la tendenza in un mercato in trend a meno che tu non veda più conferme di un’inversione.

Gli ordini stop loss sono sorprendenti: Anche i trader più esperti possono vedere le loro posizioni essere liquidate mentre i mercati prendono una svolta inaspettata. Quando i mercati girano inaspettatamente, gli ordini stop loss sono i tuoi migliori amici. Usa gli ordini di trailing stop loss per proteggere i profitti che hai guadagnato.

Evita la trappola della fortuna del principiante: Molti trader tecnici principianti ottengono la fortuna dei principianti, quindi presumono di essere i più grandi trader tecnici del mondo. I trader tecnici esperti, nel frattempo, sono abbastanza intelligenti da non diventare mai compiacenti. Evita di alzarti o abbassarti troppo durante il trading, indipendentemente dal risultato.

L’avidità uccide: Questo suggerimento si basa sulla punta sopra. Molti trader capaci non riescono a trattenere i loro profitti semplicemente a causa dell’avidità. Perché vendere ora quando posso vendere il mese prossimo e guadagnare il doppio? Suona bene, fino a quando i mercati non cadranno e cancelleranno tutti i tuoi profitti. Stabilisci i tuoi obiettivi, rispettali, prendi i tuoi profitti e attendi la prossima opportunità.

Non devi fare ogni scambio: A volte, uno scambio non sembra giusto. Forse la tua analisi non ti sta dando un segnale chiaro. In alcuni casi, potresti semplicemente voler evitare di fare uno scambio. Sii paziente e sappi su quale collina morire.

Diversificare con gli Altcoin non è davvero diversificato: Alcuni fanatici delle criptovalute consiglieranno di diversificare il tuo portafoglio acquistando altcoin. Sfortunatamente, il bitcoin è ancora il re dei mercati delle criptovalute e la maggior parte delle altcoin segue semplicemente la sua scia. In molti casi, le altcoin si muovono parallelamente al bitcoin. Non bloccare mai tutti i tuoi fondi in criptovaluta.

I mercati non regolamentati sono pericolosi: I mercati delle criptovalute sono ancora in gran parte non regolamentati e incontrollati. Nonostante ciò che dicono gli appassionati di crittografia, una grande quantità di volume di crittografia è collegata ad attività illegali. Il trading di criptovalute è rischioso per tutti i tipi di motivi.

Il tuo profitto potrebbe scomparire con un singolo scambio danneggiato o compromesso: Potresti essere il miglior trader tecnico del mondo. Potresti aver triplicato il tuo investimento in un solo giorno di trading. Sfortunatamente, quei profitti non significano nulla se lasci le tue chiavi private non protette. Assicurati di avere il controllo delle tue chiavi private e non lasciare mai più di quanto puoi permetterti di perdere in uno scambio.

Analisi del trading di grafici Bitcoin: parola finale

Infine, dai nostri pionieri del trading (che hanno aiutato a progettare questa guida per l’utente) a tutti i nostri sinceri colleghi, speriamo che questa prima guida al trading di bitcoin stia cambiando la carriera. Sì, la conoscenza è potere, ma intraprendere un’azione massiccia su ciò che hai assorbito sopra è uno dei migliori rimedi per perdere la paura (anche l’incertezza e il dubbio) poiché aderire a una nuova frontiera e un’atmosfera come il mercato delle criptovalute può essere un punto di svolta per coloro che applicare e attuare le giuste strategie e suggerimenti delineati.

Qualsiasi trader di bitcoin o investitore di asset digitali che è arrivato così lontano nella nostra revisione dell’analisi del grafico crittografico è destinato ad aver appreso diversi metodi che ottimizzeranno i risultati di come funziona il trading di bitcoin e l’analisi dei grafici di criptovaluta.

Buon trading!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map