Truffe Bitcoin: Storia di hack, furti e uscite di Bitcoin

Contents

Truffe Bitcoin dall’inizio: i più grandi hack di Crypto, cronologia storica e guida alla sicurezza dell’utente

Bitcoin, in tutto il suo splendore negli ultimi dieci anni sin dal suo inizio nel gennaio 2009, ha ancora molte bandiere rosse e buchi neri da superare come truffe fraudolente e hack dannosi, nonché soluzioni di custodia intelligenti.

Questa guida alle truffe bitcoin è formulata in tre sezioni principali per una facile estrazione e consumo:

  1. i modi più popolari con cui truffatori, hacker e cattivi attori rubano bitcoin (consapevolezza)
  2. cronologia storica di tutte le truffe crittografiche e gli hack di bitcoin (conoscenza)
  3. i modi migliori per proteggere le tue criptovalute e come evitare le truffe sui bitcoin (istruzione)

Questi punti di riferimento pieni di risorse per aumentare la consapevolezza, fornire conoscenza e diffondere l’istruzione andranno a vantaggio di tutti gli investitori, i commercianti e in definitiva gli utenti di bitcoin che vogliono imparare come proteggere adeguatamente e proteggere in modo sicuro le tue partecipazioni in criptovaluta dai ciarlatani e malfattori del settore.

La verità è che questi criminali informatici crittografici hanno truffato bitcoin per miliardi di dollari utilizzando tattiche molto abili e espedienti promozionali per attirare utenti senza pretese in nefaste opportunità di investimento, scambi falsi e fornitori di portafogli e tutta una serie di altri metodi descritti di seguito.

Esamineremo come funzionano le comuni strategie di truffa di criptovaluta come; collegamenti e-mail sospetti per dati personali di phishing, download fraudolenti che installano malware e keylogger, hacker che si spacciano per celebrità, proprietari e operatori di scambi controversi, criptovalute gratuite di twitter, richieste di ricatto per estorzioni di ransomware, scambio di SIM per smartphone, pompa e discariche con trappole esplosive, truffe di uscita ICO schemi piramidali di marketing di rete multilivello, brutale malizia del mercato nero, opportunità di business in prova gratuita, finte cloud mining farm, duplicatori di matrici gratuiti e moltiplicatori di reddito garantiti / offerte di profitto sugli investimenti. Sfortunatamente, tutte queste tattiche di truffa bitcoin esistono e sono difficili da ignorare in quanto dovrebbero essere considerate minacce e rischi immediati per la tua vita nel 2019 e oltre.

Persino le truffe sui bitcoin stanno iniziando a diffondersi sui social media popolari come Instagram, Youtube e Facebook che tutti predano ad attirare individui ignari basandosi sul fornire falsi pretesti e approfittare della fiducia e della negligenza delle persone (dopo aver letto questo non più!).

Non è facile recuperare fondi bitcoin truffati o metterti alla prova, quindi devi adottare l’approccio degli occhi d’aquila e applicare tendenze da falco su tutte le onde radio online con sufficiente diligenza.

Mentre le forze dell’ordine giocano a recuperare il ritardo nell’apprendimento delle corde del settore emergente delle criptovalute e dell’era della finanza decentralizzata basata su blockchain, nuove opzioni di custodia intelligente continueranno ad emergere, ma a breve termine è nel migliore interesse di tutti imparare i trucchi di il commercio e archivia il tuo bitcoin con saggezza.

Mentre la maggior parte è fissata sulle montagne russe di quello che è il prezzo del bitcoin, trascurare la storia passata di truffe e hack di bitcoin non è ottimale in quanto ci sono molte lezioni da portare a casa e curve di apprendimento da sopportare se qualsiasi utente di criptovaluta vuole effettivamente “ diventare il tuo possedere una banca ‘ed evitare di essere ingannati dai truffatori.

A dire il vero, c’è davvero un numero molto limitato di motivi o casi in cui la tua chiave privata dovrebbe essere divulgata a qualcuno, anche se invii un pagamento o fai affari con loro.

Ora che hai una visione a volo d’uccello di 10.000 piedi su cosa prestare attenzione per i principianti, saltiamo subito dentro e rivediamo tutti i metodi di truffa bitcoin, la storia ei suggerimenti sulla sicurezza necessari per ottimizzare il tuo futuro bitcoin.

Un milione di modi per perdere il tuo Bitcoin, ecco i primi 15

I 5 migliori hack di criptovaluta nel 2018, Hack di criptovaluta, Hack di criptovaluta nel 2018, I 5 migliori hack di criptovaluta, I 5 migliori hack di criptovaluta

Prima dell’elenco dei 15 migliori modi in cui i truffatori di bitcoin cercano di rubare i tuoi fondi crittografici, sappiamo che a volte può sembrare che ogni giorno porti un nuovo hack o scandalo di truffa relativo a bitcoin (e in qualche modo non è sbagliato). Ma lungi dall’essere un pericoloso, selvaggio west del denaro, le criptovalute in generale stanno diventando ogni giorno più sicure e più regolamentate.


Tuttavia, è di vitale importanza che il pubblico sia consapevole non solo dei vantaggi di Bitcoin e delle criptovalute nel loro insieme, ma anche dei rischi reali associati all’invio di denaro. Questo articolo mira a evidenziare le diverse truffe, hack e frodi nel mondo della finanza digitale. La cronologia degli hack e delle truffe di bitcoin fungerà da guida continuamente aggiornata per chiunque abbia investito in criptovalute o stia considerando la mossa in futuro. Alla fine, dovresti avere le conoscenze necessarie per identificare potenziali rischi per la sicurezza, scegliere misure di protezione sicure per le tue esigenze e valutazione del rischio personale ed essere informato sugli ultimi pericoli del mercato.

51% di attacchi contro blockchain

Capire un attacco del 51% è più facile quando si pensa in termini di stock. Se una persona, o un’azienda, acquista il 51% di una specifica azione, essenzialmente mantiene le decisioni di controllo nel consiglio di amministrazione di una società. Ora Blockchain è così sicuro che l’hacking in una catena stessa è quasi impossibile. Tuttavia, se una persona o un gruppo di persone acquisisce gli strumenti necessari (molte GPU) per assorbire il 51% dell ‘”hash rate” o potenza di mining, all’interno di una catena mantengono essenzialmente il controllo sulle informazioni nei blocchi del catena che va avanti fino a quando la loro maggioranza è persa. Per quelli di voi che non lo sanno, il tasso di hash è la potenza di elaborazione di una Blockchain che viene utilizzata per elaborare e verificare le informazioni in ogni collegamento. Contribuire a questo potere di mining verso la verifica e l’elaborazione delle informazioni ti fa guadagnare più monete ed è il parco di ciò che rende così impossibile l’hackerare direttamente, perché ogni collegamento potrebbe avere diversi utenti responsabili delle informazioni e dipende dalle informazioni che sono state confermate attorno ad esso.

Una persona o un gruppo con il 51% di controllo potrebbe riscrivere le informazioni nei collegamenti per rubare denaro spendendo due volte la stessa moneta, pensa se hai comprato una barretta di cioccolato con un dollaro e poi hai usato lo stesso dollaro anche per comprare un’acqua, rendendo precedente i pagamenti scompaiono ma ne conservano i benefici. Bitcoin è unico in quanto ora è così grande che è praticamente impossibile per qualsiasi gruppo avere così tanto controllo su di esso. Questo è un rischio molto più grande con criptovalute più piccole.

DNS e reindirizzamento di siti Web

Questo tipo di pirateria informatica si traduce in una truffa più sofisticata. Un hack DNS prende il controllo delle informazioni del server di un sito Web, quindi reindirizza l’utente al sito Web quasi duplicato o a un portafoglio quasi duplicato. A questo punto, vieni involontariamente indotto a inserire le informazioni di accesso della persona affinché gli hacker possano vederlo, o direttamente a inviare fondi al portafoglio falso per loro. Nel momento in cui il team dietro uno specifico ICO o sito web di scambio ha capito cosa sta succedendo, gli hacker potrebbero aver già raccolto un’enorme quantità di fondi.

Scambi falsi

Gli scambi falsi sono più facilmente raggiungibili tramite una semplice ricerca come “scambio bitcoin”. Uno dei risultati nella pagina di ricerca potrebbe effettivamente essere un sito Web di scambio fraudolento che è stato impostato nella speranza che le persone depositassero i propri fondi all’indirizzo allo scopo di scambiare con altri utenti. Ciò può tradursi in una sorta di truffa di uscita in cui noti immediatamente un problema quando non vedi i tuoi fondi e non puoi accedervi o i creatori del sito Web falso scompaiono con il finanziamento in un secondo momento.

Schemi Ponzi

Gli schemi Ponzi o gli schemi piramidali esistono da molto tempo, le criptovalute le hanno appena dato un nuovo volto con cui ingannare le persone impressionabili in quello che è essenzialmente uno schema per arricchirsi rapidamente. Alcuni sono ovvi in ​​quanto promettono immediatamente rendimenti elevati e lo fanno sembrare più facile di quanto probabilmente sarà, ma altri sono più nefasti, si presentano come opportunità di business più legittime o utilizzano influencer per convincerti che vale la pena prenderne parte. Possono anche immergiti nel mondo del mining di bitcoin, una strada nuovissima con cui ingannare le persone. Paghi con bitcoin in un sito Web per il tasso di hash del mining di criptovalute, solo che guadagni solo indirizzando nuove persone allo schema stesso invece che dal mining. Come tutti gli schemi piramidali, alla fine crollano. Anche questi possono finire in una truffa all’uscita.

Progetti crittografici falsi e ICO

Proprio come i falsi scambi, progetti falsi nascono per invogliare le persone a depositare i propri contanti in cambio di una moneta o di un gettone che non intendono mai far crescere e che non conservano alcun valore. Le ICO in particolare sono anche progetti piuttosto piatti, sostenuti da società piatte che finiscono per essere completamente contraffatte. I creatori sono lì esclusivamente per ottenere i tuoi soldi e potrebbero o meno cercare di convincerti della sua legittimità. Queste frodi possono anche andare di pari passo con gli schemi Ponzi.

Cloni di siti e attacchi di phishing

C’è una tendenza di falsi in questo elenco e come a volte falsificare qualcosa può essere adattato per ottenere lo stesso scopo. Gli hacker possono creare un clone del sito Web, sostanzialmente sostituendo quello reale. Questo clone può quindi essere indirizzato verso un gruppo nei social media o inviato via e-mail a persone già parte del sito web reale, da cui il termine phishing. È solo un altro modo per un hacker di indurre una persona a rinunciare a informazioni personali che le consentono di accedere ai tuoi fondi.

False truffe di fork

Gli hard fork nella blockchain sono pochi e distanti tra loro perché sono generalmente il risultato di errori e / o differenze di opinione che si traducono in una moneta che prende improvvisamente due strade diverse, facendo sì che le persone prendano posizione come nel caso di BTC e BTH o ETH e così via. Questi hard fork possono creare confusione con i consumatori che cercano di rivendicare la nuova versione della valuta digitale, ed è qui che gli hacker sono noti per trarne vantaggio. Affermano che gli utenti possono recuperare le loro monete biforcute sotto false istruzioni online, richiedendo agli utenti di caricare chiavi private su indirizzi dannosi in modo che le loro monete possano essere svuotate.

Malware

Il malware non è un concetto nuovo, ma è uno dei principali che minaccia il furto individuale di criptovalute e diventa sempre più sofisticato. Sono progettati per essere inseriti nei tuoi dispositivi fino a quando qualcosa non contrassegna ciò per cui è stato progettato. Attualmente, ce n’è uno sul mercato chiamato Cryptocurrency Clipboard Hijackers che si trova nel tuo computer in attesa che tu copi e incolli un sito Web crittografico. Ciò consente al malware di sapere attivarsi e sostituisce l’indirizzo con uno dannoso progettato per rubare le tue chiavi private non appena le inserisci. Ci sono anche app che puoi scaricare sul tuo telefono che contengono malware all’interno progettato per scansionare il tuo telefono per informazioni correlate alla crittografia come app crittografiche o uso di chiavi private e rubare tali informazioni.

Portafogli digitali

Bitcoin e altri portafogli digitali sono pezzi di software e nessun pezzo di software è infallibile. Ci sono hacker che impiegheranno tutto il tempo necessario a setacciare un software specifico per trovare i suoi punti deboli nel codice, quindi sfruttarli per rubare il più possibile dai portafogli degli utenti e talvolta persino scambiare portafogli. Quest’ultimo può essere particolarmente devastante se uno scambio fa la scelta sbagliata di mantenere tutti o la maggior parte dei fondi che stanno ospitando in un “portafoglio caldo”, un portafoglio che si trova su un dispositivo che si connette a Internet. Per aumentare la confusione, ci sono anche programmi di portafoglio di valuta digitale progettati specificamente per rubare i tuoi fondi. Lo scarichi, pensando che sarà un posto sicuro dove conservare le tue monete e gettoni, solo per far scaricare il software a un altro indirizzo del portafoglio.

False truffe del team di supporto

Ci sono truffatori che si pubblicizzano come supporto di scambio o aiuto per problemi relativi a uno scambio che sono facili come una ricerca su Google, quando un utente potrebbe cercare aiuto su Google e trovare un collegamento che lo indirizza a un aiuto falso. Questi eventi sono ancora più diffusi per gli scambi che hanno personale limitato con utenti frustrati che non ricevono aiuto abbastanza velocemente. Il risultato è parlare con qualcuno tramite chat dal vivo o microfono che afferma di essere l’aiuto che stai cercando, solo per rubare le tue informazioni.

Truffe Pump and Dump

Gli utenti hanno capito come creare i propri schemi, in cui un gruppo di trader di criptovalute decide di unirsi su una piattaforma, acquistare molte criptovalute specifiche, quindi pubblicizzare la criptovaluta nella comunità. Ciò fa aumentare i prezzi e un flusso di persone che acquista, a quel punto vendono ciò che hanno acquistato e raccolgono i frutti dei loro sforzi.

Hack Wi-Fi pubblici

Se non fa già parte della tua vita quotidiana, non dovresti mai utilizzare il Wi-Fi pubblico per accedere alle tue informazioni personali di sorta. Questo non solo ti lascia all’attacco, ma a volte gli hacker potrebbero sostituire una rete diversa che assomiglia a quella a cui stai cercando di connetterti e usarla per rubare facilmente le tue informazioni.

SIM Jacking e Cryptojacking

C’è un nuovo tipo di furto chiamato SIM jacking. Questo è quando un hacker utilizza il tuo numero di telefono per convincere una compagnia telefonica a inviare loro una nuova scheda SIM sotto il tuo numero e sostanzialmente ruba l’identità del tuo telefono nel processo che può dare a qualcuno l’accesso a tutto ciò che è connesso alla tua SIM, inclusi tutti i tuoi account . Per quanto incredibile possa sembrare, è successo e spesso viene fatto sostenendo che un telefono è stato rubato e trasferendo le informazioni su una nuova sim e un nuovo telefono. Jacking della SIM è essenzialmente un errore commesso dal team di supporto della tua compagnia di telefonia cellulare.

Truffe in regalo sui social media

Sorprendentemente, le persone si innamorano ancora di truffe in regalo. Hanno iniziato con le e-mail, ma da allora si sono adattati ai social media. Vengono creati profili falsi che pubblicano annunci sui social media affermando alle persone di avere omaggi relativi alla criptovaluta, sperando che se segui i loro passaggi invierai loro denaro o rinuncerai alle tue informazioni personali in modo che possano rubarli. A volte, hackerano persino account reali e pubblicano collegamenti falsi a un account reale per dargli maggiore legittimità.

Truffe nel cloud mining

Spesso correlato agli schemi Ponzi, il cloud mining è stato già esaminato brevemente tramite il mining di bitcoin in quella sezione. In sostanza, è quando un truffatore promette profitti per un pagamento o un pagamento mensile che ti dà un buy-in per hash rate utilizzato nel mining. La realtà è che non vedrai mai più quei soldi e nemmeno chiunque altro porterai alla piramide prima che alla fine crolli.

Un elenco di tutte le truffe di Bitcoin e gli hack crittografici dall’inizio di BTC

Ha bisogno di più spiegazioni di così? Un elenco ufficiale non ufficiale di alcuni dei più grandi, unici e / o primi nel suo genere hack e perdite di fondi nella storia di bitcoin / criptovaluta.

Cronologia delle truffe Bitcoin e cronologia degli hack crittografici Dal 2011 al 2019

Allinvain Bitcointalk Hack dal software Windows compromesso dall’utente

Data: 13 giugno 2011

Importo rubato: $ 502.750 USD / 25.000 BTC

Tipo: Hack / Theft

L’hack dell’utente di Allinvain Bitcointalk è stato il primo (presunto) furto registrato di bitcoin, avvenuto il 13 giugno 2011. Un utente Bitcointalk con un computer Windows compromesso aveva 25.000 BTC, o circa. $ 500.000, rubati da lui. È stato anche il più grande furto individuale di bitcoin durante i primi giorni della valuta digitale, con il prezzo del Bitcoin ancora in formazione. Inutile dire che oggi varrebbe molto di più.

Mt. Furto di Gox utilizzando il computer compromesso dal revisore

Data: 19 giugno 2011

Importo rubato: $ 35.540 USD / 2.000 BTC

Tipo: Hack di terze parti vulnerabili / Prezzi deflazionati in modo fraudolento

Il 19 giugno 2011, Mt. Gox ha subito una grave violazione della sicurezza. L’hacker avrebbe utilizzato le credenziali del computer di un revisore dei conti per rubare monete dall’exchange, vendendo in modo fraudolento bitcoin al proprio account che inavvertitamente ha portato il prezzo a $ 0,01 per bitcoin. Mt. Gox originariamente ha chiesto al revisore dei conti di verificare che avessero riserve di bitcoin e contanti sufficienti per coprire le loro partecipazioni. Si stima che l’hacker sia riuscito a scappare con 2.000 bitcoin, con altri 650 BTC persi a favore di coloro che hanno acquistato la moneta a un prezzo sgonfio prima che la violazione della sicurezza fosse realizzata. Nessuno dei bitcoin è mai stato recuperato e l’incidente è stato conosciuto come la prima violazione di hacking di uno scambio di criptovalute, responsabile della perdita di circa $ 35k.

File Bitomart Exchange Wallet.dat eliminato

Data: 1 agosto 2011

Importo rubato: $ 223.890 USD / 17.000 BTC

Tipo: aggiornamento glitch / fondi eliminati

Bitomart Exchange ha eseguito un aggiornamento del 1 ° agosto 2011 che ha provocato uno degli errori più costosi nella storia delle criptovalute. L’aggiornamento utilizzava AWS Elastic Cloud quando il file server wallet.dat è stato cancellato accidentalmente, con i fondi che sono scomparsi completamente in una notte. Gli oltre $ 220.000 di fondi degli utenti persi erano impossibili da recuperare e Bitomart ha venduto il suo debito a Mt. Gox più tardi quel mese.

MyBitcoin Exchange Hack

Data: 8 agosto 2011

Importo rubato: $ 1,2 milioni di USD / 154,406 BTC

Tipo: Hack / Theft

MyBitcoin era conosciuta come una piattaforma di portafoglio user-friendly per i neofiti delle criptovalute con un interesse per Bitcoin. Sfortunatamente, MyBitcoin ha subito uno dei peggiori attacchi nella storia dei primi bitcoin, perdendo 154.406 BTC a causa di un hack. Il conduttore di Bitcoin Show Bruce Wagner è stato un personaggio di criptovaluta notevole che ha perso parte degli oltre $ 1 milione.

Bitcoinica Hot Wallet Hack

Data: 6 maggio 2012

Importo rubato: $ 93,481,92 USD / 18,548 BTC

Tipo: Possibile furto di pirateria informatica / Furto sospetto di truffa in uscita

Bitcoinica ha annunciato che il loro portafoglio caldo era stato violato il 6 maggio 2012. Lo scambio ha detto agli utenti di aver “scoperto una transazione bitcoin sospetta che non sembra essere stata avviata da nessuno dei proprietari dell’azienda”. Tuttavia, inizialmente si sospettava che l’hack del portafoglio caldo fosse collegato al proprietario di Bitcoinica A. Vinnik, portando alcuni a sospettare che si trattasse in realtà di una truffa di uscita camuffata da hack. Quasi $ 100k sono stati rubati.

Risparmio di Bitcoin e Trust Ponzi Scheme

Data: 2 luglio 2012

Importo rubato: $ 1,002 milioni di USD / 150.000 BTC

Tipo: schema piramidale / truffa di uscita

Lo schema Bitcoin Savings and Trust Ponzi è stato il primo schema piramidale o schema Ponzi nel mondo dei bitcoin. Operando come un normale programma di investimento ad alto rendimento (HYIP), ha promesso agli utenti enormi ritorni per investire oggi una piccola somma. La truffa è stata gestita da pirateat40, che ha descritto l’opportunità di investimento come un “hedge fund virtuale”. Il 2 luglio 2012, l’hedge fund virtuale ha chiuso improvvisamente, scomparendo con un sospetto 150.000 BTC (oltre $ 1 milione). Il numero effettivo di fondi persi non è mai stato confermato.

Bitfloor Exchange Hack

Data: 4 settembre 2012

Importo rubato: $ 247.200 USD / 24.000 BTC

Tipo: Hack of Unencrypted Wallet Key Backup

Bitfloor, uno dei primi scambi di criptovaluta, ha annunciato di essere stato violato il 4 settembre 2012, causando una perdita di oltre $ 240.000 o 24.000 BTC. L’autore dell’attacco avrebbe “ottenuto l’accesso a un backup non crittografato delle chiavi del portafoglio”, sebbene Bitfloor abbia affermato che le chiavi effettive erano archiviate in un’area crittografata.

Trojan Wallet Hack

Data: 16 novembre 2012

Importo rubato: $ 39,548 USD / 3,457 BTC

Tipo: Hack / Theft

Nel 2012, la consapevolezza che gli hacker potevano creare software per rubare valute digitali è stata concepita per la prima volta e, con essa, l’hack del portafoglio Trojan del 2012 e una delle prime istanze registrate di un normale Trojan per PC che ha portato a una perdita di bitcoin. Il virus Trojan è stato inavvertitamente installato sui PC degli utenti e ha iniziato a cercare chiavi private e file wallet.dat, rubandoli ove possibile. Un utente sui forum di Bitcointalk ha riferito di aver perso 2600 BTC durante l’attacco. Un totale di 3.457 BTC è stato inviato a un indirizzo di portafoglio bitcoin anonimo, con una perdita di quasi $ 40.000.

Vircurex Exchange Hack

Data: 11 gennaio 2013

Importo rubato: $ 50 milioni in totale, $ 23.490,60 USD in bitcoin / 1.666 BTC

Tipo: Mystery Hack / Theft

Vircurex era un popolare scambio iniziale di bitcoin e nel gennaio 2013, lo scambio ha rivelato che era stato violato. “Dobbiamo purtroppo annunciare che il nostro portafoglio è stato compromesso”, Vircurex l’11 gennaio 2013. Gli hacker hanno preso di mira le enormi riserve di liquidità dell’exchange e Vircurex avrebbe perso $ 50 milioni durante l’attacco insieme a 1.666 BTC (per un valore di circa $ 23k). Questo stesso scambio ha subito anche altri due attacchi più tardi nel 2013, ma non sono stati ufficialmente rivelati ai clienti dello scambio fino al 2014. Molti utenti avevano già ritirato i loro fondi dopo il primo attacco..

BitMarket.eu Esci dalla truffa

Data: 14 febbraio 2013

Importo rubato: $ 477.377,67 USD / 18.787 BTC

Tipo: Falso Hack / Exit Scam

BitMarket.eu era un popolare scambio di bitcoin polacco operante per due anni prima di perdere tutti i fondi in un incidente di hacking autoproclamato. Successivamente è stato rivelato che i fondatori avevano istituito un hedge fund bitcoin tramite Bitcoinica e avevano effettivamente tirato fuori una truffa di uscita quando Bitcoinica è stata hackerata nel maggio 2012. L’insolvenza di BitMarket non è stata rivelata fino al 14 febbraio 2013, con la moneta rubata che valeva più $ 470k quel giorno.

BTCGuild Mining Pool Hack

Data: 10 marzo 2013

Importo rubato: $ 60.982,02 USD / 1.254 BTC

Tipo: Glitch / Furto

BTCGuild ha aggiornato il suo client il 10 marzo 2013, in quello che doveva essere un processo regolare. Mentre la blockchain veniva reindicizzata durante l’aggiornamento, tuttavia, il pool di mining ha pagato BTC per azioni di difficoltà 1. Un totale di 16 utenti della piscina hanno svuotato i loro portafogli caldi dopo l’errore, causando perdite di 1.254 BTC, per un valore di oltre $ 60.000 all’epoca.

Solo perdita di dadi

Data: 15 luglio 2013

Importo rubato: $ 125,463 USD / 1,300 BTC

Data: perdita di fondi / errore

Just Dice era una delle piattaforme di gioco d’azzardo più popolari quando il 15 luglio 2013, hanno annunciato di aver perso oltre 1.300 BTC in quello che ora è considerato uno degli errori più stupidi. Un utente ha chiesto di ritirare i suoi 1.300 BTC in vincite di gioco dal sito ma non c’erano 1.300 BTC nei loro portafogli caldi. Normalmente, ciò significherebbe che un amministratore ritira l’importo dal portafoglio freddo, ma quel passaggio è stato trascurato. Ciò ha portato il giocatore a spendere il falso saldo sulla piattaforma e alla fine perderlo comunque. L’errore ha comportato una perdita di oltre 125.000 per l’azienda.

GBL Exchange Exit Scam

Data: 26 ottobre 2013

Importo rubato: $ 1,929 milioni, $ 11,970,880 al picco / 9.640 BTC

Tipo: furto / truffa in uscita

GBL Exchange era un popolare scambio di bitcoin con sede in Cina che finì per essere una frode. Il 28 ottobre 2007, i fondatori hanno interrotto improvvisamente l’operazione, scomparendo con tutti i fondi degli utenti. Gli hacker hanno scelto il momento ideale per l’hacking, poiché il prezzo del bitcoin ha raggiunto il picco di $ 1.242 un mese dopo, facendo salire alle stelle le loro monete per un valore da quasi $ 2 milioni a quasi $ 12 milioni.

Servizi di pagamento BIPS Hack

Data: 15 novembre 2013

Importo rubato: $ 559.038,55 USD, $ 1.608.390 USD al picco / 1.295 BTC

Tipo: Hack / Theft

La piattaforma di pagamento crittografica BIPS è stata violata il 15 novembre 2013, come parte di un massiccio attacco DDoS. La piattaforma ha annunciato l’attacco il 19 novembre, sostenendo che oltre 1 milione di dollari era stato rubato “nonostante diversi livelli di protezione”. Gli hacker hanno preso di mira più vulnerabilità all’interno del sistema, consentendo alla fine di ottenere l’accesso a diversi portafogli utente. Il prezzo del bitcoin il giorno dell’hacking ha messo la loro perdita iniziale a circa $ 560.000, ma con il picco dell’anno a due settimane di distanza la loro perdita è diventata $ 1,6 milioni.

Picostocks Cold Wallet Hack

Data: 29 novembre 2013

Importo rubato: $ 6,652 milioni di USD / 5,875 BTC

Tipo: sospetto hack / furto interno

Picostocks ha avuto un misterioso hack nel novembre 2013, che ha portato alla perdita di circa $ 6 milioni di bitcoin. Picostocks ha affermato che non c’erano segni di intrusione nei loro sistemi e che entrambi i loro portafogli erano stati localizzati su computer diversi. “Sospettiamo che questi [portafogli] siano stati copiati da persone che avevano accesso al sistema in passato e decrittografati”, ha annunciato Picostocks su Reddit.

Mt. Gox interrompe il trading dopo il più grande hack nella storia delle criptovalute

Data: 7 febbraio 2014

Importo rubato: $ 466,59 milioni di USD / 650.000 BTC

Tipo: Hack / Theft

Il Mt. L’hack di Gox è stata la singola più grande perdita di BTC e il più grande hack fino a questo punto. Circa 650.000 BTC sono stati rubati dai cold wallet degli exchange in più hack nel corso del 2013, svuotandoli lentamente dei loro fondi. Quando Mt. Gox ha finalmente controllato i cold wallet nel 2014, scoprendo che il loro scambio era totalmente insolvente. Il 7 febbraio 2014, Mt. Gox ha annunciato che stava interrompendo tutti i prelievi di BTC dallo scambio, sostenendo che c’era un “bug di malleabilità delle transazioni nel software bitcoin di base”. Gli utenti si sono insospettiti quando i prelievi sono rimasti sospesi per due settimane, sebbene il trading in borsa sia continuato e di conseguenza i prezzi sono scesi “05 più in basso che altrove. Il 24 febbraio 2014, Mt. Gox ha annunciato che stava sospendendo tutte le attività di trading ed è andato offline in modo completo e permanente. Alla fine, la “bozza della strategia di crisi” dello scambio è trapelata, rivelando che il Monte. Gox era completamente insolvente e aveva perso 744.408 BTC di fondi dei clienti. 100.000 BTC sono stati recuperati ma il danno è stato fatto e il caso è ancora in tribunale in Giappone.

Flexcoin Hot Wallet Hack

Data: 3 marzo 2014

Importo rubato: $ 595.365,12 USD / 896 BTC

Tipo: Hack / Theft

L’hot wallet Flexcoin è stato violato nel 2014, causando la chiusura completa della piattaforma di crypto wallet con sede in Canada. Flexcoin si era soprannominata “la prima banca bitcoin” ma perse rapidamente la maggior parte dei fondi dei clienti una settimana dopo aver rassicurato gli utenti che non avevano mai immagazzinato monete con Mt. Gox durante il loro hack. Alcuni clienti hanno avuto la fortuna di vedersi restituire i fondi dai cold wallet intatti dell’azienda. Tutto sommato, Flexcoin ha perso quasi 900 BTC dell’utente che all’epoca valeva quasi $ 600k.

Cryptsy Exchange Hack

Data: luglio 2014

Importo rubato: $ 9 milioni di USD / 13.000 BTC

Tipo: Mystery Hack / Theft

Cryptsy è stato il secondo più grande hack del 2014, dopo il Monte. Gox, ma si sono rifiutati di rilasciare ulteriori dettagli sull’hack stesso fino al 2016. Cryptsy ha affermato che l’hack era stato fatto risalire allo sviluppatore di un altcoin chiamato Lucky7Coin, che è stato in grado di sfruttare le vulnerabilità nei server Cryptsy per rubare un’enorme quantità di fondi degli utenti. Sulla base del valore alto e basso di BTC nel luglio 2014, poiché non abbiamo una data esatta, è lecito ritenere che lo scambio abbia perso circa $ 9 milioni.

Mintpal Exchange Exit Scam

Data: 8 ottobre 2014

Importo rubato: $ 1,32 milioni USD / 3.894 BTC

Tipo: furto / truffa in uscita

Uno scambio di criptovaluta chiamato Mintpal ha completato con successo una truffa di uscita nel 2014, che si ritiene sia stata perpetrata dal dirigente e fondatore di Moopay e Moolah Alex Green (noto anche come Ryan kennedy) che è visto dalla comunità come “losco”. Alex Green / Ryan Kennedy sono fuggiti dalla scena crittografica con quasi 3.900 BTC, per un valore di circa $ 1,3 milioni all’epoca. Come nota a margine, Alex Green / Ryan Kennedy è stato condannato per stupro nel Regno Unito nel 2016 e attualmente sta scontando una pena di 11 anni lì. Non si sa dove siano attualmente i fondi.

Bitstamp Hot Wallet Hack

Data: 4 gennaio 2015

Importo rubato: $ 5,226 milioni / 19.000 BTC

Tipo: Hack / Theft

Il popolare scambio di bitcoin Bitstamp è stato violato alla fine del 2014 / inizio 2015, con Bitstamp che ha annunciato l’hacking il 4 gennaio 2015. Bitstamp ha inizialmente sospeso i prelievi e l’attività di trading, portando alcuni utenti a credere che l’exchange si stesse chiudendo come altri exchange hanno dovuto fare. , ma ripristinò l’attività ordinaria una settimana dopo. Sebbene non sia chiaro se i due fossero imparentati, avevano ricevuto una richiesta di riscatto di 75 BTC poco prima con Bitstamp che diceva “non negoziamo con i terroristi”. Il giorno in cui hanno annunciato quell’hacking, il BTC perso valeva poco più di 5,2 milioni di dollari.

Truffa all’uscita da Evolution Marketplace

Data: 18 marzo 2015

Importo rubato: $ 11,8 milioni di USD / 43.000 BTC

Tipo: furto / truffa in uscita

I primi segnali di problemi sono apparsi su Reddit quando un utente chiamato NSWGreat ha pubblicato un post chiamato “EVOLUTION EXIT SCAM” nel marzo 2015, sostenendo di essere un moderatore del sito e accusando gli amministratori di “prepararsi a uscire dalla truffa con tutti i fondi. ” I mercati darknet che scompaiono da Internet dall’oggi al domani non sono una novità ed Evolution Marketplace era l’ennesimo mercato che tirava fuori una truffa, scomparendo con oltre $ 11 milioni di fondi crittografici da parte degli utenti. “Mi dispiace, ma Verto e Kimble ci hanno scopato tutti”, ha spiegato l’utente nel post di Reddit.

DAO Hack

Data: 17 giugno 2016

Importo rubato: $ 76,6 milioni di USD / 3,6 milioni di ETH

Tipo: Hack / Frozen Funds

L’hack DAO è uno degli hack più famosi nella storia della comunità crittografica, che ha cambiato la traiettoria della seconda valuta digitale più grande del mondo, Ethereum. Il DAO è stato lanciato come un hedge fund di crowdsourcing, in cui gli utenti prendevano decisioni collettive su dove investire. Un hacker in seguito ha sfruttato una vulnerabilità all’interno del codice e ha accidentalmente bloccato 3,6 milioni di ETH. La debacle DAO alla fine avrebbe portato alla creazione di ETH ed ETC, poiché le due parti non erano d’accordo su come gestire l’hacking (un percorso Blockchain ha scelto di tornare indietro nel tempo e diramarsi, l’altro ha scelto di rimanere sullo stesso percorso). Il congelamento ha comportato la perdita di almeno 76 milioni di dollari.

Violazione della sicurezza di Bitfinex

Data: 2 agosto 2016

Importo rubato: $ 71,24 milioni di USD / 119,756 BTC

Tipo: Hack / Theft

Una violazione della sicurezza di Bitfinex nel 2016 ha portato a uno dei più grandi attacchi nella storia delle criptovalute con una perdita di 119.756 BTC o ca. $ 72 milioni. L’exchange ha sospeso temporaneamente le negoziazioni, i depositi e i prelievi e, entro il 4 agosto, ha confermato di essere stato derubato mentre comunicava a Reuters l’importo perso dai conti degli utenti. Bitfinex rimane operativo fino ad oggi.

Bitcurex Exchange Hack

Data: 13 ottobre 2016

Importo rubato: $ 1,476 milioni di USD / 2,300 BTC

Tipo: Hack di terze parti vulnerabili

L’exchange di criptovalute con sede in Polonia Bitcurex è stato violato il 17 febbraio 2017, causando la perdita di quasi $ 1,5 milioni. In precedenza era stato uno dei più grandi scambi di criptovalute in Europa, in particolare per gli utenti polacchi, elaborando oltre $ 50 milioni di asset nel corso del 2016. Il 28 ottobre 2016, Bitcurex ha confermato la perdita e ha annunciato che stava chiudendo. Il problema è stato ricondotto a una terza parte vulnerabile che esegue una raccolta dati automatizzata.

Schema Ponzi delle valute asiatiche-europee

Data: 24 aprile 2017

Importo rubato: $ 680 milioni

Tipo: schema piramidale

Lo schema Ponzi di valuta asiatico-europea operava sotto le spoglie di una società legalmente registrata che pubblicizzava come uno schema per arricchirsi rapidamente utilizzando il marketing multilivello. La truffa ha vittimizzato 47.000 persone in totale prima di essere chiusa. Il 10 agosto 2017, il dipartimento di polizia della città di Hainan ha annunciato che un uomo intitolato “Suspect Xu” era stato arrestato per aver perpetrato la truffa, insieme a una serie di altri membri esecutivi della compagnia. I funzionari delle forze dell’ordine hanno sequestrato 4,6 miliardi di RMB ai truffatori, o circa $ 680 milioni di dollari, rendendolo uno dei più grandi sequestri (e truffe crittografiche) nella storia del settore.

Yapizon Exchange Hack

Data: 26 aprile 2017

Importo rubato: $ 16,741 milioni di USD / 3,831 BTC

Tipo: Hack / Theft

Il 26 aprile 2017 ha visto l’exchange sudcoreano Yapizon annunciare l’ultimo hack, sostenendo che 3.800 BTC di fondi dei clienti erano stati rubati e perso oltre $ 16 milioni o “l’equivalente al 37,08% delle attività totali”. Invece di chiudersi come altri piccoli exchange dopo un hack di scala simile, Yapizon ha deciso di offrire ai clienti un “taglio di capelli”, distribuendo il carico delle perdite a tutta la base di utenti. Da allora hanno ribattezzato Youbit, ma a dicembre 2017 la piattaforma aveva dichiarato bancarotta a causa di un secondo attacco. Indipendentemente da ciò, la società sembra essere ancora attiva oggi e, a metà del 2018, è riemersa nel tentativo di iniziare le normali operazioni in futuro.

Bithumb Hack e perdita di informazioni private

Data: 29 giugno 2017

Importo rubato: $ 31 milioni di dollari

Tipo: Hack della CPU dei dipendenti / Furto di Won coreano e informazioni personali

Il 29 giugno 2017, Bithumb ha rivelato che un hacker aveva rubato $ 31 milioni di Won coreano insieme alle informazioni di identificazione personale di 31.000 utenti del sito Web Bithumb, inclusi i loro nomi, numeri di cellulare e indirizzi e-mail. A quel tempo, Bithumb era il quarto più grande scambio di bitcoin al mondo e il più grande scambio in Corea del Sud. L’hacking è stato fatto risalire al PC compromesso di un singolo dipendente con molti utenti che hanno segnalato che milioni di Won sono scomparsi dai loro account personali dall’oggi al domani.

BTC-e Exit Scam

Data: 25 luglio 2017

Importo rubato: $ 180,956 milioni di USD / 66.000 BTC

Tipo: furto / truffa in uscita

BTC-e ha chiuso improvvisamente il 25 luglio 2017, con oltre 66.000 BTC trasferiti in un portafoglio che si ritiene sia di proprietà di Alexander Vinnik, noto come la mente dietro BTC-e. In seguito avrebbe dovuto affrontare 21 accuse da parte di un gran giurì degli Stati Uniti relative a riciclaggio di denaro, pirateria informatica e traffico di droga. BTC-e è stato uno degli scambi di criptovaluta più grandi e affidabili al mondo dell’epoca. Successivamente è stato rivelato che la reputazione di BTC-e era in gran parte basata su attività illecite e il 95% delle transazioni bitcoin da transazioni ransomware sono state incassate tramite BTC-e. Il BTC valeva poco più di $ 180 milioni il giorno in cui è stato chiuso e l’intera sfortunata vicenda è ricordata come una delle più grandi truffe di uscita nella storia del settore.

Errore di contratto QuadrigaCX

Data: 2 giugno 2017

Importo perso: $ 13,16 milioni di USD / 60.000 ETH

Tipo: Fondi glitch / bloccati

Prima di una perdita ormai famigerata nel 2019, QuadrigaCX ha fatto notizia per un errore di contratto che ha portato alla perdita di 60.000 ETH. “All’inizio di questa settimana, abbiamo notato un’irregolarità per quanto riguarda il processo di spazzamento di Ether in arrivo nello scambio”, ha spiegato QuadrigaCX nella loro dichiarazione ufficiale dopo l’emissione. Il risultato finale è stato di poco più di $ 13,1 milioni persi durante lo scambio ETH / ETC, con l’ETH congelato in quel contratto di scissione in modo permanente. QuadrigaCX ha successivamente risolto il problema e i clienti non sono stati penalizzati.

ClassicEtherWallet DNS Hack

Data: giugno 2017

Importo perso: da $ 216.216 a 382.000 USD / 1.001 ETH

Tipo: ingegneria sociale

ClassicEtherWallet è stato compromesso nel giugno 2017 utilizzando una vulnerabilità riconducibile all’ingegneria sociale: l’hacker ha convinto il personale di supporto del provider di hosting web a concedere il controllo del dominio ufficiale a un proprietario diverso, consentendo all’hacker di accedere al portafoglio del cliente. Un totale di 1.001 ETH è stato silenziosamente svuotato dai portafogli degli utenti mentre guardavano impotenti. In base al mese dell’attacco, le perdite erano comprese tra $ 200.000 e $ 300.000.

Violazione del portafoglio di parità

Data: 19 luglio 2017

Importo rubato: $ 34,29 milioni / 153.000 ETH

Tipo: Hack / Theft

Il Parity Wallet è stato violato nel luglio 2017, causando la perdita di milioni di dollari di capitale raccolto da diverse ICO. Parity Wallet era considerato affidabile per fornire uno storage di criptovaluta sicuro ed efficace e alcuni ICO avevano decine di milioni di dollari immagazzinati con loro. Gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità nel codice Parity Wallet, un bug in uno specifico contratto multi-firma noto come wallet.sol, rubando più di $ 30 milioni, o circa 153.000 ETH. L’hack era originariamente segnalato per essere fino a 500.000 ETH, ma 377.000 ETH sono stati recuperati da portafogli vulnerabili da hacker white hat.

Bug dei portafogli congelati di parità

Data: 6 novembre 2017

Importo perso: $ 150,9 milioni di USD / 513,774 ETH

Tipo: Fondi glitch / bloccati

Mesi dopo il primo importante hack del portafoglio Parity, il team ha annunciato che era stata scoperta una seconda vulnerabilità. Parity, che all’epoca era il secondo client Ethereum più popolare, aveva un bug di sicurezza devastante che interessava qualsiasi portafoglio Parity distribuito dopo il 20 luglio, utilizzando la funzionalità multi-firma della piattaforma. La vulnerabilità di sicurezza è stata identificata da uno sviluppatore di nome devopps199, che l’ha segnalata su Github e ha portato al congelamento di 513.774 ETH, per un valore di poco più di $ 150 milioni di dollari al momento.

Tether Treasury Attack

Data: 21 novembre 2017

Importo rubato: $ 30,95 milioni di USD / 31 milioni di USDT

Tipo: Hack / Theft

Gli hacker hanno attaccato il tesoro di Tether (USDT) nel novembre 2017, rubando oltre $ 30 milioni di fondi dal portafoglio di Tether Treasury e inviandolo a un indirizzo bitcoin non autorizzato. Poiché Tether aveva il pieno controllo di USDT, la società ha adottato misure per impedire agli aggressori di scambiare tale USDT su mercati più ampi e ha bloccato i tentativi di vendere USDT ad altre criptovalute o valute legali. Oggi, Tether continua a detenere circa il 30% dell’offerta totale di USDT nel suo portafoglio del Tesoro, anche se non è del tutto chiaro cosa sia successo ai 31 milioni di USDT che sono scomparsi nell’hacking del novembre 2017.

YouBit Exchange Hack

Data: 19 dicembre 2017

Importo rubato: $ 72,21 milioni di USD / 3,816 BTC

Tipo: Hack / Theft

Dopo il rebranding su YouBit, l’exchange è stato nuovamente violato nel dicembre 2017. Non è chiaro se i due attacchi fossero collegati, tuttavia alcuni rapporti hanno indicato che dietro l’attacco YouBit e simili attacchi a Bithumb c’erano hacker nordcoreani. Si stima che 3.816 BTC o $ 72 milioni siano stati persi.

Rapimento di dipendenti exmo

Data: 26 dicembre 2017

Importo rubato: $ 1 milione, bitcoin valeva $ 14.029,13 per moneta

Tipo: rapimento / estorsione

Il 26 dicembre 2017, Pavel Lerner, impiegato 40 anni di Exmo bitcoin exchange, è stato rapito mentre lasciava il suo ufficio a Kiev, in Ucraina. Secondo quanto riferito, Lerner è stato trascinato in un veicolo Mercedes nero da uomini che indossavano passamontagna. I rapitori hanno proceduto a chiedere un riscatto di $ 1 milione in bitcoin che alla fine è stato pagato e Lerner è stato rilasciato. I resoconti dei media ucraini e russi indicano che Lerner ha pagato lui stesso il riscatto, anche se non è chiaro se i fondi fossero collegati in qualche modo alla borsa Exmo. Ad oggi, sono disponibili online informazioni limitate sul caso Lerner, sebbene Lerner ed Exmo siano entrambi vivi e vegeti.

A&T Jacking SIM cliente

Data: 7 gennaio 2018

Importo rubato: $ 23,8 milioni

Tipo: SIM Jacking / Social Engineering

Uno dei peggiori attacchi di jacking SIM nella storia delle criptovalute sarebbe avvenuto il 7 gennaio 2018, quando un imprenditore americano ha perso 23,8 milioni di dollari in token digitali. Terpin, l’accusatore, chiede ora un risarcimento di 23,8 milioni di dollari ad AT&T insieme a $ 200 milioni di danni punitivi, sebbene AT&T sta contestando le accuse. “Cosa AT&Era come un hotel che dava a un ladro con un documento d’identità falso una chiave della camera e una chiave della cassaforte della camera per rubare gioielli nella cassaforte al legittimo proprietario “, secondo la denuncia di Terpin.

Lo schema piramidale di Bitconnect tira un’enorme truffa all’uscita

Data: 16 gennaio 2018

Importo rubato: sconosciuto

Tipo: Schema Ponzi / Scam di uscita

Bitconnect era un famigerato schema piramidale rivolto ai membri creduloni della comunità bitcoin. È stato promosso da un esercito di influencer dei social media che hanno raccolto i frutti di essere stati primi investitori. A gennaio 2018, Bitconnect ha raggiunto la sua inevitabile conclusione e il valore di un singolo token Bitconnect (BCC) è precipitato da $ 400 a pochi centesimi. Gli investitori che pensavano di trattenere scorte simboliche per un valore di milioni si sono trovati improvvisamente senza un soldo. Non è mai stato rivelato chi c’era dietro Bitconnect e l’importo perso è sconosciuto fino ad oggi.

Coincheck Exchange Hack

Data: 26 gennaio 2018

Importo rubato: $ 505 milioni di USD / 500 milioni di NEM

Tipo: Hack / Theft

La piattaforma di scambio di criptovalute Coincheck ha rivelato i dettagli di un hack all’inizio di gennaio, il 26 gennaio 2018, spiegando che erano stati rubati token NEM da $ 400 a $ 530 milioni, rendendo l’hack Coincheck il più grande hack nella storia delle criptovalute. Un totale di 500 milioni di token NEM sono andati persi durante l’attacco. A quel tempo, Coincheck era uno dei più grandi scambi di criptovaluta del Giappone e NEM si stava avvicinando al suo valore massimo storico. I prelievi e alcune transazioni sono stati temporaneamente congelati. Coincheck ha ricevuto quest’anno una licenza per lo scambio di criptovaluta dalla Financial Services Authority giapponese, indicando che sta procedendo con rigidi protocolli normativi e sistemi di sicurezza in atto.

Schema Ponzi globale BTC

Data: 1 marzo 2018

Importo rubato: $ 50 milioni di dollari

Tipo: Schema Ponzi / Scam di uscita

BTC Global ha seguito le orme di ovvi schemi crittografici Ponzi come RegalCoin e Bitconnect. La truffa prendeva di mira principalmente gli utenti in Sud Africa e sembrava essere gestita da un misterioso commerciante di valuta sudafricano di nome “Steve Twain”. Ha funzionato con successo per alcune settimane, con gli utenti che ricevevano pagamenti regolari dal team di Twain, ma dopo aver attirato 50 milioni di dollari in investimenti, il cosiddetto “trader” Steve Twain è scomparso da Internet. A partire dal 2019, la polizia sudafricana sta ancora indagando sulla truffa crittografica BTC Global.

Schema GainBitcoin India Ponzi

Data: 8 aprile 2018

Importo rubato: $ 300 milioni di dollari

Tipo: Esci dallo schema truffa / piramide

GainBitcoin era uno schema piramidale mirato a commercianti di criptovalute creduloni nell’Asia meridionale, dove i fondatori sono scomparsi con successo con $ 300 milioni, rendendolo una delle truffe di uscita più redditizie nella storia del settore. Sfortunatamente per GainBitcoin e il suo team, alla fine sarebbero stati identificati e arrestati nel novembre 2018. Il caso continua a farsi strada attraverso i tribunali in India dopo che i fondatori sono stati arrestati negli aeroporti mentre tentavano di viaggiare all’estero.

Sailesh Bhatt estorsione

Data: 10 aprile 2018

Importo rubato: $ 1,38 milioni di USD / 200 BTC

Tipo: rapimento / estorsione

Un uomo d’affari in India di nome Sailesh Bhatt è stato presumibilmente vittima di estorsione da parte della polizia locale il 9 febbraio 2018, secondo un rapporto presentato a diverse forze di polizia il 10 aprile 2018. Sostiene 10 agenti, tra cui un sovrintendente di polizia e un ispettore, lo tenne prigioniero fino a quando non inviò 200 BTC (per un valore di oltre $ 1 milione all’epoca) al suo ex socio in affari. “Mi hanno picchiato in una stanza e hanno minacciato di uccidermi in un finto incontro se non avessi avuto i miei bitcoin”, ha spiegato Sailesh Bhatt nella sua dichiarazione. Fino ad oggi, il corso continua a farsi strada attraverso il sistema e non è chiaro cosa sia realmente successo a Sailesh Bhatt.

Schema iFan Ponzi

Data: 12 aprile 2018

Importo rubato: $ 650 milioni di dollari

Tipo: schema piramidale / truffa di uscita

iFan era un altro schema Ponzi gestito da una società chiamata Modern Tech che garantiva pagamenti del 48% al mese entro un periodo di quattro mesi. Gli investitori dovevano reclutare persone per il programma per essere pagati, ma iFan ha iniziato a pagare gli utenti in una valuta digitale senza valore, richiedendo depositi sempre più grandi. Ha avuto un enorme successo e alla fine ha portato la perdita totale a VND 15 trilioni ($ 650 milioni di dollari), in gran parte da parte di investitori vietnamiti. Gli investitori stanno ancora cercando ritorsioni contro la società.

Bitcoin Gold violato per $ 18 milioni

Data: 24 maggio 2018

Importo rubato: $ 18 milioni di dollari

Tipo: Hack / 51% di attacco

Bitcoin Gold ha subito un secondo grande attacco nella sua giovane storia nel maggio 2018, quando gli hacker hanno utilizzato un’enorme quantità di potenza hash per lanciare un attacco del 51% sulla rete, consentendo loro di spendere due volte Bitcoin Gold e rubare $ 18 milioni. La moneta è ancora un progetto attivo, ma i principali exchange di criptovalute come Bittrex hanno deciso di rimuovere Bitcoin Gold dall’elenco dopo questo incidente di sicurezza. È ancora tra le prime 30 criptovalute per capitalizzazione di mercato a marzo 2019.

Bancor Hack

Data: 9 luglio 2018

Importo rubato: $ 23,5 milioni di dollari

Tipo: Hack / Theft ICO

Il gigante delle criptovalute con sede in Israele e Svizzera Bancor offre una piattaforma di scambio decentralizzata e ha raccolto oltre $ 150 milioni in un ICO nel 2017. Il 10 luglio 2018 hanno poi ammesso che “un portafoglio utilizzato per aggiornare alcuni contratti intelligenti è stato compromesso”, consentendo agli hacker di scompaiono con $ 12,5 milioni in Ether, $ 1 milione in token NPXS di Pundi X e $ 10 milioni in token BNT di Bancor. Lo scambio è stato temporaneamente messo offline per indagare sull’incidente, ma rimane attivo fino ad oggi.

Schema Ponzi OneCoin

Data: 5 settembre 2018

Importo rubato: $ 400 milioni di dollari

Tipo: furto / truffa in uscita

La società di marketing multilivello OneCoin ha attirato gli investitori creduloni a depositare denaro nel sistema che i fondatori hanno poi riciclato attraverso diverse società di comodo in tutto il mondo. Un truffatore americano di nome Mark Scott è stato ufficialmente incriminato da un gran giurì nell’agosto 2018, quindi arrestato il 5 settembre. Scott avrebbe utilizzato alcuni dei 400 milioni di dollari sospetti rubati per acquistare un’enorme villa per sé e la sua famiglia in Massachusetts..

Uomo norvegese assassinato dopo lo scambio di denaro contante in criptovaluta

Data: 18 ottobre 2018

Importo rubato: sconosciuto

Tipo: furto / omicidio

Il 18 ottobre 2018, la polizia di Oslo ha annunciato che un uomo norvegese di 24 anni era stato assassinato nel suo appartamento dopo che un apparente scambio di denaro contante in criptovaluta era andato storto. La polizia norvegese ha rintracciato il crimine a un cittadino svedese di 20 anni di nome Makaveli Lindén, che era in fuga dall’Interpol dopo l’incidente. I rapporti iniziali erano sbagliati, tuttavia, e la polizia in seguito ha rivelato che Lindén è salito nella camera da letto della vittima attraverso una finestra più tardi quella stessa notte, dove la vittima è stata pugnalata 20 volte dopo un combattimento. Non è chiaro se il rapinatore fosse a conoscenza delle proprietà di bitcoin della vittima, ma si ritiene che il ladro abbia scoperto le proprietà di criptovaluta della vittima mentre conduceva una transazione P2P all’inizio della giornata. Makaveli Lindén è stato arrestato in Francia pochi giorni dopo.

MapleChange Exit Scam

Data: 28 ottobre 2018

Importo rubato: $ 5,9 milioni di USD / 913 BTC

Tipo: furto / truffa in uscita

Il team di MapleChange ha inizialmente annunciato di aver perso 913 BTC a causa di un hack, chiudendo subito dopo, sostenendo di essere “nel processo di un’indagine approfondita” e che “fino a quando l’indagine non sarà terminata, non possiamo rimborsare nulla”. Oggi è tutto tranne che confermato MapleChange era una truffa d’uscita. Le ultime informazioni indicano che erano coinvolti due fratelli rumeni e potrebbe non aver mai avuto nulla a che fare con il Canada. Gli utenti che hanno perso denaro nella truffa dell’uscita si sono radunati attorno a un account Twitter chiamato MapleChange nel tentativo di assicurare i fondatori alla giustizia ma non hanno ricevuto alcun risarcimento per le loro perdite.

Pure Bit Exit Scam

Data: 13 novembre 2018

Importo rubato: $ 2.653 milioni di USD / 13.000 ETH

Tipo: Esci dalla truffa / Rimborso

Il 4 novembre, una start up crittografica chiamata Pure Bit ha lanciato il suo ICO, ma il 13 novembre Pure Bit è improvvisamente scomparsa da Internet con 13.000 ETH per un valore di poco più di $ 2,6 milioni. Le autorità sono state allertate ma Pure Bit è riemersa una settimana dopo, rilasciando una dichiarazione in cui si afferma che il CEO è stato “accecato dal denaro” e ha commesso un “errore imperdonabile”, con le vittime che hanno ricevuto un rimborso completo. Non è chiaro se Pure Bit e il suo CEO abbiano avuto un autentico cambio di coscienza o se fossero coinvolte le forze dell’ordine sudcoreane, ma ora è noto che Pure Bit è stato avviato da un gruppo di truffatori.

ETC 51% Gate.io Attack

Data: 7 gennaio 2019

Importo rubato: $ 212.400 USD / 40.000 ETC

Tipo: Hack / Theft

Il 7 gennaio 2019 il censore di Gate.io ha bloccato con successo alcune transazioni di un attacco del 51% sulla rete Ethereum Classic (ETC). Alcuni sono ancora riusciti a farcela e alla fine l’hacker è scomparso con 40.000 ETC, per un valore di oltre $ 200.000 all’epoca.

Cryptopia Exchange ERC20 Hack

Data: 15 gennaio 2019

Importo rubato: $ 16 milioni di dollari

Tipo: Hack / Theft

Crypto exchange Cryptopia è stato violato il 15 gennaio 2019. In base alla natura dell’attacco, si presumeva che i ladri avessero avuto accesso a 76.000 chiavi private, utilizzandole per estrarre un totale di 16 milioni di dollari in token ERC20 dagli utenti. Lo scambio con sede in Nuova Zelanda è rimasto chiuso fino a marzo 2019 a causa del devastante hack. Cryptopia da allora ha ripreso la sua attività e ha trasferito il 24% di tutti i portafogli a nuovi server più sicuri.

LocalBitcoins Phishing Hack

Data: 26 gennaio 2019

Importo rubato: $ 28,755,52 USD / 8 BTC

Tipo: Hack / Phishing

Il 26 gennaio 2019, LocalBitcoins ha perso 8 BTC a causa di un hacker, nonostante una reputazione stellare fino a quel momento. Gli utenti hanno affermato di essere stati reindirizzati a una pagina di accesso in cui è stato chiesto di inserire le proprie credenziali, che sono state tutte inviate all’hacker. Dopo la violazione, LocalBitcoins ha temporaneamente disabilitato l’accesso ai suoi forum. È possibile che più di 8 BTC valgano oltre $ 28.000 nel momento in cui un utente si è fatto avanti rivendicando la perdita.

QuadrigaCX dichiara bancarotta dopo la misteriosa morte del fondatore

Data: 1 febbraio 2019

Importo rubato: $ 140 milioni ~ $ 200 milioni di dollari

Tipo: fondi bloccati / chiavi private perse

Il 1 ° febbraio 2019, l’exchange canadese QuadrigaCX ha presentato istanza di protezione dei creditori perché non era più in grado di accedere ai fondi. La morte del fondatore di QuadrigaCX Gerry Cotten il 9 dicembre ha causato il problema di liquidità poiché, secondo quanto riferito, era l’unica persona in grado di accedere a $ 145 milioni di risorse digitali archiviate dall’exchange, con le uniche chiavi private conosciute. Secondo quanto riferito, QuadrigaCX deve quasi $ 200 milioni ai suoi utenti, con solo $ 286k rimasti. La moglie di Cotton afferma di non essere a conoscenza delle chiavi private o della loro posizione e gli esperti di sicurezza informatica non sono stati in grado di entrare nel computer di Cotton. Questa perdita ha portato i teorici della cospirazione a sostenere che Cotten abbia effettivamente simulato la sua morte su Reddit, ma Gerald Cotten è ufficialmente morto per complicazioni legate alla malattia di Crohn mentre viaggiava in India a soli 30 anni. I portafogli di Quadriga non hanno trasferito fondi, rendendo la teoria della falsa truffa dell’uscita dalla morte un po ‘sciocca. Questi fondi possono essere visti ma potrebbero non essere mai più recuperati.

Bithumb Inside Job Hack

Data: 30 marzo 2019

Importo rubato: $ 19 milioni di USD / EOS $ 13,26 e XRP $ 6,3

Tipo: Hack / Theorized Inside Job

Alla fine di marzo 2019, Bithumb ha annunciato di aver perso 3,07 milioni di EOS (per un valore di circa $ 13 milioni), ma in seguito ha annunciato il 1 ° aprile che erano stati rubati anche altri 20,2 milioni di XRP (del valore di $ 6,2 milioni). Bithumb ha affermato che il loro team di sicurezza aveva individuato un “ritiro anomalo” venerdì 29 marzo, seguito da una sospensione di prelievi e depositi mentre era in corso un’indagine. Fortunatamente, la crittografia rubata era “di proprietà dell’azienda” ei fondi dei clienti erano al sicuro in un portafoglio freddo. Le autorità sono state informate come parte dei loro standard e si ritiene che i fondi fossero già stati riciclati, rendendo improbabile qualsiasi recupero. Le affermazioni di un “lavoro interno” sono emerse rapidamente, ma non si sa come un singolo dipendente sarebbe in grado di hackerare e rubare $ 19 milioni.

Binance perde 41 milioni di dollari in un hack di Hot Wallet “su larga scala”

Data: 7 maggio 2019

Importo rubato: $ 41,27 milioni di USD / 7.040 BTC

Tipo: Hack / Dettagli vaghi

Gli hacker hanno ritirato 7.040 BTC dall’hot wallet di Binance il 7 maggio 2019. Binance è notoriamente non trasparente ma afferma che gli hacker “hanno utilizzato una varietà di tecniche, tra cui phishing, virus e altri attacchi” per attaccare lo scambio e sono stati “in grado di ottenere un grande numero di chiavi API utente, codici 2FA e potenzialmente altre informazioni “(secondo un comunicato stampa ufficiale). Sebbene le informazioni fornite siano state estremamente vaghe, i fondi persi rappresentano solo circa il 2% delle attuali partecipazioni BTC dello scambio e tutti gli altri portafogli sono rimasti al sicuro e illesi. Prelievi e depositi sono stati temporaneamente sospesi e tutte le criptovalute perse sono state coperte dai fondi di emergenza di Binance.

Source for Bitcoin Scams / Hacks History guide deve un ringraziamento speciale a Crypto Theft Incidents Timeline di Kyle G. e all’enorme quantità di ricerche approfondite e sforzi mirati per collegare i punti nei primi giorni di Bitcoin.

La maggior parte dei numeri sugli importi delle perdite sono stati calcolati utilizzando i seguenti indici di prezzo al fine di fornire le informazioni più accurate e aggiornate disponibili (e sempre in dollari USA). Ciò ha lasciato che alcuni si discostassero leggermente dalle perdite dichiarate negli articoli o nell’elenco delle fonti:

  • Bitcoin (BTC)
  • Ethereum (ETH)
  • Stellare (XLM)
  • NEM (XEM)
  • Ethereum Classic (ETC)
  • Tether (USDT)

Ora che abbiamo esaminato i metodi più noti utilizzati da hacker e truffatori per sottrarre bitcoin agli utenti, coperto l’intera storia di truffe e hack di bitcoin, completiamo questo mega-capolavoro in mente con i migliori modi per aggiungere pratiche protettive nella protezione delle risorse digitali e valute virtuali.

Modi migliori per proteggere in modo sicuro i fondi crittografici ed evitare le truffe di Bitcoin

La sicurezza è una priorità assoluta per tutti i fondi, ma con i soldi normali c’è molto poco da fare per proteggere il tuo denaro quotidiano – o almeno sei così abituato a ciò che serve che indossi Non ci penso nemmeno più alla maggior parte. Criptovalute sono molto nuovi, però, e richiedono più pianificazione e apprendimento per fare in modo che qualcosa di nuovo diventi un’abitudine. Quindi ecco una piccola guida di auto-aiuto, i mezzi con cui farlo accadere. Qui puoi imparare come identificare potenziali minacce, scegliere la sicurezza giusta per le tue esigenze ed evitare possibili passi falsi comuni nella tua scelta lungo il percorso.

Il giusto servizio di crittografia e scambio

Utilizza solo scambi di criptovaluta affidabili con una forte reputazione per archiviare le tue criptovalute. Non conservare mai a lungo termine criptovalute che non sei disposto a perdere.

Conferma tutti i siti web

A volte gli attacchi di phishing sono incredibilmente sofisticati. Gli hacker possono reimmaginare interi siti Web di scambio importanti per convincerti di essere chi dicono di essere e ottenere l’accesso alla tua e-mail privata per inviarti il ​​collegamento in un’e-mail dall’aspetto altrimenti legittimo. Una volta che fai clic su quel link o “accedi” su un sito falso, potresti aver perso l’accesso a tutte le tue informazioni private sulla criptovaluta. Questo può sembrare spaventoso e opprimente, ma il consiglio è semplice: controlla sempre il fondo di una pagina web per timbri di legittimità, assicurati sempre di aver digitato un sito web in modo completo e accurato e non fare mai clic su un collegamento in un’e-mail da un indirizzo sconosciuto.

Archiviazione password

Esistono cose come i “gestori di password”, aziende che gestiscono la conservazione e la sicurezza della tua password. Le password di criptovaluta tendono ad essere lunghe, complicate e difficili da ricordare. Ci sono molte aziende che offrono il servizio di archiviazione delle password, guardarsi intorno e prendersi il tempo per sceglierne una, ma se sei in difficoltà e hai bisogno di un nome, LastPass è un’ottima opzione. Non importa cosa, non memorizzare la tua password sul tuo computer.

In tema di password

Una buona password è sempre la difesa numero uno nella sicurezza informatica di qualsiasi tipo. Quindi ecco alcuni suggerimenti che tutti dovrebbero sapere su come creare una password valida e valida:

  • Evita di definire personalmente soggetti e parole. Ora questo include, ma non è limitato a, nomi di famiglia, indirizzi, compleanni, nomi di animali domestici, libri o film preferiti o informazioni personali di qualsiasi tipo. Non sei così grande come un mistero e qualcuno può capirlo.
  • Schemi e sequenze comuni come “12345” o utilizzare lettere maiuscole ogni due o utilizzare qualcosa di ancora più banale come “password” come password.
  • Le parole del dizionario di qualsiasi tipo non devono essere utilizzate. Sono troppo facili da capire per gli hacker eseguendo programmi scritti per capire le password. Le parole sono troppo riconoscibili.
  • I caratteri speciali come sono altamente raccomandati (pensa £, #, @, ecc.), Così come le maiuscole casuali, i numeri casuali e, che ci crediate o no, gli spazi.
  • Evita sempre numeri e lettere ripetuti, specialmente in uno schema.
  • Le parole con errori di ortografia (se usi una parola) e le password lunghe sono la strada da percorrere.
  • Assicurati che tutte le password siano univoche per ogni account che hai. Se un hacker ne rompe uno e sono tutti uguali, potrebbero potenzialmente avere accesso a tutto sotto il tuo nome, dai conti bancari agli indirizzi e-mail.

Non fare mai clic sui collegamenti ai social media

I social media sono il luogo perfetto in cui gli hacker possono twittare o pubblicare collegamenti o inviarti messaggi diretti con collegamenti che portano a siti Web dannosi. Praticamente tutto ciò che afferma di avere un accordo speciale o qualcosa di gratuito può essere considerato inaffidabile. Pochissime cose nella vita sono gratuite, se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è.

Aggiorna tutto regolarmente

La maggior parte di noi evita di aggiornare il software sui nostri telefoni e computer come la peste. Tuttavia, questi aggiornamenti spesso contengono importanti modifiche al codice o aggiunte che continuano a proteggere i tuoi dispositivi elettronici. Gli aggiornamenti sono importanti, smettila di evitarli.

Diffondi la tua crittografia

In linea con la scelta di un buon scambio crittografico, è anche una buona idea diffondere la tua valuta crittografica in luoghi diversi, soprattutto se prevedi di investire regolarmente in monete digitali. Se le tue uova sono in cestini diversi e uno di loro viene rubato, la maggior parte delle tue criptovalute è ancora al sicuro.

Eredi e testamenti

Normalmente, ti attieni alla regola di non dire a nessuno quando si tratta delle tue informazioni crittografiche private. Ci sono stati casi di criptovaluta persi in modo permanente quando qualcuno muore inaspettatamente, tuttavia, quindi è una scommessa sicura includere le chiavi private nel tuo testamento o condividere in qualche modo come accedervi con il tuo erede.

Evita il Wi-Fi pubblico

Come è già stato affermato, il Wi-Fi pubblico può facilmente diventare una trappola in cui si dà accesso a una terza parte, sia tramite un hack attraverso la rete pubblica stessa, sia creando una falsa rete pubblica che assomiglia a quella reale. Una regola standard da seguire è quella di non accedere mai a nulla di personale utilizzando il Wi-Fi pubblico, nemmeno una volta, nemmeno la tua posta elettronica.

Truffe ICO o ICO inaffidabili

Questo è uno dei più grandi. Evitare le truffe è un investimento importante di qualsiasi tipo, quindi ecco alcune cose da fare e da non fare degli ICO:

  • Open Cap e Hard Cap: la differenza è importante. Un limite massimo è quando viene impostato un limite alla quantità di token creati in un ICO. Dovrai evitare gli ICO con un limite illimitato.
  • Repository di codice: gli ICO legittimati utilizzeranno piattaforme online come Github per pubblicare il codice che già possiedono. Se l’ICO a cui sei interessato rifiuta di condividere il loro nucleo o repository, significa che non stanno sviluppando un vero progetto.
  • Team di sviluppo: cerca sempre il team di sviluppo. Ti consigliamo di vedere persone con esperienza e risultati nella loro professione e una storia nel portare a compimento i progetti. Se le informazioni sulla squadra sembrano false, probabilmente lo sono. Se la squadra non è qualificata, o peggio, se tutta la leadership non è qualificata, allora non è una buona scelta. È anche un’enorme bandiera rossa se non condividono alcuna informazione sulla squadra.
  • White paper: descrivono in dettaglio gli obiettivi futuri del team con scadenze, funzionalità, obiettivi del progetto e altro ancora. Se il white paper non esiste, è scritto male, copiato o incompleto, allora è un segno che il progetto è almeno fraudolento e nel peggiore dei casi incompetente.
  • Roadmap – che serve come spiegazione su quando l’ICO intende raggiungere gli obiettivi, anche la mancanza di una roadmap chiara con obiettivi raggiungibili è una bandiera rossa.
  • Tecnologia Blockchain: stanno effettivamente incorporando una Blockchain? Distribuire token non basati su Blockchain e non sembra avere alcun interesse in esso è un segno di un’azienda che è tutta pubblicità e nessuna sostanza.
  • Distribuzione di token: il pubblico riceve la distribuzione di token in un ICO, ma se variano ampiamente tra i progetti, potrebbe essere un segno che intendono mantenere il 50% o più dei token per il team. Questa è un’indicazione che la squadra sta cercando di tirare fuori una truffa di uscita. Verifica i loro piani di distribuzione prima di investire in qualsiasi ICO.
  • Coinvolgimento della comunità: blockchain e spazi crittografici sono costruiti e noti per la collaborazione. Stai alla ricerca di progetti ICO con il sostegno della comunità e il supporto all’interno del mondo Blockchain. Coloro che non hanno o mancano di questo possono avere qualcosa da nascondere.
  • Recensioni e discussioni online: può sembrare intuitivo controllare le recensioni di qualsiasi cosa che sia un acquisto grande o importante, ma quello che potresti non sapere è guardare anche per le conversazioni online. Anche una semplice ricerca su Google a volte può avvisarti di ciò che sta accadendo e delle esperienze di altre persone con un determinato progetto ICO. Non investire mai in qualcosa solo perché qualcuno te lo dice senza prima fare le tue ricerche.
  • Plagio: come parte della tua ricerca, molti progetti ICO utilizzano effettivamente informazioni plagiate. Ad esempio, potresti renderti conto che le foto del team sono state copiate da un altro sito web o che il loro white paper è una copia del white paper di un’altra azienda.

Se segui queste regole di base sull’investimento in ICO, dovresti essere in grado di evitare quasi ogni rischio di truffa di sorta.

Scambi crittografici scammy e inaffidabili

Come con ICO, è importante sapere come scegliere scambi di criptovaluta sicuri. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti proprio per questo:

  • Trasparenza: quando gli scambi sono truffe, hanno una trasparenza molto limitata nelle loro operazioni. Se si rifiutano di rivelare le operazioni, non hanno un modo per contattarle e non puoi capire da dove hanno sede o da dove provengono, è la scommessa più sicura evitarle.
  • Anonimato – In linea con la trasparenza, ma abbastanza importante da essere ribadito come punto a parte, se i membri del team o la direzione sono anonimi, questo non è lo scambio di cui vuoi far parte- periodo.
  • Partner bancari: anche gli scambi crittografici legittimi hanno difficoltà a trovare partner bancari, con il risultato di alcune squallide partnership bancarie. È importante esaminarli, ma è ancora più importante che lo scambio che scegli abbia delle partnership.
  • Contattaci: gli scambi di criptovaluta scadenti hanno opzioni di comunicazione e contatti limitate, questa è una bandiera rossa. Fai attenzione alle aziende che offrono solo un semplice modulo in cui compili le informazioni per contattarle, questo è un segno che non vogliono essere contattate o non hanno intenzione di leggere questi moduli.
  • Plagio: proprio come con gli ICO, vuoi assicurarti che le informazioni sul progetto sul sito web e il white paper non siano solo una copia di un altro scambio. Di solito è necessaria una semplice ricerca su Google.
  • Tempo di inattività della manutenzione: per impedire agli utenti di correre con i propri fondi, la maggior parte degli scambi di truffe si chiude lentamente, in più fasi. Dovrai fare attenzione ai segni di questo quando sei in uno scambio. La manutenzione è una parte normale degli aggiornamenti e del mantenimento della sicurezza, ma i ritiri che vengono temporaneamente sospesi o lunghi tempi di fermo per manutenzione sono un problema. Se lo scambio che stai osservando ha avuto frequenti periodi di inattività, questa è un’indicazione che ci saranno problemi futuri come una truffa di uscita o che non sono mai stati così al sicuro dall’hacking all’inizio.

Non tutti gli scambi funzionano come truffe e possono essere più difficili da individuare di un ICO difettoso, ma gli scambi con uno o più dei problemi di cui sopra possono praticamente essere inseriti nell’elenco non completo.

Il Dark Web, l’adozione di Bitcoin e la SEC

Considerando la quantità che è stata scritta sull’argomento, non è un segreto ormai che la storia di Bitcoin è piena di attività illegali. Questo è vero per qualsiasi criptovaluta: vengono utilizzate per pagare cose illegali sul dark web o per riciclare denaro.

Ciò che è veramente importante sapere sulla sua rilevanza è che il denaro è ancora la principale fonte di denaro per attività illegali in tutto il mondo e l’inizio di Bitcoin come percorso per mezzi illegali è parte del motivo per cui la criptovaluta è arrivata dove è oggi. Lasciatemi spiegare quest’ultimo punto.

L’ascesa e la caduta della Via della Seta

Nel 2011, Bitcoin poteva essere utilizzato per pagare pochissime cose. Era più un espediente che altro e ogni moneta valeva al massimo penny sul dollaro americano. Poi è arrivato il lancio della Via della Seta nel febbraio 2011.

La Via della Seta operava su qualcosa chiamato darknet come il primo mercato darknet moderno. Per quelli di voi che non lo sanno già, la darknet è un punto di accesso a Internet che opera al di fuori del mainstream, senza regolamentazione e dove si svolgono tutti i tipi di attività illegali. Il suo scopo iniziale era quello di mezzo di comunicazione tra l’esercito governativo e le fazioni di spionaggio su canali che il resto di noi non sarebbe stato in grado di raggiungere. Pensa a un’autostrada Internet separata, solo più oscura e spaventosa. Se il nostro Internet è la punta dell’iceberg, questo è tutto sott’acqua.

In questo nuovo mercato oscuro, potresti comprare e vendere droghe, porno illegale o persino assumere un sicario. Bitcoin ha offerto un modo estremamente sicuro, veloce e facile per trasferire denaro che non lascia tracce cartacee, non coinvolge informazioni personali, non ha interferenze normative di alcun tipo, non può essere censurato o chiuso dai governi, le cui transizioni sono irreversibili una volta completate e non richiederebbe un incontro di persona come i contanti. Puoi vedere l’appello.

In un colpo di stato per l’FBI, la Via della Seta è stata chiusa nel febbraio 2013 e il suo proprietario e fondatore, Ross William Ulbricht, era stato arrestato. L’FBI ha sequestrato il bitcoin rimanente nello scambio e ha proceduto a metterlo all’asta nel 2014.

Crescente adozione di Bitcoin

Sebbene sia ovvio che la Via della Seta abbia danneggiato la reputazione del bitcoin, ha avuto l’effetto simultaneo di aumentarne l’adozione su tutta la linea. Era stata pagata così tanta attività illegale per usarlo che il valore iniziò ad aumentare con l’uso del mercato darknet.

L’FBI che ha messo all’asta gli oltre 26.000 BTC è diventato un punto di svolta cruciale, nonostante abbia abbassato il valore anche oltre il busto originale di Silk Road, perché è allora che è entrato in scena un venture capitalist della Silicon Valley di nome Tim Draper.

Draper ha acquistato gran parte del bitcoin venduto all’asta, prestandolo successivamente a una start-up di bitcoin nella Bay Area. Iniziò così la realizzazione che una valuta decentralizzata avrebbe potuto avere usi diversi dall’illegalità, la cui principale attrazione era la resistenza alla censura all’interno di tutti i paesi. Il mondo tecnologico non è altro che legato a idee di anarchia, anti-censura e / o mancanza di controllo da parte del governo.

In molti modi, niente di tutto questo sarebbe successo se Bitcoin non fosse stato adottato per la prima volta dall’ascesa di un mercato illegale di darknet.

Questioni di regolamento

La mancanza di chiarezza del governo sulle normative è in realtà un grosso problema per le criptovalute. È fonte di confusione per le start-up, preoccupante per i venture capitalist della vecchia guardia e spaventa alcune persone dall’acquistare in criptovaluta. Sebbene la sua mancanza di regolamentazione sia ciò che originariamente gli ha dato il suo fascino, sarebbe solo in grado di ottenere l’adozione di massa con regolamenti.

I regolamenti non si limitano a dare una struttura a qualcosa che tutti sono tenuti a seguire senza motivo, ma forniscono anche un mercato o una protezione del prodotto dai furti e le persone che ne prendono parte. Questo, se fatto bene, può favorire la crescita popolare di massa, incoraggiare nuovi affari, prevenendo anche future truffe come quelle che si trovano in questo elenco e mantenendo le persone a uno standard legale più facilmente quando ti truffano.

comunque, il SEC è stato poco brillante su Bitcoin e altre criptovalute perché non è chiaro se etichettarle come titolo o valuta. È stata una lotta per i paesi di tutto il mondo.

La Securities and Exchange Commission o SEC è stata incaricata di regolamentare e prendersi cura dello scambio di titoli. Bitcoin non è mai stato formalmente dichiarato un titolo e poiché non sono nemmeno formalmente dichiarati una valuta, tecnicamente non rientrano nella giurisdizione di qualsiasi agenzia che gestisce.

Una migliore regolamentazione si riduce a queste 4 considerazioni:

  1. È Bitcoin Money? Certo, è progettata come una valuta ma ha proprietà che non si adattano ad altre valute legali più tradizionali. Attualmente, le autorità di regolamentazione continuano a dire che è denaro o non denaro.
  2. Cryptos- sono merci o titoli? Alcune criptovalute funzionano come titoli, ma la SEC le tratta tutte come merci. Ad esempio, XRP è una moneta con un valore legato alla società da cui proviene, Ripple. Ciò essenzialmente lo rende come uno stock o un titolo. Ciò significa che i regolatori dovranno metterli tutti in un raggruppamento con una nuova definizione nonostante le loro differenze o prendersi il tempo per identificarli separatamente, in base alle definizioni originali di ciò che rende qualcosa un titolo o una merce.
  3. In quale giurisdizione dovrebbe trovarsi la sua regolamentazione? Come continuazione del precedente, fino a quando non si deciderà se si tratta di merci, titoli o alcuni in ciascuna categoria, non sarà chiaro chi sia legalmente in grado o obbligato a regolamentarli: CFTC per le materie prime o SEC per i titoli.
  4. Chi è la parte responsabile di una crittografia? Poiché molte criptovalute sono decentralizzate, non sono realmente controllate da un’organizzazione o autorità. Questo si traduce nel fatto che molti non hanno una sola persona o potere che possa essere accusato o perseguito in caso di azione illegale. Ad esempio, Satoshi Nakamoto è il creatore di Bitcoin ma nessuno sa nemmeno chi sia.

Quando queste cose possono essere affrontate, solo allora ci sarà una regolamentazione sufficiente per renderlo il mercato medio sicuro. Ma poiché abbiamo già esaminato, ciò non rende il mercato non degno di essere investito fintanto che sei disposto a seguire alcuni passaggi per aiutarti a proteggerti come faresti in qualsiasi altro caso di investimento.

Conclusione di truffe bitcoin e hack crittografici

Bitcoin ora ha oltre 18 milioni dei 21 milioni di BTC totali che saranno coniati fino a quando l’ultimo non sarà emesso nel 2140, a quasi 120 anni di distanza e 30 alcuni dimezzamenti minerari di distanza.

Ad aprile 2019, gli analisti del settore hanno stimato che a un certo punto 4-6 milioni di monete sono state rubate, perse o dimenticate. Si tratta di un sorprendente 20-35% della sua offerta totale circolante. Il solo 2018 ha visto rubare quasi 1,7 miliardi di dollari poiché le truffe erano in aumento e queste erano solo le principali segnalate dai media. Ciò non ha scoraggiato la crescita, tuttavia, poiché i consumatori giornalieri hanno acquistato criptovaluta e token ai massimi storici, nonostante l’enorme calo del valore netto del 2017 su tutte le monete ma soprattutto Bitcoin. Quando il prezzo del Bitcoin nel valore del tasso di cambio in USD sale, gli hacker e i truffatori sono molto più inclini a cercare tutte le vulnerabilità sopra esposte.

Sebbene sia importante ricordare che anche i migliori scambi di criptovaluta non sono il modo ideale per archiviare grandi quantità di fondi contemporaneamente, ciò non significa che tutto sia intrinsecamente pericoloso tutto il tempo o che non puoi mai utilizzare gli scambi per lo scopo previsto . Ma avendo una piccola dose di paranoia quando si tratta di aprire un portafoglio bitcoin e archiviare i tuoi fondi di criptovaluta in modo sicuro, è meglio vedere la storia di hack e truffe associati a bitcoin e applicare le strategie e la consapevolezza menzionate sopra e sarai un più intelligente , utente migliore che va avanti.

Con l’istruzione, la conoscenza e questi strumenti a tua disposizione combinati con la consapevolezza di ciò che sta accadendo nelle attuali tendenze del mercato, puoi garantire che i tuoi fondi siano il più sicuri possibile in ogni momento, anche se il valore di Bitcoin aumenta e la tua criptovaluta aumenta il ROI degli investimenti, rendendo ancora più importante e significativo applicare in modo sicuro tutte le migliori pratiche alle tattiche di archiviazione.

Aggiorneremo regolarmente questo elenco durante tutto l’anno, inclusa l’aggiunta di nuovi script di malware per nome di cui preoccuparsi, il follow-up dei casi di scambio di SIM e qualsiasi tattica di criptovaluta di prossima generazione utilizzata per rubare i tuoi fondi o mettere a repentaglio la tua ricchezza finanziaria.

Questo elenco cronologico di furti di bitcoin e perdite di criptovaluta è stato accuratamente compilato per il consumatore finale, tu, per essere consapevole delle minacce là fuori e come essere intelligente nell’usare bitcoin per immagazzinare ricchezza, spendere e risparmiare. Tra il suddetto falco e gli uccelli aquila che volano sopra, si spera che ora tu possa navigare in questo sistema finanziario basato su blockchain dominato da bitcoin con gli occhi spalancati. Ti invitiamo a ricontrollare con noi almeno trimestralmente per eventuali aggiunte di voci di truffa / hacking di bitcoin che serviranno da guida in futuro.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map