Monero cerca di placare i regolatori con le linee guida per la quotazione mentre le monete per la privacy affrontano una battaglia in salita

Mentre il mondo è diventato sempre più connesso, la privacy ha continuato a erodersi. Per molti libertari e utenti di criptovaluta Bitcoin non offre abbastanza privacy. Questo è il motivo per cui token come Monero (XMR) e zCash (ZEC) hanno fatto della privacy la loro priorità numero uno.

Token come Monero rendono le transazioni più difficili da tracciare utilizzando firme Ring e indirizzi nascosti. Questi metodi aiutano a nascondere le identità sia del mittente che del destinatario. Adozione su larga scala a causa di una serie di problemi come:

  • Incertezza normativa
  • Privacy in questione
  • Aumento della concorrenza

Nel tentativo di evitare di diventare irrilevanti, ci sono sforzi che si spera possano dissipare queste paure di cui sopra.

Elenchi conformi

L’incertezza normativa aleggia sulle monete per la privacy sin dal primo giorno. Di conseguenza, i mercati delle criptovalute hanno visto vari scambi di alto profilo decidere di rimuovere i progetti incentrati sulla privacy negli ultimi anni. L’evento più comune di ciò si è verificato in Giappone, poiché le autorità di regolamentazione della nazione hanno compiuto uno sforzo concertato per farlo.

In questi casi, la più grande forza di questi progetti è diventata anche la loro più grande debolezza. Se questi progetti devono sopravvivere, deve esserci un percorso chiaro in avanti, in cui possono continuare a operare placando le autorità di regolamentazione. Gli sviluppatori hanno riconosciuto questo ostacolo e hanno deciso di fare qualcosa al riguardo.

Questi sforzi dovrebbero portare al completamento e al rilascio di un nuovo white paper. Questo white paper, in fase di completamento in collaborazione con gli sviluppatori dietro Monero, Tari Labs e lo studio legale Perkins Coie, sarà intitolato “The Fundamentals and Regulation of Privacy-Enabling Cryptocurrencies”. Come suggerisce il titolo, questo nuovo white paper servirà come linea guida per gli scambi da seguire, consentendo di elencare i progetti basati sulla privacy in modo conforme alle normative.

Sebbene il white paper non sia ancora stato pubblicato, i primi commenti delle persone coinvolte sembrano promettenti.  Louis Willacy, di Tari Labs, di recente dichiarato, “Mentre gli autori supportano i loro risultati con ricerche esaustive e analisi dettagliate, la conclusione principale del white paper è ingannevolmente semplice: le istituzioni finanziarie regolamentate possono rispettare gli obblighi AML quando supportano i token per la privacy. Periodo.”

Il white paper, che dovrebbe essere rilasciato in qualsiasi momento, è un potenziale enorme vantaggio, non solo per Monero, ma per tutte le monete di build simile.

Coinbase non verrà elencato

Coinbase è un ottimo esempio del motivo per cui il prossimo white paper è un passo importante. Probabilmente la società più nota associata alle criptovalute è Coinbase. Il suo CEO, Brian Armstrong, ha recentemente condiviso i suoi pensieri su Monero. Ha indicato che sebbene non avrebbe alcun problema a supportare l’asset, ciò non si verificherà così com’è, a causa dell’incertezza normativa negli Stati Uniti.È proprio questo problema che il prossimo white paper cerca di affrontare.

Armstrong dichiarato, “Le monete per la privacy sono il prossimo argomento, uno dei prossimi all’orizzonte, tra i tanti. (I regolatori) sono molto preoccupati, quindi non siamo stati in grado di elencarlo almeno nel modo in cui vogliamo per questi motivi. Ma penso che con abbastanza tempo e lungimiranza, i regolatori saranno a proprio agio con questo. Poi, ci sarà un altro nuovo problema all’orizzonte che li riguarderà “.

Mentre coloro che sperano di vedere monete per la privacy come Monero di zCash presto elencate nell’exchange principale, Coinbase, potrebbero essere sfortunate, il white paper in sospeso, si spera, sarà in grado di influenzare decisioni come queste e, così facendo, accelerare l’adozione di progetti incentrati sulla privacy.

Non così privato


Tuttavia, i timori che circondano l’uso delle monete per la privacy potrebbero non essere sempre un problema. Attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale, il “Servizio federale russo di monitoraggio finanziario” è nel mezzo di tentando per sviluppare un nuovo strumento di analisi. Questo strumento è stato sviluppato con l’obiettivo di ridurre le attività illecite, attraverso il tracciamento delle transazioni su protocolli basati sulla privacy – come Monero, Dash e altri.

Le persone si rivolgono alle monete per la privacy proprio per questo, la privacy. Se rimuovi questo attributo, l’appello a queste monete viene perso. Se la Russia può davvero rintracciare monete, come Monero, altre seguiranno sicuramente l’esempio, portando alla loro fine.

Non tutte le monete per la privacy sono uguali. Alcuni utilizzano misure sospette per ottenere la privacy, alcuni forniscono la possibilità di attivare o disattivare le funzionalità di privacy, mentre altri sono solidi e privati ​​su base permanente. Indipendentemente dalla categoria in cui rientra una moneta per la privacy, potrebbe essere nei guai.

Aumentare la concorrenza

Quando si pensa alle monete per la privacy, ce ne sono alcune che vengono subito in mente: Monero, zCash, Dash. Questo elenco potrebbe presto iniziare a crescere, poiché vari altri progetti implementano aggiornamenti di rete.

Un’altra battaglia, che alla fine dovrà essere combattuta dalle monete per la privacy, è questo aumento della concorrenza. Allo stato attuale, sono in grado di esistere perché offrono qualcosa che le valute popolari come Bitcoin non possono: l’anonimato. Se questo vantaggio viene rimosso, perché utilizzare questi progetti??

Gli sviluppatori dietro prodotti come Litecoin (LTC), GRIN e altri stanno lavorando attivamente per supportare la privacy. Ciò viene fatto attraverso lo sviluppo e l’implementazione di un aggiornamento di rete noto come “Mimblewimble‘.

Sebbene il funzionamento interno di Mimblewimble possa essere complesso, il loro effetto sarà semplice: consentirà a questi progetti di rubare utenti e capitalizzazione di mercato dai progetti di privacy sopra menzionati, più tradizionali..

Dimezzare le speranze

Tutti questi punti, buoni o cattivi, continueranno a influenzare l’adozione di monete per la privacy. Tuttavia, sono in gioco altri fattori che possono aiutare alcuni progetti ad attirare l’attenzione degli investitori.

Per coloro che seguono i mercati delle criptovalute, abbiamo visto tutti cosa può fare un evento “dimezzato” per un progetto. Questi eventi sono generalmente associati a progetti che utilizzano protocolli di prova del lavoro, come Monero e zCash.

Negli ultimi mesi, Monero ha visto la sua posizione nel mercato scendere al 15 ° posto complessivo. Entro la fine dell’anno, il progetto potrebbe diminuire ulteriormente. Ciò sarebbe dovuto al fatto che il rivale, zCash, subirà un dimezzamento nell’autunno del 2020, riducendo drasticamente il suo tasso di inflazione. Un tale evento potrebbe invogliare gli utenti Monero a passare a zCash in previsione di potenziali guadagni.

Se ciò accade, zCash sarà in grado di scavalcare Monero come la moneta per la privacy più popolare?

Caduta libera

Monero una volta era una delle prime dieci criptovalute rispettate. Anche se potrebbe ancora essere un progetto fantastico e la crème de la crème tra le monete per la privacy, non è stato in grado di mantenere la presa in una delle prime dieci posizioni.

A causa di varie controversie, come quelle discusse qui oggi, che coinvolgono la Russia, Coinbase e le revoche di Exchange, ora si trova con una debole comprensione del 16 ° posto su Coinmarketcap.

Nonostante questo calo nelle classifiche di CoinMarketCap, la partecipazione alla rete Monero rimane vicino ai massimi storici quando misurato per tasso di hash.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map