Glossario crittografico: definizioni dei termini del vocabolario blockchain

glossario crittografico

Il mondo del vocabolario di bitcoin, blockchain e criptovaluta può creare confusione se non si è alla moda con i termini e le definizioni “cripto” più recenti. Ecco un dizionario completo della guida alla revisione dell’utente da utilizzare:

#

1 ora: Come suggerisce il nome, il termine “1 ora” implica una finestra temporale durante la quale i dati relativi a una particolare tecnologia (come una valuta digitale, una piattaforma, ecc.) Vengono monitorati e aggregati.

24 ore: Come nell’esempio di cui sopra, “24 ore” implica la raccolta di dati associati a una particolare tecnologia digitale nelle ultime ventiquattro ore.

51% di attacco: Nel caso in cui una maggioranza (cioè più del cinquanta percento) della potenza di calcolo o dell’hash rate di mining su una rete specifica è governata da un individuo (o un singolo gruppo), significa che è in corso un attacco del 51%. Questo perché una singola entità di governo ora ha il controllo completo sull’ecosistema nativo del sistema e ha il pieno potere di assumere il controllo delle operazioni di mining della piattaforma, delle transazioni interne, ecc..

UN

Indirizzo: Un indirizzo può essere pensato come un localizzatore digitale (solitamente sotto forma di lettere e numeri) che consente agli utenti di inviare / ricevere criptovalute in modo semplificato e senza problemi. Inoltre, vale anche la pena menzionare che gli utenti possono condividere pubblicamente i propri indirizzi di criptovaluta sotto forma di testo o codice QR.

Airdrop: È essenzialmente una tattica di marketing comunemente utilizzata da un certo numero di startup per creare hype e aumentare la popolarità di particolari prodotti di criptovaluta (come una moneta, una piattaforma, ecc.). La maggior parte delle campagne di airdrop utilizza la stessa formula, ovvero forniscono ai propri utenti token in cambio di compiti semplici come la condivisione di determinate informazioni, l’inserimento di nuove reclute, la facilitazione di referral aggiuntivi, ecc..

Algoritmo: È un insieme di regole che sono state progettate dallo sviluppatore di una particolare piattaforma digitale, computer o dispositivo al fine di risolvere calcoli o operazioni di nicchia.

Massimo storico (ATH): Come suggerisce chiaramente il nome, ATH si riferisce al punto di prezzo più alto (in termini di capitalizzazione di mercato complessiva) particolari testimoni di criptovaluta durante il suo intero ciclo di vita.

Minimo assoluto (ATL): All-Time-Low è l’esatto opposto di ciò che rappresenta il termine ATH, che è il prezzo più basso di una particolare criptovaluta durante il suo intero ciclo di vita.

Altcoin: Poiché Bitcoin è ampiamente riconosciuto come la prima criptovaluta al mondo, tutte le altre risorse digitali che sono seguite da allora sono ora denominate altcoin (abbreviazione del termine “monete alternative”).

Anarco-capitalismo: Questa è una filosofia (o scuola di pensiero) che non crede nel concetto di proprietà centralizzata dei beni. A questo proposito, vale la pena ricordare che un certo numero di persone che hanno adottato Bitcoin nella sua infanzia sono indicate come anarco-capitalisti, poiché credono che le criptovalute aiutino a dare la completa proprietà dei propri beni al proprietario.

Antiriciclaggio (AML): Il termine AML si riferisce a una serie di intl. norme e regolamenti che sono stati ideati per limitare l’attività criminale legata al riciclaggio di denaro (crypto to cash e viceversa).


API: API è l’abbreviazione di “Application Programming Interface”. In poche parole, si riferisce a una serie di protocolli e strumenti operativi richiesti dagli sviluppatori per creare applicazioni software. Da una prospettiva più tecnica, possiamo vedere che le API aiutano anche a governare il modo in cui i moduli software interni interagiscono e si comportano tra loro.

Arbitraggio: È una pratica comune che cerca di aiutare i trader giornalieri a trarre vantaggio dalle variazioni di prezzo (che esistono in relazione a una particolare merce) tra diverse borse di criptovaluta in un dato momento.

Ashdraked: È una situazione in cui un individuo finisce per perdere tutti i suoi soldi andando a corto di bitcoin. Il termine si basa su un vero incidente in cui un trader rumeno ha continuato a shortare BTC dopo essere passato da $ 300 a $ 500, in base al fatto che aveva realizzato un profitto storicamente..

ASIC: ASIC (Application Specific Integrated Circuit) si riferisce alle apparecchiature minerarie progettate appositamente per acquisire una particolare criptovaluta. Rispetto alle GPU, questi dispositivi sono altamente specializzati poiché offrono una serie di vantaggi computazionali e basati sulla memoria ai loro proprietari.

Astroturfing: Questa è una pratica considerata oscura dal mercato delle valute digitali in generale. Nella sua accezione più elementare, Astroturfing implica che un’azienda commercializzi il suo progetto come sostenuto e supportato dalla comunità crittografica globale anche se non lo è.

Swap atomico: È una tecnica che consente ai proprietari di criptovalute di scambiare un asset con un altro (su una blockchain diversa o fuori catena) senza l’uso di uno scambio, una piattaforma di trading o un intermediario.

Registro attestazioni: Come sembra suggerire il nome, un registro di attestazione è fondamentalmente un blocco di record che aiuta a fornire agli utenti prove relative a singole transazioni che potrebbero aver eseguito in passato.

B

Borsa: Il termine borsa indica una quantità fissa di criptovaluta. A tal proposito, va sottolineato che il termine portaborse descrive sostanzialmente una persona che possiede un grande volume (alias borse) di un particolare bene digitale.

Orso: Questo termine è usato per descrivere una persona che non è sicura del futuro di un particolare mercato (es. Criptovalute) e si aspetta che il suo valore diminuisca nel prossimo futuro.

Trappola per orsi: Questa è una tecnica che a volte viene utilizzata da un gruppo di trader per manipolare il prezzo di una particolare criptovaluta. Ciò si ottiene vendendo un grande amt. di un determinato asset monitorando il mercato per credere che un declino sia all’orizzonte. Ciò si traduce in altri trader che scaricano il token in questione a tassi ridotti, consentendo così al gruppo iniziale di realizzare un bel profitto dall’intera transazione.

Bitcoin ATM (BTM): Questa è una macchina che consente ai possessori di criptovaluta di ritirare Bitcoin.

Proposta di miglioramento Bitcoin (BIP): Un BIP si riferisce a un documento tecnico che cerca di proporre nuove funzionalità, processi o altri miglioramenti tecnici al protocollo esistente di Bitcoin.

BitLicense: Come suggerisce chiaramente il nome, un Bitlicense si riferisce a una licenza commerciale richiesta dalle società di criptovaluta a New York per dilettarsi nel trading di BTC. Il documento è difficile da acquisire ed è emesso solo dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York (NYSDFS).

Bit: È un’unità di base di BTC, ovvero un totale di 1.000.000 di bit costituisce un bitcoin.

Bloccare: È fondamentalmente un contenitore di dati che contiene i dettagli relativi alle transazioni che si verificano in un dato momento su una particolare blockchain.

Blockchain: Una blockchain si riferisce a un elenco in continua crescita di record collegati tra loro utilizzando una serie di tecniche crittografiche.

Block Explorer: Questo è uno strumento che consente ai suoi utenti di visualizzare tutte le transazioni che hanno avuto luogo su una particolare blockchain. Non solo, ma consente anche agli utenti di monitorare altre informazioni specifiche come il tasso di hash di rete, la crescita delle transazioni, ecc.

Altezza blocco: Il termine si riferisce al numero totale di blocchi presenti in una catena in un dato momento.

Ricompensa blocco: È l’incentivo finanziario che viene fornito a un miner al posto di lui / lei che calcola con successo un hash valido in un blocco. Inoltre, la ricompensa assicura anche che i miner di criptovalute agiscano nel miglior interesse della blockchain piuttosto che tentare di hackerarla.

Banda di Bollinger: È uno strumento che aiuta gli utenti a riconoscere i modelli sistematici che possono sorgere nella cronologia dei prezzi di diverse valute digitali.

Bot: Si tratta di strumenti di trading che sono stati automatizzati per eseguire gli ordini utilizzando una serie di processi algoritmici (come i protocolli di acquisto e vendita pre-progettati).

Brute Force Attack (BFA): Un BFA può essere pensato come uno strumento per tentativi / errori utilizzato da un software automatizzato per violare la password di qualcuno o il livello di sicurezza di base.

Bolla: Nella terminologia finanziaria, una bolla si riferisce a una particolare situazione in cui i partecipanti di un particolare mercato hanno spinto il valore di un particolare pozzo al di sopra del suo prezzo effettivo. Una volta che la bolla raggiunge il suo apice, il prezzo della merce scende a un ritmo rapido, un evento che viene indicato come un crollo del mercato.

Bug Bounty: Questa è una ricompensa che viene offerta agli sviluppatori, hacker white hat che sono in grado di trovare eventuali vulnerabilità, minacce o altri problemi simili in un particolare codice di computer. Un bug bounty viene solitamente offerto dalle startup crittografiche per identificare potenziali scappatoie prima che vengano sfruttate da miscredenti di terze parti.

Toro: Un termine comune usato quando ci si riferisce a un individuo che è ottimista sul futuro di un particolare mercato (che si tratti di azioni, criptovalute, obbligazioni, ecc.).

Bull Trap: Come suggerisce il nome, una trappola toro è un falso segnale di mercato in cui una tendenza al ribasso associata a un particolare asset sembra cambiare in meglio ma non si materializza.

Acquista Wall: Si riferisce a una situazione in cui è stato piazzato un grande ordine limite quando un bene diventa di un certo valore.

Bruciato: Questo concetto viene utilizzato quando una particolare risorsa crittografica è stata resa permanentemente non spendibile o inutilizzabile.

Problema dei generali bizantini (BGP): BGP si riferisce a una situazione in cui tutti i membri di un particolare gruppo devono raggiungere un consenso su una singola strategia su una specifica piattaforma digitale.

Byzantine Fault Tolerance (BFT): BFT può essere essenzialmente pensato come una proprietà associata a “sistemi di calcolo distribuito tolleranti ai guasti” che mirano a raggiungere il consenso anche se uno o più componenti del sistema possono essere soggetti a guasti operativi.

C

Candelieri: Questa è una tecnica comunemente utilizzata per creare grafici che aiutano gli utenti a visualizzare le variazioni di prezzo relative a un particolare asset per un periodo di tempo fisso. Da un punto di vista tecnico, possiamo vedere che ogni formazione di candele fornisce ai suoi utenti 4 punti di informazioni tra cui prezzo di apertura, prezzo di chiusura, alto e basso.

Contanti: Il denaro è denaro nella sua iterazione fisica. È disponibile in varie forme tra cui banconote, monete, ecc.

Centralizzato: Il concetto di centralizzazione si riferisce a una rete controllata da un piccolo gruppo di nodi.

Libro mastro centrale: Come suggerisce chiaramente il nome, si tratta di un sistema di registro (utilizzato per tenere traccia di varie comunicazioni finanziarie) gestito da un’autorità di governo centrale.

Unità di elaborazione centrale (CPU): La CPU può essere considerata come il componente operativo principale di un sistema informatico. Inoltre, aiuta anche a mantenere la funzionalità nativa di varie altre parti associate alla macchina. La velocità della CPU si misura in gigahertz.

Modificare: Quando i trasferimenti BTC sono facilitati, lo fanno come un intero output. I fondi rimanenti vengono restituiti all’utente come cambio.

Storno di addebito: È una richiesta inviata da un operatore di carte di credito a un rivenditore per compensare eventuali perdite che potrebbero essere state subite a seguito di una transazione fraudolenta / contestata.

Catena divisa: Questo termine è usato abitualmente al posto di un fork hard / soft.

Cifra: Questo è un termine comunemente usato nei circoli crittografici digitali per descrivere un algoritmo che può essere utilizzato per crittografare o decrittografare determinate informazioni.

Fornitura in circolazione: È un termine comunemente usato per descrivere il numero totale di monete (relative a una particolare criptovaluta) che possono circolare nel mercato in un dato momento.

Cliente: È un software che può essere utilizzato per ottenere l’accesso (oltre che elaborare) a determinate transazioni blockchain su un dispositivo locale. Un caso d’uso comune di tale software è un portafoglio software altcoin.

Vicino: Il termine “Chiudi” allude a un concetto finanziario chiamato prezzo di chiusura.

Cloud mining: Si riferisce a uno stile di crypto mining che viene effettuato tramite l’utilizzo di potenza di elaborazione remota (acquisita da aziende operanti in Paesi dove i costi dell’elettricità sono bassi).

Moneta: Nel suo senso più elementare, una moneta rappresenta una criptovaluta che può essere utilizzata per facilitare le transazioni monetarie in modo indipendente.

Coinbase: Un Coinbase è essenzialmente una transazione digitale che viene obbligatoriamente aggiunta al blocco di una particolare criptovaluta. Per quanto riguarda l’ecosistema BTC, la coinbase della valuta di punta ha una dimensione di input di 100 byte.

Celle frigorifere: Un’entità di conservazione a freddo è un portafoglio crittografico offline che ha un contatto minimo con i dispositivi connessi a Internet 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Di conseguenza, questi dispositivi sono in grado di offrire ai loro proprietari un elevato livello di sicurezza e privacy delle risorse.

Conferme: Il concetto di “conferma” entra in gioco quando una transazione deve essere aggiunta a una particolare blockchain. A tal proposito, va sottolineato che diverse piattaforme di trading richiedono un numero variabile di conferme per finalizzare le transazioni di criptovaluta.

Consenso: Il consenso, come suggerisce il nome, è quando tutti i partecipanti di una particolare rete raggiungono un accordo per quanto riguarda l’ordine e il contenuto complessivi del sistema.

Blockchain del consorzio: È un ecosistema blockchain di proprietà di un’entità privata i cui contenuti non sono disponibili al pubblico.

Correzione: Si può pensare a una correzione di un movimento di valore negativo (di almeno il 10%) che si verifica in relazione a una particolare criptovaluta.

Co-firmatario: Si riferisce a una persona che ha il controllo parziale su un portafoglio di valuta digitale.

Asset crittografico: Si tratta di negozi digitali di valore che fanno uso di tecniche crittografiche, registri distribuiti e altre tecnologie p2p per funzionare.

Criptovaluta: È un mezzo di transazione digitale che fa uso di tecniche crittografiche per garantire i propri trasferimenti monetari.

Crittografia: È una branca di studi che si occupa esclusivamente della cartolarizzazione di dati sensibili.

Funzione hash crittografica: Nel loro senso più elementare, si può pensare agli hash crittografici come vie digitali che aiutano nella produzione di un valore hash di dimensione fissa / univoco da un input di transazione che potrebbe essere variabile nella sua funzione di dimensione.

Crypto-jacking: Questa è una tecnica comunemente utilizzata dagli hacker per estrarre criptovalute utilizzando il computer di qualcun altro senza il loro permesso.

Custodiale: Una configurazione di custodia è quella in cui le chiavi private di un utente sono detenute dallo stesso fornitore di servizi.

Cypherpunk: Un cypherpunk è un attivista digitale che sostiene fortemente l’uso di soluzioni / tecnologie crittografiche per la promozione di varie cause sociali e politiche.

D

Deep Web: Questo è un lato di Internet che non è indicizzato dai motori di ricerca e può essere visualizzato solo attraverso l’utilizzo di strumenti specializzati (come il browser Tor).

Data di lancio (DOL): Il termine si riferisce a un’ora e una data specifiche in cui un progetto ICO mette i suoi token per l’acquisizione pubblica.

Rimbalzo del gatto morto: È un concetto che significa un recupero temporaneo del valore di una particolare criptovaluta dopo che ha subito un massiccio calo dei prezzi.

Decentrato: Il termine si riferisce alla proprietà di un sistema digitale che è governato da un insieme distribuito di nodi e non da qualche autorità centralizzata.

Applicazioni decentralizzate (dApp): Come suggerisce chiaramente il nome, le dApp sono applicazioni digitali che fanno uso di una rete operativa decentralizzata.

Offerte di monete iniziali autonome decentralizzate (DAICO): È un metodo di raccolta fondi per progetti decentralizzati che fa uso di concetti relativi alle organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) e alle offerte iniziali di monete (ICO).

Organizzazioni autonome decentralizzate (DAO): È un’organizzazione digitale che è governata esclusivamente attraverso l’uso di contratti intelligenti.

Scambio decentralizzato (DEX): Uno scambio peer-to-peer che consente agli utenti di acquistare e vendere criptovalute (così come altri asset simili) senza l’ausilio di un organo intermediario centrale.

Decrittazione: Il processo di trasformazione dei dati che sono stati resi illeggibili (attraverso vari processi relativi alla crittografia) riportandoli alla loro forma non crittografata.

Deflazione: È un termine finanziario che si occupa della riduzione generale del prezzo di una particolare merce.

Proof-of-Stake delegato (dPOS): È un protocollo di consenso che consente ai partecipanti alla rete di votare per i delegati che sono stati incaricati di produrre blocchi su una particolare blockchain.

Grafico di profondità: È un grafico tracciato utilizzando offerte di acquisto e richieste di vendita basate su ordini limite. In parole povere, il grafico cerca di mostrare il punto in cui il mercato accetterà una particolare transazione monetaria.

Derivato: Un altro termine comunemente usato nel mondo della finanza globale, un derivato può essere pensato come un contratto che acquista il suo valore dalla performance finanziaria di un’attività sottostante.

Mercato dei derivati: È un mercato pubblico in cui vengono acquistati e venduti prodotti finanziari come derivati, contratti futures, opzioni.

Portafoglio deterministico: È un tipo di unità di archiviazione digitale che utilizza una frase seme che può essere utilizzata dalle persone per eseguire il backup e ripristinare le proprie proprietà in modo semplificato e senza problemi.

Difficoltà: È fondamentalmente una misura relativa di quanto sia difficile per i minatori scoprire un nuovo blocco di dati. Dal punto di vista di Bitcoin, il quoziente di difficoltà nativo della valuta viene regolarmente regolato in relazione alla potenza di hashing complessiva del sistema.

Prodotto digitale: È un bene immateriale che ha un certo valore monetario e può essere trasferito solo tramite un supporto elettronico.

Valuta digitale: È una forma di moneta elettronica che consente ai suoi proprietari di facilitare transazioni transfrontaliere istantanee in modo estremamente semplificato.

Identità digitale: Il termine rappresenta le informazioni personali relative a una persona come il nome, l’indirizzo, il numero di previdenza sociale ecc. Tuttavia, tutti questi dati sono digitalizzati e possono essere utilizzati per facilitare le verifiche dell’identità in modo estremamente rapido e sicuro.

Firma digitale: Si tratta di un codice elettronico creato da un protocollo di crittografia a chiave e allegato a un documento trasmesso elettronicamente. Può essere utilizzato per una varietà di scopi diversi, inclusa la verifica dei pacchetti di dati e la convalida dell’ID.

Grafico aciclico diretto (DAG): Un DAG rappresenta essenzialmente un grafico basato su proprietà unidirezionali + non ripetitive.

Dildo: Un dildo è una formazione di barre a forma di candela di colore verde o rosso (a seconda dell’azione del prezzo della criptovaluta in questione).

Consenso distribuito: È un concetto che si occupa di vari computer in una rete che lavorano insieme per arrivare a un consenso comune senza l’uso di un’entità di governo centrale.

Attacco Distributed Denial of Service (DDoS): È un metodo di attacco utilizzato dagli hacker per rendere le risorse native di una macchina non disponibili per i suoi proprietari. Non solo, gli attacchi DDoS servono anche a interrompere i servizi della sua macchina host sovraccaricando il pool di richieste native del sistema.

Libro mastro distribuito: È un libro mastro in cui i dati vengono salvati in una vasta gamma di posizioni decentralizzate (o nodi).

Tecnologia di registro distribuito (DLT): Questa è la struttura sottostante dei registri distribuiti che consente loro di funzionare così come fanno.

Rete distribuita: È un ecosistema digitale la cui potenza di elaborazione e le informazioni sono distribuite su un insieme di nodi. Una rete di questo tipo non richiede l’uso di un protocollo di governance centrale.

Delfino: Il termine si riferisce a un individuo che possiede una discreta quantità di risorse crittografiche. Tuttavia, rispetto a una balena, queste aziende sono considerate piuttosto minuscole.

Dominanza: A volte indicato come BTC Dominance, il termine fondamentalmente confronta la capitalizzazione totale di BTC con altre valute digitali disponibili sul mercato in un dato momento.

Doppia spesa: È una situazione in cui una particolare somma di denaro viene spesa due volte in modo illegittimo.

Dump: È l’atto di vendere tutte le proprie risorse digitali in una volta sola. Allo stesso modo, il termine dumping si riferisce a un’importante svendita di mercato (qualcosa che di solito si traduce in un movimento al ribasso del prezzo di un particolare asset).

Transazioni di polvere: Si tratta di transazioni estremamente piccole che vengono avviate da individui malvagi che stanno cercando di interrompere il normale flusso di trasmissione di una particolare rete.

DYOR: È fondamentalmente un acronimo per la frase “Do Your Own Research”. Significa che le persone dovrebbero esaminare qualcosa da vicino prima di prendere una decisione che potrebbe avere un impatto negativo su di loro in seguito.

E

ELI5: È l’acronimo della frase “Explain Like I’m 5”, che sostanzialmente implica la diffusione di un concetto nella sua accezione più semplificata.

Enterprise Ethereum Alliance (EEA): È un consorzio di sviluppatori ETH, startup e altre aziende che cercano di aiutare nell’adozione diffusa di Ethereum per applicazioni aziendali in tutto il mondo.

Emissione: È fondamentalmente la velocità con cui un progetto crittografico crea e rilascia i suoi token nativi. Il termine è anche comunemente indicato come curva di emissione e programma di emissione.

ERC-20: È uno standard di token governance associato al progetto Ethereum. Le monete ERC-20 sono progettate per essere compatibili con i contratti intelligenti e vengono utilizzate definite da un certo numero di regole.

ERC-721: Proprio come ERC-20, questo è uno standard di token progettato principalmente per token Ethereum non fungibili. Lo standard è stato introdotto nel mondo tramite un EIP che è stato implementato nel 2017. Inoltre, vale anche la pena ricordare che questo standard token consente ai contratti intelligenti di operare come token negoziabili.

Depositare in garanzia: È un termine comunemente usato dai membri del settore finanziario. Nella sua accezione più elementare, un deposito a garanzia può essere considerato come un accordo contrattuale in cui un’entità terza riceve ed eroga denaro o documenti relativi a tutte le persone principali coinvolte in un determinato affare (a seconda delle condizioni pre-progettate di l’accordo).

Etere: È la valuta digitale centrale che viene utilizzata per facilitare le transazioni in tutto l’ecosistema Ethereum.

Proposta di miglioramento di Ethereum (EIP): Come suggerisce il nome, una Ethereum Improvement Proposal (EIPs) è un documento che cerca di alterare alcuni dei principi fondamentali (come le specifiche del protocollo, l’API, ecc.) Della piattaforma Ethereum.

Ethereum Virtual Machine (EVM): Tecnicamente parlando, è una macchina virtuale completa di Turing in grado di eseguire i codici programmati esattamente come previsto.

Scambio: Uno scambio di criptovaluta (a volte indicato anche come scambio di valuta digitale) è una piattaforma che consente agli utenti di scambiare le proprie risorse crittografiche con valute legali (e viceversa).

Fondo negoziato in borsa (ETF): È un titolo creato per monitorare le prestazioni di varie attività finanziarie diverse (comprese azioni, criptovalute, obbligazioni). Un ETF, tuttavia, può essere negoziato come una singola entità, fornendo così ai proprietari molta flessibilità.

F

Rubinetto: È un sistema di ricompensa (relativo alle criptovalute) che di solito viene promosso tramite siti Web e altre app.

Fiat: Nel gergo finanziario, una valuta fiat si riferisce a una moneta a corso legale sostenuta da un’agenzia centrale (come un governo locale) che utilizza il proprio sistema bancario. Inoltre, vale anche la pena menzionare che il denaro fiat può essere rappresentato sia fisicamente che in forma digitale.

Criptovaluta ancorata a Fiat: Come il nome allude chiaramente, una criptovaluta è quella in cui l’asset in questione è supportato da una valuta emessa dalla banca, il che significa fondamentalmente che l’asset ha sempre un valore in contanti specifico.

Pesce: Un pesce si riferisce a un individuo che detiene una quantità estremamente piccola di criptovalute ed è spesso in balia di coloro che possiedono somme sostanziali di risorse digitali.

Flippening: Il termine si riferisce a una situazione immaginata in cui un giorno Ethereum supererà la capitalizzazione di mercato totale di Bitcoin.

Capovolgimento: È una strategia di investimento di base in cui un investitore acquista un bene particolare con l’unico scopo di vendere l’attività in un secondo momento per un profitto considerevole. La finestra temporale coinvolta in un simile accordo è solitamente piuttosto ridotta.

FOMO: È fondamentalmente un acronimo che, quando espanso, si legge come “paura di perdere”. Dal punto di vista degli investimenti, FOMO si riferisce a una sensazione che molti investitori potrebbero dover affrontare nei loro confronti per perdere un’opportunità di investimento redditizio.

Forchetta: Chiamato anche chain split, un fork può essere essenzialmente pensato come un processo che consente la creazione di una versione alternativa della blockchain genitrice. Inoltre, un fork del software è quello in cui sviluppatori indipendenti utilizzano il codice sorgente esistente per creare un progetto completamente nuovo (ad es. Litecoin da Bitcoin).

FUD: L’acronimo sta per “paura, incertezza e dubbio”. Può essere pensato come una strategia che ha lo scopo di influenzare la percezione generale di un certo asset crittografico, proiettato attraverso la diffusione sistematica di informazioni false.

Nodo completo: Il termine si riferisce ai nodi che contengono l’intera storia di una particolare blockchain in una posizione specifica.

Analisi fondamentale (FA): Un metodo con il quale un individuo può ricercare il valore sottostante di un bene. Questo viene fatto utilizzando diversi indicatori come la tecnologia offerta, il team dietro la piattaforma, le prospettive di crescita futura della piattaforma, ecc..

Futures: È un accordo legale che comporta l’acquisto / la vendita di una particolare merce a un prezzo che è stato fissato in precedenza.

G

Guadagni: È un termine comune che si riferisce a un aumento del valore di un determinato asset (sia esso fiat o basato su crittografia) in un determinato periodo di tempo.

Gas: Il termine è comunemente usato in relazione alla piattaforma Ethereum, poiché parla dello sforzo computazionale totale richiesto per condurre transazioni basate su ETH.

Limite di gas: È un termine che indica la “soglia di gas” che un individuo può essere disposto a spendere in relazione a una particolare transazione basata su ETH.

Prezzo del gas: Il termine si riferisce fondamentalmente al prezzo totale che un individuo può essere disposto a pagare per elaborare una transazione Ethereum. A proposito, va sottolineato che un prezzo del gas più alto di solito significa che i minatori sono forniti con maggiori incentivi a finalizzare la transazione in questione.

Blocco Genesis: Come sembra suggerire il nome, è il primo blocco di dati ad essere elaborato e convalidato in relazione a qualsiasi nuovo ecosistema blockchain.

Criptovaluta sostenuta dall’oro: È una risorsa crittografica supportata da oro reale, in modo tale che ogni unità della valuta digitale acquistata abbia una rappresentazione uguale dell’oro fisico immagazzinato da qualche parte.

Unità di elaborazione grafica (GPU): Viene comunemente definita scheda grafica. Il dispositivo è convenzionalmente utilizzato dai sistemi informatici per elaborare immagini 3D, ma negli ultimi tempi sempre più appassionati di crittografia lo utilizzano per scopi di mining.

Estrazione di gruppo: È un termine utilizzato in modo intercambiabile al posto di “mining pool”.

Gwei: È una denominazione monetaria utilizzata per rappresentare il costo di una transazione basata su Ether.

H

Hacking: Un termine comune che descrive il processo di utilizzo di un dispositivo per ottenere illegalmente l’accesso al computer di una persona di terze parti.

Dimezzamento: Il termine si riferisce a un evento in cui il totale dei bitcoin ricompensati per blocco confermato è ridotto alla metà della sua dimensione precedente.

Tappo rigido: È la quantità totale di denaro che un particolare ICO cerca di raccogliere entro la fine del suo ciclo di vita programmato.

Forcella dura: Il termine Hard Fork si riferisce a una modifica del protocollo che essenzialmente convalida tutte le transazioni che in precedenza erano considerate non valide e viceversa. Da un punto di vista tecnico, va sottolineato che questo tipo di fork richiede che tutti i nodi e gli utenti di una particolare rete aggiornino all’ultima versione del protocollo fork. Dopo la conclusione del processo, una criptovaluta si divide in due.

Funzione hash: È qualsiasi funzione digitale che può essere utilizzata per mappare dati di dimensioni arbitrarie su uno più fisso.

Potenza hash: Conosciuto anche come Hash Rate, è un termine utilizzato per misurare la potenza di calcolo totale utilizzata da una rete blockchain per funzionare in modo ininterrotto e continuo.

Portafoglio deterministico gerarchico (Portafoglio HD): È un tipo di soluzione di archiviazione che utilizza un seme principale che comprende 12 frasi mnemoniche.

Cappuccio nascosto: Si riferisce a una somma di denaro non divulgata che i progetti ICO scelgono di raccogliere tramite i loro sostenitori.

HODL: Un termine comune utilizzato dagli appassionati di criptovaluta per descrivere una strategia in cui un investitore mantiene le sue risorse crittografiche per un lungo periodo di tempo (indipendentemente da eventuali fluttuazioni di prezzo che possono verificarsi durante il periodo intermedio).

Portafoglio ospitato: È un portafoglio crittografico gestito da un’entità di terze parti affidabile.

Stoccaggio a caldo: Si tratta di un tipo di sistema di archiviazione online che utilizza chiavi private per consentire agli utenti di accedere rapidamente alle proprie proprietà digitali.

PoW / PoS ibrido: Si tratta di un protocollo operativo che fa uso di un meccanismo di consenso Proof-of-Stake e Proof-of-Work. L’approccio è molto utile per rafforzare la sicurezza complessiva di una piattaforma digitale.

Hyperledger: È un progetto lanciato dalla Linux Foundation nel 2015. Comprende una serie di blockchain open source e altri strumenti simili.

io

Immutabile: Il termine si riferisce alla proprietà di un sistema in relazione al fatto che rimane invariata anche dopo un lungo periodo.

Inflazione: Un termine finanziario che indica un aumento generale dei prezzi e una diminuzione del valore di acquisto del denaro.

Offerta iniziale di monete (ICO): È un mezzo di crowdfunding che consente a singoli imprenditori e proprietari di startup di raccogliere fondi per le loro iniziative immaginate.

Offerta iniziale di token (ITO): Proprio come gli ICO, anche gli ITO consentono ai propri utenti di raccogliere fondi, tuttavia, il loro obiettivo è più fornire agli investitori token crittografici.

Instamine: Descrive un breve periodo di tempo (in genere subito dopo il lancio di una valuta) durante il quale un enorme volume di monete o gettoni estraibili viene acquisito e distribuito agli investitori di un particolare progetto.

Procacciatore d’affari: È una persona che funge da intermediario per facilitare un accordo nel modo più agevole possibile.

J

JOMO: È letteralmente l’opposto di ciò che significa il termine FOMO. Quando espanso, JOMO legge “Joy of Missing Out”.

K

KYC: È l’acronimo del termine “Know Your Customer”. Il processo di solito prevede che un istituto finanziario raccolga dati chiave relativi ai propri clienti in modo da evitare che in futuro si verifichino problemi di riciclaggio di denaro..

L

Libro mastro: È un database di record che contiene i dettagli di varie transazioni finanziarie relative a una particolare piattaforma crittografica. I dati non possono essere modificati in alcun modo ma possono essere aggiunti a transazioni più recenti.

Leva: Un prestito offerto da un broker su una borsa durante il trading a margine per aumentare la disponibilità di fondi nelle negoziazioni.

Rete fulmini: È un protocollo di pagamento di secondo livello che funziona sopra il framework Bitcoin esistente. Nella sua essenza fondamentale, consente che le transazioni monetarie avvengano in modo più veloce e scalabile.

Ordine limite: Il termine si riferisce agli ordini che sono stati inseriti dai trader in modo da acquistare / vendere una particolare criptovaluta dopo che ha raggiunto un prezzo predeterminato. A questo proposito, vale la pena ricordare che gli ordini di mercato sono il luogo in cui un asset crittografico viene venduto al miglior prezzo disponibile.

Liquidità: È la facilità con cui una particolare criptovaluta può essere acquistata e venduta senza che il valore di mercato complessivo dell’asset sia influenzato in modo significativo.

Lungo: È una situazione in cui una persona acquisisce una particolare valuta digitale con la speranza di venderla in seguito (si spera con un margine di profitto decente).

M

Mainnet: È una blockchain indipendente che può eseguire la sua rete così come i protocolli di governance.

Mercato: È un termine generale utilizzato per delineare vari domini finanziari (come criptovalute, azioni) in cui gli investitori operano regolarmente.

Capitalizzazione di mercato: È la misura del valore di mercato totale di una valuta, ovvero maggiore è la capitalizzazione di un asset, maggiore è il suo valore.

Ordine di mercato: È il miglior prezzo di vendita disponibile di una particolare criptovaluta.

Margin Call: Il concetto di richiesta di margine entra in vigore quando il conto di un investitore scende al di sotto di una certa soglia di prezzo. È in questo momento che un broker inizia a richiedere denaro aggiuntivo in modo da mantenere un importo minimo di mantenimento affinché l’investitore continui ad acquistare / vendere risorse digitali.

Trading con margine: Si riferisce a una pratica in cui un trader di criptovalute utilizza fondi presi in prestito per facilitare i suoi acquisti digitali.

Masternodes: Un masternode si riferisce al server centrale associato a un particolare progetto che viene gestito direttamente dal proprietario del progetto. Inoltre, si può anche immaginare i masternode come nodi completi ma con funzionalità extra come il potere di anonimizzare le tx, cancellare determinati trasferimenti monetari, ecc..

Fornitura massima: Come suggerisce abbastanza chiaramente il nome, il termine può essere pensato come il numero totale di token che esisteranno mai in relazione a una particolare criptovaluta durante il suo intero ciclo di vita.

Albero Merkle: È una struttura ad albero comunemente usata in crittografia per descrivere un particolare ecosistema digitale. Come parte del diagramma, una singola foglia indica il file hash informazioni di un blocco dati nativo mentre ogni componente non foglia allude a un hash crittografico delle etichette dei suoi nodi figli.

MicroBitcoin: È semplicemente una denominazione frazionaria di Bitcoin (un milionesimo o 0,000001 BTC per l’esattezza).

Microtransazione: È una struttura aziendale in cui piccoli pagamenti monetari possono essere agevolati da un individuo per acquisire una serie di diversi beni e servizi digitali. Il concetto è ampiamente utilizzato in una varietà di domini tra cui giochi, vendita al dettaglio online, marketing, ecc.

Mineable: È una proprietà di alcune criptovalute che può essere acquisita dai miner tramite l’acquisizione di determinati codici informativi oltre che tramite la creazione di blocchi di dati.

Minatori: Si tratta di individui che contribuiscono alla crescita di una particolare blockchain tramite il processo di mining. Vale anche la pena ricordare che i minatori possono scegliere di lavorare in modo indipendente o in collaborazione con un’organizzazione consolidata su larga scala.

Estrazione: Un termine comune utilizzato per descrivere il processo mediante il quale i blocchi di dati vengono aggiunti a un particolare ecosistema blockchain attraverso la verifica delle singole transazioni. In modo simile, “mining” descrive anche il processo attraverso il quale vengono creati BTC, così come alcuni altri altcoin.

Contratto minerario: È un termine utilizzato in modo intercambiabile al posto di “cloud mining”. La tecnologia implica l’affitto / investimento di capacità di mining tramite una serie di diverse vie digitali online.

Piscina mineraria: Un mining pool è fondamentalmente una configurazione in cui un gruppo di miner si riunisce per combinare la propria potenza di calcolo in modo da estrarre insieme le risorse crittografiche. I premi di tale attività vengono solitamente distribuiti secondo determinati accordi predeterminati per evitare un conflitto di interessi in un secondo momento.

Ricompensa mineraria: È un incentivo che viene distribuito a un individuo in cambio dei suoi contributi – principalmente risorse informatiche – per l’elaborazione di transazioni blockchain relative a un particolare ecosistema crittografico. Inoltre, va sottolineato che tali premi consistono in monete di nuova emissione e commissioni tx precedentemente acquisite.

Piattaforma mineraria: È una configurazione del computer che viene utilizzata al solo scopo di acquisire valute digitali tramite il processo di mining.

Minnow: È un termine comune usato per riferirsi a una persona che possiede una quantità estremamente piccola di criptovaluta.

Servizio di miscelazione: Indicato anche come Tumbler, è una piattaforma che cerca di migliorare la privacy / anonimato generale associati a una transazione di criptovaluta, principalmente attraverso la miscelazione di valute digitali potenzialmente identificabili con quelle che sono nascenti o a cui non è associato un passato contaminato loro.

Mnemonici: Si tratta di aiuti alla memoria che possono aiutare gli utenti a ricordare determinate frasi. A questo proposito, è opportuno sottolineare che una frase mnemonica è quella che consiste in un elenco di parole che possono essere utilizzate da una persona per accedere ai propri asset di criptovaluta.

Trasmettitore di denaro: Come allude il nome, un trasmettitore di denaro è un’entità persona / biz che consente alle persone di trasferire i propri soldi (siano essi asset legali o criptovalute) ad altri in modo estremamente semplificato.

Luna: Da un punto di vista crittografico, il termine si riferisce a una situazione in cui si osserva un costante movimento al rialzo del prezzo della valuta digitale per un periodo di tempo prolungato.

Divergenza di convergenza media mobile: Comunemente indicato come MACD, è fondamentalmente uno strumento analitico comunemente utilizzato dagli appassionati di crittografia per stabilire una relazione tra due medie mobili di prezzo separate. Da un punto di vista tecnico, possiamo vedere che un calcolo MACD viene effettuato sottraendo l’EMA a 26 giorni di un particolare asset dalla sua EMA a 12 giorni.

Mt. Gox: È stato uno dei primi scambi di criptovaluta al mondo a consentire agli appassionati di criptovaluta di scambiare liberamente Bitcoin in modo totalmente semplice. Nel 2014, la piattaforma è stata costretta a chiudere dopo che è emerso che gli hacker erano in grado di farsi strada con oltre 850.000 BTC delle partecipazioni dell’azienda.

Multi-firma: Denominati anche indirizzi multisig, questi identificatori univoci aiutano a fornire agli utenti un ulteriore livello di sicurezza.

N

Rete: Un termine comune che si riferisce a una raccolta di tutti i nodi che possono essere presenti all’interno di un particolare ecosistema crittografico in un dato momento.

Nodo: È essenzialmente un componente blockchain che viene fornito completo di una copia completa delle informazioni di registro del sistema.

No-monete: Un no-coiner è un individuo che non possiede alcun asset digitale nel proprio portafoglio finanziario ed è dell’opinione che il mercato delle criptovalute sia destinato a implodere a breve.

Non detentivo: È un termine comunemente usato quando si parla di archiviazione delle chiavi del portafoglio. A questo proposito, una configurazione non detentiva è quella in cui le chiavi private associate a un particolare account sono detenute dal proprietario delle risorse e non da entità di terze parti.

Nonce: Il termine nonce viene comunemente utilizzato quando un determinato tx è stato sottoposto a hashing da un miner.

O

Valuta fuori registro: È una risorsa digitale che è stata ideata al di fuori di un registro blockchain specificato.

Archiviazione offline: È un concetto che si occupa dell’archiviazione di asset crittografici su un dispositivo che non è in alcun modo collegato attivamente a Internet. Ciò consente agli utenti di essere protetti meglio dai tentativi di hacking di terze parti.

Valuta in contabilità: È una risorsa digitale che viene creata e utilizzata sullo stesso sistema blockchain. Bitcoin è un perfetto esempio di una tale valuta,

Archiviazione in rete: È un mezzo per archiviare le proprie risorse digitali su un dispositivo collegato a Internet. Sebbene tali piattaforme siano comode da usare, di solito sono più suscettibili alle intrusioni di terze parti.

Uno annulla l’altro ordine: Comunemente abbreviato in OCO, è uno scenario in cui un paio di ordini di acquisto vengono inseriti insieme per la stessa criptovaluta.

Aperto chiuso: Aperto si riferisce a una finestra temporale in cui il prezzo del bitcoin (o di qualsiasi criptovaluta) viene aperto al pubblico per il commercio regolare. Allo stesso modo, la chiusura delinea una finestra di opportunità che è esattamente l’opposto di ciò che rappresenta il termine “aperto”.

Open Source: È un tipo di software che può essere liberamente modificato, distribuito e studiato da chiunque per qualsiasi motivo ritenga opportuno.

Opzione: Nella sua essenza, un ‘”opzione” è fondamentalmente un contratto che fornisce agli investitori il permesso di acquistare o vendere un’attività sottostante a uno specifico prezzo di esercizio. A questo proposito, va sottolineato che ci sono opzioni americane ed europee – con la prima disponibile per l’uso in qualsiasi momento prima della sua scadenza mentre la seconda può essere impiegata solo al momento della sua scadenza.

Mercato delle opzioni: È una piattaforma di trading pubblica in cui le opzioni possono essere scambiate liberamente. Non solo, un mercato delle opzioni offre agli acquirenti l’opportunità di acquistare / vendere asset crittografici a valori di esercizio specificati (anche prima di una data di scambio prestabilita).

Oracoli: Si tratta di entità digitali a cui è affidata la responsabilità di trovare e verificare dati specifici relativi alla blockchain.

Orfano: Nel gergo digitale, il termine allude fondamentalmente a un blocco di dati valido su una determinata blockchain che non è affiliato direttamente con la catena principale. Tali entità di solito nascono quando due minatori producono un blocco contemporaneamente o quando un cattivo attore cerca di invertire le transazioni in modo illegale.

Ipercomprato: Un termine comunemente usato che si riferisce a una valuta che è stata acquisita da un numero crescente di investitori in un determinato periodo di tempo.

Ipervenduto: Come suggerisce chiaramente il nome, il termine ipervenduto entra in vigore quando una criptovaluta è stata venduta da un numero sempre maggiore di investitori in un certo periodo di tempo – con il prezzo dell’asset che diminuisce durante la suddetta durata.

Sul bancone: Comunemente abbreviato come OTC, il termine è usato per descrivere una transazione che è facilitata in modo indipendente (principalmente in modo P2P) senza l’uso di uno scambio di criptovaluta intermedio. Questa modalità di trasferimento è comunemente utilizzata nei paesi, regioni in cui le piattaforme di trading digitale non sono legali.

P

Paio: Nel suo senso più elementare, una coppia si riferisce a uno scambio che avviene tra due attività finanziarie distinte (esempio BTC / USD, BTC / ETH).

Portafoglio di carta: È una soluzione di archiviazione crittografica fisica di base che contiene la chiave privata di un utente.

Peer to Peer (P2P): È una modalità di interazione decentralizzata che avviene tra due parti che operano all’interno di una rete distribuita.

Libro mastro autorizzato: Come suggerisce chiaramente il nome, si tratta di un sistema di registro che viene fornito pre-costruito con alcune restrizioni in modo che solo poche persone con l’autorizzazione richiesta possano accedervi.

Piattaforma: È un termine vago che può essere utilizzato per descrivere un servizio digitale specifico, uno scambio di criptovaluta o qualsiasi altro mezzo correlato a una serie di domini tecnologici definiti.

Schema Ponzi: È uno schema fraudolento perpetrato da un’azienda o da una startup. Implica che agli investitori vengano promessi premi / incentivi interessanti per l’onboarding di nuove reclute.

Portafoglio: È una raccolta di valute digitali detenute da un individuo o da un collettivo di investimento (come un hedge fund).

Pre-mine: Il termine pre-mining viene utilizzato quando una frazione (o l’intero importo) della fornitura di token di un progetto viene generata prima del suo lancio pubblico. La pratica viene solitamente utilizzata per scopi come il crowdfunding e il marketing.

Prevendita: Come suggerisce il nome, è una vendita facilitata prima che un ICO sia reso disponibile alle masse.

Chiave privata: È un codice digitale che viene generato attraverso l’uso di vari processi di crittografia asimmetrica. Una chiave privata, se utilizzata insieme a una chiave pubblica, può essere utilizzata per decrittografare alcuni dati sensibili.

Prova di autorità: Indicato come PoA all’interno dei circoli crittografici, è un meccanismo di consenso noto per fornire agli utenti velocità di trasmissione elevate (facendo uso dell’identità del partecipante in gioco).

Prova di bruciatura: PoB è un meccanismo di consenso che cerca di eseguire il bootstrap da una blockchain a un’altra assicurandosi che venga riscosso un certo costo durante il processo di masterizzazione del token nativo.

Prova di sviluppatore: È un protocollo di consenso blockchain che fornisce agli utenti la prova di un vero sviluppatore di software vivente coinvolto nella creazione di una particolare criptovaluta.

Proof-of-Stake (PoS): Uno dei meccanismi di consenso blockchain più comunemente usati nel mondo oggi, il protocollo PoS fa uso di un nuovo framework operativo in cui un creatore di blocchi viene scelto attraverso una selezione casuale di alcuni fattori chiave tra cui ricchezza, età delle monete puntate, ecc..

Prova di lavoro (PoW): È un meccanismo di consenso blockchain che richiede agli utenti di risolvere determinati enigmi e codici matematici per convalidare le transazioni native (nonché per la creazione di nuovi blocchi).

Protocollo: È un termine comune che cerca di definire un insieme di regole che vengono utilizzate per governare particolari interazioni su uno specifico ecosistema digitale. Da un punto di vista crittografico, un protocollo prevede l’uso di determinati meccanismi di consenso, validatori di tx, ecc.

Pseudonimo: È un termine inglese che descrive l’uso di un’identità anonima da parte di un individuo per vari motivi legati alla privacy (esempio: Satoshi Nakamoto)

Indirizzo pubblico: È una posizione digitale che consente agli utenti di facilitare una richiesta di pagamento in modo semplificato e senza problemi. Da un punto di vista più tecnico, possiamo definire un indirizzo pubblico come un hash crittografico associato a una particolare chiave pubblica.

Blockchain pubblica: È una rete blockchain a cui chiunque può accedere indipendentemente dalla sua autorizzazione e autorizzazione di sicurezza.

Schema pompa e scarico: È una forma di frode in cui il prezzo di una criptovaluta viene gonfiato artificialmente in modo da far sembrare che l’asset stia aumentando. Dopo che la percezione del mercato della valuta è stata alterata, le parti coinvolte procedono quindi a scaricare l’asset per un prezzo più alto.

Q

QR Code: È un’etichetta digitale che può essere interpretata da una macchina IR in modo da acquisire una serie di dati importanti relativi alla merce in questione. In relazione alle criptovalute, i codici QR sono più comunemente usati per condividere gli indirizzi del portafoglio tra gli utenti.

R

Rete Raiden: È una popolare soluzione di ridimensionamento che funziona completamente fuori catena. Da un punto di vista tecnico, va sottolineato che la rete Raiden consente di effettuare trasmissioni quasi istantanee addebitando agli utenti costi di elaborazione minuscoli

Libro mastro replicato: È fondamentalmente una copia del registro distribuito nativo di una rete.

Rango: Il termine si riferisce alla posizione di mercato relativa di un asset crittografico in relazione alla sua capitalizzazione di mercato totale.

REKT: Un gergo comune che è una versione abbreviata della parola “distrutto”. È comunemente usato quando un investitore subisce enormi perdite a causa delle sue scarse scelte di investimento.

Indicatore di retromarcia: Un indicatore inverso si riferisce a un individuo le cui scelte di mercato sono così scarse da poter essere utilizzato come esempio di come non investire le proprie risorse.

Firma dell’anello: È un protocollo digitale che fonde gli ingressi relativi a più firmatari con quelli del mittente originale in modo da aumentare la sicurezza complessiva del sistema.

ROI: Conosciuto anche come “Ritorno sull’investimento”, il termine allude fondamentalmente al rapporto che esiste tra l’utile netto e il costo di investimento.

Indice di forza relativa: RSI è un grafico tecnico che consente agli utenti di misurare la velocità e i movimenti di prezzo associati a varie criptovalute. Inoltre, va sottolineato che lo strumento di analisi è stato ideato da J. Welles Wilder.

S

Satoshi: È la denominazione più piccola possibile di Bitcoin. Ogni Satoshi rappresenta un valore di 0,00000001 BTC.

Satoshi Nakamoto: Il creatore pseudonimo di Bitcoin la cui vera identità non è stata confermata fino ad oggi.

Truffa: Uno schema fraudolento che utilizza una falsa criptovaluta o una via di raccolta fondi (come un ICO).

Scrypt: È un algoritmo basato su PoW che funge da alternativa perfetta al protocollo SHA-256 ampiamente utilizzato per il mining di Bitcoin. Da un punto di vista tecnico, vale la pena ricordare che l’algoritmo dipende principalmente dalla memoria di un computer piuttosto che dalla sua potenza di elaborazione.

Soluzioni di secondo livello: Si tratta di varie soluzioni che sono state ideate in cima a blockchain pubbliche esistenti in modo da migliorare il loro potenziale di scalabilità esistente e l’efficienza complessiva. Lightning Network è un perfetto esempio di tale strumento.

Securities and Exchange Commission: La SEC è un’agenzia di regolamentazione con sede negli Stati Uniti che cerca di far rispettare le leggi locali relative al mercato dei titoli e delle azioni / opzioni.

Seme: È considerato il punto di partenza in cui un individuo cerca di accedere al proprio portafoglio (portafoglio deterministico per l’esattezza). A questo proposito, va sottolineato che una frase seme comprende un insieme di parole che consentono agli utenti di eseguire il backup o il ripristino di uno dei loro portafogli esistenti.

Testimone segregato: È una proposta di miglioramento dei bitcoin (BIP) progettata per risolvere il problema della malleabilità del tx che ha afflitto la rete Bitcoin per molto tempo in passato. Da un punto di vista più tecnico, SegWit ha cercato di modificare le informazioni di “testimone” relative ai singoli blocchi di dati separando la firma e il contenuto del blocco.

Estrazione egoista: Come il nome allude chiaramente, Selfish Mining si riferisce a una situazione in cui un minatore acquisisce dati relativi a un nuovo blocco senza trasmettere queste informazioni ad altri partecipanti alla rete.

Vendi Wall: Un muro di vendita si riferisce a una situazione in cui è stato raggiunto un massiccio ordine limite (per quanto riguarda la vendita di un particolare asset crittografico). La tattica viene utilizzata dai trader per far sembrare che la domanda di un particolare asset crittografico non sia poi così tanto anche se nella vita reale la valuta potrebbe essere estremamente popolare e ricercata.

Catena laterale: Si riferisce a un sistema di registro decentralizzato che funziona all’unisono con una blockchain principalmente. Tuttavia, un punto chiave che vale la pena notare qui è che la catena laterale è in grado di funzionare indipendentemente dalla blockchain centrale utilizzando il proprio set di protocolli e meccanismi operativi.

Verifica del pagamento semplificata: È un client non ad alta intensità di memoria che può essere utilizzato per verificare le transazioni blockchain senza la necessità di acquisire dati relativi alle intestazioni dei blocchi e ai PoI.

SHA-256: È una funzione hash che utilizza una firma crittograficamente protetta a 256 bit. Il framework di base per questo algoritmo è stato ideato dalla NSA.

Sharding: Un concetto che cerca di aiutare nel ridimensionamento ottimale di un ecosistema blockchain dividendo i suoi stati contenenti e la cronologia delle transazioni, in modo che entrambe queste entità possano essere elaborate parallelamente l’una con l’altra.

Scellino: Si riferisce all’atto di una singola persona o gruppo che promuove un particolare progetto crittografico con eccessivo entusiasmo.

Shitcoin: Una criptovaluta che non ha alcun caso d’uso apparente ad essa correlato.

Corto: Una tecnica comunemente impiegata dai trader in cui prendono in prestito un asset con l’unico obiettivo di venderlo. Tuttavia, affinché la configurazione funzioni effettivamente, il valore dell’asset in questione deve continuare a diminuire.

Via della Seta: Un popolare mercato del deep web che è stato chiuso dall’FBI un paio di anni fa. Utilizzando Silk Road, un certo numero di malintenzionati potrebbe facilitare le loro transazioni online utilizzando BTC (così come una miriade di altre risorse digitali).

Contratto intelligente: Uno smart contract è un protocollo informatico destinato a facilitare, verificare o applicare un contratto sulla blockchain senza la necessità di un intermediario di terze parti.

Cappuccio morbido: È l’importo minimo di denaro che un progetto ICO desidera raccogliere. A proposito, va sottolineato che nel caso in cui una ICO non raggiunga questa soglia, il progetto potrebbe essere del tutto demolito.

Forchetta morbida: Si tratta di un aggiornamento del protocollo in cui le transazioni valide meno recenti associate a una particolare piattaforma vengono rese non valide. Tuttavia, affinché tale modifica possa essere applicata, la maggior parte dei miner affiliati a un particolare ecosistema crittografico deve aggiornare il proprio software di mining simultaneamente.

Solidità: È il nome di un linguaggio di programmazione utilizzato dagli sviluppatori basati su Ethereum per ideare contratti intelligenti unici.

Individuare: È un contratto che prevede l’acquisto / la vendita di criptovalute. A questo proposito, un mercato spot si riferisce a una piattaforma di trading pubblica in cui le attività crittografiche possono essere scambiate per il regolamento immediato.

Stablecoin: Un asset crittografico il cui valore è ancorato a un asset del mondo reale come una valuta fiat o un metallo prezioso. Di conseguenza, una stablecoin ha una volatilità estremamente bassa.

Picchettamento: È un metodo che coinvolge un individuo che mette i suoi token sulla linea per fungere da validatore per un particolare ecosistema blockchain.

Blocco vecchio: Un blocco di dati che è stato estratto con successo ma non incluso nell’attuale blockchain più lunga. Questo di solito accade a seguito dell’aggiunta di un altro blocco (della stessa altezza) alla catena primaria.

Canale di stato: Un’altra popolare soluzione di scalabilità di secondo livello che aiuta a ridurre il numero totale di transazioni on-chain associate a un particolare ecosistema blockchain.

Simbolo: È il ticker digitale associato a una particolare criptovaluta. Ad esempio, il simbolo di Bitcoin è BTC.

T

Macchia: Si riferisce alla percentuale totale di criptovaluta detenuta in un particolare account (che a sua volta può essere ricondotta a un altro account).

Groviglio: È un’alternativa blockchain che è stata ideata da IOTA. Il sistema fa uso di DAG (grafi aciclici diretti) ed è resistente al calcolo quantistico.

Testnet: Il termine “Testnet” si riferisce a una blockchain alternativa che viene comunemente impiegata dagli sviluppatori solo a scopo di test.

Analisi tecnica: È un metodo di valutazione che fa uso di dati statistici relativi all’attività di un particolare settore di mercato. Utilizzando gli strumenti relativi all’AT, gli utenti possono isolare determinati modelli specifici che possono essere utilizzati per prendere decisioni di investimento ben informate.

Pensa a lungo termine: È una mentalità in cui un investitore pensa in termini di mesi o anni (anziché giorni) in relazione al suo investimento.

Ticker: È un simbolo abbreviato (ed BTC) che viene comunemente utilizzato in relazione alle criptovalute a scopo identificativo.

Timelock: Una condizione preimpostata che cerca di far avanzare una transazione solo dopo che è stata raggiunta un determinato blocco o se è stata raggiunta una determinata finestra temporale.

Timestamp: Un modulo che consente di visualizzare senza problemi i dati identificativi relativi a una particolare transazione.

Gettone: È un’unità di scambio digitale progettata per possedere determinate qualità transazionali e può essere utilizzata all’interno di un ecosistema crittografico più ampio. Inoltre, va sottolineato che un token non ha intrinsecamente il potenziale per fungere da riserva di valore, ma può essere utilizzato per creare nuove soluzioni software attorno ad esso.

Evento di generazione del token: Un momento in cui un gettone viene emesso e reso disponibile alle masse per l’acquisizione.

Tokenizza: Si riferisce al processo mediante il quale le risorse del mondo reale possono essere convertite in entità digitali. Ciò consente di offrire prodotti fisici a diversi proprietari in modo completamente semplice e semplificato.

Tor: Un software gratuito che consente agli utenti di navigare in rete in modo estremamente sicuro e privato. Il browser tor utilizza una rete di relè volontari per nascondere una serie di dati relativi alla posizione / ai cookie associati ai suoi utenti..

Fornitura totale: Come suggerisce il nome in modo abbastanza evidente, il termine “fornitura totale” si riferisce al numero massimo di monete relative a un progetto che può essere in atto in un dato momento. Tuttavia, la somma non include le monete che potrebbero essere state bruciate in modo verificabile.

Volume degli scambi: È la quantità totale di criptovaluta relativa a un particolare progetto che è stata scambiata nel corso delle ultime 24 ore.

Transazione: Abbreviato in tx, è l’atto attraverso il quale due possessori di criptovalute possono scambiarsi risorse digitali tra loro.

Costo della transazione: Un piccolo pagamento che deve essere effettuato affinché una transazione venga elaborata all’interno di una blockchain.

Trustless: È di proprietà di una piattaforma blockchain facilitare le transazioni senza che nessuno dei partecipanti debba fidarsi l’uno dell’altro.

Bicchiere: È un altro termine usato per descrivere un “servizio di miscelazione”.

Turing-Complete: Turing-complete è un concetto che si occupa della capacità di un dispositivo di eseguire determinati calcoli che nessun’altra macchina è in grado di gestire. La macchina virtuale Ethereum è un ottimo esempio di tale dispositivo.

U

Non confermato: Si riferisce a uno stato in cui una particolare trasmissione monetaria non è stata ancora aggiunta alla blockchain.

Libro mastro non autorizzato: Un altro termine che si riferisce fondamentalmente a una blockchain di natura completamente pubblica.

Output della transazione non speso: UTO è un output associato a una transazione blockchain che deve ancora essere speso, quindi, può essere utilizzato come protocollo di input per i nuovi tx.

Ora UTC: È lo standard temporale utilizzato dalla maggior parte delle aziende in tutto il mondo per facilitare le comunicazioni globali in modo sistematico.

V

Validatore: Un individuo coinvolto nella convalida dei blocchi di dati (per scopi di acquisizione di incentivi) all’interno di un ecosistema blockchain PoS.

Vanity Address: È un indirizzo di portafoglio pubblico che utilizza lettere e numeri personalizzati che sono stati scelti dal proprietario della soluzione di archiviazione.

Vaporware: Un progetto che non vede mai la luce.

Capitale di rischio: Un tipo di private equity che di solito viene distribuito a startup e altre piccole imprese che si ritiene abbiano un futuro brillante davanti a sé.

Bitcoin vergine: Un Bitcoin che è incontaminato e non è mai stato utilizzato per facilitare alcuna transazione monetaria (illegale o meno).

Volatilità: Il termine si riferisce al potenziale innato di una valuta di assistere a intense oscillazioni di prezzo in un determinato periodo di tempo.

Volume: La quantità totale di criptovaluta che è stata eseguita in un determinato periodo di tempo (ad esempio: 24 ore, 7 giorni, ecc.). Da un punto di vista tecnico, possiamo vedere che il volume riflette la direzione in cui un particolare asset (o il mercato nel suo insieme) può dirigersi.

W

Portafoglio: È un dispositivo di archiviazione digitale che può essere utilizzato per archiviare criptovalute. Non solo, un portafoglio può anche essere utilizzato per inviare / ricevere risorse digitali in modo fluido e senza problemi. Possono essere suddivisi principalmente in due categorie centrali, ovvero hosted e cold wallet.

Wash Trade: Una tattica di inganno del mercato attraverso la quale gli investitori sono in grado di stabilire un’attività artificiale vendendo / acquistando allo stesso tempo determinati asset digitali.

Watchlist: Come suggerisce il nome, una watchlist si riferisce a un piccolo insieme di risorse crittografiche che un utente vorrebbe seguire quotidianamente In questi giorni, la funzione è stata incorporata in una serie di famose piattaforme e siti Web di criptovaluta.

Mani deboli: Una persona nota per il panico vende ogni volta che un calo dei prezzi appare all’orizzonte.

Wei: È la più piccola unità divisibile di un token ETH. Un Ether è uguale a 1000000000000000000 Wei.

Balena: Un termine comune utilizzato per descrivere un investitore che possiede un’enorme quantità di criptovalute, tanto che può facilmente manipolare il mercato con una vendita importante.

Lista bianca: Si riferisce a una raccolta di individui che prendono parte a un ICO con l’intenzione di acquistare una discreta quantità di token.

Carta bianca: Un documento tecnico preparato dai membri di una startup crypto per presentare al mondo una visione chiara di ciò che il loro progetto cerca di realizzare nel breve, medio e lungo termine.

Y

ANNO CORRENTE: È un’abbreviazione per il termine “Year-to-Date”.

Z

Transazione di conferma zero: È un concetto che può essere utilizzato in modo intercambiabile al posto del termine “transazione non confermata”.

Prova di conoscenza zero: È un concetto comunemente usato in crittografia. In poche parole, uno ZKP cerca di facilitare le comunicazioni tra due parti senza che il mittente debba rivelare nessuno dei contenuti del trasferimento.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map