ETF sulle materie prime: tutto ciò che devi sapere

Gli ETF sulle materie prime offrono agli investitori uno dei modi più semplici per investire nel mercato delle materie prime, sia in singole materie prime che in indici di materie prime. Questa è una buona notizia perché investire direttamente nelle materie prime può essere un processo complesso e dispendioso in termini di tempo.

Cosa sono le materie prime?

Le materie prime sono beni fisici, materiali naturali o prodotti agricoli. Le materie prime scambiate sono ampiamente utilizzate e fungibili, in altre parole un’unità è più o meno uguale a un’altra. Sono anche conosciuti come risorse o materiali di base.

Il mercato delle materie prime è solitamente suddiviso nelle seguenti tre categorie:

  • Metalli, costituiti sia da metalli preziosi come argento e oro, sia da metalli di base come ferro, rame e zinco.
  • Le materie prime energetiche includono petrolio, gas e carbone.
  • I prodotti agricoli includono bestiame come il bestiame e prodotti morbidi come cotone, mais e grano.

Le materie prime sono una classe di attività distinta che può essere utilizzata per diversificare un portafoglio di azioni e obbligazioni. I prezzi delle materie prime hanno una correlazione relativamente bassa con altre attività e possono fungere da copertura contro l’inflazione.

Cosa sono gli ETF sulle materie prime?

I fondi negoziati in borsa sono trust quotati che possiedono un paniere di altri titoli. Possono essere scambiati proprio come le azioni e consentono agli investitori di acquistare un portafoglio di attività con una sola operazione. Questo è sia più economico che più facile rispetto alla creazione di un portfolio da zero. Puoi saperne di più sugli ETF qui.

Alcuni ETF sulle materie prime investono in indici sulle materie prime nello stesso modo in cui gli ETF azionari investono nell’indice azionario. Tuttavia, alcuni degli ETF sulle materie prime più scambiati investono in una sola materia prima.

Materie prime fisiche vs futures su materie prime

Investire in materie prime introduce nuove sfide. Strumenti finanziari come azioni e obbligazioni presentano poche sfide logistiche poiché esistono solo in formato digitale o cartaceo. Il trading e gli investimenti in materie prime introducono problemi del mondo reale come il trasporto, lo stoccaggio, la sicurezza e l’assicurazione.

Queste sfide logistiche significano che la maggior parte degli scambi di materie prime avviene nel mercato dei futures. I contratti future rappresentano un’obbligazione ad acquistare o vendere un’attività in una data futura. In pratica, tuttavia, i contratti futures possono essere chiusi prima della scadenza o integrati in un contratto con una data di scadenza ulteriormente nel futuro.

Alcuni ETF detengono materie prime fisiche mentre altri detengono contratti futures o una combinazione dei due.

Backwardation e roll yield negativo

Quando gli investitori utilizzano contratti futures per acquisire esposizione a una merce, può verificarsi un fenomeno chiamato backwardation. Ciò accade quando gli investitori passano da contratti che scadono presto a contratti che scadono in una data successiva. Il risultato è che i contratti prossimi vengono scambiati con uno sconto sull’attività sottostante, mentre i contratti a più lungo termine vengono scambiati con un premio. Spostare costantemente una posizione da un contratto all’altro può diventare un esercizio costoso. Questo è noto come rendimento del rotolo negativo.


Se un ETF utilizza contratti futures per l’esposizione alle materie prime, la backwardation può essere un ostacolo alla performance. Se prevedi di investire in ETF sulle materie prime, dovresti tenerne conto. Guarda come il prezzo dell’ETF replica l’indice o la merce sottostante per vedere qual è il probabile “costo” della backwardation.

ETN vs ETF

Le note negoziate in borsa (ETN) e i fondi negoziati in borsa (ETF) sono spesso utilizzati in modo intercambiabile e per la maggior parte svolgono la stessa funzione. Entrambi commerciano in borsa come azioni. Tuttavia, c’è un’importante distinzione.

Gli ETF sono trust che detengono un portafoglio di attività o, nel caso di ETF su materie prime, a volte solo una risorsa. Gli ETN sono un tipo di prodotto strutturato, simile agli strumenti di debito e alle obbligazioni. Non sono garantiti da beni, ma dall’istituzione che li emette. Gli emittenti di ETN coprono i propri obblighi detenendo attività nel proprio bilancio.

Il vantaggio degli ETN è che non vi è alcun errore di tracciamento poiché il prezzo segue semplicemente un indice. Lo svantaggio è che gli ETN comportano il rischio di controparte. Se l’emittente dovesse diventare insolvente, potrebbe non essere in grado di onorare i propri obblighi. Nella maggior parte dei casi gli emittenti sono grandi istituzioni con bilanci solidi. Tuttavia, vale la pena considerare la forza finanziaria dell’emittente.

Esempi di ETF sulle materie prime

I più grandi ETF sulle materie prime sono fondi su materie prime singole che seguono il prezzo dell’oro, dell’argento e del petrolio greggio. Infatti, dei 10 maggiori fondi di materie prime quotati negli Stati Uniti, cinque seguono il prezzo dell’oro, due seguono il prezzo del petrolio, uno traccia l’argento e uno traccia il platino.

Il più grande di questi è SPDR Gold Trust (GLD), gestito da State Street. Questo fondo detiene oro fisico per un valore superiore a $ 70 miliardi di dollari.

Il più grande ETF sulle materie prime che replica un indice di attività è il fondo Invesco Optimum Yield Diversified Commodity (PDBC). Questo fondo investe in contratti futures su 17 materie prime diverse. Viene gestito attivamente per ridurre gli effetti del rendimento negativo del rotolo.

Il più grande fondo petrolifero è lo United States Oil Fund (USO) gestito da USCF. Questo fondo replica il prezzo del petrolio greggio dolce leggero utilizzando contratti futures.

Per gli investitori in cerca di esposizione alle materie prime agricole, iPath gestisce un ETN (COW) che traccia un indice di bovini vivi e maiali e Invesco DB Agriculture Fund (DBA) investe in una gamma più ampia di prodotti agricoli.

Vantaggi degli ETF sulle materie prime

  • Gli ETF sulle materie prime sono il modo più semplice per possedere materie prime.
  • Gli ETF sulle materie prime sono in genere più economici dei fondi comuni di investimento sulle materie prime.
  • Le materie prime hanno una correlazione relativamente bassa con altre classi di attività e possono quindi diversificare un portafoglio e ridurre la volatilità complessiva.
  • Le materie prime tendono a fungere da copertura contro l’inflazione.

 Svantaggi degli ETF sulle materie prime

  • Investire in materie prime fisiche può essere costoso. Questi costi possono influire sulle prestazioni.
  • Gli ETF che investono in future su materie prime possono soffrire di un rendimento roll negativo.
  • I prezzi delle materie prime sono più volatili rispetto ad altre classi di attività. Un’allocazione alle materie prime dovrebbe essere di dimensioni limitate per offrire vantaggi di diversificazione efficaci.
  • Gli ETN comportano il rischio di controparte.

Broker ETF consigliato

ETF sulle materie prime: tutto ciò che devi sapere

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map