Fondi indicizzati vs. ETF: tutto ciò che gli investitori dovrebbero sapere

Fondi indicizzati vs ETF

I fondi indicizzati sono fondi comuni di investimento gestiti passivamente e seguono un indice. Ciò può creare una certa confusione poiché i fondi comuni di investimento sono solitamente gestiti attivamente, mentre gli Exchange Traded Fund (ETF) sono generalmente gestiti passivamente. Questo post dovrebbe aiutarti a capire la distinzione tra fondi indicizzati ed ETF.

I fondi comuni di investimento (compresi i fondi indicizzati) e gli ETF sono entrambi tipi di fondi gestiti professionalmente che raccolgono il capitale di più investitori. La differenza più grande è che mentre gli ETF sono quotati e negoziati come azioni, i fondi comuni di investimento non lo sono.

I fondi gestiti attivamente sono gestiti da un gestore di fondi che prende decisioni di investimento su base continuativa nel tentativo di sovraperformare un indice, o “mercato”. Al contrario, i fondi gestiti passivamente sono progettati per rispecchiare un indice in modo che la performance del fondo replichi il più fedelmente possibile la performance dell’indice. L’investimento passivo è anche noto come indicizzazione: in effetti, il termine indicizzazione è stato coniato per primo.

Si potrebbe effettivamente dire che gli ETF sono fondi indicizzati poiché sono fondi che replicano un indice. Tuttavia, il termine fondo indicizzato viene generalmente utilizzato per fare riferimento a fondi comuni di investimento gestiti passivamente e ai fini di questo post quando diciamo fondo indicizzato ci riferiamo a fondi comuni di investimento che replicano l’indice.

La storia dei fondi indicizzati

I primi fondi comuni di investimento furono lanciati negli anni ’20. Fu solo nel 1975 che fu lanciato il primo fondo indicizzato, sebbene questo fosse ancora circa 18 anni prima che emergessero gli ETF.

Il primo fondo indicizzato è stato lanciato da Jack Bogle, considerato da molti il ​​padre dell’investimento passivo. Il fondo che ha seguito la S&L’indice P 500 era inizialmente chiamato First Index Investment Trust. Il suo nome è stato successivamente cambiato in Vanguard 500 Index Fund ed esiste ancora oggi, sebbene sia chiuso a nuovi investitori.

Differenze tra i fondi indicizzati & ETF

I fondi indicizzati e gli ETF svolgono la stessa funzione e, dal punto di vista del gestore del fondo, in realtà c’è pochissima differenza. Tuttavia, dal punto di vista degli investitori, ci sono alcune differenze dovute alla loro struttura legale e al modo in cui vengono scambiati. Per una ripartizione più completa delle differenze tra fondi comuni di investimento ed ETF, puoi leggere il nostro precedente post sull’argomento.

Le seguenti sono le notevoli differenze tra i fondi indicizzati e gli ETF dal punto di vista dell’investitore.

Prezzi

I fondi indicizzati hanno un prezzo una volta al giorno e tutte le transazioni si basano sul NAV (valore patrimoniale netto) del fondo in quel momento. Quando investi in un fondo indicizzato o riscatti le tue quote di un fondo indicizzato, la transazione si baserà sul valore esatto delle attività che tali quote rappresentano.

Gli ETF sono quotati in borsa come le altre azioni e vengono scambiati durante il giorno. Quando acquisti un ETF, paghi il prezzo di offerta e quando vendi un ETF ricevi il prezzo di offerta. Il prezzo di offerta sarà in genere leggermente superiore al NAV, mentre il prezzo di offerta sarà in genere leggermente inferiore al NAV. Lo spread denaro-lettera è quindi una spesa aggiuntiva per gli investitori in ETF. Più un ETF e i suoi titoli sottostanti sono liquidi, più il fondo si avvicinerà al suo NAV e più stretto sarà lo spread denaro-lettera.


Tempi di negoziazione

Come accennato, gli ETF vengono scambiati durante il giorno, mentre i fondi indicizzati vengono negoziati solo una volta al giorno, di solito al prezzo di chiusura. Ciò significa che solo gli ETF sono adatti per i trader attivi. In effetti, chiunque desideri cronometrare il proprio scambio nel corso di una giornata dovrà negoziare ETF.

Puoi anche negoziare ETF con un ordine limite, il che significa che il tuo scambio verrà eseguito solo se raggiunge il prezzo a cui sei felice di negoziare.

Commissioni

Poiché gli ETF sono negoziati in borsa, una commissione è dovuta all’intermediario di borsa. Questo era un problema importante, ma ora le commissioni sono molto basse e fanno una differenza considerevole solo se il valore del trade è piuttosto basso.

Alcuni fondi indicizzati addebitano commissioni anticipate, ma è anche possibile trovare un fondo indicizzato che non addebiti commissioni.

Distribuzioni

Gli ETF di solito distribuiscono agli investitori tutti i dividendi pagati dalle società del fondo. Se vuoi reinvestire quei soldi nel fondo dovrai acquistare nuove azioni e dovrai pagare un’altra commissione per farlo.

Alcuni fondi indicizzati reinvestono automaticamente i dividendi nelle azioni dell’indice. Ciò significa che le distribuzioni vengono reinvestite per tuo conto, senza commissioni. Questi fondi sono chiamati fondi ad accumulazione, mentre i fondi di distribuzione pagano dividendi agli investitori.

Dimensione minima del commercio

La dimensione minima di scambio per gli ETF è il valore di una quota. I fondi comuni di investimento in genere hanno un importo minimo che può essere investito. Ciò dipenderà dal fatto che si tratti di un investimento forfettario o di un ordine di addebito ricorrente, ma il minimo può essere compreso tra $ 50 e $ 10.000. Detto questo, per la maggior parte degli indici, probabilmente troverai un fondo indicizzato all’estremità inferiore di quella scala.

Puoi anche investire in un fondo indicizzato utilizzando addebiti diretti programmati regolarmente. Questo è possibile ma leggermente più complicato per gli investitori in ETF.

Broker ETF consigliato

Fondi indicizzati vs. ETF: tutto ciò che gli investitori dovrebbero sapere

Conclusione

Per la maggior parte i fondi indicizzati e gli ETF hanno lo stesso scopo, sebbene le lievi differenze significano che ci sono alcune situazioni in cui uno è più adatto dell’altro. Gli ETFS sono generalmente più adatti agli investitori attivi e agli investitori che desiderano un maggiore controllo sull’esecuzione. I fondi comuni di investimento sono adatti agli investitori a lungo termine ea coloro che desiderano investire a intervalli regolari utilizzando un addebito diretto.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map