10 Paesi con il maggior numero di Bitcoin Hodlers

Ci sono molte speculazioni su chi detiene il maggior numero di criptovalute e quali sono i più grandi hodler di Bitcoin. Alcuni credono che la maggior parte di loro sia di proprietà di grandi borse, fondi o società minerarie che usano la loro posizione per influenzare il mercato a loro favore. Un fatto comune di Bitcoin è che questi sono spesso indicati come “balene” – grandi investitori in criptovalute, che di solito sono istituzioni come Hedge Fund e Fondi di investimento che spesso causano “ondate” nel mercato per gli investitori di piccole dimensioni.

Unisciti al futuro della criptovaluta e scambia le tue monete preferite Binance!

Tuttavia, ci sono anche molti utenti che attraverso il loro investimento collettivo in Bitcoin hanno messo alcuni paesi sulla mappa crittografica per possedere quantità significative della moneta digitale. Vari studi e analisi statistiche, tra cui quella realizzata da Statista, indicano che le cose non sono così tristi e che in realtà ci sono molti investitori crittografici che possiedono e HODL BTC.

Anche se c’è ancora molto da fare per ottenere l’adozione mainstream, l’interesse è in aumento e stanno iniziando ad apparire sempre più applicazioni e usi nella vita reale.

I più grandi Bitcoin Hodlers

Abbiamo creato un elenco dei paesi che hanno il maggior numero di HODLer Bitcoin.

Bitcoin Hodlers in tutto il mondo

Gli Stati Uniti

Al momento, gli Stati Uniti ospitano la maggior parte degli sforzi e delle attività di criptovaluta, con un gran numero di scambi, piattaforme di trading, fondi, strutture di mining di criptovalute e progetti orientati alla blockchain. Per questo motivo, la maggior parte considererebbe normale che questo paese abbia il maggior numero di hodler di Bitcoin tra tutti i paesi.

david everett strickler 371717 unsplash

Fonte: https://unsplash.com

Abbastanza sorprendentemente, sembra che i cittadini degli Stati Uniti non siano così interessati alle criptovalute come ci si aspetterebbe. Ma considerando che ha la popolazione più numerosa rispetto al resto, il suo 8% di proprietari di Bitcoin rappresenta ancora un numero elevato.

Romania

La Romania è probabilmente più conosciuta per essere la patria di un gran numero di aziende e imprese internazionali che si attivano nel settore IT, nonché di un numero elevato di programmatori e sviluppatori freelance.

Considerando lo stretto rapporto del paese con l’industria tecnologica, non sorprende che abbia una base di consumatori sviluppata che è coinvolta con le criptovalute.


Per questo motivo, la Romania è uno dei paesi che ottengono punteggi più alti tra gli altri che hodl cryptos. Considerando l’enorme quantità di società internazionali che risiedono qui, è logico che i pagamenti in criptovaluta vengano applicati a causa del basso costo delle transazioni con loro all’estero. Si è scoperto che il 12% del loro pool di consumatori possiede almeno un tipo di crittografia, con Bitcoin il più popolare.

Repubblica Ceca

A parte i tentativi di hacking, la maggior parte dei paesi dell’Europa orientale non fa notizia per il possesso di criptovalute. Ma la Repubblica Ceca sembra essere l’eccezione, poiché sembra che la loro comunità di criptovaluta sia in piena fioritura ora, avendo il 9% di tutti i suoi consumatori investiti in criptovaluta. Non si sa esattamente quanto siano popolari Bitcoin o altcoin da individuo a individuo, ma comunque questi numeri mostrano una certa promessa.

Cina

Anche se la Cina ha fatto notizia per le sue numerose repressioni sulle operazioni crittografiche, ha ancora un record per eccellenza nel trading digitale. Le principali borse del paese hanno uno dei maggiori volumi di Bitcoin scambiati su base giornaliera. Ci sono stati molti rapporti che mostrano che i cittadini cinesi si sono avvicinati alle centrali elettriche per trarre profitto dall’elettricità a basso costo da loro fornita e utilizzarli per estrarre bitcoin. Tuttavia, viste le sue attuali azioni normative nei confronti delle criptovalute, il numero di hodler potrebbe diminuire in futuro.

chuttersnap 710335 unsplash

Fonte: https://unsplash.com

Spagna

La Spagna ospita un numero piuttosto elevato di bancomat bancari regolari che supportano il cambio di Bitcoin in valuta fiat. Ma per quanto positivo sia questo sviluppo per il movimento di adozione, sembra che solo questa nicchia di mercato sia favorita nel Paese, nonostante il 10% dei consumatori abbia acquistato e posseduto alcune risorse digitali. Una svolta interessante degli eventi, anche se è assolutamente necessaria una maggiore crescita.

Come accennato in precedenza, ci sono molti sportelli automatici installati nel paese che consentono alle persone di acquistare e vendere risorse digitali. Secondo i dati forniti da CoinATMRadar, in Spagna ci sono 96 sportelli automatici per gestire Bitcoin. Questo fa della Spagna il quinto paese più grande con il maggior numero di sportelli automatici installati.

Polonia

L’industria delle criptovalute in Polonia è un territorio in gran parte inesplorato per il momento, poiché non si sa molto a parte un atteggiamento positivo nei confronti di Bitcoin e altre criptovalute. L’11% della popolazione dei consumatori ha una piccola percentuale di criptovalute nel proprio portafoglio di capitale, poiché sempre più persone stanno iniziando a interessarsi al movimento.

Sebbene ci siano diverse persone e società che operano nel mercato delle criptovalute nel paese, alcuni problemi hanno influenzato lo spazio. A luglio 2019, l’exchange di criptovalute BitMarket, uno dei più grandi in Polonia in termini di volume di scambi, ha riscontrato problemi di liquidità e ha smesso di operare. Sono andati persi diversi milioni di dollari di Bitcoin. Anche il cofondatore è stato trovato morto, il che peggiora ulteriormente le cose.

Il paese deve concentrarsi sul miglioramento del proprio quadro normativo se vuole rimanere competitivo. All’inizio del 2018, molte persone sono state colpite a causa della mancanza di chiarezza del contesto normativo in Polonia.

Oltre a ciò, ci sono molte società situate nel paese che stanno attualmente lavorando nel mercato delle criptovalute. Quindi, questo dimostra che c’è un grande interesse per le risorse digitali in Polonia e la potenziale crescita futura.

tacchino

La Turchia è un paese pieno di tensioni politiche e regolamenti ambigui, ma questo ambiente è ciò che ha facilitato l’escalation di Bitcoin e altcoin in termini di trazione e interesse. Sebbene manchino ancora delle procedure adeguate per le questioni relative alla crittografia e alla blockchain, le cose sembrano piuttosto promettenti. È stato scoperto che un turco su cinque detiene Bitcoin o altre valute digitali, che rappresentano un numero leggermente maggiore. Tuttavia, queste statistiche costituiscono solo una percentuale di tutti i suoi residenti e dovrebbero essere interpretate tenendo conto di questo.

Vale la pena sottolineare che durante la recente crisi vissuta dalla lira turca, molte persone hanno iniziato ad acquistare Bitcoin e altre valute virtuali. L’asset digitale ha funzionato come riserva di valore in quel periodo. Sebbene Bitcoin fosse in una tendenza al ribasso, le aspettative per la sua crescita futura hanno attirato molti investitori nel paese.

Giappone

Il Giappone è noto nella comunità per essere molto pro-cripto, visto che è tra i pochi paesi a riconoscere le criptovalute come mezzo di pagamento legittimo. Per questo motivo, c’è un gran numero di BTC in fase di transazione dentro e fuori dal paese, con molti che scelgono di tenerli per il potenziale di investimento ad alto rendimento. Secondo i dati di CoinMarketCap, gli scambi crittografici del paese hanno un elevato traffico transazionale.

ryo yoshitake 732825 unsplash

Fonte: https://unsplash.com

Il paese ha anche uno degli ambienti normativi più efficaci al mondo relativi alla tecnologia blockchain e alle valute virtuali. Gli scambi che vogliono iniziare a operare nel paese devono avere la licenza necessaria fornita dalla Financial Services Agency (FSA), l’ente di regolamentazione del paese.

Queste nuove normative sono state implementate dopo il mercato rialzista del 2017 e poiché diversi scambi di criptovalute sono stati influenzati da hack e problemi irregolari. Ad esempio, CoinCheck, una delle piattaforme crittografiche più importanti per il commercio di risorse digitali nel paese, è stata hackerata perdendo $ 500 milioni di token NEM (XEM) all’inizio del 2018.

Ora, ci sono molte aziende che vogliono stabilirsi nel paese e sono in attesa dell’approvazione normativa da parte della FSA. Il Giappone è anche il paese con il secondo più grande volume di scambi contro Bitcoin in tutto il mondo dopo il dollaro USA.

Svizzera

La Svizzera è conosciuta soprattutto per le sue banche e istituzioni finanziarie all’avanguardia, ma ora questa nazione ha chiarito i suoi intenti di diventare un hub di criptovaluta e blockchain. Le banche hanno iniziato ad aprire le loro porte ai pagamenti in criptovaluta, una mossa che ha incoraggiato molti dei suoi cittadini a dilettarsi con le criptovalute, principalmente perché ora hanno una forma di sicurezza.

La Svizzera ha anche guadagnato una posizione importante nello spazio delle criptovalute con regolamenti che sono stati implementati nel suo territorio. La città di Zugo ha registrato una crescita esponenziale del numero di aziende legate al mercato delle criptovalute che vi operano.

Allo stesso tempo, i regolatori hanno una mente molto aperta verso le risorse digitali e su come vengono utilizzate, ecco perché la borsa svizzera SIX ha deciso di elencare diversi prodotti negoziati in borsa (ETP) relativi a Bitcoin (BTC), Litecoin (LTC), Ethereum (ETH) e anche XRP.

Corea del Sud

La Corea del Sud è un altro paese asiatico che sta influenzando la scena Bitcoin. Con l’atteggiamento non così positivo del governo cinese nei confronti del trading di criptovalute, molti hanno reindirizzato le loro operazioni commerciali nella vicina Corea del Sud. Con un debole e un’abilità per la tecnologia, il paese ospita ora una pletora di scambi e attività di criptovaluta che si rivolgono a una popolazione che ha un interesse crescente nel trading e nell’uso delle criptovalute. Bitcoin è tra le migliori criptovalute anche scambiate e possedute qui.

Sebbene il governo sudcoreano non abbia adottato misure chiare per quanto riguarda il mercato delle criptovalute, ci sono molte aziende che vogliono crescere e offrire nuovi servizi al settore delle criptovalute. Uno di questi è Kakao, l’applicazione di messaggistica più popolare nel paese. Kakao potrebbe eventualmente integrare diversi servizi di crittografia nella sua applicazione di messaggistica in futuro.

Inoltre, la Corea del Sud conti per quasi il 10% di tutti i BTC scambiati in tutto il mondo, dopo il dollaro USA e lo yen giapponese, secondo CoinHills.

21222

Ci sono molti altri paesi in tutto il mondo che hanno molti utenti crittografici. Tuttavia, è in qualche modo difficile creare stime affidabili al riguardo. In effetti, i dati attuali ce li abbiamo attraverso sondaggi condotti da società diverse piuttosto che da informazioni oggettive.

Un modo per capire anche come si comportano i paesi nel mercato è controllare il numero di nodi attivi che hanno. Come Bitnodes rapporti, gli Stati Uniti detengono il 24,88% del numero totale di nodi nel mondo, seguiti dalla Germania con il 20,27% e dalla Francia con il 6,04%. La Cina è al quinto posto con il 4,18% del numero totale di nodi in tutto il mondo e il Giappone è all’undicesima posizione.

Cole è uno scrittore freelance specializzato in criptovaluta e tecnologie emergenti. Articoli precedenti su Masternodes sono stati pubblicati sui principali siti Web di crittografia e citati nei white paper.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map