TomorrowsBitcoin: una guida per principianti a Goldcoin (GLC)

GoldCoin (GLC) è una criptovaluta peer to peer che è stata lanciata il 15 maggio 2013 da uno sviluppatore anonimo. È interamente costruito e mantenuto da un team di volontari che condividono tutti la convinzione comune di promuovere la libertà economica.

Nei sei anni in cui il progetto è esistito è riuscito a far crescere una vasta comunità e a bordo di un numero di sviluppatori che hanno contribuito ad aggiungere diversi progressi innovativi sulla piattaforma, tra cui; Punto di controllo avanzato con rilevamento della difficoltà (ACPD) con blocchi più grandi più veloci, algoritmo di difficoltà Golden River e un sistema di difesa dagli attacchi del 51%, cambiando così radicalmente il modo in cui operano le criptovalute e le economie.

Il progetto segue la visione originale di Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, e per tutto il periodo il progetto è stato dedicato al ridimensionamento on-chain seguendo i principi che erano stati delineati nell’originale Bitcoin Whitepaper..

Il problema con i fork di Bitcoin

Il GoldCoin team ha osservato da vicino gli entusiasmanti progressi in Bitcoin che hanno offerto un modo di scalare che non faceva parte della blockchain principale e sembra che stiano uccidendo artificialmente la blockchain principale di Bitcoin.

Per soddisfare le masse, Bitcoin deve scalare comodamente, e c’è una forte domanda per questo a giudicare dai fork di Bitcoin Cash e Bitcoin SV. Il problema con le due forcelle è che utilizzano una forma indebolita del marchio Bitcoin e non riescono a incorporare le ultime funzionalità L2 come Lightning che offre una soluzione di scaling off-chain avanzata.

Per risolvere questo problema, GoldCoin ha lavorato su una piattaforma che utilizza metodi di ridimensionamento sia on-chain che off-chain per creare una rete che è in grado di scalare completamente, una che non richiede agli utenti di “scegliere una parte” e unisce tutti forchette bitcoin.

GoldCoin Reverse Fork (RBH)

Il “Reverse Bitcoin Hard-Fork” (RBH) prevede una fusione della blockchain di GoldCoin con quella della blockchain originale di Bitcoin. GoldCoin prende le migliori caratteristiche di Bitcoin e quelle dei suoi derivati ​​e le unisce di nuovo alla blockchain originale attraverso un hard fork di Reverse Bitcoin, offrendo così al mondo una moneta crittografica che possono entusiasmarsi dietro.

Il lavoro sul primo “Reverse Bitcoin Hard-fork” in assoluto è iniziato all’inizio di 2019 sotto la guida del leggendario sviluppatore blockchain Peter Bushnell. Sta guidando il team di GoldCoin mentre lavora allo sblocco della blockchain di Bitcoin distribuendo una soluzione che promette di avere una capacità di rete combinata del core di Bitcoin e dei suoi due fork principali, Bitcoin Cash e Bitcoin SV.

Alla fine, le tre piattaforme si uniranno in un unico marchio GoldCoin che sarà noto come “Satoshi Chain”. Le nuove modifiche dovrebbero entrare in vigore nel terzo trimestre del 2019.

Cosa sarà diverso?

  • Aumento della capacità del blocco

La nuova blockchain GoldCoin avrà una dimensione massima del blocco di 32 MB (128 MB pesati), e questo consentirà alle “forze economiche di decidere” quale metodo di ridimensionamento preferiscono. Inoltre, la catena avrà blocchi di 2 minuti.

  • Algoritmo di data mining

Bitcoin utilizza l’algoritmo di proof of work mining in genere per mantenere il consenso su “una vasta rete di nodi senza autorizzazione distribuita a livello globale”, tuttavia, affinché la blockchain di GoldChain rimanga compatibile con i minatori dopo il fork, la piattaforma manterrà il suo algoritmo di mining Scrypt.


  • Esistenza di esploratori storici

Poiché GoldChain ritirerà la sua blockchain e assumerà la blockchain di Bitcoin, la piattaforma manterrà un block explorer unico che recupererà le transazioni GoldCoin pre-forkate.

Gli esploratori lavoreranno utilizzando un’istantanea della blockchain di GoldCoin e saranno mantenuti dal team e dalla comunità di GoldCoin. Dopo l’implementazione del fork, i normali esploratori di GoldCoin forniranno tutta la cronologia delle transazioni post-fork e tutte le transazioni Bitcoin fino ad oggi.

  • Requisiti del nodo locale

Per ridurre il carico della blockchain sui dispositivi degli utenti, i client GoldCoin supporteranno l’eliminazione della blockchain e le tecniche SPV come Electrum. Oltre a un portafoglio Electrum, il client Core sarà disponibile sia nella versione predefinita che in una versione speciale in modalità nuda che avrà l’eliminazione e richiederà solo 5 GB di spazio su disco locale più 256 MB di RAM per l’esecuzione.

  • Algoritmo di regolazione della difficoltà

Goldcoin adotterà un nuovo algoritmo innovativo di regolazione della difficoltà progettato da Amir Eslampanah, il capo scienziato della piattaforma. Soprannominato il fiume d’oro, l’algoritmo ricalcolerà la difficoltà in ogni blocco esaminando i nuovi blocchi e determinando i tempi di blocco medio e mediano.

Ciò lo renderà più utile nella protezione da grandi oscillazioni nella quantità totale di potenza hash.

  • Formato indirizzo univoco

A differenza dei precedenti fork di Bitcoin che hanno continuato a utilizzare lo stesso formato di indirizzo dopo il fork, GoldCoin implementerà un formato di indirizzo univoco. “Verrà utilizzato il prefisso di PUBKEY_ADDRESS e SCRIPT_ADDRESS della precedente catena Goldcoin, facilmente distinguibile dagli indirizzi Bitcoin Core o Bitcoin Cash.”

Ciò contribuirà a proteggere gli utenti dal perdere erroneamente le loro monete inviandole all’indirizzo sbagliato.

  • Transazioni gratuite

Il nuovo fork è stato progettato pensando al sistema finanziario mondiale. Per garantire che sia il sistema di pagamento in contanti ideale, il 5% di ogni blocco da 32 MB sarà riservato per transazioni gratuite e ciò consentirà fino a 10 milioni di transazioni gratuite al giorno.

Ciò avrà un’implicazione favorevole soprattutto nel mondo in via di sviluppo, dove gli utenti avranno la possibilità di rinunciare al pagamento delle commissioni di transazione mentre altri potranno includere una commissione per dare la priorità alla velocità della transazione.

Scambi che supportano GoldCoin

Per coloro che sono interessati ad ottenere Goldcoins (GLC), possono ottenere dai seguenti otto scambi che attualmente supportano la criptovaluta tra cui; Bittrex, Coinswitch, Scambio Nova, Altilly, Scambio di monete locale, Tradesatoshi, La moneta e TryGoldCoin.com.

Tuttavia, non c’è motivo di preoccuparsi, poiché una volta implementato il Reverse Bitcoin Fork, tutti i possessori del Bitcoin originale riceveranno una quantità uguale di Goldcoin nel rapporto di 1: 1. Tuttavia, il progetto avverte i possessori di criptovalute che hanno le loro monete memorizzate negli scambi che sono le piattaforme che verranno accreditate con il GLC.

Anche se gli scambi dovrebbero accreditare il tuo account con le monete GLC, non sono legalmente obbligati a farlo. Quindi, per aiutare gli utenti che detengono Bitcoin a identificare se possono ottenere GLC gratuiti, la piattaforma mostrerà i nomi e i loghi degli scambi che hanno promesso di accreditare gli utenti Bitcoin con Goldcoin.

Se lo scambio che utilizzi non è mostrato nell’elenco, il team consiglia agli utenti di considerare di trasferire i loro bitcoin a uno scambio di supporto o, ancora meglio ancora, dovrebbero ritirare le monete in un portafoglio personale dove hanno il controllo sulle loro chiavi private. Ulteriori informazioni sulla Roadmap di GoldCoin Qui.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map