Paul Claudius, CEO di BlockState – Serie di interviste

Paul Claudius è il cofondatore & CEO di BlockState.

BlockState è una piattaforma di token di sicurezza svizzera per attività non bancabili come azioni e debiti di PMI o immobili.

Come sei stato inizialmente coinvolto nei titoli digitali?

Mi sono imbattuto in Blockchain e Bitcoin all’inizio del 2013 per pura coincidenza. Sono stato presentato al Satoshi WP da un amico che ha una formazione informatica. Mi ci è voluto del tempo per rendermi conto dell’impatto che la tecnologia avrebbe effettivamente sui mercati dei capitali e sulla finanza. Quando ho iniziato la mia carriera nell’Investment Banking e nel Private Equity ero molto consapevole del processo legacy e dei costi addebitati da intermediari altamente pagati. L’opportunità di utilizzare la DLT come catalizzatore per trasformare un intero mercato, non solo digitalizzare nuovi asset ma in particolare l’opportunità di renderli più accessibili a una base di investitori più ampia è stata la ragione per cui ho deciso di costruire BlockState con i miei co-fondatori.

Al di fuori di immobili e debiti quali sono alcuni esempi di attività non bancabili?

Le blue chip e altri asset tradizionali sono ai massimi storici in termini di valutazione. Allo stesso tempo, le obbligazioni offrono i rendimenti più bassi che abbiamo visto negli ultimi anni. Ciò spinge la domanda di asset alternativi che forniscono rendimenti più elevati, non solo per gli investitori istituzionali ma anche al dettaglio. Pertanto credo che vedremo molto più debito delle PMI raccolto sotto forma di token dagli emittenti, ma anche altri asset generatori di rendimento come il finanziamento di progetti o il leasing inverso che in passato sono stati investibili solo per investitori più sofisticati resi accessibili tramite titoli tokenizzati.

A luglio BlockState ha pubblicato un rapporto sullo stato dell’attuale mercato STO globale. C’erano dei risultati nel rapporto che ti hanno sorpreso?

Volevamo convalidare le nostre ipotesi che avevamo internamente sul mercato. I nostri risultati hanno confermato la fase iniziale in cui ci troviamo attualmente. Allo stesso tempo, le autorità di regolamentazione hanno affrontato la necessità e hanno mostrato la loro disponibilità a chiarire la regolamentazione creando la fiducia necessaria necessaria affinché il mercato acceleri ciò che credo vedremo all’inizio del 2020. Inoltre, la necessaria infrastruttura che fornisce liquidità sui mercati secondari attraverso borse regolamentate avrà un impatto sull’adozione da parte del mercato nel 2020.

Potresti condividere con noi alcuni dettagli sull’imminente Streetlife STO?

A seconda dell’approvazione dell’autorità di regolamentazione, li vedremo andare in diretta nel quarto trimestre del 2019 o nel primo trimestre del 2020. Per ora, questo è tutto ciò che possiamo condividere poiché gran parte dei dettagli di emissione sono riservati a un prospetto che deve essere approvato dal regolatore. Oltre a Streetlife STO stiamo lavorando su una serie di altre emissioni regolamentate svizzere e tedesche. Condivideremo l’aggiornamento con la comunità non appena avremo ricevuto tutte le approvazioni necessarie.


In precedenza abbiamo riferito sull’intenzione di BlockState di migrare un numero di token ERC-20 dalla blockchain di Ethereum a un libro mastro distribuito privato sviluppato da R3 – Corda. Qual era la logica alla base di questo, ed è stato implementato?

Una proposta di valore fondamentale dei mercati finanziari basati sulla DLT è creare accessibilità agli strumenti finanziari. Ecco perché riteniamo che sia importante creare interoperabilità tra diverse infrastrutture che consentano a diversi tipi di investitori di accedere a tali risorse. Vediamo che le istituzioni regolamentate attualmente hanno la tendenza a preferire infrastrutture non pubbliche per una serie di ragioni che hanno molto senso. R3 fornisce un’eccellente infrastruttura a questi clienti. Vogliamo quindi consentire un’interoperabilità tra i nostri titoli tokenizzati basati su ERC al fine di renderli accessibili ai partecipanti al mercato che fanno affidamento sull’infrastruttura R3.

Blockstate è in grado di lanciare una STO in appena 10 settimane, potresti condividere ciò che BlockState fa per renderlo realtà?

Il tempo per andare in diretta è per lo più definito dal tempo necessario all’autorità di regolamentazione per approvare le emissioni che si rivolgono agli investitori al dettaglio attraverso un’offerta pubblica. A parte questo, gli emittenti di solito richiedono un po ‘di tempo per preparare la loro attività di raccolta fondi.

Quando si tratta del tempo di preparazione della tecnologia e dell’infrastruttura, possiamo eseguire un’emissione entro una settimana. Con la nuova direttiva sul prospetto che consente emissioni a seconda dello Stato membro fino a 8 milioni di euro senza un prospetto formale, vedremo diminuire ulteriormente il tempo di 10 settimane.

Per le aziende interessate ai tuoi servizi STO, quali sono i requisiti minimi di quotazione? Inoltre, come si selezionano le società / i prodotti da tokenizzare?

Lavoriamo insieme a società che hanno una comunità molto forte o un’ampia base di clienti che convertono in investitori o società più mature che hanno una situazione finanziaria sana e quindi sono attraenti anche per investitori più conservatori e leggermente più istituzionali. Al momento non ci sono ostacoli definiti che un’azienda deve fornire. Esaminiamo ogni caso individualmente.

Per gli investitori interessati a finanziare una STO sulla tua piattaforma, quali sono i dettagli di cui dovrebbero essere a conoscenza. Accettate clienti USA?

L’accettazione degli investitori dipende esclusivamente dall’offerta, non dalla nostra piattaforma. Di solito supportiamo con offerte pubbliche che consentono la partecipazione di investitori sia retail che istituzionali, assicurandoci che la nostra infrastruttura soddisfi le esigenze specifiche dell’emittente attraverso l’auto-custodia e partner di custodia regolamentata.

I clienti statunitensi sono un caso speciale in quanto i requisiti di conformità creano processi aggiuntivi e attività correlate ai rapporti. Pertanto, i nostri clienti spesso non accettano investitori statunitensi nelle loro offerte.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere su BlockState?

Poiché siamo in una fase iniziale di sviluppo di questo mercato, desidero evidenziare alcuni dei grandi organismi del settore con cui abbiamo lavorato che stanno contribuendo a costruire la struttura per uno spazio di asset digitali professionale. Con cui posso davvero mettermi in contatto  INATBAÈ UN e MAMMA a chiunque lavori in questo spazio.

Per saperne di più visita BlockState, la nostra scheda BlockState Business o segui Paul Claudius su Twitter.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map