Peter Hofmann, CEO di Custodigit – Interview Series

Peter Hofmann, CEO di Custodigit, una joint venture tra Swisscom e Sygnum che offre una soluzione di custodia a livello di investitore destinata agli istituti finanziari regolamentati.

Peter è anche un osservatore del consiglio presso Metaco SA e un mentore a Londra & Partner. Ha lavorato in una diversa posizione senior nel settore dei servizi finanziari per aziende come Cap Gemini, KPMG, IBM, PostFinance e diverse startup prima.

Ha una pluriennale esperienza nell’intercettazione tra servizi finanziari, tecnologia e innovazione in diversi ruoli.

Custodigit è stata fondata da Swisscom e Sygnum nel 2018. Potrebbe iniziare specificando chi sono Swisscom e Sygnum? 

Swisscom AG è un importante operatore di telecomunicazioni in Svizzera con sede a Berna. Il 51% di Swisscom è di proprietà del governo svizzero. Swisscom sostiene attivamente lo spazio fintech in Svizzera e ritiene che il settore finanziario cambierà in modo significativo nei prossimi 10 anni a causa dell’emergere di modelli di business dirompenti nelle start-up fintech. Swisscom crede fermamente che in futuro il settore finanziario farà molto affidamento sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale in combinazione con la tecnologia blockchain. Swisscom possiede il 75% di Custodigit.

Sygnum è la prima banca digitale al mondo regolamentata con sede in Svizzera e Singapore e che opera a livello globale. Sygnum ha ricevuto la sua licenza bancaria svizzera nel settembre del 2019 e la banca consente ai suoi clienti di investire in risorse digitali in modo sicuro e conveniente con una completa fiducia. I servizi forniti da Sygnum includono la custodia di livello istituzionale costruita da Custodigit, con un gateway di asset fiat-digital, intermediazione, servizi bancari B2B e prestiti lombard. Il 18 settembre 2019, le prime transazioni con i clienti di Sygnum sono state registrate pubblicamente sui due blockchain più importanti, Bitcoin ed Ethereum.

Sei Senior Manager in Swisscom dal 2009. Perché Swisscom ha ritenuto che fosse il momento giusto per entrare nello spazio di custodia e lanciare Custodigit?

Swisscom si occupa già da diversi anni dello spazio degli asset digitali. Nel 2017, abbiamo tutti assistito alla crescente domanda nello spazio delle criptovalute, al boom delle ICO e alla stagnazione del mercato all’inizio del 2018. Anche se lo spazio non era regolamentato, ha chiaramente rappresentato le capacità della tecnologia e come potrebbe semplificare la nostra vita quotidiana. Swisscom e noi crediamo fermamente che il futuro risieda nello spazio degli asset digitali e che entro il 2027 gli asset digitali rappresenteranno una fetta fondamentale del PIL globale. Inoltre, assistiamo a un crescente interesse da parte di istituzioni finanziarie come banche e asset manager che vorrebbero entrare nello spazio degli asset digitali. In Germania, BAFIN con le sue attuali iniziative normative funge anche da un altro punto di innesco per il mercato. Per quanto abbiamo sentito, più di 55 giocatori hanno espresso il loro interesse per la nuova licenza Crypto. Se analizziamo l’attuale infrastruttura del mercato finanziario degli asset digitali, abbiamo osservato che c’è una mancanza di infrastrutture di mercato di livello istituzionale e inefficienza. La visione di Custodigit è supportare la creazione di un’infrastruttura di mercato di livello istituzionale per criptovalute e asset tokenizzati.

Custodigit fornisce un accesso sicuro e l’archiviazione delle risorse digitali attraverso una soluzione di custodia di livello istituzionale per investitori. Perché questo è importante per le istituzioni finanziarie?

Gli investitori istituzionali esprimono continuamente il loro interesse per lo spazio degli asset digitali e diverse banche hanno iniziato ad adottare misure che consentirebbero loro di fornire ai propri clienti un’offerta crittografica. La parte di custodia e negoziazione è sempre stata una sfida per i fornitori di servizi finanziari. Custodigit fornisce una piattaforma “Bank in Box” di livello istituzionale ai fornitori di servizi finanziari regolamentati, in modo che siano in grado di offrire criptovalute e risorse digitali ai propri clienti senza elevati investimenti iniziali e un breve time to market. Per gli istituti finanziari è importante che dispongano delle funzionalità necessarie per eseguire i propri processi aziendali (ad es. Liquidazione) in modo automatizzato per garantire processi aziendali efficienti, sicuri e conformi. Al fine di ridurre i rischi dei fornitori, le istituzioni finanziarie necessitano di una piattaforma pronta per l’azienda che sia controllata, fornita e gestita da un’organizzazione affidabile e stabile. Questo è esattamente ciò che Custodigit offre insieme a Swisscom, che ha molta esperienza nella gestione di infrastrutture bancarie sensibili alla sicurezza.

Potresti discutere alcuni dei rischi per la sicurezza informatica attualmente esistenti per le soluzioni di custodia delle risorse digitali?

Esistono vari rischi per la sicurezza informatica associati alle risorse digitali e due di questi sono assolutamente da tenere in considerazione.

  • Archiviazione di chiavi private: numerosi appassionati di crittografia memorizzano le loro chiavi private sui loro laptop. È facile per gli hacker accedere a queste informazioni e una volta che la chiave è stata rubata, è impossibile riavere i fondi. Una volta persa la chiave, perdi definitivamente i tuoi investimenti.
  • Scambi violati: attualmente la maggior parte degli scambi crittografici non è regolamentata e per questo motivo non ha lo stesso livello di supervisione governativa e verificabilità delle istituzioni regolamentate tradizionali. Negli ultimi anni, numerosi scambi hanno fatto notizia a causa di violazioni della sicurezza. Coincheck ha ricevuto criptovalute per un valore di oltre 550 milioni di dollari dagli hacker. Bithub ha perso circa 30 milioni di dollari delle partecipazioni di asset digitali dei suoi clienti. Custodigit sta lavorando a stretto contatto con esperti di sicurezza e audit per fornire una piattaforma di risorse digitali di livello istituzionale e utilizza la comprovata infrastruttura di Swisscom.

Quali sono alcune delle misure adottate da Custodigit per proteggere i clienti da questi rischi per la sicurezza informatica?

In Custodigit, prendiamo molto sul serio le questioni relative alla sicurezza. Custodigit non ha risparmiato tempo ed energie per definire un framework di sicurezza end-to-end sviluppando una visione olistica dei rischi e progettando sistematicamente contromisure ridondanti. Laddove possibile, Custodigit ha adottato i più elevati standard di sicurezza e ha fatto un ulteriore passo avanti per far verificare le proprie procedure e infrastrutture (certificazione ISAE). Come azienda, siamo obbligati a rispettare il rigoroso quadro di sicurezza di Swisscom. Le politiche che abbiamo in atto garantiscono che nessun individuo, team o organizzazione sia in grado di compromettere la sicurezza delle risorse: rigorosa separazione dei compiti e delle responsabilità, controllo minimo di 4 occhi per tutte le attività critiche, controlli regolari delle attività personali e del background librerie crittografiche per affrontare i rischi associati agli attacchi zero-day.


Ogni transazione è approvata da più individui o gruppi di individui.

Potresti discutere alcune delle principali funzionalità principali attualmente disponibili per i client Custodigit?

Vorremmo sottolineare che il nostro mercato di riferimento è costituito da istituzioni finanziarie regolamentate come banche, borse, ecc. E la nostra piattaforma offre tutte le funzionalità aziendali richieste per fornire un’offerta di servizi di mercato degli asset digitali. La nostra piattaforma consente ai clienti di acquistare, vendere, trasferire in / out asset digitali (end-to-end). Può essere integrato con qualsiasi sistema di core banking. Inoltre, supportiamo l’instradamento intelligente degli ordini a vari fornitori di liquidità come broker e borse. Dal punto di vista della sicurezza, il sistema di sicurezza viene verificato con i certificati ISAE 3402 e 3000 e ISO 27001 e 2000. Attualmente supportiamo le seguenti risorse digitali: BTC, ETH, XRP, BCH, ERC20. La nostra piattaforma può essere etichettata in bianco con interfaccia utente adattabile e API o disponibile come servizio SaaS.

Quali sono alcuni dei clienti o delle banche di cui puoi parlare che attualmente utilizzano soluzioni di custodia di Custodigit?

Come saprai, attualmente abbiamo la banca Sygnum come cliente. Stanno usando la nostra soluzione completa, inclusa la custodia e l’intermediazione. Siamo attualmente in trattative con altre istituzioni finanziarie regolamentate situate in Europa. Purtroppo non possiamo ancora rivelare i nomi. Abbiamo anche firmato un accordo con una delle più grandi compagnie di riassicurazione per la fornitura di coperture assicurative per gli asset digitali. Il nostro obiettivo è consolidare la nostra base in Svizzera e Germania ed espanderci a livello globale.

Esistono tipi di restrizioni sul tipo di risorse digitali per cui Custodigit offre servizi di custodia? 

Attualmente supportiamo le seguenti risorse digitali: BTC, ETH, XRP, BCH, LTC, ERC20. Di solito selezioniamo le risorse digitali in base alla richiesta del nostro cliente. Non abbiamo restrizioni specifiche; tuttavia, prima di offrire una risorsa digitale sulla nostra piattaforma, facciamo la nostra due diligence. Se riteniamo che l’asset digitale possa in qualsiasi forma o forma danneggiare la nostra reputazione sul mercato, ci rifiutiamo di offrirlo. Sulla base delle nostre osservazioni di mercato, queste sono risorse digitali rilevanti per le istituzioni finanziarie. Attualmente, Custodigit sta espandendo la sua piattaforma anche in direzione di asset tokenizzati.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere su Custodigit?

Siamo una società con sede in Svizzera e aderiamo fortemente alle pratiche del settore bancario svizzero. Crediamo fortemente nell’importanza della reputazione e della protezione dei fondi dei clienti. Poiché Swisscom è il nostro principale azionista, dobbiamo prendere molto sul serio il quadro di sicurezza e garantire che i fondi dei nostri clienti siano archiviati in modo sicuro. La sicurezza e la regolamentazione sono nel DNA di Custodigit.

Grazie per l’ottima intervista, i lettori che desiderano saperne di più dovrebbero visitare Custodigit.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map