Rob Viglione, CEO e co-fondatore di Horizen – Interview Series

Rob Viglione è il Team Lead e Co-Founder di Horizen, una piattaforma blockchain che mira a consentire un ecosistema inclusivo e ricco di applicazioni attraverso le sue soluzioni sidechain all’avanguardia. Formalmente un fisico addestrato, matematico e ufficiale militare, l’esperienza di Rob lavorando su radar satellitari, veicoli di lancio spaziale e intelligence di supporto al combattimento ha informato gran parte della sua comprensione di come la tecnologia blockchain potrebbe cambiare la traiettoria delle società globali.

Sei stato coinvolto nella blockchain sin dai primi giorni. Come sei stato inizialmente introdotto alla tecnologia?

Slashdot ha pubblicato un articolo che evidenziava la parità del dollaro di Bitcoin nel 2011 che ha attirato la mia attenzione. Come qualcuno che era sempre più preoccupato per gli squilibri nel sistema finanziario globale, Bitcoin sembrava l’esperimento perfetto per creare denaro di libero mercato per l’era digitale.

Quando hai capito per la prima volta che volevi contribuire alla blockchain e alla criptovaluta?

Come molti altri che erano innamorati di Bitcoin nei primi giorni, una volta che ho iniziato a tuffarmi e a mettere i miei soldi dove era la mia bocca ideologica, non ho potuto fare a meno di voler essere parte attiva della rivoluzione finanziaria. Era troppo eccitante guardare passivamente in disparte! La prima cosa a cui potevo pensare in quel momento era offrire tutoraggio in fisica o matematica per Bitcoin, ma stranamente non c’era molto mercato per quello! Sono finito attivamente coinvolto ospitando incontri educativi in ​​Afghanistan mentre ero impiegato lì. Questa prima esperienza ha modellato le mie opinioni su dove le criptovalute possono avere il più alto impatto marginale sul benessere, principalmente nelle parti del mondo meno stabili e politicamente più volatili.

Sei stato coinvolto in molti dei primi progetti come Bitshares, BlockPay, Zclassic, Seasteading e Bitgate. Quali sono state alcune lezioni chiave che hai imparato per ciò che funzionerà o non funzionerà sul mercato?

C’erano così tante lezioni da imparare! Il più grande è il valore della resilienza e la costruzione di un team forte in grado di lavorare attraverso la folle volatilità delle criptovalute. Questo settore attraversa un’estrema volatilità e cicli di hype fin troppo frequenti che possono facilmente distrarre i progetti dalle missioni principali e gettare solide basi. La sfida è mantenere l’attenzione sul lungo termine, incorporando segnali scarsi, ma preziosi, da un diluvio di rumore nelle manie periodiche, ma principalmente per rimanere in vita abbastanza a lungo da fornire un valore reale!

Qual è stata l’ispirazione per il lancio di Horizen?

All’inizio ho co-fondato Horizen come progetto per hobby mentre concludevo la mia tesi di dottorato, non avrebbe mai dovuto esplodere come è successo. C’erano due contributi che volevamo dare all’ecosistema Bitcoin e il lancio del nostro esperimento sembrava l’approccio migliore per fare le cose rapidamente. La prima parte è stata portare l’economia sostenibile alle criptovalute, l’idea principale è che ci sono molti diversi tipi di stakeholder che contribuiscono al successo di un ecosistema decentralizzato e la sostenibilità significa che tutti devono essere compensati al margine. L’altra grande idea, e quella che le persone associano principalmente a Horizen, è quella di ridimensionare la privacy. Ora viviamo in un mondo in cui i dati hanno un valore in aumento esponenziale e le persone si stanno rendendo conto della realtà di aver inavvertitamente firmato l’accordo faustiano con la grande tecnologia per rinunciare a ogni parvenza di privacy e diritti sui propri dati in cambio per l’utilizzo della piattaforma. La nostra intuizione è ovvia: non c’è motivo di pensare che queste cose si escludano a vicenda ed esiste un mercato multimiliardario per la creazione di ecosistemi tecnologici in cui le persone controllano i propri dati e mantengono la propria privacy.

Puoi dirci cos’è Horizen e perché è importante?

Horizen è la più grande rete al mondo di blockchain interoperabili incentrata sulla privacy degli utenti e delle applicazioni scalabile. L’ecosistema è destinato a rivoluzionare i modelli di business delle grandi piattaforme tecnologiche in quanto gli utenti controllano i propri dati, possono scegliere la piena privacy e partecipare direttamente all’infrastruttura totalmente decentralizzata della rete. Ciò conta più che mai in un mondo che si sta rendendo conto della realtà che i dati hanno un valore reale e in aumento esponenziale e la privacy è stata violata in modo inaccettabile a tutti i livelli della nostra vita digitale.

Nel luglio 2020 è stata lanciata la versione beta di Zendoo, una soluzione di sidechain decentralizzata e personalizzabile. Per i lettori che non hanno familiarità con cosa sia un sidechain, potresti definirlo in termini non tecnici?

Una sidechain è una blockchain parallela che è interoperabile con un’altra catena. Zendoo è il protocollo di interoperabilità blockchain di Horizen e consente agli sviluppatori di lanciare le proprie blockchain completamente personalizzabili che sono interoperabili con la rete Horizen, ottenere le economie di scala offerte dalla rete con la sua ampia infrastruttura e viene fornito con un sofisticato toolkit di crittografia per utente e applicazione privacy. Ciò che rende speciale Zendoo è che è il primo protocollo sidechain totalmente decentralizzato nel settore blockchain.

Come si confronta la sidechain di Zendoo con ciò che è attualmente sul mercato e in che modo consente alle aziende e agli sviluppatori di creare blockchain pubbliche o private in modo economico?


Zendoo è il primo protocollo sidechain totalmente decentralizzato nel settore blockchain, il che significa che non richiede parti fidate per convalidare le transazioni tra catene e quindi ha una sicurezza che scala. Un’altra importante differenza rispetto ai precedenti sistemi di sidechain è che Zendoo è un protocollo asimmetrico in quanto la blockchain principale di Horizen non ha bisogno di sapere nulla su alcuna sidechain, ma le sidechain devono seguire da vicino la blockchain principale. In questo modo, gli sviluppatori hanno piena libertà di personalizzare i propri blockchain senza richiedere alcuna modifica nella catena principale Horizen, che diventerebbe un collo di bottiglia limitante dell’autorizzazione alla crescita.

Puoi parlarci di ZEN e dei vantaggi che offre ai titolari?

ZEN è sia la valuta della transazione che la moneta di utilità per la rete Horizen. L’aspetto della moneta è proprio come Bitcoin in quanto c’è una fornitura limitata che verrà mai rilasciata, l’emissione è totalmente decentralizzata dove è necessario lavorare per ottenerla, e con Zendoo, ZEN ha anche l’uso come una sorta di transazione “gas” per il piattaforma applicativa. C’è una proposta di valore unica qui in quanto i possessori di ZEN ottengono i limiti dell’offerta di Bitcoin con una domanda di utilità simile a Ethereum.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere su Horizen? 

C’è una crescente consapevolezza nella tecnologia che gli ecosistemi richiedono una comunità rispetto ai clienti, ed è esattamente così che abbiamo pensato ai nostri utenti sin dal primo giorno. Horizen è una startup della comunità che utilizza la tecnologia blockchain per soddisfare la sua missione e per interrompere quella che è un’industria multimiliardaria che ha bisogno di essere rivoluzionata. La nostra nozione di comunità inizia con gli intangibili fondamentali come il rispetto, l’inclusione e la trasparenza che finora hanno gettato le basi per una comunità così forte, coesa e positiva che sta esplodendo.

Grazie per l’ottima intervista, i lettori che desiderano saperne di più dovrebbero visitare Horizen.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map