Decentralizzazione sufficiente e token di sicurezza – Leader del pensiero

Di Derek Edward Schloss, Direttore della strategia, Security Token Academy

* Nota dell’autore: Quanto segue non è una consulenza legale, ma un’esplorazione e una possibile interpretazione dell’attuale panorama normativo per la raccolta di fondi basata su blockchain.

Per quanto riguarda l’esplosiva industria blockchain, forse nessun tema è stato analizzato più di quello della regolamentazione del settore.

Da un lato, una serie di progetti ha messo in dubbio se le risorse digitali possano prosperare negli Stati Uniti senza una regolamentazione lungimirante. D’altra parte, gli addetti ai lavori sostengono che i nostri regolatori stanno facendo del loro meglio per seguire le leggi emanate durante il processo legislativo – in realtà, spetta ai nostri legislatori tracciare i confini finali.

La verità è probabilmente una via di mezzo.

In mezzo a queste argomentazioni, la SEC ha aumentato il volume delle sue azioni di “guida mediante applicazione”, prendendo di mira raccolte di fondi in malafede e ICO che hanno consapevolmente ignorato la presenza di leggi federali sui titoli negli ultimi anni. Nel 2018, la SEC ha distribuito oltre una dozzina di azioni di contrasto coinvolgendo risorse digitali e offerte iniziali di monete. E sebbene i numeri di quest’anno non siano ancora disponibili, diversi casi di alto profilo stanno facendo luce sull’opacità normativa che molti hanno criticato.

Da notare, la SEC ha fatto notizia lo scorso trimestre quando ha raggiunto un $ 24 milioni di insediamento con Block.one, l’azienda dietro la blockchain di EOS. Block.one aveva precedentemente venduto token per finanziare lo sviluppo della rete EOS, raccogliendo oltre $ 4 miliardi tra il 2017 e il 2018. La SEC ha sostenuto che un acquirente nell’ICO avrebbe avuto una ragionevole aspettativa di profitto futuro sulla base degli sforzi di Block.one, compreso lo sviluppo del software EOS e la promozione della blockchain EOS, soddisfacendo la presenza di un contratto di investimento ai sensi del test Howey e delle leggi federali statunitensi sui titoli. Come risultato dello stato dell’offerta come titolo, la SEC ha scoperto che Block.one violava le leggi sui titoli non presentando una dichiarazione di registrazione per la sua offerta iniziale o qualificandosi per un’esenzione dalla registrazione.

Mentre l’accordo di $ 24 milioni potrebbe sembrare significativo, molti nella comunità blockchain si sono affrettati a notare che l’importo rappresentava meno dell’1% del capitale totale raccolto durante l’ICO annuale di Block.one. Inoltre, Block.one ha annunciato che l’accordo negoziato risolto tutte le questioni in corso tra Block.one e la SEC, portando alcuni a chiedersi se il token EOS, che attualmente viene scambiato in borsa e viene utilizzato per alimentare la blockchain EOS, non rientri più nel mirino delle leggi federali sui titoli.

Un giorno dopo l’annuncio della transazione Block.one, la SEC ha concordato con Nebulous un’offerta di token non registrata che ha avuto luogo nel 2014. Come parte della transazione, Nebulous non ha dovuto registrare il suo utility token Siacoin come titolo. Come il token EOS, il token Siacoin attualmente alimenta una rete blockchain che è abbastanza ben utilizzata da un certo numero di parti distribuite (323 host in 43 paesi diversi).

Due settimane dopo, il gigante della messaggistica Telegram Inc. era citato in giudizio dalla SEC per ingiungere all’azienda di inondare i mercati dei capitali statunitensi con miliardi di token Grams precedentemente venduti a investitori accreditati. Telegram aveva raccolto $ 1,7 miliardi vendendo token Gram a oltre 170 investitori accreditati con estensione Quadro SAFT (Accordo semplice per token futuri). Come l’utilità prevista dei token EOS e Siacoin, i token Grams avevano lo scopo di alimentare la rete TON.

Leggete insieme, cosa ci dicono esattamente questi tre casi? È difficile da decifrare. Certamente, sappiamo che Block.one e Nebulous originariamente offrivano contratti di investimento agli investitori: quegli eventi erano offerte indiscutibilmente illegali di titoli non registrati. Ma leggendo tra le righe, è anche possibile sostenere che entrambi i token di utilità del progetto (token EOS e token Siacoin) non sono titoli oggi, sebbene entrambi scambino liberamente su scambi di criptovalute.

Il caso di Telegram è più semplice: la sua offerta di (futuri) token Grams agli investitori è stata anche considerata come un titolo di contratto di investimento dalla SEC, ma a differenza del token EOS, ad esempio, i token Grams sembrano rimanere titoli agli occhi delle normative corpo. Di conseguenza, la SEC ha ordinato con successo a Telegram di inondando i mercati dei capitali statunitensi con i gettoni Grams.

Quindi come sono ancora i token Grams dopo la loro vendita iniziale, mentre l’analisi per i token EOS e Siacoin è più oscura? Nel suo azione di emergenza contro Telegram, la SEC ha scoperto che poiché gli acquirenti iniziali si aspettavano di “raccogliere enormi profitti” una volta lanciato il mercato Grams, esisteva ancora un’aspettativa di profitto dipendente dalle azioni future di Telegram, Inc. Di conseguenza, la SEC ha affermato che i token Grams rimanevano un contratto di investimento titoli, poiché i poli del test di Howey rimangono soddisfatti.

Per quanto riguarda il token EOS, ricorda che il file Framework della SEC per l’analisi dei “contratti di investimento” delle risorse digitali pubblicato nel 2019 ha affermato che le risorse digitali precedentemente vendute come titoli di contratti di investimento potrebbero essere “rivalutate al momento di offerte o vendite successive”. In queste situazioni, se non esiste più “dipendenza dallo sforzo di altri”, né “ragionevole aspettativa di profitto” in relazione alla sicurezza del contratto di investimento, allora è possibile che i poli di Howey non saranno soddisfatti e l’investimento l’analisi del contratto fallirà. In queste circostanze selezionate, le vendite future dell’asset digitale non sarebbero classificate come vendite di un titolo.


Con questo quadro in mente, se tentiamo di tracciare una linea attraverso le tre recenti azioni della SEC, una conclusione possibile (ma certamente non definitiva) è che la SEC ritiene che le reti EOS e Sia siano sufficientemente decentralizzato come le reti esistono oggi. Quali fattori potrebbero giocare in quell’analisi? Come la SEC William Hinman ha dichiarato nel giugno 2018, e come successivamente codificato nel Framework della SEC nel 2019, “se la rete su cui il token … è sufficientemente decentralizzata – dove gli acquirenti non si aspetterebbero più ragionevolmente che una persona o un gruppo svolga sforzi gestionali o imprenditoriali essenziali – le risorse potrebbe non rappresentare un contratto di investimento. ” Applicando questa analisi, è plausibile che il token EOS possa essere passato con successo da un contratto di investimento al punto della loro vendita iniziale a qualcosa più simile a una merce oggi.

In alternativa, poiché si riferisce alla blockchain TON di Telegram, è più facile concludere che la SEC crede che esista ancora una ragionevole aspettativa di profitto (detenuta dai possessori di token) abilitata dal ruolo in corso di un partecipante attivo (qui, Telegram Inc.). Di conseguenza, la blockchain TON non soddisfa ancora la soglia minima per una decentralizzazione sufficiente. E, senza una rete sufficientemente decentralizzata, i token Grams devono rimanere titoli dei contratti di investimento, la forma che avevano originariamente assunto durante l’offerta iniziale agli investitori. Non c’è stata alcuna transizione in base a questi fatti.

Altri piatti da asporto? Quando si esaminano insieme queste tre azioni SEC, si potrebbe sostenere che le leggi sui titoli si applicheranno sempre alle vendite di contratti di investimento di token di rete pre-lanciati, indipendentemente dalla forma dell’offerta come SAFT o vendita diretta di token. Nonostante questo fatto, la SEC potrebbe anche riconoscere il concetto di titoli “di transizione” in quanto la rete sottostante di un token si decentralizza nel tempo.

È anche possibile che questi casi possano essere ampiamente interpretati come una vittoria per i token di sicurezza come meccanismo di raccolta fondi iniziale. Se le risorse digitali pre-rete devono essere sempre offerte come contratti di investimento ai sensi delle leggi federali sui titoli, è necessario posizionare il token venduto all’interno di un wrapper di token di sicurezza, e le raccolte fondi del progetto devono presentare una dichiarazione di registrazione per l’offerta di titoli o qualificarsi per un’esenzione dalla registrazione. Inoltre, se un token di rete mira a passare a una risorsa digitale simile a una merce in futuro, proprio come i token Ether, EOS o Siacoin, il token deve essere impregnato di restrizioni sul trasferimento del token di sicurezza fino a quando si verifica l’evento, in modo che tutte le parti restano in regola. I protocolli dei token di sicurezza offrono agli emittenti questo tipo di conformità normativa transitoria.

Infine, è possibile che la prossima ondata di regolamentazione delle risorse digitali negli Stati Uniti sarà più fluida, più accessibile e più aperta rispetto a qualsiasi dei nostri attuali costrutti legacy. Una lettura di questi casi dimostra che i nostri regolatori statunitensi potrebbero evolvere le loro interpretazioni storicamente rigide delle leggi sui titoli per soddisfare questa tecnologia di trasformazione a testa alta.

Quel che è certo è che rimangono ancora molte domande. Ad esempio, mentre possiamo avere una migliore comprensione concettuale di quando è soddisfatta una decentralizzazione sufficiente a livello di rete (Ethereum, EOS, Sia), e quando certamente non è soddisfatta (TON Blockchain di Telegram), non sappiamo ancora l’esatta punto in cui si raggiunge la decentralizzazione durante il ciclo di vita di una rete e, di conseguenza, quando il token sottostante di quella rete è ufficialmente uscito dallo stato di sicurezza.

Forse spetta ai nostri legislatori decidere.

Ma sia che tu creda che le azioni della SEC rappresentino un forte avvertimento per l’industria, o un segno che i nostri regolatori sono disposti a giocare a palla e parlare la stessa lingua del mondo delle risorse digitali, è innegabile che la crescente chiarezza fornita garantirà l’evoluzione del settore – in una direzione o nell’altra.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map