FCA ha vietato i derivati ​​basati su crittografia e le note negoziate in borsa nel Regno Unito

Il Autorità di condotta finanziaria (FCA) ha ora rilasciato un verdetto a lungo atteso sullo stato dei prodotti finanziari basati su criptovalute nel Regno Unito.

A partire dal 6 gennaio 2021, i derivati ​​basati su criptovalute e le note negoziate in borsa (ETN) non potranno essere offerti agli investitori al dettaglio nel Regno Unito.

Derivati ​​basati su crittografia ed ETN

Un derivato è un prodotto finanziario che “deriva” il suo valore da un’altra risorsa, come le criptovalute. L’esempio più comune di ciò è la crescente popolarità dei futures su Bitcoin.

Sebbene l’attività sottostante possa non essere un titolo, i derivati ​​sono considerati e regolamentati come titoli. In quanto tali, questo li pone sotto la competenza di organismi di regolamentazione come la Financial Conduct Authority (FCA).

Un ETN, d’altra parte, è un titolo di debito non garantito emesso da una banca. Questi strumenti finanziari sono costruiti per fornire agli investitori un’esposizione a determinate attività attraverso il monitoraggio degli “indici di riferimento”.

Perché sono banditi?

Non c’è una sola ragione alla base della decisione della FCA di vietare tali prodotti. La FCA afferma che gli investitori non hanno la capacità di “valutare in modo affidabile il valore e i rischi dei derivati ​​e delle note negoziate in borsa che fanno riferimento a determinate criptovalute”. Fornisce i seguenti esempi sul motivo per cui ritiene che sia così.

  • Natura delle attività sottostanti, che non hanno valore intrinseco e quindi differiscono da altre attività che hanno usi fisici, promettono flussi di cassa futuri o sono legalmente accettate come denaro
  • Presenza di abusi di mercato e criminalità finanziaria (inclusi furti informatici da piattaforme di criptoasset) nei mercati di criptovalute
  • Estrema volatilità dei prezzi delle criptovalute
  • Comprensione inadeguata delle criptovalute da parte dei consumatori al dettaglio e mancanza di una chiara esigenza di investimento per i prodotti di investimento che li fanno riferimento.

Nessun valore intrinseco

Se il divieto di cripto-derivati ​​si presenta come duro, la posizione della FCA sul valore intrinseco delle criptovalute lo è altrettanto; “… pensiamo che le criptovalute non regolamentate non abbiano alcun valore intrinseco. Differiscono da altre attività che hanno usi fisici, promettono flussi di cassa futuri o sono legalmente accettate come denaro “.

Popolare scambio di criptovaluta, Kraken, ha recentemente pubblicato un rapporto sul valore intrinseco di Bitcoin. Abbiamo dato un’occhiata a questo rapporto e evidenziato alcuni punti chiave sul perché Bitcoin fornisce davvero un valore forte, anche se unico.

È quello un eco?

È interessante notare che gran parte della razionalità alla base di questa decisione della FCA ricorda il sentimento condiviso dalla Securities and Exchange Commission.

La battaglia per un ETF basato su Bitcoin è in corso da anni negli Stati Uniti ora, con la SEC che interrompe ogni tentativo. Proprio come la FCA, il ragionamento alla base di ogni diniego consiste tipicamente nei seguenti punti.


  • Immaturità del mercato
  • Volatilità
  • Metodi di valutazione insufficienti
  • Rischio di custodia

Sebbene un ETF sia stato costantemente chiuso dalla SEC, le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti sembrano avere una posizione più aperta riguardo all’approvazione di determinati derivati ​​crittografici. Ciò è stato reso evidente attraverso varie offerte di contratti futures su Bitcoin ed Ethereum. Prodotti come questo possono essere trovati attraverso varie aziende, come,

Rimuginando su

Va notato che questa non è stata una decisione affrettata da parte della FCA. Il processo che ha portato a questa conclusione si è svolto nel corso di un anno mentre il regolatore ha riflettuto sui rischi e sui benefici.

La proposta iniziale di questo divieto è stata avanzata nel luglio del 2019. Da allora, la FCA ha aperto la proposta a un periodo di commento da parte del pubblico, che ha portato a centinaia di osservazioni. Chiaramente, non c’erano abbastanza argomenti convincenti per influenzare la decisione originale della FCA.

Esodo?

Sebbene questa decisione sia stata presa con il pretesto di proteggere gli investitori, c’è già stata una protesta da parte di molti, denunciando la decisione.

Don Guo, CEO di Broctagon FinTech Group, ha parlato della decisione e di cosa significa per gli investitori con sede nel Regno Unito andare avanti. Egli afferma,

“La FCA ha inferto un duro colpo alla libertà degli investitori britannici. Vietando il trading di derivati ​​crittografici, possiamo aspettarci che lo spazio di trading del Regno Unito si sposti altrove. La domanda di questi titoli continua a crescere, con i volumi dei derivati ​​crittografici che raggiungono nuovi massimi quest’estate. È un’opportunità persa per il Regno Unito … Riteniamo certamente che dovrebbero esserci misure per proteggere i consumatori, ma questa mossa ignora la crescente domanda tra i consumatori al dettaglio di partecipare allo spazio delle criptovalute “.

Autorità di condotta finanziaria (FCA)

La FCA è un’autorità di regolamentazione dei servizi finanziari con sede nel Regno Unito. Fin dalla sua costituzione nel 2013, la FCA ha lavorato per sviluppare e applicare regolamenti che garantiscano mercati dei capitali equi e trasparenti.

Amministratore delegato, Nikhil Rathi, attualmente sovrintende alle operazioni presso la FCA.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map