La Russia avvia un quadro normativo per i token di sicurezza

I funzionari russi hanno compiuto alcuni passi importanti questo mese verso la creazione di un quadro normativo per i token di sicurezza. In passato, la Russia è stata indecisa su come gestire esattamente la nuova tecnologia. Questa indecisione ha danneggiato la comunità blockchain del paese e ne ha rallentato l’adozione.

Competizione globale

Ora sembra che i legislatori abbiano riconosciuto l’importanza di rimanere rilevanti nel settore. Di conseguenza, i funzionari continuano a introdurre nuove leggi relative all’uso e alla proprietà delle risorse digitali. Ora Mosca vuole dare ai suoi imprenditori l’opportunità di competere sulla scena globale.

Legislazione in lavorazione

La Russia ha attualmente tre le principali fatture relative alle criptovalute entreranno in vigore nei prossimi mesi. Queste fatture fanno parte della campagna “Open Russian Digital Economy”. Questa campagna mira ad aiutare il russo a sviluppare fonti alternative di entrate e finanziamenti attraverso l’innovazione.

Crypto in punta di piedi

Delle tre fatture previste per l’attivazione nelle prossime settimane. Due delle fatture non menzionano direttamente le criptovalute. Tuttavia, le bollette coprono le attività crittografiche. La terza fattura nomina esplicitamente le criptovalute.

Sfortunatamente, i funzionari hanno già ritardato la terza proposta di legge tre volte. Questo disegno di legge è noto come “sui diritti finanziari digitali”. Molti nel paese considerano questo disegno di legge il pezzo più importante di legislazione crittografica in questo momento e per una buona ragione.

Classifica Crypto

Il disegno di legge “On Digital Financial Rights” suddivide infine le risorse digitali in tre categorie: risorse virtuali (crittografia), risorse tecniche (utilità) e risorse finanziarie digitali (token di sicurezza). Questa legislazione è un primo passo fondamentale per una maggiore adozione. In primo luogo, aiuterebbe a creare fiducia nell’economia crittografica.

Modifiche multiple

In particolare, il disegno di legge ha subito numerosi emendamenti dalla sua introduzione, principalmente a causa del forte sostegno del settore delle imprese locali e del ministro delle Finanze. Il 20 marzo 2019, il presidente del comitato del mercato finanziario russo, Anatoly Aksakov, ha presentato le prime due bozze del disegno di legge.

Anatoly Aksakov

Anatoly Aksakov – Presidente del Comitato per il mercato finanziario russo


Il 26 marzo è stata presentata ai legislatori una terza bozza di legge co-sponsorizzata. La proposta di legge è stata presentata dal capo della commissione legislativa parlamentare, Pavel Krasheninnikov, e dal presidente della Duma, Vyacheslav Volodin. È interessante notare che questa versione del disegno di legge si concentra sull’uso di contratti autoeseguibili o contratti intelligenti.

Uso di contratti intelligenti

Regnum, il legislatore russo Pavel Krasheninnikov, capo della commissione legislativa parlamentare, ha affermato che i contratti intelligenti sono molto simili ai sistemi di pagamento ricorrenti attualmente in vigore. Crede che questa FinTech sia essenziale per lo sviluppo dell’economia digitale russa.

Alla Banca Centrale Russa non piace il Bitcoin

Il motivo principale del rinvio di “On Digital Financial Rights” è il fatto che la Banca centrale russa è ancora contraria all’intero concetto di criptovalute decentralizzate.

Non sorprende che la banca centrale non supporti nessun’altra forma di valuta, oltre a quelle che emette personalmente. A un certo punto, il vicegovernatore della banca, Sergei Shevtsov, è arrivato al punto di chiamare le criptovalute uno “schema piramidale high-tech”. La dichiarazione evidenzia alcuni dei blocchi che la criptocomunità russa deve superare per avere successo.

Sui diritti digitali

Il 1 ° ottobre è entrato in vigore il secondo atto legislativo: “Sui diritti digitali”. Questo è il primo atto legislativo ad entrare in servizio. È di natura simile alla legislazione “sui diritti finanziari digitali”, ma differisce in molti modi chiave. Principalmente, la legislazione non utilizza la parola “criptovalute”.

Il disegno di legge stabiliva le definizioni legali di base nel settore e lo status di ciascuna. Ad esempio, i diritti digitali sono ora un termine legalmente riconosciuto nel paese.

Modificare il codice civile

La nuova legge modifica il codice civile russo. L’aggiunta ora afferma che l’uso della tecnologia dell’informazione è legale per l’adempimento degli obblighi in determinate circostanze. Fondamentalmente, i contratti autoeseguibili sono legalmente vincolanti in futuro.

Leggi ICO in arrivo

A gennaio entrerà in vigore il terzo disegno di legge relativo alle criptovalute. Questo disegno di legge si occupa esclusivamente di campagne di crowdfunding come le offerte di token di sicurezza (STO). La legge si chiama “Attrarre investimenti utilizzando piattaforme di investimento” e le sue ramificazioni sono di vasta portata.

Restrizioni STO

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il disegno di legge nell’agosto 2019. La nuova legge pone protezioni per gli investitori, nonché restrizioni nei settori ICO e STO.

Il presidente russo Vladimir Putin tramite la BBC

Il presidente russo Vladimir Putin tramite la BBC

Ad esempio, gli investitori non qualificati possono investire solo fino a 600.000 rubli ($ 9000) a persona. Questa legge ha lo scopo di proteggere gli investitori non istruiti dal subire grosse perdite. Sfortunatamente, può anche limitare i normali investitori dal massimizzare il loro ROI.

Esclusiva STO

La legislazione limiterà anche ciò che le aziende possono ospitare eventi di crowdfunding. Non sorprende che solo le parti registrate presso la banca centrale del paese possano impegnarsi in attività di crowdfunding in questo momento. Fondamentalmente, qualsiasi STO in russo ha bisogno della benedizione della banca centrale per procedere.

Non è facile essere un investitore crittografico russo

Questa legge mostra gli sforzi della Russia per consentire solo all’élite di utilizzare il settore blockchain, rendendo allo stesso tempo quasi impossibile per la persona media farlo.

Questo modello di abbandono verso l’investitore civile non è niente di nuovo. Nel 2017, la Russia ha accennato al divieto di criptovaluta nello stesso momento in cui la banca centrale ha annunciato l’intenzione di emettere la propria criptovaluta nativa nei prossimi 2 anni: il criptovaluta.

Associazione russa di blockchain e criptovaluta

Nonostante la storia del paese di torbida legislazione crittografica, la Russia continua a vedere un’ulteriore espansione della blockchain. Il paese ha già numerose aziende che collaborano per contribuire ad aggiungere trasparenza al settore: il Associazione russa di blockchain e criptovaluta.

Questo gruppo fornisce agli investitori un sistema di rating per valutare meglio la validità di una ICO o STO. L’azienda cerca di creare uno standard internazionale per valutare le campagne di crowdfunding. In questo modo, gli investitori possono valutare accuratamente i rischi associati a questi investimenti in modo più coerente.

Le sanzioni si traducono in un cambiamento

I funzionari russi hanno compiuto passi enormi per promuovere il settore blockchain locale dopo aver affrontato una serie di sanzioni schiaccianti imposte dagli Stati Uniti. I legislatori statunitensi hanno insistito sulle sanzioni per quello che loro ritenuto come ingerenza elettorale nelle elezioni presidenziali del 2016.

Dall’inizio delle sanzioni, il presidente russo Vladimir Putin ha criticato la decisione degli Stati Uniti. Ha affermato che la mossa degli Stati Uniti ha armato il dollaro. Di conseguenza, questa strategia rende difficile per i paesi concorrenti mantenere la fiducia nella valuta. In sostanza, la mossa ha costretto la Russia a farlo prendere in considerazione alternative.

La Russia diventa criptata

La Russia è ora pronta a rivolgersi a soluzioni blockchain. Il paese possiede la rete e le competenze tecniche per essere una forza dominante nella sfera crittografica. Considerando che il paese è pronto a lanciare la propria criptovaluta nativa nel prossimo anno, ha senso che i legislatori inizino a promuovere un ambiente aziendale più compatibile con la blockchain.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map