Il prezzo del bitcoin vede un salutare calo dopo quattro settimane consecutive di guadagni

Il prezzo di BTC è sceso di circa $ 10.000 ieri a causa del sentimento del mercato surriscaldato: ecco la nostra analisi del crollo.

Immagine del crollo del prezzo di Bitcoin

Bitcoin è precipitato di oltre 10.000 USDT ieri, 22 febbraio, sotto l’influenza di una varietà di fattori, scendendo del 18% da un massimo di 58.318 USDT domenica sera a un minimo di 47.668 USDT, secondo il prezzo spot OKEx BTC. Il calo è arrivato subito dopo che il leader di mercato ha visto la sua quarta settimana consecutiva di guadagni.

In quello che è diventato un altro "Lunedì nero" nel mercato delle criptovalute, le circostanze erano simili a quelle dell’11 gennaio. I titoli del Tesoro USA hanno continuato a essere venduti all’inizio della settimana, causando un’impennata dei rendimenti. L’aumento dei rendimenti obbligazionari ha poi messo sotto pressione il mercato azionario, dove abbiamo visto l’indice Nasdaq scendere di più in quasi quattro mesi, con le azioni Apple in calo del 3% e le azioni Tesla in calo di oltre l’8% lunedì.

Il rendimento del Tesoro ha recuperato i massimi di marzo e ha depresso il trend rialzista delle attività rischiose. Fonte: CNBC

In una deviazione dal comportamento del mercato dell’11 gennaio, i prezzi dell’oro non sono scesi ieri e, invece, hanno guadagnato il massimo in sette settimane. Anche i prezzi del petrolio greggio hanno toccato i massimi di 13 mesi, riflettendo il fatto che gli investitori stanno iniziando a scontare le crescenti aspettative di inflazione. Poiché la capitalizzazione di mercato di Bitcoin ha continuato a salire negli ultimi due mesi, la sua correlazione con i tassi di interesse e la macroeconomia è diventata ancora più forte.

Inoltre, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellon avvertito ieri che Bitcoin è un asset altamente speculativo ed è un file "estremamente inefficiente" modo di condurre transazioni monetarie. Le sue parole hanno anche messo sotto pressione il mercato delle criptovalute.

Un grande successo per i cacciatori rialzisti

Prima dell’improvviso crollo di lunedì, Bitcoin aveva ottenuto un rendimento mensile di oltre l’80% a febbraio e la sua capitalizzazione di mercato totale ha superato il valore di $ 1 trilione. Il leader di mercato è stato alimentato da varie notizie tra cui il principale acquisto di BTC di Tesla, l’offerta di debito di MicroStrategy per acquistare più Bitcoin e il lancio del primo ETF Bitcoin in Nord America.

Il sentimento del mercato è stato chiaramente surriscaldato, il che si è riflesso nei tassi di finanziamento che si sono attestati intorno allo 0,1% per un periodo di tempo prolungato e un massimo storico di $ 19 miliardi di open interest il 21 febbraio. Questo ciclo guidato dagli eventi ha reso difficile il mercato a salire in modo organico, aprendo la strada a una correzione.

L’open interest di BTC ha stabilito un record di $ 19 miliardi il 21 febbraio. Fonte: Bybt.com

Il calo di ieri ha portato anche a vendite di panico su Coinbase e l’exchange ha avuto il suo più grande premio negativo di sempre a causa della mancanza di acquisti sul portafoglio ordini. Il premio Coinbase ha raggiunto un minimo storico di $ 1.020 negativi durante il sell-off di ieri, secondo i dati di CryptoQuant.

Inoltre, dal punto di vista dell’analisi tecnica, lo slancio rialzista ha mostrato esaurimento dopo l’ultimo massimo storico, poiché l’indicatore Relative Strength Index ha registrato divergenze ribassiste consecutive sui grafici a 1 ora e 4 ore. Questo accade quando l’RSI pubblica un "ipercomprato" lettura – in risposta ai massimi più bassi nel prezzo – che corrisponde alle letture dei massimi più alti precedentemente effettuati.

I prezzi dei bitcoin hanno visto divergenze ribassiste consecutive nel grafico a 1 ora. Fonte: OKEx

Il forte ritracciamento di ieri ha stabilito un altro record per le liquidazioni nel mercato dei derivati. Il solo Bitcoin ha visto la liquidazione di posizioni di $ 3,64 miliardi tra gli scambi, superando i $ 2,5 miliardi nelle posizioni liquidate il 10 gennaio e $ 1,74 miliardi il 3 gennaio.


Le liquidazioni hanno raggiunto un altro record in un altro lunedì. Fonte: Bybt

Reazioni del mercato al calo dei prezzi di BTC

Il crollo dei prezzi delle criptovalute di ieri ha visto reazioni interessanti del mercato. In primo luogo, c’è stato un picco nel tasso di cambio dello yuan cinese in USDT. Secondo i dati di trading OKEx, ieri il premio di USDT nel mercato P2P è passato da negativo a positivo, salendo brevemente all’1,76%. Questa cifra indica che c’erano molti trader che cercavano di acquistare USDT per aggiungere margine alle loro posizioni.

Il premio dello yuan cinese sull’USDT ha raggiunto l’1,76% nel mercato P2P. Fonte: OKEx

Anche Ethereum e il suo ecosistema sono stati influenzati dal calo. Il prezzo di Ether (ETH) è sceso del 21,68% nel punto più basso. Secondo OK Collega i dati, il volume degli scambi di 24 ore degli scambi decentralizzati sulla rete Ethereum ha raggiunto un massimo record di $ 5,09 miliardi al momento della scrittura. Il più grande volume 24 ore su 24, $ 1,87 miliardi, è stato visto su Uniswap, seguito da $ 1,2 miliardi su SushiSwap.

Un gran numero di fornitori di liquidità che hanno tentato di rimuovere i propri fondi per evitare perdite impermanenti e prestiti on-chain che riempiono il margine per evitare la liquidazione hanno spinto il costo del gas – la tariffa di utilizzo della rete Ethereum – a livelli di 1.000 gwei, per Rilevatore di gas Ethereum.

Ciò significa che il costo per rimuovere la liquidità su Uniswap ieri è stato di quasi $ 300. Anche in un ambiente on-chain così costoso, il valore totale bloccato di Uniswap è diminuito del 10,8% nelle ultime 24 ore e il TVL di SushiSwap è sceso dell’8,8%. Anche altre principali piattaforme di prestito Compound e Maker hanno registrato un calo dell’8% in TVL. Questa situazione mostra ancora una volta l’urgente necessità di aggiornamenti di scalabilità sulla rete Ethereum.

Il volume delle transazioni su DEX ha raggiunto il massimo storico nelle ultime 24 ore. Fonte: OKLink

Fondamenti di Bitcoin ancora in gioco

Guardando al futuro, l’afflusso di istituzioni nel mercato delle criptovalute rimane un fattore significativo per la stabilizzazione dei prezzi dei Bitcoin. La sostanziale volatilità dei prezzi in Bitcoin come asset alternativo emergente continua ad essere inevitabile in questa fase, ma la crescita del numero di possessori di BTC e dei canali di acquisto fornirà supporto per il prezzo.

Per ora, la criptovaluta principale rimane dipendente dai cambiamenti negli indicatori macroeconomici. Questa settimana, il mercato si concentrerà sul discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell durante le udienze al Senato e alla Camera. I mercati sono preoccupati se la strategia accomodante della Fed possa essere sostenuta e se l’aumento dei rendimenti del Tesoro USA costituisca un rischio per la ripresa economica.

A medio termine, si avvicina un nuovo ciclo di massicci stimoli fiscali. Il Senato dovrebbe inviare un nuovo pacchetto di stimolo da $ 1,9 trilioni al presidente Biden entro il 14 marzo. L’abbondante offerta risultante di fiat rimane senza dubbio un fattore favorevole per l’aumento dei prezzi delle attività rischiose.

Non sei un trader OKEx? Impara come iniziare a fare trading!

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map