Il secondo attacco di vampiri di SushiSwap sta testando i meccanismi di governance della comunità di Uniswap

La pressione è su Uniswap e sulla sua governance della comunità mentre gli agricoltori di rendimento si spostano verso i concorrenti: Crypto Market Update

L’estrazione di liquidità su Uniswap si è conclusa ieri. Il valore totale bloccato nella principale borsa decentralizzata ha raggiunto il picco di $ 3,068 miliardi il 14 novembre ed è sceso a $ 2,718 miliardi alla fine della distribuzione dei premi minerari. Poi è sceso rapidamente di quasi la metà, a $ 1,452 miliardi, il 18 novembre dati da DeFi Pulse

Con l’esaurirsi degli incentivi su Uniswap, i coltivatori di rendimento si cercano luoghi più produttivi per fornire liquidità. Il principale concorrente SushiSwap è stato il principale beneficiario, con il suo TVL che è passato da $ 24 milioni l’8 novembre agli attuali $ 1,027 miliardi. Altri scambi decentralizzati hanno tutti visto una rapida crescita di TVL, come Curve e Balancer.

Il TVL in Uniswap è crollato mentre è salito in SushiSwap. Fonte: DeFi Pulse

Poiché l’estrazione di liquidità di Uniswap aveva un calendario chiaro per la sua cessazione, ciò ha consentito al suo principale concorrente di essere ben preparato per attirare liquidità. SushiSwap ha avviato ieri gli stessi identici pool di Uniswap, con premi aumentati, inclusi ETH / USDT, ETH / USDC, ETH / DAI e ETH / WBTC. Fornisce anche un file "Migrare" interfaccia per facilitare il trasferimento di liquidità con un clic da Uniswap – qualcosa che molti nel settore chiamano un secondo attacco di vampiri.

In precedenza, SushiSwap ha suscitato scalpore fornendo premi 10 volte SUSHI per il suo mining di liquidità e ha finito per avere 1,43 miliardi di dollari di liquidità al suo picco il 12 settembre. Allo stesso tempo, la liquidità di Uniswap è scesa da $ 1,82 miliardi a circa $ 400 milioni. Tuttavia, il lancio da parte di Uniswap del suo token UNI il 16 settembre ha ribaltato la situazione e ha causato un rapido declino del TVL di SushiSwap.

SushiSwap ha quindi deciso di limitare la sua fornitura nativa di token a 250 milioni di token e ridurre le emissioni giornaliere, il che ha indotto alcuni agricoltori a rinunciare a causa della diminuzione dei raccolti. Ha inoltre stabilito un periodo di blocco di sei mesi per i due terzi dei premi minerari nel tentativo di ridurre la pressione di vendita a breve termine. Inoltre, SushiSwap ha implementato il modello di business target di Uniswap, ovvero la distribuzione di un sesto delle commissioni per l’acquirente (o lo 0,05% del volume totale degli scambi) agli stakers xSUSHI. Queste misure hanno portato a rinnovate aspettative del mercato per il prezzo di SUSHI prima che gli incentivi di Uniswap finissero. Dopo una lunga flessione, il prezzo di SUSHI è aumentato di oltre il 90% a novembre.

Il prezzo di SUSHI ha toccato il fondo dopo una lunga flessione. Fonte: TradingView

Sebbene la liquidità sia passata a SushiSwap, Uniswap è ancora molto più alto in termini di volume di scambi effettivo. La fine dell’estrazione di liquidità di quest’ultimo potrebbe non compromettere necessariamente la sua posizione di principale borsa decentralizzata. Secondo il sito web Commissioni Crypto, Le attuali commissioni medie di sette giorni di SushiSwap ammontano a $ 125.876, che è solo il 16% di quelle di Uniswap. Ancora più importante, il numero di utenti varia notevolmente. Ci sono stati più di 25.000 utenti su Uniswap nelle ultime 24 ore, mentre SushiSwap ne ha attratti solo 607. 

L’importanza del sistema di incentivi per gli scambi decentralizzati può essere chiaramente osservata negli ultimi due mesi, ma i comportamenti degli utenti attuali sono il più grande ostacolo per SushiSwap – il primo nome che viene in mente quando la maggior parte degli utenti scambia i token su un DEX è ancora Uniswap.

Uniswap è ancora l’exchange decentralizzato più popolare. Fonte: DeBank

Tuttavia, Uniswap potrebbe dover intraprendere un’azione immediata per mantenere il proprio vantaggio, principalmente quando si tratta delle sfide della governance della comunità. La community di Uniswap lo è discutere un piano di incentivi per continuare a premiare UNI a un tasso ridotto di 5 milioni di token UNI mensili per i fornitori di liquidità, che è il 50% della sua fase di genesi. 

Forse il problema più grande è che Uniswap ha stabilito i requisiti per presentare una proposta e il quorum è troppo alto. Attualmente sono necessari 10 milioni di UNI per presentare una proposta e 40 milioni di UNI per approvarla con successo entro i prossimi sette giorni. Le due proposte precedenti non sono state approvate. 

Il secondo problema è l’incoerenza degli interessi tra i possessori di token. Non c’è alcun motivo ovvio per votare per riprendere l’estrazione di liquidità come detentore al dettaglio, poiché ulteriori emissioni potrebbero far scendere il prezzo di UNI. I team e i primi investitori, tuttavia, potrebbero essere più disposti a farlo. 


La terza questione riguarda il tempo. Il piano richiede un processo e un voto complessi e potrebbe essere fino al 4 dicembre prima che venga lanciato ufficialmente un nuovo ciclo di estrazione di liquidità. Gli ovvi problemi di velocità e mobilità stanno attualmente ostacolando Uniswap, e resta da vedere se ciò ne ostacolerà ulteriormente la crescita di fronte alla concorrenza.

La tempistica e il processo di governance proposti da Uniswap potrebbero richiedere settimane. Fonte: gov.uniswap.org

Sebbene la governance della comunità sia spesso considerata l’ideale per i progetti crittografici, è ancora nelle sue primissime fasi. OKEx Insights continuerà a seguire la battaglia tra Uniswap e SushiSwap nelle prossime settimane.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute. 

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map