Riduzione dei prezzi di BTC: disimballaggio del primo importante ritiro di Bitcoin del 2021

Uno sguardo a cosa ha causato un calo di $ 7.000 di Bitcoin lunedì 4 gennaio e alle lezioni da trarre dalla correzione del prezzo

Bitcoin ha visto la sua prima correzione dell’anno lunedì 4 gennaio, quando il suo prezzo è scivolato dal massimo di domenica di $ 34.793, secondo il prezzo dell’Indice OKEx BTC, al suo punto più basso di $ 27.793 intorno alle 10:00 UTC – un calo del 20% . Per coincidenza, il tuffo ha colmato il più grande divario di futures su BTC di CME Group entro 12 ore dalla sua apertura.

Secondo i dati di TradingView, i futures CME Bitcoin hanno chiuso venerdì scorso a $ 29.220 e hanno aperto domenica notte UTC a $ 33.405, creando un gap di $ 4.185. Queste lacune commerciali si formano perché il Gruppo CME, essendo un istituto finanziario tradizionale, opera solo dal lunedì al venerdì e non può riflettere i picchi o i cali di Bitcoin nei fine settimana.

Mentre le lacune nei futures CME Bitcoin riempite con crolli di prezzo sono un’osservazione interessante, il primo importante calo dell’anno di Bitcoin è stato, in sostanza, alimentato dal mercato al dettaglio "paura di perdere" e la loro leva finanziaria elevata.

Il gap dei futures su Bitcoin CME è stato colmato durante il calo di lunedì, ma rimangono ancora alcuni gap da novembre. Fonte: TradingView

Con Bitcoin che stabiliva continuamente nuovi record da metà dicembre, il mercato era in uno stato frenetico e il calo di lunedì lo ha colpito duramente. L’open interest aggregato nei futures su Bitcoin aveva raggiunto il massimo storico di $ 10,7 miliardi domenica, ma l’enorme correzione di lunedì ha liquidato l’incredibile cifra di $ 2 miliardi tra gli scambi. L’ultima volta che abbiamo visto una liquidazione così ampia è stato un ritiro di 3.200 $ di un giorno il 25 novembre 2020, quando Bitcoin era sotto i 20.000 $..

La lunga compressione di lunedì ha avuto un pesante tributo sui partecipanti al mercato che avevano aumentato le loro posizioni lunghe durante il fine settimana. Tuttavia, pullback così rapidi e forti nei mercati rialzisti non sono in realtà così rari.

Quasi $ 2 miliardi di posizioni nelle borse sono state liquidate alle 20:00 UTC del 4 gennaio. Fonte: bybt

Guardando indietro al grafico dei futures trimestrali OKEx durante il mercato rialzista del 2017, ci sono stati molti pullback del 25% o più, comprese oscillazioni di un giorno del 36% e correzioni di oltre il 50% in due settimane. Tuttavia, questi non sono riusciti a fermare la tendenza al rialzo a lungo termine di Bitcoin.

I mercati rialzisti non continuano senza intoppi, poiché quasi tutte le fasi di rapido rialzo sono seguite da correzioni dei prezzi. Detto questo, rispetto all’entità dei pullback nel 2017, l’attuale mercato rialzista è molto più docile. Nello scenario attuale, la leva finanziaria eccessiva e il sentiment FOMO sono i principali colpevoli, come discusso di seguito.

I pullback nel mercato rialzista del 2017 sono stati più significativi. Fonte: Tradingview

I dati OKEx degli ultimi sette giorni rivelano un aumento estremo della leva finanziaria. Il rapporto BTC long / short è salito rapidamente da 0,92 a 1,55 tra domenica e lunedì mattina, mentre il rapporto di prestito a margine BTC sul mercato della leva spot è salito da 14 a 25 nello stesso periodo di tempo.

Nel frattempo, anche i tassi di finanziamento degli swap perpetui BTC hanno raggiunto uno scioccante 0,25% o più ogni otto ore. Con gli investitori al dettaglio che aumentavano le loro posizioni lunghe e pagavano commissioni così elevate, c’era da aspettarsi il successivo crollo quando il prezzo ha iniziato a scendere e c’è stata una corsa all’uscita, ovvero una compressione lunga.


I dati OKEx mostrano che i trader al dettaglio hanno continuato ad aumentare le loro posizioni lunghe aggiungendo leva. Fonte: OKEx

Anche gli indicatori tecnici hanno segnalato un calo dopo il rally di domenica. Sul grafico OKEx BTC / USDT di un’ora di seguito, possiamo vedere chiaramente una divergenza ribassista sull’indicatore RSI dopo la spinta di domenica mattina. Il prezzo ha raggiunto un nuovo massimo di $ 34,786 su OKEx, ma l’indicatore RSI non poteva andare oltre. Inoltre, si può anche osservare una contrazione del volume, che indica che gli acquisti al dettaglio erano stati esauriti.

Divergenza ribassista sull’indicatore RSI sul grafico orario, accompagnata da un calo del volume. Fonte: TradingView

Nel frattempo, il sentimento della FOMO tra gli investitori al dettaglio che ha portato a giochi con leva finanziaria elevata può essere visto nel grafico dell’età dei risultati delle transazioni non spesi di seguito.

L’indicatore dell’età UTXO mostra nuovi soldi che sono entrati nel mercato nell’ultima settimana. Fonte: IntoTheBlock

L’indicatore dell’età UTXO misura il volume delle transazioni create e le classifica in base a intervalli di tempo. Un aumento degli UTXO a breve termine denota un numero elevato di nuove transazioni in corso. In particolare, gli UTXO da un giorno a una settimana sono aumentati del 22,63% di recente, indicando che più nuovi soldi entrano nel mercato rispetto ai periodi di tempo precedenti.

In sintesi, i trader al dettaglio che si sono precipitati a utilizzare una leva elevata per i long hanno perso di più in questo pullback. L’azione dei prezzi di lunedì serve come promemoria per tutto ciò che le correzioni durante i mercati rialzisti tendono ad essere più feroci, costringendo la riduzione della leva finanziaria. Da qui in poi, potremmo probabilmente aspettarci che Bitcoin entri in una fase di consolidamento a breve termine poiché i trader al dettaglio impiegano tempo per riprendersi dalle loro perdite, ma la grande domanda è, questa volta è davvero diversa?

Non sei un trader OKEx? Impara come iniziare a fare trading!

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map