Primo: Cryptoassets e Gold in EU Benchmark Compliant Index

CoinShares Group, la società di gestione degli asset digitali ha compiuto un ulteriore passo avanti nell’affermare la presenza degli asset digitali nello spazio degli investimenti istituzionali. 

CoinShares lancia il nuovo indice di risorse digitali

Il gruppo CoinShares ha annunciato il lancio di Indice di Coinshares Gold e Cryptoassets (CGCI). Questo è il primo indice che ha un’esposizione a una risorsa digitale ed è anche conforme ai regolamenti sui benchmark dell’UE (BMR dell’UE).

Una pietra miliare per le criptovalute, poiché il Bitcoin, spesso pubblicizzato come la versione digitale dell’oro come asset class, diventa parte integrante di un prodotto finanziario per gli investitori istituzionali che cercano di avere un’esposizione alle risorse digitali.

Inoltre, l’abbinamento con l’oro in questo indice viene fatto per combinare l’elevata volatilità delle criptovalute con la bassa volatilità del metallo prezioso. Il profilo di rischio dell’indice è attenuato considerando che non esiste un’elevata correlazione tra oro e Bitcoin, secondo CoinShares Group.

La metodologia dell’indice mantiene un paniere di 5 criptovalute equamente ponderate rispetto all’oro. Non esiste un elenco fisso di criptovalute idonee a essere incluse, ma i criteri si basano sulla capitalizzazione di mercato a rotazione di 6 mesi ed escludono tutti i token ERC-20 e le criptovalute incentrate sulla privacy. 

Il prodotto finanziario passa attraverso un processo di ribilanciamento, che avviene mensilmente, con il ribilanciamento del paniere di criptovalute per includere le prime 5 criptovalute ponderate per la capitalizzazione di mercato ammissibili al momento del ribilanciamento. Il calcolo dell’indice si basa sui dati di mercato della criptovaluta Kaiko insieme ai dati di fornitura di Messari, due principali fornitori di dati nello spazio delle risorse digitali.

Nel frattempo, i pesi tra il paniere di criptovalute e l’oro sono determinati sulla base di uno schema di allocazione del rischio ponderato.

Lo sviluppo del CGCI è il risultato di una ricerca condotta tra CoinShares e l’Imperial College di Londra, pubblicata nel 2019, che ha identificato che l’abbinamento di oro e criptovalute offre un profilo di rischio e rendimento superiore a detenerli da soli.

Cryptoassets accoppiati con oro per un migliore profilo rischio-ricompensa

La metodologia dell’indice è stata creata dalla ricerca e dalla sperimentazione condotte con Compass Financial Technologies, amministratore di benchmark registrato nell’UE, per garantire un indice solido e conforme al benchmark. Essendo il primo indice conforme al BMR dell’UE, l’Indice CoinShares Gold and Cryptoassets è disponibile anche su noti fornitori di dati finanziari come Bloomberg Terminal e Refinitiv.

Esistono già diverse opzioni per gli investitori istituzionali per ottenere esposizione alle criptovalute, ma con l’elevata volatilità del mercato, gli investitori potrebbero evitare di impegnarsi. Questo nuovo abbinamento ponderato con l’oro – una delle attività che è nota per avere una bassa volatilità – consente agli investitori di entrare nello spazio degli asset digitali e beneficiare di rendimenti più elevati riducendo al minimo la loro esposizione al rischio di volatilità. 

Il gruppo CoinShares ha già un ottimo track record nello spazio delle criptovalute con diversi prodotti finanziari che includono il primo hedge fund Bitcoin regolamentato e il primo prodotto Bitcoin negoziato in borsa.

Daniel Masters, presidente esecutivo di CoinShares, ritiene che questo sia un importante passo in avanti per lo spazio degli asset digitali che traccia parallelismi con l’adozione istituzionale delle materie prime, affermando:


“I prodotti indicizzati ampiamente ricercati e documentati sono stati il ​​catalizzatore per l’adozione istituzionale delle materie prime alla fine degli anni ’90 attraverso l’avvento del Goldman Sachs Commodity Index. Questo indice di criptovaluta e oro mira a fare lo stesso, utilizzando la ricerca accademica e il suo stato regolamentato di riferimento per superare l’adunanza anche con i comitati di investimento più severi “.

Lo spazio in evoluzione delle risorse digitali

Lo spazio degli asset digitali attira da tempo l’attenzione degli investitori istituzionali. Negli ultimi due anni ci sono state diverse incursioni di grandi istituzioni nelle criptovalute. Da allora, istituzioni finanziarie tradizionali affermate come Fidelity o ICE hanno lanciato entità separate per il settore degli asset digitali.

Tuttavia, il gioiello della corona per lo spazio crittografico rimane un ETF Bitcoin approvato dalla SEC, che consoliderebbe il posto dell’asset nella sua categoria separata. Tuttavia questo obiettivo sembra essere sfuggente come due anni fa.

Diverse applicazioni di diverse società di gestione patrimoniale sono state respinte dall’autorità di regolamentazione e ciascuna di esse citando ragioni legate al lato dell’offerta del mercato delle criptovalute: le opzioni di custodia poco brillanti, i dati sui prezzi imprecisi e l’incertezza sui volumi di scambio.

Anche se lo spazio delle criptovalute si è sviluppato da allora e sono apparse più soluzioni di custodia per gli investitori istituzionali e i fornitori di dati sembrano aver costruito indici di prezzo più solidi, non si parla di progressi verso l’approvazione di un ETF Bitcoin.

Forse la chiave sta nella domanda: quando c’è una domanda istituzionale sufficientemente elevata di risorse digitali, le autorità di regolamentazione potrebbero cambiare rapidamente tono.

CoinShares fa parte di questa coorte di aziende che lavorano per migliorare l’infrastruttura per i prodotti finanziari di asset digitali. Con questo nuovo prodotto, l’azienda non solo ha il potenziale per generare la domanda istituzionale di criptovalute, ma apre anche una pista per ulteriori innovazioni di prodotto per altri nello spazio.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map