Il tasso di inflazione di Bitcoin scenderà sotto il 2% nel 2020; Perché questo è importante?

Bitcoin avrà un tasso di inflazione dell’1,8% in più di un anno. Nel 2020, l’emissione giornaliera di Bitcoin (BTC) scenderà del 50% e ridurrà il nuovo Bitcoin rilasciato sul mercato. Questo è qualcosa che potrebbe svolgere un ruolo molto importante nel prezzo futuro di Bitcoin.

I tassi di inflazione di Bitcoin scenderanno al di sotto del 2% all’anno

Secondo BitcoinBlockHalf.com, Bitcoin sta per dimezzarsi ancora una volta. Questa è la terza volta nella storia che l’asset digitale subirà una nuova riduzione delle emissioni. Al momento, ci sono 1.800 nuove monete generate ogni singolo giorno. I miner elaborano le transazioni e ricevono 12,5 BTC per ogni blocco che trovano.

In 455 giorni, la ricompensa per l’estrazione di blocchi di Bitcoin scenderà fino a 6,25. Questo è pari a 900 BTC al giorno. Pertanto, il tasso di inflazione dell’asset digitale più popolare scenderà dal 3,81% all’1,8%.

Questo avrà un effetto molto importante sul mercato e sull’intera comunità crittografica. Per la prima volta, Bitcoin avrà un tasso di inflazione inferiore rispetto all’obiettivo imposto dalle banche centrali nei paesi sviluppati. Le banche centrali delle più importanti economie del mondo limitano il loro tasso di inflazione a un livello prossimo al 2%. L’ideale sarebbe avere un tasso di inflazione il più vicino possibile al 2% annuo ma non superiore.

In alcuni casi, i paesi superano l’obiettivo di inflazione e le banche centrali tendono ad aumentare i tassi di riferimento. Se l’inflazione rimane al di sotto dell’obiettivo e non sembra raggiungerlo, i tassi di riferimento scendono.

Nei paesi in via di sviluppo, le politiche inflazionistiche tendono ad essere più flessibili. Ci sono paesi che stabiliscono un tasso di inflazione annuo del 4% o del 5%. Pertanto, sono più flessibili quando si tratta di gestire l’inflazione. Ci sono anche altre nazioni come il Venezuela o lo Zimbabwe in cui i governi non hanno alcun obiettivo per i loro tassi di inflazione.

Bitcoin funziona in modo diverso. Nessuno decide quale sarà l’obiettivo di inflazione per il prossimo anno. Il tasso di inflazione è predeterminato per diminuire ogni quattro anni. Ciò fornisce prevedibilità e rende Bitcoin una valuta digitale scarsa. Bitcoin ha un’offerta fissa. Se la domanda dell’asset aumenta, l’offerta rimane la stessa.

Verranno emessi 21 milioni di BTC. Ora ci sono 17.555.263 BTC in circolazione, l’83,6% del totale di Bitcoin estratti. Così, nei quattro anni successivi al dimezzamento, verranno emessi 1.312.500 BTC in più, raggiungendo il 90% della fornitura totale di Bitcoin estratta.

Gli individui saranno in grado di iniziare a pensare a Bitcoin come riserva di valore contro l’inflazione. La sua emissione diminuirà nel tempo, il che avrà chiaramente un effetto sul suo prezzo. Con una domanda stabile o in aumento, il prezzo della valuta virtuale più popolare dovrebbe ricominciare a crescere. Ci sono diversi esperti che stanno già spiegando come questo possa influenzare il prezzo di Bitcoin.

Bitcoin, oro e banche

Banche il modo comune in cui una persona normale conserva i propri contanti. Per le persone con una ricchezza enorme, il portafoglio è solitamente distribuito tra 5-10 attività o più che perdono valore nel tempo. In effetti, la maggior parte dei milionari cerca beni che potrebbero aumentare di prezzo nel tempo, anche per un profitto o per coprire a malapena le perdite dall’inflazione. E la maggior parte dei milionari cerca alternative bancarie poiché le banche non sono il luogo più sicuro per immagazzinare la tua ricchezza.

La maggior parte di loro usa l’oro per questo come una risorsa finita che non può essere riprodotta da un processo chimico. Può essere estratto solo e in pochi anni o centinaia di anni – non ci sarebbe più oro. Questa è una delle somiglianze tra Gold e Bitcoin: entrambi sono estraibili, limitati e non possono essere riprodotti. Ma perché le persone in futuro dovrebbero scegliere Bitcoin e non Gold? Soprattutto che vediamo che Bitcoin sta diminuendo.

Abbastanza semplice, se controlliamo il grafico dell’oro, potremmo vedere che l’oro ha i suoi periodi in cui il suo valore è sceso molto. 1982, 1985 e persino 2015. E molte altre volte. Ma, se prendiamo il caso ideale in cui c’è un investitore che lo acquista mensilmente per una certa somma di denaro, otterrà un profitto a lungo termine.

Bitcoin è simile qui. Se lo avessi acquistato nel 2017 dopo luglio, probabilmente ci sarebbe voluto molto tempo prima che arrivassi in pareggio. Ma qualcuno che lo acquista da anni, è ancora in profitto, anche adesso. Ci sono molte opportunità a breve termine – Bitcoin non è una di queste. Bitcoin è un investimento a lungo termine che devi investire con attenzione e non andare all-in su un prezzo che consideri ottimo, poiché potrebbe scendere ulteriormente.


Un altro motivo importante: tenerlo al sicuro. Puoi tenere al sicuro i tuoi Bitcoin abbastanza facilmente: conservali su un portafoglio di carta e non dire a nessuno le tue chiavi private. Puoi conservare le tue chiavi private in un libro o in un luogo che consideri sicuro. Con Gold, è molto più difficile in quanto è necessario riporlo in un istituto o in una cassaforte di casa che probabilmente richiederebbe molto spazio.

Il dimezzamento

Anche il dimezzamento della ricompensa del blocco di Bitcoin avrà un impatto sul prezzo. I minatori gestiscono un’impresa. Usano i dispositivi in ​​cui hanno investito e l’energia per guadagnare bitcoin. Devono venderli per mantenere l’attività in corso. In questo momento, ogni giorno vengono estratti circa 1800 BTC e la maggior parte di essi viene venduta per coprire le spese.

Quando si verificherà il dimezzamento, ci sarà una minore pressione di vendita su BTC e questo dovrebbe probabilmente portare a un piccolo aumento del prezzo. Vediamo cosa è successo quando si è verificato l’ultimo dimezzamento. L’ultimo dimezzamento è stato il 9 luglio 2016, ma Bitcoin ha iniziato ad aumentare a novembre 2016. L’aumento del prezzo di almeno il 50% nel 2016 – e sappiamo tutti cosa è successo nel 2017 e nel 2018.

Ridurre la ricompensa del blocco significa che ci sarebbero meno Bitcoin disponibili per la vendita. Supponendo che i minatori vendano sempre il 70% del bitcoin che estraggono per coprire le spese, questo ci lascia con circa 630 presenze di vendita di bitcoin al giorno da parte dei minatori. Ci sarebbero anche molte aziende che comprano e vendono bitcoin su base giornaliera. Il dimezzamento potrebbe probabilmente portare a un aumento del prezzo del Bitcoin poiché la domanda manterrà la stessa o crescerà, ma l’offerta diminuirà;

Ci sono molti altri fattori che dovremmo prendere in considerazione per quanto riguarda l’evoluzione del prezzo di Bitcoin prima e dopo il dimezzamento della ricompensa del blocco. Ma, se prendiamo in considerazione gli halving della ricompensa dell’ultimo blocco, il prezzo sembra avere un movimento di tendenza al rialzo dopo il dimezzamento. Niente è garantito, ovviamente, ma il prossimo dimezzamento sarà sicuramente il più importante & interessante da guardare.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map