Minatori di GPU Ethereum minacciati hanno un salvatore in Leonardo Render

Tutto era così semplice nel mondo del crypto mining: scarica il codice sorgente e lascia che il tuo processore faccia il lavoro. Chiunque avesse un computer a casa poteva entrare in azione e c’erano soldi da fare per tutti, specialmente per quei fortunati che risiedono in un paese in cui l’elettricità costa poco.

Bene, ora le cose sono cambiate e molti direbbero che non è per il meglio.

La visione originale per la rete bitcoin – e lo stesso vale per la successiva rete Ethereum – era per una rete decentralizzata composta da Jack o Jill medi con il proprio dispositivo. Ciò è stato sottolineato da una visione democratica in cui la contabilità della rete è stata distribuita in modo tale che sarebbe impossibile per una singola entità aziendale controllare il lavoro di mining che verifica e conferma i blocchi delle transazioni.

Non passò molto tempo prima che le CPU venissero eclissate dalle GPU e poi, in seguito, per gli ASIC – circuiti integrati specifici dell’applicazione – per spingere fuori le GPU, almeno per quanto riguarda la rete bitcoin.

Ora la rete Ethereum, i cui architetti erano consapevoli della minaccia ASIC al momento del suo concepimento nel 2014, potrebbe cadere vittima del pericolo centralizzato che si dice sia inerente agli ASIC. Di conseguenza, i miner sono alla ricerca di modi per diversificare l’utilizzo della GPU e c’è una nuova opzione disponibile per l’intelligenza artificiale (AI): è lo spazio assetato di potere del rendering grafico.

Il percorso di diversificazione dell’IA esiste da un po ‘di tempo, ma il rendering è relativamente nuovo, ma le nuove startup, come Leonardo Render stanno allineando il loro modello di business e la loro tecnologia alle esigenze dei minatori GPU che cercano di riutilizzare la capacità in eccesso.

Allora, qual è esattamente la minaccia ASIC per i minatori GPU?

Gli ASIC, come suggerisce il nome, sono cablati per funzionare con l’algoritmo di hashing del protocollo di una blockchain: fanno una cosa molto bene.

Hanno avuto così tanto successo nella sfera dei bitcoin, ora non è redditizio tentare di estrarre utilizzando una GPU. Le GPU – unità di elaborazione grafica – si sono dimostrate minatori di bitcoin superiori alle CPU perché sono in grado di elaborare attività in parallelo, il che significa che potrebbero raggiungere tassi di hash molto più alti rispetto al metodo di calcolo seriale di una CPU.

Tuttavia, nel mining di Ethereum la GPU è ancora dominante, ma potrebbe essere in procinto di cambiare con i primi minatori ASIC per Ethereum che verranno spediti a luglio dal gigante minerario cinese e produttore di ASIC Bitmain.

Bitmain ha annunciato ad aprile che le voci secondo cui stava lavorando su un ASIC per il mining di Ethereum erano vere, anche se si sa poco sui guadagni in termini di prestazioni nel mondo reale che ci si può aspettare dal mining con l’Antminer E3, al contrario delle affermazioni fatte dal produttore..

Tuttavia, se le affermazioni fatte da Bitmain sono quasi accurate, i giorni del minatore GPU Ethereum potrebbero essere numerati.

Il nuovo Antminer E3 si dice che sia in grado di eseguire un hash rate di 180 MH / s. Ciò si confronta con circa 232 MH / s per un rig a otto processori di schede AMD RX580.

Con l’Antminer E3 al prezzo di $ 2.150 rispetto alla configurazione della GPU a otto rig che arriva a circa $ 2.800, il differenziale di efficienza è sostanziale. Quando Bitmain inizierà a spedire l’E3, potrebbe vedere un enorme aumento nel mercato di rivendita secondario per le GPU poiché i proprietari cercano di recuperare parte del costo delle loro unità ora in eccesso rispetto al requisito.


Credito immagine: Wikimedia

Pericoli di centralizzazione, risposte alla diversificazione

Bitmain ovviamente vende i suoi ASIC a tutti gli utenti, quindi a prima vista non c’è motivo per cui dovrebbe esserci una centralizzazione del potere di mining. Ma Bitmain è anche il più grande utente finale del suo prodotto, con enormi mining farm piene dei suoi ASIC.

Bitmain controlla su un file trimestre della potenza hash della rete bitcoin attraverso i pool di mining di AntPool e BTC.com. Con gli occhi puntati sulla rete Ethereum, la questione della diversificazione dell’utilizzo della GPU è ora urgente per i minatori.

Come accennato, l’alternativa più diffusa è nel campo dell’intelligenza artificiale (AI), dove la potenza di elaborazione è molto richiesta e le GPU perfettamente adatte al compito perché l’apprendimento automatico nelle reti neurali, ad esempio, in genere comporta l’elaborazione di molti piccoli calcoli dove l’elaborazione parallela funziona bene.

La domanda di potenza di calcolo è stimolata dalla crescita dell’IA e che è destinata a continuare man mano che vengono sviluppate sempre più applicazioni e la scienza a sua volta continua a migliorare, portando a una domanda ancora maggiore.

Come abbiamo visto esiste anche una seconda opzione, derivata anch’essa da una nuova tendenza nell’utilizzo del computer, anch’essa in rapida espansione, possibilmente ad un ritmo esponenziale, sotto forma di rendering grafico.

Diamo quasi per scontato di aspettarci di vedere astronavi apparentemente realistiche impegnate in battaglie intergalattiche o eserciti di guerrieri che combattono in un mondo fantastico. Tali scene sono possibili solo grazie al raggruppamento di enormi quantità di potenza di calcolo per il rendering di immagini generate dal computer (CGI). La risorsa richiesta è considerevole. Usare un Nvidia 1060 GPU impiegherebbero 24 ore per renderizzare un fotogramma e ci sono 24 fotogrammi in un secondo di pellicola. Incredibilmente, ciò significa che ci vorrà un mese per eseguire il rendering di un secondo di animazione CGI.

Con le tecniche CGI nella domanda nei film, nei giochi e nel più ampio mondo aziendale per la comunicazione e la pubblicità, c’è un collo di bottiglia nel disallineamento della domanda e dell’offerta.

Il rendering grafico ha bisogno della potenza della tua GPU

Leonardo Render, che già fornisce servizi di rendering, si sta facendo perno, con l’aiuto della blockchain, per fornire una soluzione di rendering grafico decentralizzato in grado di mettere in contatto l’offerta con la domanda. Offrirà ai suoi clienti l’accesso a una blockchain render farm con l’aiuto della sua partnership con il fornitore di strutture minerarie statunitensi Giga-Watt, che ha 23.000 GPU su 11 acri di terreno sulla costa occidentale degli Stati Uniti.

La parte della loro offerta che salta fuori per i minatori crittografici è il rendimento disponibile dal rendering. Il rendering grafico vede un aumento del 1,751% sui rendimenti attualmente ottenibili dal mining sulla rete Ethereum – $ 0,027 rispetto a un minatore Leonardo PPU a $ 0,50, misurato in GPU / ora.

Sembra una mossa molto intelligente di Leonardo Render, con una soluzione che sarà nel posto giusto al momento giusto quando Bitmain inizierà a potenziare le sue linee di produzione Antminer E3 e i minatori GPU di Ethereum cercano alternative. I minatori crittografici potranno eseguire il provisioning delle loro unità sulla rete Leonardo attraverso il token LEOS della piattaforma di rendering.

Gli ASIC Ethereum di Bitmain non sono ancora in circolazione (anche se si vocifera che sia stato estratto silenziosamente con loro senza preavviso), quindi i guadagni di efficienza promessi non sono stati messi alla prova. Sarà anche interessante vedere come Bitmain ha affrontato il Ethash Il requisito dell’algoritmo di Ethereum per grandi quantità di spazio di archiviazione, costringendo un miner a passare la maggior parte del suo tempo a leggere da un set di dati da 1 GB invece di eseguire attività di calcolo.

C’è anche la possibilità che gli sviluppatori principali di Ethereum realizzino aggiornamenti che potrebbero “brickare” (rendere inutilizzabili) gli ASIC.

Tuttavia, ci sono molte altre reti blockchain che potrebbero essere suscettibili al mining di ASIC oltre a Ethereum, quindi il problema di un uso alternativo redditizio per i costi fissi affondati negli investimenti nel mining di criptovalute non scomparirà. AI e rendering in soccorso.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map