Carte di debito per inondare Crypto con offerte di Coinbase, Paxful, ecc.

Poiché le criptovalute continuano a crescere in popolarità, stiamo assistendo a un aumento tanto necessario nelle aziende che cercano di servire il settore. Sebbene le criptovalute offrano molte funzionalità diverse, c’è un’implementazione che sarà sempre in prima linea: la spesa dei commercianti. Ciò significa fornire al grande pubblico la possibilità di supportare le proprie abitudini di spesa quotidiana con l’utilizzo di criptovalute.

Il giorno in cui un cliente può utilizzare le proprie criptovalute in un distributore di benzina, non diverso da una carta di debito, sarà un giorno importante per il settore. Per fortuna, è un giorno che arriverà presto.

Carte di debito crittografiche

Una carta di debito crittografica è esattamente ciò che suggerisce il suo nome: una carta di debito che consente all’utente di effettuare acquisti quotidiani con le proprie partecipazioni in criptovaluta. Per raggiungere questo obiettivo, le aziende sono generalmente costrette a collaborare con i processori di pagamento esistenti, attingendo alle infrastrutture esistenti. Per la maggior parte delle carte di debito crittografate annunciate fino ad oggi, Visa è diventata il partner preferito.

Aspettativa temperata

Se l’idea di una carta di debito crittografata suona come un fantastico passo avanti, tempera le tue aspettative. Mentre il lancio di tali carte dimostra effettivamente lo slancio in avanti nella crittografia, la maggior parte non funzionerà come previsto.

Mentre i titolari di carta potranno attingere alle loro partecipazioni in criptovaluta per finanziare un acquisto, i commercianti non accetteranno criptovalute. Piuttosto, queste partnership con Visa vedranno il processore di pagamento convertire le criptovalute in FIAT presso i punti vendita dei commercianti.

Idealmente, poiché i commercianti vedono sempre più clienti pagare con tali mezzi e diventano più a proprio agio con le risorse digitali, un giorno supporteranno la piena integrazione.

Prossime offerte

Ora che abbiamo stabilito cos’è una carta di debito crittografica e alcuni dei pro / contro associati, quando possiamo aspettarci di usarli?

Risalenti a diversi anni fa, varie aziende hanno fatto del loro meglio per sviluppare una carta del genere. La maggior parte dei pionieri dell’idea, tuttavia, sono stati ostacolati dalle normative e dall’immaturità del mercato. La situazione è cambiata nel 2020, tuttavia, con varie aziende di alto profilo che hanno annunciato l’imminente lancio delle proprie iterazioni. Ciascuna delle seguenti carte dovrebbe essere lanciata nei prossimi mesi, negli Stati Uniti e in vari paesi del mondo.

Coinbase

Essendo uno dei più grandi nomi associati alla crittografia, qualsiasi offerta di Coinbase è molto attesa. Per la sua incursione nelle carte di debito basate su crittografia, Coinbase ha annunciato “Coinbase Card‘. La carta, che è disponibile da un po ‘di tempo fuori dagli Stati Uniti, presto farà la sua prima aspetto entro i confini degli Stati Uniti.

Coinbase ha fatto un ulteriore passo avanti oltre a supportare la spesa in criptovaluta. Ha annunciato che la sua carta offrirà anche funzionalità di ricompensa, che forniranno ai suoi utenti il ​​4% in Steller o l’1% in Bitcoin.


Paxful

Questa è l’ultima annunciato carta di debito crittografata elencata qui oggi. La carta, resa possibile dalla collaborazione tra Paxful e Ternio, è stata sviluppata con l’obiettivo di “incassare gli unbanked”. Paxful rileva specificamente i dati raccolti dalla Banca mondiale – che indicano che 1,7 miliardi di esseri umani a livello globale non sono bancari – come motivo dietro lo sforzo.

Daneil Gouldman, CEO di Ternio, afferma: “Paxful è il miglior mercato di bitcoin peer-to-peer, quindi siamo entusiasti di poter fornire ai propri clienti l’accesso alla piattaforma BlockCard … Sarà divertente accoppiare tutti dei punti di forza di Paxful con le capacità globali di carte di debito e conto bancario di Blockcard. Ternio si impegna a fornire l’interoperabilità tra le criptovalute e il sistema bancario tradizionale “.

BlockFi

Mentre le offerte di cui sopra condividono varie somiglianze, L’offerta di BlockFi differisce leggermente. Piuttosto che consentire a un cliente di effettuare acquisti con criptovalute, ha collaborato con Visa per sviluppare una delle prime carte premio in criptovaluta.

Ciò significa che quando si effettuano tipici acquisti con addebito, il titolare della carta sarà in grado di ricevere criptovalute supportate, in modo simile a come riceverebbe punti fedeltà, come miglia aeree o “cashback”.

La spesa effettiva continuerà a dipendere dai saldi dei titolari di carta solo in valute FIAT. Con altre offerte che forniscono la possibilità di ricevere premi crittografici, oltre alla spesa, dovrebbe essere interessante vedere se la struttura della carta BlockFi cambia al momento del lancio.

Il verdetto è ancora fuori

Gli esempi forniti di carte di debito crittografiche sono solo alcuni dei tanti pianificati. Con molto poco che è stato ancora pubblicato, il verdetto è ancora fuori se queste carte avranno successo. I clienti sono interessati solo alle carte premio? Una combinazione di entrambi? O non sono affatto interessati?

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map