Goldman Sachs, Novi di Facebook e dollari digitali: Crypto News of the Week

OKEx Insights presenta le cinque principali notizie sulle criptovalute della scorsa settimana.

Goldman Sachs dice ai clienti che Bitcoin non è una classe di asset

Goldman Sachs ha ospitato un pre-pianificato bando di consulenza in materia di investimenti per i clienti il ​​27 maggio, in cui si è discusso di Bitcoin e criptovalute. Sebbene alcuni nel settore si aspettassero una posizione positiva in seguito alla notizia dell’investimento in Bitcoin di Paul Tudor Jones e al drammatico aumento dell’esposizione istituzionale osservato negli ultimi anni, la banca multinazionale di investimento ha infilzato BTC come una classe di attività illegittima.

In una diapositiva intitolata “Le criptovalute che includono Bitcoin non sono una classe di attività," Goldman Sachs ha affermato che Bitcoin non fornisce flussi di cassa o guadagni, non riesce a fornire diversificazione e non è una copertura efficace contro l’inflazione fiat, tra le altre cose negative.

Aspetti chiave

  • La comunità di Bitcoin ha risposto rapidamente alla visione di Goldman Sachs della criptovaluta leader di mercato. Particolarmente degno di nota è stato Meltem Demirors, Chief Strategy Officer di Coinshares, che ha ricordato che la banca di investimento è stata coinvolto nel riciclaggio di denaro, nonostante la sua affermazione che Bitcoin sia utilizzato principalmente per questo e altri scopi illeciti.
  • Considerando l’ondata di interesse istituzionale per Bitcoin e lo spazio delle criptovalute – che non dovrebbe rallentare – è difficile prendere sul serio l’opinione antiquata di Goldman Sachs su BTC.

Facebook rinomina il portafoglio Libra in Novi

Facebook annunciato questa settimana la sua sussidiaria responsabile dell’app wallet per il progetto di valuta digitale Libra è stata rinominata. Originariamente chiamato Calibra, il portafoglio ora si chiamerà Novi.

Il gigante dei social media ha anche chiarito che Novi richiederà la verifica dell’identificazione KYC (know-your-customer): qualcosa che le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti e altrove hanno chiarito sarebbe una necessità assoluta per il lancio della moneta e del portafoglio ai consumatori. L’app sarà autonoma e integrata in Facebook Messenger e nel gigante della messaggistica di proprietà di Facebook, WhatsApp.

Aspetti chiave

  • Lo sforzo di Facebook di rinominare Calibra in Novi è probabilmente destinato a distanziare il predominio percepito dell’azienda sul progetto Libra. Sebbene Facebook sia l’unico responsabile di Novi, si è posizionato semplicemente come un membro dell’Associazione Libra, l’organizzazione dietro Libra.
  • Libra è stata ampiamente criticata dalla comunità delle criptovalute per la sua apparente centralizzazione, preoccupazioni per la privacy e intrinseca mancanza di resistenza alla censura.

Dollaro digitale proposto in un nuovo white paper

È stato creato un quadro per una valuta digitale della banca centrale degli Stati Uniti (CBDC) proposto di The Digital Dollar Project – un gruppo composto dall’ex presidente della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti Chris Giancarlo, dall’ex Chief Innovation Officer della CFTC Daniel Gorfine e altri.

La proposta afferma che qualsiasi CBDC negli Stati Uniti non dovrebbe essere rivolta al consumatore, il che significa che dovrebbe mantenere l’attuale sistema bancario a due livelli, in cui la Federal Reserve emette dollari alle banche. Gli utenti potrebbero quindi mantenere i loro dollari tokenizzati nei propri portafogli digitali, probabilmente solo nella loro app di banking online, mentre le banche avrebbero ancora la possibilità di utilizzare i fondi dei clienti per il prestito..

Aspetti chiave

  • Gli Stati Uniti potrebbero finalmente smettere di trascinare i piedi sulla regolamentazione della valuta digitale e sui CBDC con il nuovo white paper che definisce un quadro per un dollaro digitale.
  • Mentre la Cina continua ad accelerare lo sviluppo e l’implementazione del proprio CBDC, gli Stati Uniti devono tenere il passo se desiderano mantenere la posizione del dollaro come valuta di riserva mondiale.

I minatori di BTC del 2009 chiamano Craig Wright

Quando un indirizzo Bitcoin dell’era 2009 ha preso vita per la prima volta in 11 anni il 20 maggio 2020, l’utente di Twitter Whale Alert ha suscitato timori che il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto, potesse essere dietro la transazione.


Curiosamente, l’indirizzo Bitcoin dietro la transazione del 20 maggio è stato trovato tra gli oltre 16.000 indirizzi che lo scienziato informatico Craig Steven Wright – che afferma di essere il vero Nakamoto – ha presentato in tribunale come suo in una controversia legale in corso. La transazione del 20 maggio, sebbene possa essere stata effettuata in modo casuale, scredita effettivamente l’affermazione di Wright di possedere l’indirizzo, ma non è in possesso delle sue chiavi private.

Tuttavia, un’entità anonima ha pubblicato un file file il 25 maggio che ha lasciato un messaggio diretto che screditava Wright. Il post verificato digitalmente la proprietà di 145 indirizzi Bitcoin, che contenevano anche Bitcoin estratti nel 2009 ed erano stati anche rivendicati da Wright come suoi.

Data l’età e il possesso degli indirizzi in questione, esiste la possibilità che appartengano a Nakamoto, ma i ricercatori blockchain in entrambi i casi citano il modello Patoshi in disaccordo.

Punti chiave

  • Rimane sconosciuto se questi indirizzi appartengano a Nakamoto o ad altri primi minatori casuali, ma in ogni caso, Craig Wright è stato messo in difficoltà.
  • Poiché si ritiene che Nakamoto possieda più di 1,1 milioni di Bitcoin, che può potenzialmente vendere in qualsiasi momento, la speculazione sul suo ritorno ha intaccato i sentimenti del mercato, anche come influencer del settore è rimasto scettico.

Gemini integra l’app con Samsung Blockchain

Giovedì, Gemini, l’exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, e il gigante tecnologico Samsung annunciato una partnership. Le due aziende hanno introdotto il Samsung Blockchain Wallet. L’integrazione consente agli utenti dell’app wallet di Samsung negli Stati Uniti e in Canada di acquistare, vendere e scambiare criptovalute tramite l’app mobile di Gemini

Aspetti chiave

  • Sebbene l’adozione mainstream di Bitcoin e di altre criptovalute non sia esattamente diventata una realtà, le partnership con giganti della tecnologia come Samsung sono esempi di passaggi significativi sul percorso per mettere l’accesso alle criptovalute nelle mani di tutti.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite e notizie curate dai professionisti della crittografia. Segui OKEx Insights su Twitter e Telegramma.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map