Fondi comuni vs ETF

I fondi comuni di investimento e gli exchange traded funds sono due tipi di fondi di investimento disponibili per gli investitori. Entrambi i tipi di fondi raccolgono capitali da molti investitori ed entrambi sono gestiti in modo professionale. Ci sono alcune altre somiglianze e alcune differenze fondamentali.

Prima di decidere tra i due, è importante comprendere le differenze e gli obiettivi di ciascun tipo di fondo.

Somiglianze tra fondi comuni di investimento ed ETF

Come accennato, sia i fondi comuni di investimento che i fondi negoziati in borsa raccolgono risparmi da più investitori. Ciò significa che gli investitori traggono vantaggio dalle economie di scala. I costi fissi sono distribuiti su tutto il fondo, riducendo l’onere per ogni singolo investitore. Anche i costi variabili vengono ridotti poiché i fondi in genere pagano commissioni all’ingrosso per il commercio e l’amministrazione.

Le economie di scala consentono inoltre la gestione dei fondi da parte di professionisti degli investimenti. A meno che un individuo non abbia un portafoglio di azioni molto ampio, sarebbe molto costoso far gestire il portafoglio da un professionista degli investimenti. Al contrario, ETF e fondi comuni di investimento consentono agli investitori di accedere a portafogli gestiti professionalmente per meno dell’1% del valore delle attività ogni anno.

La maggior parte dei fondi di investimento offre diversificazione indipendentemente dalla loro struttura. Affinché un portafoglio possa essere diversificato, è necessario includere 15 o più titoli. La maggior parte dei fondi comuni di investimento detiene almeno 30 titoli diversi, mentre l’ETF medio è ancora più diversificato. Ci sono tuttavia alcune eccezioni: l’SPDR Gold Trust, un ETF, detiene solo oro fisico e non offre alcuna diversificazione.

Gli indici svolgono un ruolo nella gestione sia dei fondi comuni di investimento che degli ETF, tuttavia, gli ETF seguono l’indice mentre i fondi comuni di investimento utilizzano l’indice come benchmark rispetto al quale viene misurata la performance.

Differenze tra fondi comuni di investimento ed ETF

I fondi comuni di investimento e gli ETF sono strutture legali uniche ed entrambi sono regolamentati. I fondi comuni di investimento esistono dal 1924, mentre gli ETF esistono dal 1993. Negli Stati Uniti entrambi sono regolamentati dalla SEC (Securities and Exchange Commission) e dalla legislazione che viene aggiornata di volta in volta. Organismi di regolamentazione simili sovrintendono ai fondi in altri paesi.

Gestione attiva e passiva

Sebbene entrambi i tipi di fondi abbiano strutture legali diverse, la differenza fondamentale risiede nel modo in cui vengono gestiti.

La sovraperformance del mercato è nota come alfa, mentre la performance del mercato (o di un indice) è nota come beta. L’obiettivo dei fondi gestiti attivamente è guadagnare sia alfa che beta sovraperformando un indice. L’obiettivo dei fondi gestiti passivamente è guadagnare beta monitorando l’indice.

Le società di asset management gestiscono fondi gestiti attivamente. Un gestore di fondi avrà la responsabilità generale di ogni fondo, ma sarà supportato da un team di analisti. Questi analisti conducono ricerche “dal basso verso l’alto” sui singoli titoli. Insieme, il team tenta di generare alfa decidendo quali titoli acquistare e vendere e quando farlo.

I team più piccoli gestiscono i fondi passivi e i gestori di fondi e gli analisti spesso hanno esperienza nell’analisi quantitativa. L’obiettivo di un fondo passivo è rispecchiare la performance di un indice detenendo titoli esattamente nella stessa proporzione di quell’indice. Le modifiche all’allocazione del fondo vengono apportate solo quando vengono apportate modifiche all’indice.


La stragrande maggioranza dei fondi comuni di investimento è gestita attivamente, sebbene alcuni siano gestiti passivamente. Al contrario, la stragrande maggioranza degli ETF è gestita passivamente. Gli ETF gestiti attivamente sono consentiti negli Stati Uniti dal 2008, ma rappresentano ancora una piccola percentuale di fondi.

L’implicazione dei diversi stili di gestione è che se investi in un fondo comune ti aspetti di guadagnare alfa e beta, mentre ti aspetteresti solo di guadagnare beta da un ETF.

Rapporti di spesa (fondi comuni vs ETF)

Le società di gestione del fondo addebitano varie commissioni per coprire i costi di gestione e operativi. Queste commissioni sono riportate come rapporti di spesa, che riflettono tutte le commissioni addebitate ogni anno, espresse come percentuale del valore del fondo.

I fondi comuni di investimento applicano commissioni sostanzialmente più elevate (in media) rispetto agli ETF. I coefficienti di spesa per i fondi comuni di investimento in media intorno allo 0,65%, sebbene variano notevolmente. I rapporti di spesa per gli ETF sono in media intorno allo 0,2%, ma variano anche. I rapporti di spesa per entrambi possono raggiungere il 2% per i fondi molto specializzati.

Il motivo della differenza nelle commissioni è che la gestione attiva richiede più manodopera. Fino a 30 analisti possono contribuire alla gestione di un fondo comune di investimento. D’altra parte, solo due o tre persone gestiscono alcuni ETF.

I fondi comuni di investimento giustificano le commissioni più elevate perché tentano di guadagnare alpha e beta. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che un fondo comune di investimento guadagni alfa. Infatti, se un fondo sottoperforma il suo benchmark, non guadagna nemmeno beta e il costo è effettivamente più alto.

Prezzi (fondi comuni vs ETF)

Quando acquisti un ETF, stai acquistando azioni già esistenti. Per i fondi comuni di investimento il processo è leggermente diverso. Quando si “acquista” fondi comuni di investimento si sta infatti investendo in nuove unità che vengono create. Quando “vendi” la tua unità fiduciaria, riscatti le quote e ricevi in ​​cambio il loro valore.

Sia i fondi comuni di investimento che gli ETF hanno un valore patrimoniale netto (NAV) per quota o azione. Questo è il valore di tutte le attività detenute dal fondo diviso per il numero di quote (fondi comuni di investimento) o azioni (ETF).

Sebbene il NAV di un fondo comune di investimento cambi nel corso della giornata, viene riportato solo una volta al giorno. I nuovi investimenti e rimborsi si basano sul NAV giornaliero. Alcuni fondi comuni di investimento addebitano una commissione anticipata, anche se questo è meno comune di quanto non lo fosse.

Gli ETF sono strumenti quotati proprio come le azioni di società quotate in borsa. Quando acquisti e vendi ETF, paghi una commissione a un broker. Il prezzo al quale si acquista e si vende un ETF dipende dalla domanda e dall’offerta. Quando acquisti un ETF paghi il prezzo di offerta più alto e quando lo vendi ricevi il prezzo di offerta più basso. Lo spread denaro-lettera è quindi una spesa aggiuntiva per gli investitori in ETF.

In pratica, il prezzo di acquisto e di vendita è solitamente abbastanza vicino al NAV del fondo. I partecipanti autorizzati e gli arbitri possono realizzare un profitto se il prezzo di offerta o di offerta varia molto dal NAV e le loro azioni mantengono il prezzo di mercato in linea con il NAV. Tuttavia, se un fondo detiene strumenti illiquidi o c’è poca liquidità nel fondo stesso, il prezzo può allontanarsi ulteriormente dal NAV.

La differenza nel modo in cui i fondi comuni di investimento e gli ETF sono prezzi e negoziati significa che gli ETF possono essere scambiati intraday. D’altra parte, c’è un solo prezzo giornaliero per le transazioni di fondi comuni di investimento.

Classe di fondi

I fondi comuni di investimento hanno spesso diverse classi di quote. Le unità ad accumulazione reinvestono eventuali dividendi e altri proventi. Le unità di distribuzione trasferiscono reddito e dividendi agli investitori. Alcuni fondi hanno anche classi diverse per diversi investitori e strutture di commissioni.

Alcuni ETF sono divisi per classe, ma per la maggior parte esiste una sola classe di azioni per un ETF.

Imposta

Sia i fondi comuni di investimento che gli ETF sono più efficienti dal punto di vista fiscale rispetto al possesso di un portafoglio di titoli. Tuttavia, per i fondi comuni di investimento, prelievi di grandi dimensioni possono talvolta comportare distribuzioni di plusvalenze tassabili. Ciò rende gli ETF leggermente più efficienti dal punto di vista fiscale. Nota: questo può variare da una giurisdizione all’altra.

Importi minimi di investimento

Il minimo che puoi investire in un ETF è il prezzo di un’azione. Nel caso di fondi comuni di investimento, ogni classe di fondo ha un importo minimo che può essere investito, sia con un ordine di addebito programmato che come somma forfettaria. In molti casi, l’investimento minimo è relativamente basso, mentre in altri può essere di $ 10.000 o superiore.

I fondi comuni di investimento offrono il vantaggio di acquisti automatici regolari tramite ordine di addebito, che non è sempre disponibile per gli investitori in ETF.

Broker ETF consigliato

Fondi comuni vs ETF

Conclusione

Vent’anni fa, i fondi comuni di investimento dominavano il settore della gestione dei fondi. A partire dal 2020, il risparmio detenuto negli ETF è all’incirca uguale a quello dei fondi comuni di investimento, con la maggior parte dei nuovi investimenti destinati agli ETF.

Ciò non significa necessariamente che gli ETF siano migliori, ma in molti casi gli ETF servono meglio al loro scopo. In definitiva, decidere tra i due dipende dai tuoi obiettivi come investitore, dagli obiettivi di un fondo e dalla probabilità che un fondo raggiunga i suoi obiettivi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map