Rebloc – Il futuro dei dati immobiliari decentralizzati

Ogni progetto di criptovaluta che mira a utilizzare i vantaggi della tecnologia blockchain ha una cosa in comune: mirano tutti a risolvere un problema del mondo reale. Nel caso di ReBloc, attraverso il fenomeno del decentramento, il nostro obiettivo di fondo è rivoluzionare la condivisione dei dati all’interno del settore immobiliare. In sostanza, raggiungeremo questo obiettivo facilitando una piattaforma per le parti interessate del settore immobiliare per contribuire e condividere i dati attraverso un modello di incentivazione basato su token. Ci arriveremo a breve, ma prima, prendiamoci un momento per esaminare il problema che il settore sta affrontando.

Le questioni relative ai dati immobiliari

Come globale industria multimiliardaria, le parti interessate del settore immobiliare fanno molto affidamento sui dati. Ciò potrebbe essere sotto forma di valutazioni immobiliari in un determinato distretto, la quantità di case vuote in un particolare quartiere, la percentuale di proprietari di case che non rispettano il mutuo o il costo medio del terreno su base città per città. Questi dati supportano successivamente le parti interessate rilevanti nel loro processo decisionale aziendale. Tuttavia, il problema chiave che devono affrontare queste parti interessate è che è estremamente difficile ottenere dati credibili.

Al momento, se un’entità ha bisogno di un particolare set di dati, ci sono generalmente tre strade che possono tentare di prendere. In primo luogo, c’è una minima possibilità che i dati possano essere disponibili nel pubblico dominio. La questione chiave con i dati pubblici è che spesso sono altamente inaffidabili. Non esistono garanzie per garantire che i dati siano accurati e, nella maggior parte dei casi, non esistono incentivi per motivare queste piattaforme pubbliche a mantenerli aggiornati. Uno di questi esempi è la piattaforma di valutazione immobiliare online Zillow.

In poche parole, Zillow fornisce una piattaforma per milioni di proprietà con sede negli Stati Uniti, consentendo agli utenti di visualizzare la loro valutazione stimata. Tuttavia, questi dati si basano su un calcolo algoritmico che molti sostengono sia altamente impreciso. In effetti, secondo un recente Washington Post pubblicazione, le stime di Zillow sono a volte così ribelle che spesso sono troppo basse o alte del 20-30%, il che significa che gli utenti sono fuorvianti.

Di conseguenza, sebbene i dati siano gratuiti, alcuni ritengono che non offrano alcun valore reale poiché le stime sono spesso errate.

La seconda opzione disponibile per i cercatori di dati immobiliari è tramite un provider a pagamento / in abbonamento. Sebbene questi set di dati a volte possano fornire valore, il grosso problema è che non c’è trasparenza riguardo al metodo utilizzato per ottenere i dati. In altre parole, come fa l’acquirente a sapere che i dati sono credibili?

Infine, e probabilmente il più importante, sono i dati detenuti dai leader del settore. Queste sono le organizzazioni che operano effettivamente nel settore e possono includere agenti immobiliari, banche, geometri, istituti di credito ipotecario, imprese di costruzione e architetti. La ragione di ciò è che queste parti interessate hanno ottenuto i dati da una fonte primaria, in particolare perché è incentrata sulle loro operazioni quotidiane.

Il problema principale qui è che i leader del settore spesso accumulano i dati in loro possesso perché non vi è alcuna motivazione per condividerli, né di pubblico dominio né con le loro controparti immobiliari.

Tutto sommato, i suddetti fattori che portano all’inaccessibilità di dati aggiornati, accurati e credibili si basano esclusivamente sull’incapacità di verificare la credibilità di chi condivide i dati, nonché sulla mancanza di incentivi a condividerli. Ecco come ReBloc intende fornire una soluzione.

https://cdn-images-1.medium.com/max/800/1*xVjOFWTSShdAXU6TCbJMjQ.png

In che modo ReBlock creerà un ecosistema di condivisione dei dati immobiliari?

Rebloc ritiene che la soluzione ai problemi discussi in precedenza sia creare una piattaforma decentralizzata che abbia la capacità di avvantaggiare sia il cercatore di dati che il fornitore di dati. A tal fine, il team ha installato un modello di incentivazione per premiare coloro che condividono i dati in loro possesso. Poiché ciò sarà facilitato dal protocollo blockchain, le sue caratteristiche immutabili garantiscono che i dati siano altamente sicuri.

Una volta archiviati, i dati saranno quindi disponibili per l’acquisto da parte di coloro che cercano dati. Poiché ReBloc gestisce un ecosistema tokenizzato, gli acquirenti pagheranno i dati utilizzando un token ReBloc nativo. Tuttavia, prima che il richiedente riceva i dati richiesti, il meccanismo blockchain sottostante tenterà prima di raggiungere il consenso sull’accuratezza dei dati. Se viene raggiunto il consenso, il fornitore riceve il token e, successivamente, il cercatore di dati riceve i dati per cui ha pagato. Al contrario, se il protocollo blockchain non dovesse raggiungere il consenso sull’accuratezza dei dati forniti, l’acquirente non verrà addebitato. Inoltre, l’ente responsabile della condivisione dei dati inesatti avrebbe ricevuto una piccola sanzione, al fine di incentivarlo a mantenere l’integrità della piattaforma.

Per illustrare quanto appetito crediamo avranno gli stakeholder del settore immobiliare per un tale modello, ReBloc ha già ricevuto un vivo interesse da una serie di importanti leader del settore, tra cui, ma non solo, la Bank of Montreal, The Real Estate Board of New York , The Toronto Real Estate Board, MLS Long Island e Canaccord Genuity. Il team spera di incorporare il maggior numero possibile di stakeholder immobiliari, con l’obiettivo finale di creare la piattaforma di riferimento mondiale per dati immobiliari senza interruzioni, accurati e altamente credibili.

 


Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map