$ 1 miliardo in Bitcoin rubato collegato a “Silk Road” sequestrato dal DOJ

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha annunciato il più grande sequestro nella sua storia, che coinvolge criptovalute che si ritiene siano i proventi del defunto mercato del dark web “Silk Road”.

  • 69.370 Bitcoin
  • 69.370 Bitcoin Cash
  • 69.370 Bitcoin Gold
  • 370 Bitcoin SV

Solo il solo Bitcoin che è stato sequestrato equivale a circa $ 1 miliardo di dollari. Questo, insieme ai vari fork, rende il sequestro un traguardo epocale per il DOJ.

DOJ dietro le quinte

Gli investitori che cercano di comprendere e trarre profitto dai mercati Bitcoin, spesso guarderanno per eventi che hanno il potenziale per influenzare i prezzi. In quanto tali, ci sono quelli che monitorano continuamente il movimento delle risorse all’interno di considerevoli portafogli Bitcoin. Un portafoglio che trasferisce una quantità considerevole di Bitcoin a uno scambio può indicare l’intenzione di vendere, mentre il contrario può indicare l’intenzione di trattenere.

Riconoscendo questo, una transazione ha attirato l’attenzione degli investitori all’inizio di questa settimana, quando circa $ 1 miliardo di dollari di Bitcoin è stato trasferito da un portafoglio a lungo inattivo. La speculazione si scatenò, poiché gli investitori cercarono di determinare chi c’era dietro le quinte e chi era responsabile di una simile mossa.

Avanti veloce al 6 novembre e ora abbiamo la nostra risposta: il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ).

Cos’era Silk Road?

Silk Road era il nome di un mercato del dark web, orchestrato da Ross Ulbricht, che è salito alla ribalta nel 2011, essenzialmente agendo come “eBay” per articoli e servizi illegali. Sfortunatamente, Silk Road è probabilmente la ragione principale per cui Bitcoin è ancora associato ad attività illegali fino ad oggi. A quel tempo, Bitcoin fungeva da mezzo perfetto per tali attività.

In qualità di principale orchestratore dietro Silk Road, Ross Ulbricht è stato riconosciuto colpevole di vari crimini nel 2015: cospirazione per il traffico di stupefacenti, riciclaggio di denaro, ecc. Come risultato di queste condanne, Ulbricht sta ora scontando più ergastoli in prigione.

Come hanno fatto?

Silk Road è scomparso dal 2013, il che solleva la domanda: come vengono recuperati questi fondi dal DOJ??

Nel tempo, le capacità dei regolatori e delle autorità come il DOJ sono diventate molto più sofisticate. Poiché il mondo delle criptovalute continua a crescere a tassi senza precedenti, tali capacità sono una necessità per garantire che le attività illecite siano tenute sotto controllo. Con una maggiore comprensione delle criptovalute e nuovi mezzi per tracciare le transazioni, il DOJ è stato in grado di fare proprio questo.

“Nel 2020, le forze dell’ordine hanno utilizzato una società di attribuzione di bitcoin di terze parti per analizzare le transazioni Bitcoin eseguite da Silk Road. Da questa recensione hanno osservato 54 transazioni inviate da indirizzi Bitcoin controllati da Silk Road, a due indirizzi Bitcoin “,

Tuttavia, le cose si fanno ancora più interessanti: il Dipartimento di Giustizia ha notato che, sebbene ritenga che questi fondi siano i proventi dell’attività di Silk Road, in realtà sono stati rubati dal mercato.


“… Queste 54 transazioni non sono state annotate nel database di Silk Road come ritiro di un venditore o ritiro di dipendenti di Silk Road e quindi sembrano rappresentare Bitcoin che è stato rubato da Silk Road.”

A rafforzare ulteriormente la sua convinzione che i fondi siano stati rubati, è il fatto che il DOJ è stato in grado di identificare l’individuo associato alla transazione originale che ha spostato i fondi da Silk Road.

“Secondo l’indagine, l’Individuo X è stato in grado di hackerare Silk Road e ottenere un accesso non autorizzato e illegale a Silk Road e quindi rubare la criptovaluta illecita da Silk Road e trasferirla nei portafogli che l’Individuo X controllava. Secondo le indagini, Ulbricht è venuto a conoscenza dell’identità online dell’individuo X e ha minacciato l’individuo X di restituire la criptovaluta a Ulbricht. L’individuo X non ha restituito la criptovaluta, ma l’ha conservata e non l’ha spesa … Il 3 novembre 2020, l’individuo X ha firmato un consenso e un accordo di confisca con l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti, distretto settentrionale della California. In quell’accordo, l’individuo X, ha acconsentito alla confisca della proprietà convenuta al governo degli Stati Uniti “.

Ancora nel Limbo

Va notato che mentre il DOJ è riuscito a sequestrare questi fondi, non sono ancora ufficialmente di proprietà del governo. Mentre i fondi sono ora in possesso del DOJ, il caso in costruzione deve ora essere provato in tribunale.

Sulla base degli eventi passati, è logico che se / quando si verifica una confisca ufficiale di fondi, il DOJ metterà all’asta le criptovalute – un procedimento che si è verificato in più occasioni in passato.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map