Cos’è la perdita temporanea in DeFi? Una panoramica degli AMM e dei rischi dell’estrazione di liquidità

Una spiegazione della perdita temporanea e di come funziona quando si fornisce liquidità ai protocolli DeFi

DeFi, o finanza decentralizzata, è una parola d’ordine nel settore delle criptovalute dal 2019, ma è diventato un argomento importante nel 2020 quando i protocolli e le piattaforme DeFi sono aumentati di popolarità. L’ecosistema, guidato dalla blockchain di Ethereum, ha anche svolto un ruolo cruciale nel rilanciare l’interesse del retail per il più ampio spazio crittografico. In effetti, anche gli istituti bancari tradizionali lo sono ora riconoscendo il potenziale della DeFi, mentre abbiamo visto il valore degli asset impegnati nei protocolli DeFi passare da $ 1,2 miliardi a oltre $ 60 miliardi negli ultimi 12 mesi.

Le persone anche leggermente familiari con lo spazio DeFi potrebbero essere consapevoli del concetto di fornire liquidità per guadagnare reddito passivo, o rendimento, tramite i protocolli DeFi. Il cosiddetto yield farming – chiamato anche liquidity mining – in DeFi è stato al centro dell’esplosione del mercato, guidato da protocolli di market making automatizzati. Progetti come Uniswap, SushiSwap e Balancer sono noti come scambi decentralizzati e si basano su tali protocolli AMM. Le loro piattaforme consentono ai trader di scambiare facilmente i token in modo completamente decentralizzato e senza interruzioni.

Ciò è reso possibile dai cosiddetti fornitori di liquidità, ovvero utenti che depositano particolari asset crittografici sulla piattaforma, fornendo così liquidità per lo scambio di altri asset. Gli LP sono incentivati ​​a depositare o bloccare le loro risorse perché guadagnano commissioni di transazione generate dai trader che scambiano token sulla piattaforma data. Dal punto di vista degli LP – quelli che bloccano i loro token nel protocollo DeFi – le commissioni di transazione che guadagnano sono come un rendimento. Il valore della resa oscilla, poiché dipende dall’utilizzo e dal volume del protocollo.

In questo articolo, non approfondiremo in dettaglio come funziona la fornitura di liquidità, ma per saperne di più, fai riferimento alla nostra guida su come guadagnare reddito passivo con OKEx Earn. Qui spiegheremo il concetto di perdita temporanea, che è importante comprendere per gli utenti che già forniscono liquidità alle AMM, o che stanno considerando di farlo.

Per comprendere questo concetto, tuttavia, dobbiamo avere una panoramica di come funzionano i pool di liquidità nei protocolli AMM.

Come funzionano i pool di liquidità AMM

Affinché gli utenti di un protocollo basato su AMM possano scambiare token, devono essere disponibili pool di liquidità. Ad esempio, se un trader vuole vendere 1 ETH per USDT, deve esserci un pool di liquidità che può prendere 1 ETH e dare 1.000 USDT (e, per semplicità, diciamo che 1 ETH sta scambiando per 1.000 USDT e noi don considerare le tasse) e viceversa. Con l’aumento dei volumi di scambio, aumenta anche la necessità di tale liquidità, ed è qui che entrano in gioco coloro che cercano di diventare LP. Questi utenti possono depositare le due valute digitali di una coppia – in questo caso, ETH e USDT – al protocollo pool rilevanti in un rapporto predeterminato, che spesso è 50/50.

Ad esempio, se un LP con 10 ETH desidera aggiungere liquidità a un pool ETH / USDT con un rapporto 50/50, dovrà depositare 10 ETH e 10.000 USDT (assumendo ancora 1 ETH = 1.000 USDT). Se il pool a cui si impegnano ha un totale di 100.000 USDT di asset (50 ETH e 50.000 USDT), la loro quota sarà pari a 20.000 USDT / 100.000 USDT x 100 = 20%.

La percentuale della quota di LP in un dato pool è importante da notare perché quando l’LP impegna, o deposita, le proprie risorse nel pool tramite un contratto intelligente, verranno automaticamente emessi token LP. Questi token danno diritto all’LP di ritirare la propria quota del pool in qualsiasi momento – 20% del pool nel nostro esempio precedente.

È qui che entra in gioco il concetto di perdita temporanea. Poiché gli LP hanno diritto alla loro quota del pool e non a un numero specifico di token, sono esposti a un altro livello di rischio – perdita temporanea – se il prezzo delle loro attività depositate cresce in modo significativo.

Calcolo della perdita temporanea

Nel nostro esempio, il prezzo di 1 ETH era di 1.000 USDT al momento, ma diciamo che il prezzo raddoppia e 1 ETH inizia a fare trading per 2.000 USDT. Poiché il pool viene regolato algoritmicamente, utilizza una formula per gestire le risorse. Il più semplice e ampiamente utilizzato è il formula del prodotto costante, reso popolare dalla piattaforma DEX Uniswap.

In termini semplici, la formula è la seguente: ETH liquidity x token liquidity = prodotto costante


Usando le cifre del nostro esempio sopra (50 ETH e 50.000 USDT) otteniamo: 50 x 50.000 = 2.500.000

Allo stesso modo, il prezzo di ETH nel pool può essere ottenuto con questa formula: token liquidity / ETH liquidity = prezzo ETH

Applicando le nostre figure di esempio otteniamo: 50.000 / 50 = 1.000 USDT (ovvero il prezzo di 1 ETH).

Ora, quando il prezzo di ETH cambia a 2.000 USDT, possiamo utilizzare queste formule per accertare il rapporto tra ETH e USDT detenuto nel pool:

  • Liquidità ETH = radice quadrata (prodotto costante / prezzo ETH)
  • Token liquidity = radice quadrata (prodotto costante x prezzo ETH)

Applicando i dati del nostro esempio qui insieme al nuovo prezzo di 2.000 USDT per ETH otteniamo:

  • Liquidità ETH = radice quadrata (2.500.000 / 2.000) = ~ 35,355 ETH
  • Token liquidity = radice quadrata (2.500.000 x 2.000) = ~ 70.710,6 USDT

Possiamo confermare l’accuratezza di ciò utilizzando la prima equazione (liquidità ETH x liquidità token = prodotto costante) per arrivare allo stesso prodotto costante di 2.500.000: 35,355 x 70.710,6 = ~ 2.500.000 (ovvero, lo stesso del nostro prodotto costante originale sopra).

Quindi, dopo la variazione di prezzo, supponendo che tutti gli altri fattori rimangano costanti, il pool avrà circa 35 ETH e 70.710 USDT, rispetto ai 50 ETH e 50.000 USDT originali.

Se in questo momento, l’LP desidera ritirare le proprie risorse dal pool, scambierà i gettoni LP per la quota del 20% che possiede. Prendendo la loro quota dagli importi aggiornati di ciascuna risorsa nel pool, otterranno 7 ETH (ovvero il 20% di 35 ETH) e 14.142 USDT (ovvero il 20% di 70.710 USDT).

Ora, il valore totale delle attività ritirate è pari a: (7 ETH x 2.000 USDT) + 14.142 USDT = 28.124 USDT.

Tuttavia, se l’utente avesse semplicemente tenuto i suoi 10 ETH e 10.000 USDT, invece di depositare queste risorse in un protocollo DeFi, in realtà avrebbe guadagnato di più. Supponendo che ETH abbia raddoppiato il prezzo da 1.000 USDT a 2.000 USDT, le attività non depositate dell’utente sarebbero state valutate a 30.000 USDT: (10 ETH x 2.000 USDT) + 10.000 USDT = 30.000 USDT.

Quella differenza di 1.876 USDT, che può verificarsi a causa del modo in cui le piattaforme AMM gestiscono gli asset ratio, è quella nota come perdita temporanea.

Conclusione

Nel nostro esempio, l’LP rischia di perdere quasi 2.000 USDT nel processo di fornitura di liquidità a un protocollo DeFi. Sebbene questo processo sia chiamato perdita temporanea, il termine è leggermente fuorviante. Il significato di perdita temporanea è in realtà molto simile al concetto di perdita non realizzata. La perdita potrebbe invertirsi in teoria (se il LP non ritira le proprie attività e il prezzo dell’ETH torna ai livelli originali), ma non vi è alcuna garanzia che ciò accada.

Inoltre, una volta che un LP ritira la liquidità da un protocollo, la perdita temporanea diventa effettivamente permanente. Nel caso in cui un LP subisca una perdita temporanea e quindi ritiri le proprie attività, l’unico vantaggio di aver fornito liquidità ai protocolli rimangono le commissioni di negoziazione che il LP ha raccolto mentre le sue attività erano depositate lì. In condizioni volatili, tuttavia, specialmente durante una corsa al rialzo, è improbabile che le commissioni da sole coprano la differenza.

Il rovescio della medaglia, tuttavia, una riduzione del prezzo di ETH dal momento in cui è stato depositato nel pool produrrebbe ETH aggiuntivo, aumentando così la partecipazione in ETH del fornitore di liquidità. Dato come funziona la perdita temporanea, fornire liquidità durante un mercato ribassista e semplicemente detenere asset volatili durante un mercato rialzista sono entrambe strategie che meritano considerazione.

Se sei interessato a utilizzare uno scambio decentralizzato o fornire liquidità, puoi iniziare esplorando OKEx Swap e Farm DApps su OKExChain.

Non sei pronto per entrare in DeFi? Inizia imparando come funziona il trading di criptovalute e inizia a fare trading su OKEx: i nuovi utenti possono guadagnare premi per l’acquisto, il deposito e il trading di criptovalute.

OKEx Insights presenta analisi di mercato, funzionalità approfondite, ricerche originali & notizie curate da professionisti delle criptovalute.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map